Voce interiore

Avere una vocazione nel suo significato originario
vuol dire essere guidati da una voce.
La voce interiore è la voce di una vita più piena,
di una coscienza ulteriore più ampia.
Nella voce interiore, l’infimo e il sommo,
l’eccelso e l’abietto, verità e menzogna
spesso si mescolano imperscrutabilmente,
aprendo in noi un abisso di confusione,
di smarrimento e di disperazione.
L’uomo che, tradendo la propria legge,
non sviluppa la personalità,
si è lasciato sfuggire il senso della propria vita.
Carl Gustav Jung

11 Risposte

  1. m’è venuto in mente..tornando al discorso di un post di qualche settimana fa..in cui si accostava il film “la vita di David Gale” ..alla storia di Giobbe.. e si citava l’opera di Jung.. io personalmente trovo più un accostamento alla figura di Socrate dello stesso protagonista.. ..il sacrificio personale.. per vocazione.. per un ideale..

    Saluti

  2. “Un ebreo crea un altro ebreo e questa persona viene chiamata proselito.
    Ma un proselito non crea un altro proselito.
    I due esistono come sono e creano altri come loro stessi, mentre gli altri esistono solamente”.
    V. d F.

    ..ringrazio tutti,
    in particolare la Redazione e il Prof.

  3. Buonasera Peter….. 🙂

  4. ..(non l’ho trovata in italiano ma in lingua originale forse rende meglio)..credo che questa scena del film sia centrale e significativa in questo senso (o lettura dir si voglia)..

  5. “Intorno poi alla voce e all’udito di nuovo lo stesso discorso, che ci sono stati donati dagli dèi per lo stesso scopo e per la stessa cagione.

    Perché anche la PAROLA è stata ordinata per lo stesso fine, ed essa vi concorre moltissimo, e così quanto v’è di utile nel SUONO MUSICALE

    è [d] stato dato all’ UDITO* per causa dell ’ARMONIA*.

    E l’ ARMONIA-, che ha movimenti affini ai giri dell’ ANIMA- ”

    Platone nel Timeo

  6. Volevo postar l immagine di un famoso anello d oro di Micene del 1500 a.C.
    ma non trovo immagine,
    così la descrivo:

    Sotto l albero della vita è seduta in serena contemplazione una dea accompagnata da due ancelle.
    La dea riceva due doni da due donne un offerta di gigli e papaveri.

    Davanti all armoniosa dea un ascia doppia e una testa di leone.

    Dall alto discende un idolo armato di scudo a forma di otto.

    Alla sommità dell ovale sono raffigurati
    il Sole e una falce di Luna.

    ******

    Con un pò di immaginazione(deriv da imago) si può visualizzare.

  7. 🙂

  8. levare nella frase di Platone [d]

  9. levare nella frase di Platone [d].

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...