Voi, che per gli occhi mi passaste il core

Voi, che per gli occhi mi passaste il core
e destaste la mente che dormia,
guardate a l’angosciosa vita mia
che sospirando la distrugge Amore.

E’ ven tagliando di sì gran valore
che’ deboletti spiriti van via,
riman figura sol’ en segnoria
e voce alquanta che parla dolore.

Questa vertù d’amor che m’ha disfatto
da’ vostr’occhi gentil presta si mosse;
un dardo mi gittò dentro dal fianco.

Si giunse ritto ‘l colpo, al primo tratto,
che l’anima tremando si riscosse,
veggendo morto ‘l cor nel lato manco.

Guido Cavalcanti

Advertisements

2 Risposte

  1. Forse la vita
    si spegne in un falò d’astri in amore…

    Sandro Penna

  2. …Immagino… non esista luogo migliore dove riposare, morire e rinascere forse, se non quel petto. La scelta è istintiva.
    Che canti questo epitaffio posto all’entrata, al posto del suo cuore:

    “[…]Per amar molto ed esser poco amata
    visse e morì infelice, ed or qui giace
    la più fidel amante che sia stata.
    Pregale, viator, riposo e pace,
    ed impara da lei, sì mal trattata,
    a non seguir un cor crudo e fugace”.
    (Gaspara Stampa)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...