Xenia (da satura)

Dicono che la mia
sia una poesia d’inappartenenza.
Ma s’era tua era di qualcuno:
di te che non sei più forma, ma essenza.
Dicono che la poesia al suo culmine
magnifica il Tutto in fuga,
negano che la testuggine
sia più veloce del fulmine.
Tu sola sapevi che il moto
non è diverso dalla stasi,
che il vuoto è il pieno e il sereno
è la più diffusa delle nubi.
Così meglio intendo il tuo lungo viaggio
imprigionata tra le bende e i gessi.
Eppure non mi dà riposo
sapere che in uno o in due noi siamo una sola cosa.

             Eugenio Montale

da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/poesie/poesie-d-autore/poesia-148323?f=a:285>

Annunci

8 Risposte

  1. Meravigliosi questi versi!
    “Essenza”…dire a qualcuno che per il proprio cuore e’ l’essenza, significa che sia nella sua presenza che nella sua assenza egli/ella rappresentano l’alchemica essenza del vivere. Sorrido,….amaramente. Il poeta “sente” di aver incontratato l’altra meta’ del Tutto…gia’, perche’ quando cio’ accade tutto cambia…anche se lei non c’e’ si viene proiettati su piani altri del vivere e del ‘sentire’.

  2. …Mi sono venuti all’unisono quando ho letto Montale..

    SIAMO UNA SOLA ANIMA TU ED IO
    Rumi

    In verità siamo una sola anima,
    tu e io.
    Appariamo e ci nascondiamo,
    tu in me, io in te.
    Ecco il significato profondo
    della mia relazione con te.
    Poiché fra te e me non esistono
    né tu, né io.
    Siamo al tempo stesso
    lo specchio e il volto.
    Siamo ebbri della coppa eterna.
    Siamo il balsamo e la guarigione.
    Siamo l’acqua di giovinezza
    e colui che la versa.

  3. Leggendo questa di Montale, mi viene in mente qualcosa che ho letto a proposito della propensione inconscia che ciascuno di noi ha “di armonizzare le dissonanze tra il mondo della ragione e il mondo della follia che ci abita”… Così deve intendere il poeta, l’artista, quel mondo sepolto nella propria anima e che è un paradosso, esiste infatti oltre i luoghi comuni attraverso i quali si usa leggere la realtà: è per mezzo di un paradosso che si accede ad una realtà più intima e reale. E’ quello uno specchio, il luogo dove l’incontro con un Tu, con l’altro, non si esaurisce alla soglia delle apparenze. Quel Tu, è la follia che abita ognuno di noi, “sorella sfortunata della poesia” … d’inappartenenza, o così dicono.

  4. …Che poi, pensavo, il Tu si raggiunge accogliendo “il fenomenico”, il mondo della vita che è l’esistenza e i suoi vissuti racchiusi in quel corpo: il compito di Eros, infondo, è quello di chiamare per nome ampliando gli orizzonti di ognuno di noi, che viviamo oltre il contingente.


  5. anche così…

  6. Certo, anche così: la Madre di tutto ciò che vive, il principio razionale del mondo, è la Prima Parola.

  7. Caro Gabriele,

    vorrei affidarti le parole di Margherita. Una bambina di otto anni.
    Trascrivo fedelmente dall’incipit del suo tema.

    “Io, di solito, dopo aver giocato ed essermi divertita, sento nostalgia della solitudine e così mi ritiro, o sul letto o sul limone e penso; e mentre penso rido, o piango, oppure immagino”.

    “Nostalgia della solitudine”; un accostamento così raro e prezioso… proprio come i pensieri dei bambini…

    un caro saluto,
    nicola

  8. Caro Nicola, anche mia nipote Laura, che ha nove anni, dopo aver giocato ed essersi divertita sente la nostalgia della solitudine. Torna a casa e si mette a giocare di nuovo da sola, completamente immersa in quel che sta facendo. Un modo per lei di ricaricarsi e di riprendere contatto con se stessa. Credo che sia un modo sano di approcciarsi all’esistenza che tutti dovremmo seguire. Un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...