I colori dell’Alchimia

Cari amici,

vediamo insieme  il significato ermetico del NERO, del BIANCO, del GIALLO e del ROSSO secondo la filosofia esoterica.

 

Questi sono i colori dell’alchimia, la scienza parallela alla magia che vuole trasmutare non il piombo in oro, come credono gli stolti, ma la mente asfittica dell’uomo, chiusa e ottusa, in un’intelligenza aperta e tollerante (oro).

Le tonalità corrispondono a questi significati:

Nero (Nigredo) —   È la notte, l’oscurità del dolore. È quella scheggia della nostra vita in cui tutto sembra senza speranza e senza scopo. I problemi avviluppano e soffocano. Tutto è tetro e cupo. Ma è anche il momento in cui una voce lontana comincia a sussurrare: «Attento, così stai soffrendo troppo, devi cambiare». E nel buio pesto si accende un pallido fuoco. La coscienza ha intrapreso il lentissimo giro del «cangiamento».

Bianco (Albedo) —    È il momento in cui la persona inizia a capire che è necessaria una trasformazione.

Giallo (Citrinitas) —  È il momento in cui il processo si è messo in moto e inizia il percorso della mutazione di sé. Ma questo sentiero è doloroso, occorre lasciarsi dietro i difetti, le preoccupazioni, le piccole meschinità e gli egoismi. È una fase dura e spesso chi intraprende il sentiero è tentato a questo punto di tornare indietro. Eppure c’è anche una forza interiore, ormai matura, che non rinuncia e continuamente sprona a proseguire.

Rosso (Rubedo)  —   È l’esplorazione raggiante della nuova personalità. Il vecchio io è come una crisalide, avvizzisce e lascia il posto alla nuova farfalla. La mente si è aperta e le piccole meschinità, le invidie, i rancori, i tremori, le paure e le angosce sono ormai alle spalle. È la rinascita. Una nuova vita attende chi ha iniziato il calvario.

 

6 Risposte

  1. […] via I colori dell’Alchimia — l’unico Blog ufficiale di Gabriele La Porta […]

  2. Abbracciare la croce :questo è l ‘unica via di vera trattazione interiore…perché dolore,difetti e meschinita non saranno mai vinte una volta per tutte…é illusorio e presuntuoso crederlo …la nostra natura è fragile e tutti i giorni dobbiamo fare i conti con questo…il resto sono chiacchiere zen o new age …Abbracciare la croce vuol dire scegliere il paradosso della fede ,scegliere la vita etica contro quella estetica,dire no al narcisismo sociale e al relativismo morale…affermare con coraggio che menzogna e verita esistono,così come bene e male,giusto e sbagliato…

  3. Negare Dio e il peccato non ci salverà dal senso di vuoto e non ci darà che una effimera felicità …Ma per il cristiano la felicità è troppo poco …il cristiano non fugge da se stesso per essere perfetto,migliore,giacente e… onnipotente…il cristiano sceglie di vivere nelle cose come sono ..giorno per giorno ,offrendo le sue miserie a Dio …é un uomo comune ma vivo alla maniera fi Chesterton

  4. Mi inginocchio con il cuore pieno di devozione a colui che ha riscoperto e riletto l’alchimia riportandola al suo significato psicologico autentico : C.G.Jung.

  5. Bellissimo articolo… Grazie!

  6. “Un grande classico è uno scrittore che si può lodare senza averlo letto”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...