Da chiunque

Sono conscio dello stato della mia ignoranza e pronto a imparare da chiunque, indipendentemente dalla sua qualifica.

Isaac Asimov

19 Risposte

  1. ……….Mi piace incredibilmente questa citazione ,
    la condivido pienamente
    ho avuto la fortuna nella mia vita
    d’incontrare diverse e Rare creature
    che con Armonia e Amore
    hanno saputo insegnarmi molto
    e io ho avuto la capacità
    dinnanzi a loro….di mettermi
    in ascolto…..ed ho molto imparato.
    Durante i miei viaggi…..ho visto
    tante Terre….tanti Luoghi…..tanti Cieli e Stellle….
    e ad ogni Uomo o Donna da cui ho imparato
    ho permesso IO di farlo…..perchè loro

    ” mi si sono avvicinati con Cuore Puro
    Anima Lieve e passo Danzante………..”

    e nessuno di loro ha mai”preteso di
    guarire o curare “…………niente in me.!!!

    e quando ho avuto la necessità
    di una maggior presenza
    nella mia vita
    son tornati danzando e sorridendo
    e mi hanno donato la loro Forza
    e il loro Amore……………………
    non facendomi sentire Mai….mai…..mai
    in difficoltà….o……inadeguata
    per il mio “bizzarro” “sentire” e “vedere”

    Loro mi hanno “vista” a loro volta
    e mi hanno accolta in Amore e parità
    d’intelletto e Anima.

    Amo moltissimo l’Onestà di chi
    per Danzare con me
    ha saputo andar …scalzo ; )) ; )

    Apprezzo meno coloro che
    Pesantemente hanno cercato
    Presuntuosamente
    di avvicinarsi a Me
    senza nemmeno
    conoscere il mio nome………………..
    figuriamoci……………….la Mia Anima !!!

    Non ho mai e dico MAI………..
    Lasciato la strada libera ad esseri così superficiali
    non mi lascio raggiungere dalle loro
    svariate rozze e maldestre ipotesi circa
    la Vita……………….e sbarro la mia strada
    per non farmi raggiungere e………………..
    USO IL SUONO…….per allontanare………loro!!!

    Anche qui nel Bosco Sacro mi è capitato di danzare
    con…..creature che hanno avuto
    Amore Cortesia Delicatezza Attenzione e…Incanto
    ” nell’ascoltarmi ” ………………………
    Donne gentili e consapevoli
    Uomini leggiadri e puri
    che io ancora leggo e ascolto

    Io so da chi Imparare
    chi ascoltare
    e chi delle volte
    anche bruscamente allontanare………….

    La mia ANIMA è Sacra
    come le Anime di tutti
    gli Esseri………….

    Faccio Attenzione
    e So “vedere”
    chi si avvicina a me

    Piccola citazione ; ); ) ; ) da Pantagruele di Rabelais :

    “….non può stare sapienza in un cuore
    malvagio, e la scienza senza la coscienza
    non serve che a rovinar l’Anima…”

    : ) : ) : ) : ) ………………………………………….; ) ; )!!!!!!!

  2. Rinascita………..

  3. ….sorry…..ma avevo …dimenticato ; )
    di far “suonare” Il Piano… : ) : ) : )
    con una sua…….orchestra ……in Armonia e Accordo ……………

    Stefano Bollani……..

  4. Sentirsi come gli altri, non di più non di meno, ma uno degli altri è facile a dire, ma sperimentarlo è stupendo quanto raro ..
    … perché essere l’altro vuol dire conoscerlo per davvero..
    E torniamo alla compassione (che non è la pietà ma la piena immedesimazione) quale veicolo di conoscenza pura.
    Ma, mi chiedo, perché le persone hanno questa difficoltà (non tutte, s’intende..) ?
    Forse si nasce separati ma con una capacità unificatrice?
    Possiamo, forse, ammettere che abbiamo un io separatore disgregante e prevalente, che convive con una forza coagulante, l’anima, sia pur latente?

