Tu dici

Tu dici che ami la pioggia, ma quando piove apri l’ombrello. Tu dici che ami il sole, ma quando splende cerchi l’ombra.
Tu dici che ami il vento, ma quando tira chiudi la porta. Per questo ho paura quando dici che mi ami.

Frase attribuito a William Shakespeare. In realtà, su segnalazione del nostro amico Roberto, abbiamo scoperto che la citazione è di Qyazzirah Syeikh Ariffin

Annunci

14 Risposte

  1. “Non affannatevi dunque per il domani,

    perche’ il domani avra’ gia’ le sue inquietudini”

    (Matteo 6,34)

  2. – Je t’aime! –
    – No, non t’emer… Se tu t’amas plu… Ah, se tu t’amas plu!

  3. …delle volte….

  4. Caro Rafeluzzzzzzzu, condivido le parole del grande Maestro e del grande drammaturgo. Egli nella sua psiche è un essere drammatico, però la sua disciplina e la sua arte, arrivano al punto, di scherzare, niente popo di meno che, sull’ amore.

    William è il vero compositore drammatico dell’ occidente… , tu invece sei il pù grande drammaturgo, dei viaggi astrali, ahahaha.

    Guerriero, affacciati in questo condominio del sapere…. . Mi mancono i tuoi scritti. E’ una tristezza, per me, non leggerti !

    Rafè, Rafè, Rafè, Rafè, Rafè, Rafè, tu che sei il principe della metafisica, conosceresti qualche dott. dell’ anima ?

    PERCHE’ VORREI TROVARE IL MIO SE’, IN ALTRI TERMINI, ME STESSO.

    E’ una nobile pensata… !

    Il video che ti sto mandando, mi ha toccato. La Sicilia l’ amo perchè la porto dentro, essa è l’ anima del mondo, dove il cuore si apre all’ azzurro del cielo. e ai grandi misteri della vita.

  5. Mi spiace dovervi deludere, ma questa citazione non è sicuramente tratta da Shakespeare. Siccome infatti non mi suonava e siccome non mi accontento mai, ho svolto una breve ricerca e ho scoperto che in effetti detta citazione gira per internet nella forma inglese: “You say you love rain, but you use an umbrella to walk under it. You say you love sun, but you seek shade when it is shining. You say you love wind, but when it comes you close your window. So that’s why I’m scared when you say you love me”, attribuita da qualcuno a Shakespeare, da altri a Bob Marley. Invero pare che sia tratta da un anonimo poeta turco contemporaneo, tale Qyazzirah Syeikh Ariffin, che però, a sua volta, si sarebbe ispirato a dei versi di Jean Cocteau: “Tu dis que tu aimes les fleurs et tu leur coupes la queue, tu dis que tu aimes les chiens et tu leur mets une laisse, tu dis que tu aimes les oiseaux et tu les mets en cage, tu dis que tu m’aimes alors moi j’ai peur”.
    Ma, come ha detto Troisi ne Il Postino (peraltro citando anche lui), è vero in fondo che la poesia non è di chi la fa, ma di chi la usa. E questi versi sono decisamente belli. Anzi, mi hanno ispirato:
    “Tu dici che ami l’ambiente, poi però non riesci a rinunciare al cellulare, alla macchina e a tutte gli altri bisogni moderni che inquinano e consumano le risorse; tu dici che ami la vita, poi però resti sempre a casa davanti al tuo computer e non esci mai per andare a ballare e a divertirti con gli amici; tu dici che ami l’umanità, poi però rimani indifferente, quando sai che tuoi simili sono detenuti ingiustamente, quando vedi disperati per le strade, quando senti di bambini violati, di donne stuprate, di innocenti uccisi. Per questo ho terrore quando dici che mi ami”.
    Roberto

  6. Grazie carissimo Roberto, hai fatto benissimo ad informarci 🙂 Un abbraccio e buona giornata

  7. Grazie comunque a te, Gabriele, perché ci regali questi bei momenti di umanità e riflessione, e buona giornata anche a te!

  8. 🙂 🙂 🙂 🙂

  9. UNA VERITA’, NON VA DIMOSTRATA CON UNA PRESUNTA VERITA’, COSI’ SI FOMENTA L’ OMBRA DELLA VERITA’.

    L’ ARTE DI SEDURRE, CON LA CULTURA, NON E’ UNA PROVA DI VERITA’.

    E’ UN NIENTE CHE VA ANNIENTATO.

    E’ LA VERITA’, CHE FA LA VERITA’.

  10. Angel…..

  11. “La verità è simile a Dio: non si rivela direttamente; dobbiamo indovinarla dalle sue manifestazioni.” Ghoete….e magari non urlarla a squarcia gola in faccia alla gente….perchè ognuno ha un propio tempo per comprendere e “digerire” e “trasformare” ciò che sente…..si digerisce con la pancia e non con la testa.Ognuno porta con se le propie verità…e in se la possibilità di variarle……..ma niente urla……prego.

  12. 😀 Un Caloroso Saluto al Nostro Amato Prof. Gabriele e a Tutti i RAFIOSI/RADIOSI di questa Preziosa Casa 😀

  13. Buonasera caro Raffaele 🙂

  14. Ciao Luigggggggione 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...