Pensiero, io non ho più

Pensiero, io non ho più parole.
Ma cosa sei tu in sostanza?
qualcosa che lacrima a volte,
e a volte dà luce….
Pensiero, dove hai le radici?
Nella mia anima folle
o nel mio grembo distrutto?
Sei cosi ardito vorace,
consumi ogni distanza;
dimmi che io mi ritorca
come ha già fatto Orfeo
guardando la sua Euridice,
e cosi possa perderti
nell’antro della follia.

Alda Merini

 

Advertisements

8 Risposte

  1. So runs my dream: but what am I?
    An infant crying in the night:
    An infant crying for the light:
    And with no language but a cry.

    Credo,caro Raffaele, che questi versi presi dalla poesia In Memoriam A. H. H. OBIIT MDCCCXXXIII: 54 di Alfred ,Lord Tennyson, échino in armonia ,rivelandosi a vicenda nel modo migliore..Ancora una tua grande scelta,questa tua..Felice serata.

  2. Può essere la morte candida come la neve, serafica e serena,
    può essere simile a una nevicata pacifica e serena che ricopre l’ intero corpo nel suo bianco candore, il corpo non sente nè più il caldo nè il freddo ma può nonostante tutto la morte come neve bianca trasmettere calore e non il freddo glaciale marmoreo della tomba.
    Può l’ effetto di un corpo apparire ancora caldo, l’ affetto verso una persona può lasciare un caldo tepore e non un freddo glaciale e quei fiocchi apparire leggeri e soffici sopra quel corpo che più non soffre, una sensazione di calma e non di acuta fitta nel cuore può lasciare la morte!?
    Può essere che l’ affetto verso un proprio caro e ricordi legati ad esso possano lasciare dentro se la pace e non la disperazione, che l affetto e ricordi della persona che non c’è più siano più forti della sua mancanza, può essere che l’ amore che custodivi per la persona sia stato così grande da lasciarti un grande calore, un grande messaggio d amore nel tuo cuore, visto l’ immenso amore che la persona in vita ti ha regalato?!
    La neve sul corpo non sembra fredda, ma calda e il suo spirito sembra volare leggero e non essere pesante come il suo corpo, il suo corpo affondato nella neve eleva il suo spirito in alto dove ha lasciato la sua traccia piena d amore, tanto da colmare il cuore, nonostante la sua mancanza.
    La neve sembra così soave ha perso quel suo aspetto gelido, sembra quasi dolce, per quanto il suo corpo inerte, forse l amore può davvero fare i miracoli:
    lasciare nel cuore il messaggio della persona che era in vita e non sentirne la disperazione ma una dolce mancanza e la consapevolezza che la sua anima candida come la neve vola anch essa come un angelo o una stella vicino nel mio cuore. Quegli occhi azzurri ormai spenti sarebbero potuti sembrare glaciali, eppure anche se in quegli occhi non c’è più vita, non più quella luce, mi rimandano ad azzurro turchino celeste estivo, uno di quei cieli meravigliosamente illuminati dal sole, la morte non sembra aver toccato il suo corpo o forse meglio la sua anima.
    Allora è vero che l’ amore può vincere la morte, so che la persona è sempre con me, sopratutto quando sono felice e quando rimango affascinata da misteri della vita: come la luce di un tramonto, so che quell’ inespicabile “magia” lì nella serenità rivive sempre il suo magnifico ricordo, candido come la neve.Quando sento la presenza di Dio davanti a questi “prodigi” della natura e della vita, è lì che la sua persona c’è sempre.Non c’è rabbia o rancore, ma pace.
    Nell’ immensità dello spazio, dove tutto può essere, appena il sole scende dietro la collina c’è il suo calore e affetto anche se non più lui,quello mi ha lasciato è l’ affetto, ora l ho capito!L’ affetto atto a far si che sciolga ogni mia titubanza e la felicità e la forza e il coraggio di perpetuare la felicità nella mia vita.
    Ecco che cosa ha fatto questo suo amore: la forza di essere ancora felice.SEmplicemente la compassione ha reso possibile ciò. il dolce ricordo e il suo insegnamento più bello e pieno d’ amore, sii felice, come lo era stato lui nella sua vita col suo esempio, godendo di ogni istante: sii felice.
    Il suo inseganemento di vita e d’ amore è scolpito a lettere cubitali nel mio cuore, il suo lascito: è un immensa botte d amore nel mio cuore!Credo che ciò abbia fra virgolette,se così si può dire vinto la morte, fatta immortale la sua anima e anche la mia.Il suo più bel gesto d amore nei miei confronti.
    Lo ringrazio, ma di sicuro sapeva già anche questo, ora lo so anch’ io!Forse è proprio vero:
    ” LA VITA È TROPPO BELLA PER ESSERE INSIGNIFICANTE”

