Si può scegliere

“Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle”

Denis Waitley

leggere

“Non dire semplicemente di aver letto dei libri. Dimostra che attraverso questi hai imparato a pensare meglio, sei diventato una persona più riflessiva ed esigente.
I libri sono esercizi per la mente…”
(Epitteto)

Ho continue variazioni

Ho continue variazioni di umore cioè posso passare da un ottimismo sfrenato a un pessimismo abissale nell’arco di quattro battiti.
Daniel Pennac

Solo quando rinunci…

Solo quando rinunci ad ogni cosa,
né più mete conosci né più brami,
né la felicità più a nome chiami,

allora al cuor non più l’onda affannosa
del tempo arriva, e l’anima tua posa.

Felicità, H. Hesse

A tutti i folli

” A tutti i folli. I solitari. I ribelli.
Quelli che non si adattano.
Quelli che non ci stanno.
Quelli che sembrano sempre fuori luogo.
Quelli che vedono le cose in modo differente.
Quelli che non si adattano alle regole.
E non hanno rispetto per lo status quo.
Potete essere d’accordo con loro o non essere d’accordo.
Li potete glorificare o diffamare.
L’unica cosa che non potete fare è ignorarli.
Perché cambiano le cose. Spingono la razza umana in avanti.
E mentre qualcuno li considera dei folli, noi li consideriamo dei geni.
Perché le persone che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo sono coloro che lo cambiano davvero…”
Steve Jobs

Ognuno ha il proprio scopo

Ognuno ha il proprio scopo, è vero, ma trovare quale sia il tuo è impossibile se non hai trovato prima te stesso. E nel momento in cui troverai te stesso, troverai simultaneamente anche il tuo scopo.
Quindi non c’è bisogno di preoccuparsi dello scopo. Tutta quanta l’attenzione dovrebbe essere focalizzata sul conoscere te stesso, e il modo per conoscere te stesso è la meditazione.
(Osho, Ha un senso la vita?)

Un solo essere

Ambedue non avevano alcun ritegno alle mutue prodigalità della carne e dello spirito. Provavano una gioia indicibile a lacerare tutti i veli, a palesare tutti i segreti, a violare tutti i misteri, a possedersi fin nel profondo, a penetrarsi, a mescolarsi, a comporre un essere solo. ”

Gabriele d’Annunzio, Il piacere

Certe sensazioni

Certe sensazioni vanno colte al volo o svaniscono. Svaniscono lasciando dietro di sé l’amaro sapore di cose non dette, di carezze non date, di attimi non vissuti, di sogni infranti dalla delirante compostezza di una fragile normalità.
Angelo De Pascalis

Come poteva essere facile per me l’amore?

“Come poteva essere facile per me l’amore? Per me che sono così fragile, per me che ho mille timori. Come poteva essere facile per te stare con me? Con me che non so lasciarmi andare, con me che non so lasciar correre? Mi ripeto, mi ripeto spesso e te ne sarai accorto. Anche quando parlo, spesso, ridico le stesse frasi più volte. Perché? Perché mi chiedi e posso solo rispondere che non mi ha mai capito nessuno, e lo faccio piena di vergogna. Ti rispondo che è meglio che dica le cose una, due, tre volte per non essere fraintesa, per essere ascoltata, per essere compresa. Come poteva essere facile per me innamorarmi? Per me che vivo ogni cosa come se fossi un fiore sbocciato sul ciglio di una strada, per me che non bacio mai per caso e se lo faccio è solo per dimenticare il dolore? Mi dispiace, mi dispiace tanto che quel giorno tu non sia andato avanti, tu abbia posato i tuoi occhi sui miei capelli e sulla mia schiena. Mi dispiace perché di certo i miei occhi non sono lo specchio della mia anima, perché i miei occhi sono scuri, ma la mia anima è di mille colori e tu magari pensavi fossi solo un po’ “complicata”, come lo sono in tante, e invece no: sono assurda.
Come poteva essere facile per me non andar via? Per me che ho visto chiunque andare via, per me che alla fine ho iniziato a pensare che fosse giusto così: far innamorare tanto e poi scappare? Ti amo, che frase sciocca, ti amo e mi terrorizzi e con te le mie paranoie si acuiscono in modo imbarazzante, e quasi quasi non le controllo più, e poi piango tanto quando non ci sei e anche quando ci sei, perché è difficile, per me è difficile, per me amare è difficile. Sarei più brava a correre per una vita intera come Forrest Gump, sarei più brava ad essere tua amica, a guardarti in silenzio, a morire per te, ma vivere con te vivere con te e scusa se mi ripeto ancora, vivere con te che sei sempre così felice di vedermi, di parlarmi, che vuoi sempre far l’amore anche quando non si potrebbe, che sei così pulito e che mi fai ascoltare le canzoni che ti piacciono di più e che mi fai guardare i film che ti hanno cambiato un po’ vivere con te, per me, è difficile. Bellissimo e difficile.
Come poteva essere facile per me?”

Susanna Casciani

Allegria

Il miglior modo per stare allegri e’ cercare di rallegrare qualcun altro.
(Mark Twain)

In silenzio

I discorsi più belli sono quelli fatti in silenzio, i baci più belli sono quelli dati lentamente, gli abbracci più belli sono quelli in cui non ti accorgi più dove finisce il corpo e dove inizia il suo.
Claudia Marangoni

Animali

Chi non ha mai posseduto un cane, non può sapere che cosa significhi essere amato.
Schopenhauer