Il silenzio non m’inganna

Distorto il battito
della campana di San Simpliciano
si raccoglie sui vetri della mia finestra.
Il suono non ha eco, prende un cerchio
trasparente, mi ricorda il mio nome.
Scrivo parole e analogie, tento
di tracciare un rapposto possibile
tra vita e morte. Il presente è fuori di me
e non potrà contenermi che in parte.
Il silenzio non m’inganna, la formula
è astratta. Ciò che deve venire è quì,
e se non fosse per te, amore,
il futuro avrebbe già quell’eco
che non voglio ascoltare e che vibra
sicuro come un insetto della terra.

Salvatore Quasimodo

Per chi suona la campana

Nessun uomo è un’isola, intero in se stesso.

Ogni uomo è un pezzo del continente,

una parte della Terra.

Se una zolla viene portata via dall’onda del mare,

la Terra ne è diminuita,

come se un promontorio le mancasse,

o una dimora amica o la tua stessa casa;

ogni morte d’uomo mi diminuisce,

perché io faccio parte dell’umanità.

E così non mandare mai a chiedere  per chi

suona la campana; essa suona per te.

John Donne