    Voglio vivere il più a lungo possibile, per goderne ogni attimo, farò della mia vita il mio più bel capolavoro di tutti, voglio essere felice e vivere a lungo, costruire giorno per giorno la mia felicità e se possibile continuare a costruire la mia felicità anche dopo la morte, non voglio smettere mai di poter amare ed essere amata vorrei che fosse una costuzione perenne, eterna, voglio essere felice, avere una vita lunga, la salute e realizzare tutti i miei sogni, tutti, nessuno escluso e ora so che riuscirò a far tutto ciò, ho la certezza di tutto ciò, è più sicuro questo che del sorgere del sole.
    Ho bisogno di vivere a lungo, per molto, molto tempo..per fare tutto!Ora so che nel mio cuore tutto ciò si realizzerà facilmente, ce la metterò tutta giorno per giorno per far avverare ciò, ho già cominciato il primo passo, molti passi.Questo è in parte il lascito di una persona a me cara;
    il mio personale paradiso in Terra.
    E’ fatta, ora lo so.

    Buona serata Gabriele e Blog
    e felicità e serenità a tutti!Che tutti possano essere felici al massimo che il loro cuore consente, pieno zeppo di tanta felicità, non è mai troppo tardi per nessuno, tutti possono!Ecco il miracolo dell’amore…

  3. Mi pare che la neve sia così dolce, che tutto sia così dolce,e che anche questa vita lo sia… :surprise: chissa?!..

  4. Mi pare che la neve sia così dolce, che tutto sia così dolce,e che anche questa vita lo sia…
    😮 chissa?!..

  5. “… stay foolish”, dolce Alda!

  6. AMORE DI NEVE

    La neve è bianca
    La neve è candida.
    All’esterno è fredda,
    ma il cuore viene riempito
    di caldo AMOR.

    Diego Verdicchio

    ***

    FIABA-FILASTROCCA(SENZA RIMA)

    CADENDO LIEVE

    Cadeva lenta e dolce la neve sul paesello
    e fiori di neve bianca formava sotto il suo peso
    Poi una stella biricchina
    volle giocare con la neve candida
    e scese dal cielo fin sulla Terra
    e prese a brillare fra i fiocchi danzanti
    alla fine della nottata stanca ma felice
    volle riprendere strada verso casa verso il cielo
    ma non più un alito di forza aveva in corpo.
    Allora immobile pregò e come un angelo con un paio d’ ali invisibile
    fino al cielo ascese.
    Da lì un canto si innalzò
    e un grande fiocco bianco si involò
    e una stella di neve si formò,
    per la prima volta nel cielo la stella polare si colorò e si creò,
    la stella del nord. Così
    per tutti gli uomini sperduti quaggiù sarebbe stato facile
    orientarsi facilmente guardando lassù!

    Anna

    Dolce Notte..a tutti!

  7. Fior di neve

    Dal cielo tutti gli Angeli
    videro i campi brulli
    senza fronde né fiori
    e lessero nel cuore dei fanciulli
    che amano le cose bianche.
    Scossero le ali stanche di volare
    e allora discese lieve lieve
    la fiorita neve.
    (U. Saba)

  8. Grande Pino, ANIMA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...