Vi segnalo: “Sogno d’amore” e il Quattrocento