Luci e ombre

Bisogna smettere di aver paura delle ombre, capire che il mondo non è bianco o nero, bensì grigio.
Che c’è la luce e c’è il buio. Non esiste l’una senza l’altro.

La figlia dei ricordi, Sarah McCoy

Non occorre

Non occore che tu esca di casa. Siedi al tuo tavolo e ascolta”.
Franz Kafka

Avete chiesto…

Avete chiesto inconsciamente tutto ciò che vi accade, e offrite agli altri le esperienze che essi chiedono inconsciamente.
Susan Shumsky, Miracle Prayer

Scelte altrui

Le scelte compiute dagli altri non possono avere un impatto negativo sulla vostra esistenza a meno che non siate voi a includerle nella vostra esperienza prestando loro attenzione.

Esther e Jerry Hicks, Entra nel vortice dell’attrazione

La rabbia

La rabbia non è un antidoto alla rabbia. Una forte collera puo’ soffocatore una collera più debole, ma non la eliminerà. Quando sei arrabbiato, non dire niente. Pensa alla rabbia come se fosse una malattia, ad esempio un raffreddore, e stroncala con caldi bagni mentali, pensando a coloro con i quali non ti arrabbieresti mai, indipendentemente da come si comportano con te.
Paramhansa Yogananda, Come vincere le sfide della vita

Felici o infelici

Ma se una persona o un evento possono renderti felice o infelice, allora tu non sei un uomo libero, sei un servo; sei condannato a vivere sperando che nessuno ti faccia mai niente di male.
Salvatore Brizzi, Risvegliare la Macchina Biologica per Utilizzarla come Strumento Magico

Risveglio

Il lavoro di risveglio della coscienza e un’Opera di trasmutazione alchemica che ognuno di noi deve compiere all’interno di se stesso, prendendo su di se’ la responsabilita’ per il cammino intrapreso. Nessun “maestro” puo’ fare il lavoro al posto nostro. Se vogliamo risvegliare la coscienza possiamo farlo solo alimentando quotidianamente la nostra auto-coscienza, il nostro sentirsi presenti… e questo e’ un compito che non possiamo delegare a qualunque altro.

Salvatore Brizzi, Risveglio

Possibile e impossibile

Sentire che la felicità e’ insieme possibile e impossibile. Vivere questa abbagliante assenza di certezza.
Rifiutare ogni saggezza troppo duratura. Essere un uomo e non un serafino. Inseguire la felicità e non la gioia.
Il Piccolo Libro degli Istanti Perfetti, Philippe Delerm

Presente

Tutto è cambiamento, tutto è in costante movimento. Non dobbiamo penare per mantenere quello che abbiamo, per rimanere aggrappati a quello che ci dà sicurezza… L’unica cosa che abbiamo è il nostro presente.
I colori dimenticati, Silvia G. Guirado

Coincidenze

Le coincidenze significative non rimangono confinate alle esperienze di filosofi, teologi o scienziati.
Esse accadono a chiunque, indipendentemente dalle capacità intellettive. Sono simili alla folgore che collega, in un breve e sensazionale evento, il cielo e la terra. la persona cui accadono è di gran lunga quella più idonea a capirle, se non altro perchè si presentano come doni personali da una intelligenza superiore e amorevole, alla quale il destino dell’universo fa riferimento.

Il Potere delle Coincidenze, Frank Joseph

Connessioni

Perché così tante persone trovano incantevoli gli animali?
Perché la loro essenza – il loro essere- non è alterata dalla mente, come lo è nella maggior parte degli uomini.
E ogni volta che sentiamo l’Essenza in un altro, la sentiamo anche in noi stessi.
Poiché cani e gatti vivono ancora un originale stato di connessione con l’Essere, possono aiutaci a recuperarlo.
Quando lo facciamo, nel nostro caso, questo stato originale si approfondisce e si trasforma in consapevolezza.
Guardate un albero, un fiore, un animale. Portate uno sguardo di quieta consapevolezza su di esso, come ancora è, quanto è profondamente radicato nell’ Essere!
Consentite alla natura di insegnarvi… l’Essere.
Eckhart Tolle, “Guardiani dell’Essere”

Istinto primordiale

C’è un istinto primordiale dentro di te; agisce, ascolta, comunica… tu stai ad osservarlo di dirà una verità profonda che, in alcune occasioni, puo’ salvarti la vita.
Stephen Littleword, Piccole cose

Intuizione

Così come puoi permettere La soddisfazione degli istinti, puoi permettere e dare piena Libertà alla realizzazione dell’intuizione. E rimarrai sorpreso dal potere che portavi dentro di te.
Osho, L’Istinto

Legati

La nostra vita non è nostra. Da grembo a tomba siamo legati ad altri. Passati e presenti e da ogni crimine e ogni gentilezza generiamo il nostro futuro.
Cloud Atlas

Luce

Se è accesa in noi fa luce abbastanza per tutti i nostri propositi. Dobbiamo essere soddisfatti delle scoperte che possiamo fare alla sua luce; e faremo un uso corretto della nostra intelligenza, quando entreremo in rapporto con tutti gli oggetti nel modo e nella proporzione adatta alle nostre facoltà, e sulla base dei fondamenti che possono essere proposti a noi, e se non richiederemo perentoriamente o con intemperanza la dimostrazione e chiederemo la certezza dove la probabilità soltanto può essere ottenuta, una probabilità che sarà sufficiente a dirigere tutti i nostri interessi. Se rifiuteremo la credenza in ogni cosa, perché non possiamo conoscere con certezza tutte le cose, saremo tanto saggi come chi non usasse le gambe, ma restasse fermo e morisse, perché non ha ali per volare. Quando avremo conosciuto la nostra forza, sapremo meglio che cosa intraprendere con speranza di successo. E quando avremo passato accuratamente in rassegna i poteri del nostro spirito e fatto una qualche stima di che cosa ci possiamo aspettare da essi, non avremo piú la tendenza o a restar fermi e a non far lavorare affatto il nostro pensiero, disperati di non poter trovare nulla, né, d’altro lato, metteremo in questione ogni cosa, e rifiuteremo ogni conoscenza, perché alcune cose non possono essere intese…

“Saggio sull’intelletto umano”, John Locke

Costruire o piantare

Ogni essere umano, nel corso della propria esistenza, può adottare due atteggiamenti: costruire o piantare.
I costruttori possono passare anni impegnati nel loro compito, ma presto o tardi concludono quello che stavano facendo. Allora si fermano, e restano lì, limitati dalle loro stesse pareti.
Quando la costruzione è finita, la vita perde di significato.
Quelli che piantano soffrono con le tempeste e le stagioni, raramente riposano.
Ma, al contrario di un edificio, il giardino non cessa mai di crescere.
Esso richiede l’attenzione del giardiniere, ma, nello stesso tempo, gli permette di vivere come in una grande avventura…

Brida, Coelho.

Guardare

“Non dar retta ai tuoi occhi, e non credere a quello che vedi.
Gli occhi vedono solo ciò’ che è limitato.
Guarda col tuo intelletto (…)”

Gabbiano di Jonathan Livingston