Radici e foglie

Cambia le tue opinioni ma conserva i tuoi principi.
Ricambia le tue foglie ma mantieni intatte le tue radici.
Victor Hugo

Annunci

La somiglianza

Ti levi e l’acqua si spiega
Ti stendi e l’acqua si schiude
Tu sei l’acqua distolta dai gorghi
Sei la terra che mette radici
E dove tutto si fonda
Fai bolle di silenzio nel deserto dei fragori
Canti inni notturni su funi d’arcobaleno,
Sei dovunque abolisci ogni strada
Tu sacrifichi il tempo
All’eterna giovinezza della fiamma esatta
Che vela la natura ricreandola
Donna tu metti al mondo un corpo sempre uguale
Il tuo
Tu sei la somiglianza.

Paul Eluard

Libertà

Mi dica, in coscienza, lei può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli ed educarli?
Questo non è un uomo libero. Sarà libero di bestemmiare, di imprecare, ma questa non è libertà.
La libertà senza giustizia sociale è una conquista vana.

(S. Pertini)

Il tempo

Il tempo è molto lento per coloro che aspettano, molto veloce per coloro che hanno paura, molto lungo per chi si lamenta, molto breve per quelli che festeggiano, ma, per tutti quelli che amano, il tempo è eternità.

William Shakespeare

Come sassi nello stagno

« Fisso il pavimento, quasi che la risposta fosse scritta tra i piedi. “Significa” parlo con lentezza e procedo a tentoni verso la spiegazione “significa che a dare senso alla battuta è quello che succede qui, in questo preciso istante, fra Nina e Konstantin. E succede qualcosa che è cruciale. E il miglior modo per esprimerlo è dire “Io sono un gabbiano”. Doris, tu non stai affatto sragionando, non sei in preda a un momento di pazzia. Potresti anche essere pazza, ma quello che conta è che per te è la realtà, e stai cercando in tutti i modi di comunicare questa idea a lui.”
Si scoraggia. “Sì, ma quale idea?”
Avrei dovuto darmi malata.
“Che tu sei un gabbiano”. Mi inceppo.
Ci riprovo. “D’accordo. Ricapitoliamo. Tu hai raggiunto Konstantin. Lui continua a dirti che è innamorato di te, che sei meravigliosa, che bacia la terra su cui cammini.”
“Sì..?”
“Si comporta come se tu non fossi cambiata, ma tu sei cambiata. E vuoi che lui lo capisca.”
“Capire cosa?”
“Che tu sei un gabbiano, Doris. Che non sei una ragazza giovane e piena di talento alle soglie di una brillante carriera teatrale, innamorata di un uomo intelligente e famoso. Tu hai perduto il tuo amante. Il tuo bambino è morto. E adesso sei una mediocre attrice di provincia. Sei un gabbiano. Una cosa morta. Un uccello sgraziato con la voce stridula che qualcuno ha ucciso tanto per fare qualcosa.”
Tutti tacciono.
“Ma sei ancora forte. Ogni volta che sei tentata di mollare, trovi il modo di riprenderti. ‘Io sono un gabbiano’. Ma poi dici: ‘No, non è vero’, Non ti arrendi. Anche se hai perduto tutto”
Mi guarda. In realtà tutti mi stanno guardando. Nascondo la faccia tra le mani. Dove voglio arrivare?
“È saper soffrire” dice il signor Hastings, lasciando cadere le parole nel silenzio come sassi nello stagno. »

“Innocence” (K. Tessaro)

… noi rinchiuso

“Noi ci allegrammo, e tosto tornò in pianto; ché de la nova terra un turbo nacque e percosse del legno il primo canto. Tre volte il fé girar con tutte l’acque; a la quarta levar la poppa in suso e la prora ire in giù, com’altrui piacque, infin che ‘l mar fu sovra noi richiuso”

La chiusura del XXVI canto dell’Inferno di Dante

Uno, nessuno e centomila

L’idea che gli altri vedevano in me uno che non ero io quale mi conoscevo; uno che essi soltanto potevano conoscere guardandomi da fuori con occhi che non erano i miei e che mi davano un aspetto destinato a rendermi sempre estraneo, pur essendo in me, pur essendo il mio per loro (un “mio” dunque che non era per me!); una vita nella quale pur essendo la mia per loro, io non potevo penetrare, quest’idea non mi diede più requie. Come sopportare in me questo estraneo? Questo estraneo che ero io stesso per me? Come non vederlo? Come non conoscerlo? Come restare per sempre condannato a portarmelo con me, in me, alla vista degli altri e fuori intanto dalla mia?
Luigi Pirandello, Uno, nessuno e centomila