Musica: Gazzè Silvestri Fabi, sinergie umili ma piene di anima

  • È partito con il migliore degli entusiasmi e i sold out di Rimini, Pescara, Roma e Modena nonché l’impianto gremito a Milano il tour FABI SILVESTRI GAZZÈ, trio che il sottoscritto ha ascoltato al Palalottomatica il 18 novembre. Al centro del live le canzoni del disco da cui è nata questa collaborazione artistica, l’album “Il padrone della festa”, e interpretazioni a tre di alcuni brani tratti dai singoli repertori.

    Questo live porta a compimento un progetto ricco e articolato nato più di un anno fa e si comprende che il risultato è il frutto di un lavoro notevole. Davvero poco è lasciato al caso. Compresa l’apparizione di Valerio Mastandrea (non dico altro). Con Niccolò, Daniele e Max, 6 amici musicisti: Roberto Angelini (chitarre elettriche e slide), il polistrumentista Dedo (Massimo de Domenico), Gianluca Misiti (tastiere), Piero Monterisi (batteria), Josè Ramon Caraballo Armas (percussioni e tromba), Adriano Viterbini (chitarre elettriche). In concomitanza con la partenza del tour il 14 novembre è uscito in radio il loro nuovo singolo “Come mi pare”, il terzo dopo i successi di “Life is sweet” e “L’amore non esiste”, tratti da “Il padrone della festa”.

    Perché al sottoscritto, che di certo non è un esperto di musica è venuta l’idea di scrivere di costoro?

    Comincio da una barzelletta. Quella (vecchiotta) “di quanto fa due più due”. Chi la sa già sa che la risposta è: dipende. Per un matematico fa quattro, per un fisico non fai mai quattro, per uno che si occupa di psiche fa sempre più di quattro (l’ assiomatico “Il tutto è più della somma delle singole parti” delle teorie della Gestalt), ma anche per un medico o un biologo è lo stesso (due cellule formano già un tessuto). Ecco, i tre cantautori romani mi han convinto in questo senso: c’è una alchimia umana e musicale percepibile tra loro.

    Come medico non posso essere insensibile al fatto che Fabi, attivista e testimone del lavoro dell’organizzazione non governativa Medici con l’Africa CUAMM, ha coinvolto Gazzè e Silvestri in un viaggio in Sud Sudan. Il risultato fa parte della scenografia del concerto, ed è davvero nobile e toccante se non commovente. Credo che i media non faranno mai abbastanza per sottolineare gli sforzi e i sacrifici che fanno persone tipo Gino Strada, il medico fondatore di Emergency. Questi tre ragazzi lo hanno fatto durante un concerto, in maniera semplice ma convincente.

    Infine: ci sono canzoni di ciascuno che forse sarebbero uno spartiacque generazionale, eppure i cui testi sono ancora, credo, tremendamente attuali. Un esempio? “Chiedo venia trovo un po’ esagerato pagare tre volte un litro di benzina, sentirsi ridire con sorrisi di rame…”. Chiedo venia anche io, ma vivendo in una nazione i cui politici non lesinano i sorrisi di rame (quando non di zolfo) mi è sembrato quella sera di aver trascorso qualche ora d’argento se non d’oro e volevo condividere questa sensazione con chi ha la bontà e la pazienza di leggermi.

    Prossime date:

    28/11 – Napoli http://goo.gl/0nqnCc 29/11 – Bari http://goo.gl/ejtm1V 03/12 – Firenze http://goo.gl/vjlu91 05/12 – Torino http://goo.gl/WkzyiW 12/12 – Catanzaro http://goo.gl/U5pqj9 13/12 – Acireale (CT) http://goo.gl/MSWy2q

    Massimo Lanzaro

Advertisements

7 Risposte

  1. Buon fine settimana, caro Prof. La Porta

    Fabi Silvestri Gazzè – Life Is Sweet

  2. Mi è sembrato ad ascoltarli.. che qualche corda profonda sia stata toccata… momenti d’oro o d’argento che quelli grandi sembrano non riuscire più a promettermi..

  3. Ci riprovo: Life is sweet

  4. forse sarebbe stato meglio che nell’allestimento di quel genere di spettacolo qualcosa al caso l’avessero lasciato.Dio che è onnipotente ed onnisciente, ha lasciato molto e di importante al caso e non si è dovuto pentire.Ma non ha dato da vederlo ,nemmeno all’attento Leucippo che ha aforismato così:οὐδὲν χρῆμα μάτην γίνεται ὰλλὰ πάντα ἐκ λόγου τε καὶ υπ’ἀναγκης ( (nessuna cosa a capriccio aportante vviene ,ma tutto a ragione e per necessità)La traduzione naturalmente è per chi non conosce il greco e non per te caro Prof Gabriele Serena giornata.
    Gilberto

  5. Grazie Doc, per aver condiviso le sue sensazioni. Ricambio, sperando siano gradite, con le mie: avendo difficoltà a memorizzarle le affido a questa canzone del trio alchemico. (Ringrazio “angolo testi”)

    Alzo le mani

    “Il rumore della pioggia nel pomeriggio.
    Le cicale a luglio in un campeggio.
    Il suono del traghetto che entra in porto.
    La frenata prima del botto.

    La sirena dell’ambulanza in avvicinamento;
    quella che si sente in guerra guardando in alto.
    L’urlo della folla in uno stadio.
    Il rumore della vita.

    Io non suonerò mai così.
    Posso giocare, intrattenere,
    far tornare il buonumore o lacrimare.
    Ma non suonerò mai così.
    Non è solo cosa diversa,
    è una battaglia persa: alzo le mani.

    Il telefono che squilla quando lo aspetti.
    Le dita di mio padre sulla sua Olivetti.
    Il cannone del Gianicolo a mezzogiorno.
    La serratura, al tuo ritorno.

    La campanella che suona il tram quando riparte;
    quella che in un attimo svuota la classe.
    Il respiro di un bambino lieve.
    Il silenzio della neve.

    Io non suonerò mai così.
    Posso giocare, intrattenere,
    far tornare il buonumore o lacrimare.
    Ma non suonerò mai così.
    Non è solo cosa diversa,
    è una battaglia persa: alzo le mani.

    E poi capita che un suono sbatta addosso
    come un vento di cristallo,
    che si aggrappa a una follia,
    prigioniero dello stallo come un mare.
    E come l’albero d’autunno lascia foglie sull’asfalto
    ad ammucchiarsi contro i muri.
    Chi si arrende, senza sonno, senza scorie,
    senza volti, quella sfilza di respiri.

    Io non suonerò mai così.
    Posso giocare, intrattenere,
    far tornare il buonumore o lacrimare.
    Ma non suonerò mai così.
    Non è solo cosa diversa,
    è una battaglia persa: alzo le mani”

  6. Grazie Anna. Buona serata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...