Sull’Ombra

Ognuno di noi è seguito da un’Ombra. Meno questa è incorporata nella vita conscia dell’individuo, tanto più è nera e densa.”

Carl Gustav Jung

8 Risposte

  1. Oppure qualcosa che si è perso, un “complesso” che non si è consumato perché non è stato affrontato, vissuto fino in fondo, non abbracciato: è l’immagine di un fantasma non “recuperato” che… “prende alle spalle, per i capelli”.

  2. …qualcosa che occupa uno spazio non suo..
    …qualcosa di estraneo..
    …qualcosa da sradicare tramite l’osservazione, e quant’altro…

  3. …Il fantasma rosicone!…

  4. Dalla: La Voce del Silenzio – traduzione e cura di H. P. Blavatsky
     
    Lotta con i tuoi pensieri impuri prima che essi giungano a dominarti.
    Agisci con loro come essi agirebbero con te; perché, se da te risparmiati prendono radice e crescono, sappilo bene, questi pensieri ti opprimeranno ed uccideranno.

    Sta in guardia, o Discepolo, non tollerare che neppure l’ombra loro ti avvicini. Poiché questa cosa di tenebre, crescendo in grandezza e in
    forza, assorbirebbe l’essere tuo, prima che tu fossi pienamente conscio della presenza del nero ed immondo mostro.

    Prima che il mistico Potere possa fare di te un Dio, o Lanu, devi aver
    conquistato la facoltà di uccidere a volontà la tua forma lunare.

    Il sé della Materia e il SÉ dello Spirito non possono mai incontrarsi. Uno
    dei due deve sparire; non v’è posto per entrambi.

    Prima che la mente della tua Anima possa comprendere, il germe della
    personalità deve essere schiacciato, il tarlo del senso distrutto senza possibilità di resurrezione.

    Tu non potrai percorrere il Sentiero prima di esser diventato il Sentiero stesso.

    Tenda la tua Anima l’orecchio ad ogni grido di dolore, come il loto apre il suo cuore per bere il sole mattutino.

    Il sole ardente non asciughi una sola lacrima di dolore, prima che tu stesso non l’abbia tersa dall’occhio del sofferente.

    Ma ogni rovente lacrima umana cada sul tuo cuore, e vi resti; né tergerla mai, finché non sia rimosso il dolore che la produsse.

    Queste lacrime, o tu dal cuore pieno di compassione, sono i rivi che
    irrigano i campi della carità imperitura. Su questo suolo germoglia e sboccia a mezzanotte il fiore di Buddha, più difficile a trovare, più raro a vedere che non quello dell’albero Vogay. Esso è il seme della liberazione dalla rinascita. Esso isola l’Arhat dalla lotta e dal desiderio, e lo conduce attraverso i campi dell’Essere alla pace e alla beatitudine, note soltanto nella terra del Silenzio e del Non-Essere…
      *****
    Quando nella voce del silenzio l’attore consapevolmente riconosce e si riunisce con la sua ombra proiettata al suo personale spettatore / osservatore…. ecco che per magia può rinasce la divina fenice interiore…….😀

  5. l Prof. Jung, filosofo, genio, medico, scrittore, uno dei padri della psicoanalisi, etc. etc, scrive :

    “Ognuno di noi è seguito da un’Ombra.”

    Ma chi è questa ombra ? Questa ombra è il dolore, la paura, l’ angoscia, la debolezza, la noia, il senso di non farcela, l’ errore di risolvere i problemi, DA SOLI, SENZA EVOCARE DIO, è furba, ha portato l’ uomo a vergognarsi di credere in Dio, ma a credere a lei, eterna sconfitta, etc.etc. bau,bau, bau, bom, bom ,bom.

    “Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla” (Gv 15,1-8).

    E QUESTA OMBRA NON CI FA TROVARE LA NOSTRA ENTITA’; COMBATTE SENZA SOSTA, QUESTA DIFFICILE RICERCA, DA PARTE DELL’ ESSERE.

    Chi è il padre dell’ ombra ? Il pater, dell’ ombra , è l’ inconscio.

    Il Prof. poi scrive : “Meno questa è incorporata nella vita conscia dell’individuo, tanto più è nera e densa.”

    Questi malefici stati d’ animo, sono forti, per rovinare l’ uomo, in quanto non vedono la luce e la potenza, del conscio e non vedendo il conscio ” tanto più sono neri e densi “.

    Il conscio è la potenza, è la luce dell’ anima, è la magia, è il segreto che vince e trasforma l’ inconscio, a diventare conscio.

    Questo conscio rinnegato e non capito, da molti, aspetta con calma, con devozione e con amore l’ uomo, per farlo risorgere dai suoi fantasmi e per farlo risorgere dai suoi condizionamenti animici.

  6. ”Por quantas vezes teve que me encontrar
    Em cada verso que você escreveu?
    É tão difícil assim tentar me enxergar
    Em cada passo falso que você deu?
    Que eu não vou te deixar aqui
    A deriva neste mar que não tem fim
    E eu sei que você talvez nem note que eu estou

    Tentando te mostrar
    Que eu sempre estive aqui
    Quando precisou
    E não, não foi capaz, não foi capaz de vencer
    Então tente entender
    Nunca esteve só
    E não, não vai ficar, não vai ficar, não!

    Não sei ao certo porque insiste em ficar assim
    Distante de tudo o que há pra viver
    Fechar os olhos pra não ter que enxergar além
    É o mesmo que fugir pra não ter que enfrentar
    Então vá procurar o que te faz feliz longe daqui
    E mesmo assim não vou te abandonar, porque sempre estou

    Se o mundo te sufoca aí dentro
    Te fazendo esquecer quem tu és
    Te roubando toda a vida e inocência
    Só não vá entregar os pontos e se esquecer”
    ( Morseca: Di Perra Mora)

  7. Dì Perra Mora (Pedro Guerrero)
    dì, matadora,
    porque me matas
    y siendo tuyo,
    tan mal me tratas?

    Dì, Cagna Mora,
    dì, assassina,
    perchè mi uccidi
    e siccome son tuo
    così male mi tratti?

  8. Bella.. quella di Pedro Guerrero….

    ogni tanto perdo la cognizione dei giorni o delle ore, …lapsus …dell’Ombra!?! O “rimbambimento”…

    Winah-Giobbe

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...