“Il giorno che manca”

(…) Un anno dopo gli restò ancora il dolore. Acre, come il primo giorno.
Un anno, non diede pace alle notti insonni. Dilanianti. Alla vulnerabilità, infranta.
Ci sono dolori che squassano e che i pensieri non arginano.
Ci si ammantano addosso. Oscurano. Inabissano.
Immergiti nella sofferenza gli aveva sempre suggerito quel professore, amato come un padre mai avuto.
Ma nessuno stabilisce il confine del peso che ognuno di noi può sopportare.
E così iniziò a correre.
Nel nulla. Purché fosse stato lontano. La corsa come stordimento. Come fuga. Inevitabile resa.
Come via di salvezza. E, nella distanza, tuttò sembrò anestetizzarzi. (…)

Da “Il giorno che manca”

 

Annunci

3 Risposte

  1. Ogni dolore ha una propria storia, ogni sofferenza e’ una cosa a se’ ogni cuore spezzato ha i propri pezzi da ricomporre…penso che non esista una ricetta universale come terapia al dolore…ognuno di noi necessita di tempi propri…e modi propri per anestettizzare il cuore…penso che la distanza, una pausa o una partenza siano solo paliativi…perche’ cambiare luogo non annienta di colpo il dolore…esso va col cuore e non puo’ essere altrimenti..cambiare aria serve solo per stare soli con se stessi e guadare da altre angolozioni i dolori…ma per guarire ci vuole ben altro.

  2. ……… nessuno stabilisce il confine del peso che ognuno di noi può sopportare………

    ….purtroppo………….

    ………….La corsa sfinisce………placa………..

    ma è solo un illusione……………..

    …………..prima o poi…….ti fermi ,

    …. ….ti manca il respiro…. ……

    ……recuperi……….e .voltandoti…………

    …………………é solo una questione di “giusta prospettiva ”

    ……………….di messa a “fuoco”……di ricerca a mani nude,

    …………come scavare…..nelle terra………

    Altro che anestesia……………..

  3. Un grande abbraccio a Giuseppe che da un po’ non leggo…

    alla cara Valeria che mi manca…

    ed a Inno la cui allegria e” contaggiosa!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...