La rosa bianca

Coglierò per te
l’ultima rosa del giardino,
la rosa bianca che fiorisce
nelle prime nebbie.
Le avide api l’hanno visitata
sino a ieri,
ma è ancora così dolce
che fa tremare.
E’ un ritratto di te a trent’anni,
un pò smemorata, come tu sarai allora

Attilio Bertolucci
Annunci

Una Risposta

  1. Ancora altri spunti…

    Non ricordare niente di quello che si è, se quello che si è corrisponde a quello che si è donato sino a ieri…
    Quindi non ricordare nemmeno di aver donato in un empito di affetto o per inconscio bisogno di non trattenere niente che non si sia in grado di custodire. Una rosa. Potesse anche essere l’anima di chi la dona: è terribilmente triste, ad un certo punto, desiderare di avere una direzione e, quando è il momento di accogliere il testimone, sentirsi dilaniare dal dubbio di non essere mai e mai in quel posto. Quell’ape. Sì, proprio lei. Senza l’avido bacio di un’ ape non vivrebbe la rosa: non serve sapere da quando. Nessuno se lo ricorda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...