Il caos

Ben venga il caos, perché l’ordine non ha funzionato.

Karl Kraus

Annunci

13 Risposte

  1. “Mia libellula, cosa volevi darmi? Il cielo?” (Zucchero)

  2. “…Il fatto è che avevamo sofferto tanti colpi che ormai non ci importava più niente di niente. Soltanto sentivamo la spinta, l’istinto naturale di far quel che si poteva per salvare la vita..” – Cap. 27 : Bisogna saltare (da ‘She’ di Haggard).

  3. “Il caos spesso genera la vita, laddove l’ordine spesso genera l’abitudine.”

    Henry Adams

  4. Dall’ordine fu generato il caos affinché i sui divini esploratori raggi potessero nel tempo lineare circolare e verticale ricondurre ogni aspetto caotico all’ordine primordiale. E non solo, quei divini raggi alla fine di ogni ronda di ogni vorticoso ciclico spiraliforme discendente / ascendente moto si sono impregnati della stessa divine particelle di quell”indefinibile aspetto unitario che tutto per un amore più grande si separò e si frantumò per i sui divini raggi

  5. Ciao Raffaele, da profana che sono in materia, mi permetto di esporre il mio punto di vista basandomi solo su quello che osservo.

    sarei tentata di dire che quel che è definito caos sia il disordine nell’ordine, se ci guardiamo intorno niente è in ordine, eppure tutto rientra nell’ordine senza dare l’impressione che lo sia.

    Basta guardare la natura che ci circonda, ad esempio: un albero, che in tutto il regno vegetale non è uguale a un altro, non ci sono alberi con i rami tutti dritti affilati oppure i frutti su un ramo e le foglie su un altro, tutti ordinati! Così come pure nel regno animale, ognuno ha il suo DNA che contraddistingue tutti. Se si guarda una piazza affollata ci si rende conto del caos che vi regna, però malgrado ciò, ognuno arriva a trovare la strada che cerca o l’amico e così via… grazie all’ordine d’idee che causa l’orientamento, in base al quale si stabiliscono delle misure, che siano di tempo, di distanze, di riconoscimenti in base ai tratti somatici per ritrovare l’amico, che ha un naso, una bocca, un viso, una statura che permette di fare un rapido calcolo mentale per riconoscerlo, ciò rientra nell’ordine del disordine.

    La natura segue un ritmo, quello del tempo ed è il tempo che impartisce l’ordine anche nel disordine. Tutto ciò che fa parte dell’universo e che ha avuto inizio con il caos o almeno si suppone che ci sia stato, poiché il Big Bang, teoria sulla quale si basa l’inizio della fine del caos, lascia dei dubbi ancora oggi fra gli studiosi, è al grande scoppio che si attribuisce di aver generato la nostra e tante altre galassie,da una sola materia in escandescenza esplosa e che ha dato inizio ai vari sistemi planetari, con una precisione sbalorditiva.

    Penso proprio che il tempo sia alla base di tutto, l’universo è basato sul calcolo, tutto è misura e penso che in milioni di stelle che popolano le galassie compresi i pianeti e i loro satelliti, se non ci fosse l’ordine nel disordine che ai nostri occhi può apparire, oggi non saremmo qui.
    L’uomo fa parte dell’ordine di un sistema di vita che si è sviluppato col tempo apportandone dei cambiamenti,da semplice cellula che si è evoluta col tempo seguendo un ordine nato dal disordine.

    In quanto all’ordine domestico … penso che vada col carattere di ognuno, a me piace l’ordine, ma non sempre, perché mi renderebbe la vita monotona e così, mi piace alternare l’ordine al disordine e viceversa, se non altro per goderne la differenza con soddisfazione.

    Ciao, Anna

  6. Ciao Carissima Preziosa Anna 😀
    Come ben hai espresso, sugli aspetti molteplici e diversificati che la natura ci mostra, in effetti e celatamente il CAOS è la divina sostanza indifferenziata animico spirituale che come principio divino regola ogni cosa della creazione e delle le sue immutabili o cangianti leggi:

  7. E’ come affermare, che in effetti il caos sia il vero ordine rispetto all’ordine che noi vediamo, percepiamo, capiamo, definiamo o compariamo in questo mondo.

  8. E’ come dire anche che il caos è la manifestazione dell’evento, è ciò che per i nostri sensi è possibile rilevare.

  9. L’evento che si manifesta è l’Uomo, per esempio…

    “Tra l’universo
    e questo corpo
    che scrive
    sono solo quell’attimo
    che la vita afferra
    e restituisce il senso.”

    (Anonimo)

  10. Giusterrimo Carissima Valeria 😀

    E’ come se tacitamente l’ordine del caos si manifesta in questo nostro mondo come aspetti differenziati, diversificanti, o aspetti anomali o DIVERSI che attirano la nostra attenzione….. 😀

    Purtroppo com’è osservabile, è ovvio che il vero caos maggiore lo genera l’essere umano inconsapevole / incosciente con tutte le sue nefaste scellerate consapevoli manifestazioni di pensiero e/o azioni verso i propri simili e su tutta la natura che con grande indifferenziato amore ci ospita per condividere la vita in questo mondo 😀

  11. Ah, schioppettante Raffaele, non mi parlare più di quella testa di rapanello innestato su un cavolo cappuccio che si spaccia per essere umano: ah, che dolore il solo sentirlo nominare! 😀

  12. Carissima Valeria,
    immagina il mio grande turbamento dei miei incosapevoli 14 anni, quando ho visto lo scempio di tante cose che poi sarebbero successe in questo mondo

  13. Comprendo, raffaele, il tormento di un adolescente di 14 anni, per non sapere cosa fare al fine di impedire che queste cose accadessero. La diffidenza degli altri, i timori ed i sensi di colpa dei genitori per non saper gestire un talento come il suo. La perseveranza con la quale nonostante tutto quell’adolescente sia rimasto fedele a se stesso e alle sue visioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...