Dalla raccolta “Asfaltorosa”

Sotto i fuochi

Io non temo
dove riflette il raggio
per ogni colore un’iride
per ogni luce un nuovo
di nuovo inclinato cuneo di sole
per quanto del giorno soltanto
[e calcolano le parabole fino al rosso incendio
per quanto sarà ormai tutto vano
fino al nuovo giorno –
ti spende allo zenith
ma ruba occhi
per ciechi -]
Fatti di buio, senza ombra
quando
se l’immagine è un lapillo nel nero
tarlo di candele a lutto
non ridarà la scossa
alla sepoltura
ingrembo alla madre
terra del funerale
sotto i fuochi.

Francesca Canobbio

 

Annunci

8 Risposte

  1. Un sublime che matematicamente ho tradotto comparandolo all’unanime paura dell’ombra, “che cessa di colpo quando notiamo la sua falsità, come cessano i sogni quando sappiamo di sognare” …
    In Afterglow, di Borges, come in “Sotto i fuochi”, si assiste ad “un nuovo di nuovo inclinato cuneo di sole, per quanto del giorno soltanto”, che sprofonda come un’allucinazione nel grembo… spichico.

  2. Mi è capitato, si capitato perchè cercavo un autore nuovo sulla linea diciamo di ‘Anima’ ed ho trovato un libro che neanche a dirlo fa al caso mio..ad ogni pagina mi sta letteralmente convincendo che forse non è un caso che dovessi leggerlo..
    Il libro è di Giovanni Vannucci ‘la parola creatrice’.. Voi cosa ne pensate?

    Ps : Cosa c’entra con la poesia sopra? beh, la poesia non è parola creatrice?

    Notte

  3. Gentilissimo professore,
    Le sono infinitamente riconoscente per l’attenzione prestata al mio lavoro poetico,
    Rinnovandole la mia stima profonda, le confermo la mia gratitudine imperitura, anche per quanto riguarda il suo insegnamento vivo da anni in me..

    Insieme ai miei gioiosi ringraziamenti le giungano quelli del mio editore Gianfranco Fabbri, de L’Arcolaio.

    Con infinita ammirazione,

    Francesca Canobbio

  4. L’ha ribloggato su asfaltorosae ha commentato:
    La mia poesia sul prestigioso blog del professor Gabriele La Porta

  5. Grazie, Francesca. Ho gradito molto il suo lavoro. Nei prossimi giorni pubblicheremo ancora altre tue liriche. Un abbraccio. Gabriele

  6. Nessuno che abbia letto il libro di Vannucci o lo conosca in qualità di studioso??? 😦

  7. Per fortuna “la parola creatrice” di Vannucci non ha bisogno di sovrapporsi a quella di nessuno per farsi sentire e notare, altrimenti non creerebbe.

  8. ahah 🙂 Valeria..
    Però per curiosità mi interessava l’opinione di qualcuno.. a riguardo… Ma va bene lo stesso.. il libro di Vannucci mi è piaciuto assai, l’importante credo sia questo .. e consiglio a chi fosse interessato di leggerlo..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...