Tempo o durata

Henri Bergson si occupa del problema tempo nel secondo capitolo dell’Introduzione alla Metafisica e afferma che il tempo passa più o meno velocemente a seconda degli stati d’animo che si stanno provando. Ne è così convinto che alla fine, invece di chiamarlo “tempo”, lo chiama “durata”. Detto ancora più terra terra, per Bergson una cosa è stare un’ora abbracciato col proprio grande amore e un’altra passare quella stessa ora sotto il trapano di un dentista. Nel primo caso si dice che il tempo è volato, nel secondo che non passava mai. A volte basta distrarsi un pochino per farlo scorrere più in fretta. Chi ne dubita provi, quando è fermo con l’auto a un incrocio, a guardare fisso fisso il semaforo rosso in attesa che diventi verde. Più lo guarderà e più lunga sarà l’attesa.
Se, invece, darà una sbirciatina ai titoli del giornale che ha sul sedile accanto, arriverà subito il verde e gli altri automobilisti suoneranno il clacson per farlo ripartire.

LUCIANO DE CRESCENZO, “Tale e quale”

« »

2 Risposte

  1. L ISTANTE DECISIVO DI BRESSON,
    il FOTOGRAFO DEL CARPE DIEM,
    A BRESSON INTERESSAVA CATTURARE QUELL ISTANTE, PERCHÈ SAPEVA CHE POI
    UNA VOLTA PASSATO, NON SAREBBE PIÙ TORNATO.

    E FOTOGRAFAVA MOSSO DA ISTINTO, QUELLO
    DI CATTURARE
    L INAFFERRABILE
    CON L IMMAGINE E CI RIUSCIVA!!!

    Bresson:

    “La macchina fotografica è per me un blocco di schizzi, lo strumento dell’intuito e della spontaneità.”

    «Non è la mera fotografia che mi interessa. Quel che voglio è catturare quel minuto, parte della realtà.»
    (Henri Cartier-Bresson)

    «Le fotografie possono raggiungere l’eternità attraverso il momento.»
    (Henri Cartier-Bresson)

    “FOTOGRAFARE È TRATTENERE IL RESPIRO quando le nostre facoltà convergono per captare la realtà fugace; a questo punto l’immagine catturata diviene una grande gioia fisica e intellettuale.

    Fotografare è riconoscere NELLO STESSO ISTANTE E IN UNA FRAZIONE DI SECONDO UN EVENTO e il rigoroso assetto delle forme percepite con lo sguardo che esprimono e significano tale evento. È porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. È un modo di vivere.

    Per “significare” il mondo, bisogna sentirsi coinvolto in ciò che si inquadra nel mirino. Questo atteggiamento esige concentrazione, sensibilità, senso geometrico.

    La macchina fotografica è per me un blocco di schizzi, lo strumento dell’intuito e della spontaneità, il detentore dell’attimo che, in termini visivi, interroga e decide nello stesso tempo.

    La “tecnica” è importante solo se riesci a controllarla al fine di comunicare quello che vedi. La tua personale “tecnica” devi creartela e adattarla all’unico fine di rendere la tua visione evidente sulla pellicola.”

    La fotografia è una mannaia che coglie nell’eternità l’istante che l’ha abbagliata.

    Bresson

    ps: amo fotografare!E adoro Bresson

    Vedere per credere

    DA PRECISARE CHE OVVIAMENTE NON ESISTE
    FOTOMONTAGGIO QUA,
    LA FOTO SCATTATA
    è QUELLA CHE CATTURA IL MOMENTO,
    SENZA RITOCCHI DOPO!!!!!!

    i primi 2 minuti e 30 sono Di Bresson le foto poi di un altro fotografo…

    buona visione

    reflex forever!!!

  2. …Pensavo ai vetri della macchina tappezzati con i fogli di un giornale sportivo… E’ per prolungare i tempi supplementari… ( 🙂 )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...