Lunga è la notte d’inverno

Lunga è la notte d’inverno, il sole tramonta fra

le Pleiadi e io sono là, bagnato, alla sua porta,

colpito dal desiderio dell’ingannatrice. No, non è amore

questo che mi ha mandato Afrodite, ma una freccia

angosciosa di fuoco.

Asclepiade di Samo

Annunci

8 Risposte

  1. Bellissima.

  2. Come dice Platone: “Una vita senza ricerche non è degna per l’uomo di essere vissuta.”
    Il Fuoco Sacro…: il sole che tramonta tra le Pleiadi…
    Non a tutti è permesso di accedere alle sfere intermedie: alle intemperanze di un Eros “tenebroso”, si oppone Afrodite che si pronuncia “a favore” dell’amore mortale!
    Certi “percorsi” mettono alla prova il Poeta: aiutano a canalizzare l’entusiasmo creativo e a trasformare le intemperanze, le parole “taglienti”, in potere “fertilizzante”.
    Usando altre Immagini, Wotan impara a domare il cavallo…

  3. Lungo ogni stagione,
    e in inverno,
    lunga è la notte;
    e, per gli occhi e la pelle,
    quando sostava
    a Zenit, il sole,
    dava luce e scaldava
    l’anima triste.
    Ora
    solitudine incombe
    e – canuti i capelli –
    sei importuno alla vita
    e perfino all’amico.

  4. Grazie Tea, per questo bellissimo video.

  5. Quante vibrazioni sono passate per ogni amorevole passionevole mortale cuore che si è innalzato al suo eterno immortale amore.

    L’innata forza di ogni vero innamorato che butta tutto se stesso anche in ogni saputa mortale battaglia, che sfida i mari e le le tempeste ed anche la morte. Era il paraklausìthuron, Antico ricordo, per RIESUMARE LA MEMORIA, assai in voga in quell’età ellenistica usanza che innalzava ogni innamorato capace di stare in una notte d’inverno sotto la pioggia davanti alla porta dell’amata.. Quasi una prova iniziatica che doveva mostrarsi per essere contemplata. L’amor dei baldi cantato in ogni luogo. Quant’ero ragazzo, sebbene ormai è storia passata, retaggio di quell’antico romanticismo, presso alcuni antichi paesi della mia Sicilia era usanza cantare una serenata alla propria amata.

    Lunga è la notte d’inverno, il sole tramonta fra le Pleiadi
    Quale celato arcano, si nasconde in queste sole sublimi parole, dove le vergini datesi agli dei, s’incontrano o vengono raffigurate come le stelle? E’ forse un ermetico messaggio per decantare le vere origini? E quale angoscia di fuoco (interiore) con una freccia d’amore (raggio) Afrodite scaglia sui mortali? Quanta allegoria, quanto mito, quanto simbolismo è celato in queste sole parole….. Solo sondando la voce del tempo potremmo capirle….

  6. pour toi, charlotte 🙂

  7. Merci beaucoup, ma cher Tea!!
    Il video è davvero bellissimo e anche la canzone.
    Buona domenica, baci!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...