  5. Alessandra, hai scritto parole profonde e …vibranti..
    …molto piacevoli.

  6. Da “I miti del nostro tempo” di U. Galimberti, Cap 18, 3: L’appello dello straniero.
    (Metto in comune una “paideìa”!)

    Sarebbe utile che quanti hanno divorato i libri di Oriana Fallaci oggi, per ordinare le idee e magari anche i sentimenti, leggessero il libro di Barbara Spinelli, “Ricordati che eri straniero”. E’ una lettura da consigliare a quanti (e siamo quasi tutti) quando parlano dello straniero esigono la sua integrazione nella nostra cultura, nei nostri usi e costumi, perchè se vuole abitare con noi, lo straniero deve essere il più possibile come noi.
    Rapportandoci in questo modo allo straniero noi non ci mettiamo mai in questione, non sottoponiamo a esame le nostre leggi, non discutiamo i nostri valori, ribadiamo semplicemente la nostra identità, che lo straniero, con la sua estraneità, concorre a rafforzare. In realtà il primo incontro con lo straniero avviene al di fuori dell’ordine a cui sono abituato e al di fuori dell’ordine a cui egli è abituato. E la prima richiesta che lo straniero mi rivolge, se l’incontro avviene, è: “Non uccidermi”.
    Se decidiamo di non sopprimere l’alterità, gli rispondiamo sapendo, come ci ricorda Levinas, che “rispondere a qualcuno è già rispondere di qualcuno”, è farsi carico della sua sorte. Come? Guardando le nostre leggi, i nostri tribunali, la nostra Costituzione, il nostro Stato, la nostra patria dal di fuori, come stranieri a nostra volta, possiamo capire in che senso i nostri valori possono essere per lo straniero una prigionia e i suoi possono essere per noi inaccettabili.
    In questo modo io rispondo di ciascuno dei due: di chi difende i valori e di chi ne patisce. Se questa operazione riesce, scrive Barbara Spinelli:

    “Grazie allo straniero siamo portati a chiederci, forse per la prima volta, chi siamo, che cosa vogliamo, da dove veniamo. E per effetto di questa domanda siamo portati a trasformarci.”

    Non più solo figli dei nostri genitori, della nostra terra, della nostra patria, ma, spossessandoci di tutte queste proprietà, andiamo incontro all’altro in cui consiste l’opera di civiltà. Perchè non è civiltà, né operazione di giustizia, chiedere all’altro

    …”di compiere tutto intero il cammino che lo porta a me, da solo, in una logica che non è di cooperazione, ma di sottomissione, fino a divenire mio possesso, perchè […] la civiltà non comincia con un vienimi incontro, ma con un vanimoci incontro. Il che vuol dire: facciamo un po’ di passi tutti e due, uno verso l’altro; stringiamo un patto, stabiliamo un terreno di intesa, magari minimo, però comune.”

    Come ci hanno insegnato gli antichi Greci, ce lo ricorda Isocrate:
    […] siano chiamati elleni non quelli che hanno in comune con noi il sangue, ma quelli che hanno in comune con noi una paideìa.
    […]

  7. @^^^^^^Ettore la ringrazio !…. così come ho letto con interesse
    anche ^^^^^^^@Valeria…che forse ha capito il mio tipo
    ……..di “allenamento” !!!…….speriamo bene………………
    io ci riprovo……….Valeria………ma ricorda……con ME
    gli ” attacchi emotivi”………NON funzionano……………
    ricordalo …….Molto bene………tienilo a mente.
    Per quello……ho già dato………………………………
    se vorrai Valeria avvicinarti a ME……si lieve
    ed educata…e Io farò lo stesso con te.
    E ricorda Valeria…..Il Cammino è personale PERSONALE
    e non per forza si deve guardare solo una persona,
    il Sacro Bosco è pieno di creature,
    sarebbe carino…….volgere lo sguardo anche altrove
    tu di certo capirai. : )………….SPERIAMO……..

    “…. A Valeria….nun me fa’ penti’……………………………..
    che mo’ so’ qua………………
    che te sto’ a parla’…………………………………………………
    nun me fa’ scherzi
    nun cerca’ de cura’…………MAI!!!!…MAI!!!………..MAI !!! MAI !!!!..???
    Che Io sto’ da Dea !!!” CAPITO”!!!…….e” nun t’ho chiesto MAI gnente”
    e” nun voglio gnente”……..^^^.DA NESSUNO…..GRAZIE^^^ ; ) ; ) ; ) !!!!!!

    fatti li santi “pippoli” tuoi
    e sorridi ; )
    che magari sei pure
    simpatica
    speramo bbene !!! ; ) ; )

    Ao…..io ce Ri-provo…….
    ma sta attenta…………………….Stai Attenta e serena……. ; )
    perchè lo sai….come Suono……..IO !!!!!!

    e comunque….ancora non me fido…………..
    @Valeria….IO te sto’ ancora a “ciocca’meglio”
    Speriamo…………..artrimenti…………c’ho sai no ?!!!!!!! : ) : ) : )

  8. .”.La PAIDEIA”…che io c’ho so…”da tempo”…che non è la Paiella !!! ; )
    ; ) ; ) ; ) ; ) !!!!!!

  9. PAIDEIA : Termine greco, il cui significato originario equivaleva a ‘educazione’ e che assunse poi il valore di ‘formazione umana’ per arrivare infine a indicare il contenuto di detta formazione, la cultura nel senso più elevato e personale. P. è perciò non tanto la pedagogia come mezzo per un traguardo formativo, quanto piuttosto il fine stesso dell’educazione, l’ideale di perfezione morale, culturale e di civiltà cui l’uomo deve tendere. Secondo il modello ispiratore greco, che da Platone e Isocrate al tardo ellenismo ha assunto varie sfumature, il raggiungimento della p. è frutto di un processo continuo, mai compiuto, che impegna tutto l’uomo, ma attraverso cui questi realizza pienamente sé stesso come soggetto autonomo, consapevole di sé e in armonia col mondo.

    @Valeria…ma visto che già come ME… c’ho sapevi,
    cosa era il Mio Allenamento………………………..
    ma come.?!…..ma allora perchè.!?…….
    tutto sto’ …..”gentil sarcasmo”…usato contro di me ????

    Ma non era meglio….offrirmi un po’ di ………PAELLA ???!!! ; ) ; ) ; )

    ; ) : ) : ) : )………. se vorrai……io la so preparare…..tu porti il Vino ; ) !!!

  10. ATHENA… ; )

  11. vabbe’……..ci riprovo……..Sorry again….; ) ; ) ; )

    ATHENA…come sopra…sempre che….riesca…a farlo
    ………forse …forse…….. ; )..

  12. ..e poi si potrebbe conversare…anche riguardo
    …alla Bellezza……..o………Kalokagathia……; ) !!!

  13. Per Alessandra:
    Scusa per il ritardo… Dunque la Paideia, “che è la capacità di apprendere che non si eredita con il sangue, ma si impara crescendo insieme”…, per Barbara Spinelli è lo strumento migliore che, meglio delle armi, “permette di presidiare le mura della città democratica e le libertà politiche che la caratterizzano”…

    Ed io che, per incontrarmi con te, pensavo di portarmi appresso: la paideia… il coilteillo… il mattareillo… lo schiaccianoici… l’apriscaitoile…
    Tutte armi armi inutili, allora… 😀

    Alessandra, scherzo! A presto.

  14. @Valeria…. ; ) ; ) ; ) !!!! A presto !!!! : ) : ) : )..tra vere Donne,
    non servono armi…..siamo portatrici d’Amore….anche TU !!! ; ) : )

  15. 😀 un sincero scambievole sorriso vale più di tutti i tesori di questo mondo 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...