Il bacio

Tento di non identificare azioni rintracciabili in luoghi comuni che rassicurino come una tabellina per principianti e neofiti, come sempre. Comprendo di voler appartenere alla guglia più alta. Quella satura d’ossigeno, che mi permetta di vaneggiare indisturbata. Non fosse che la voce narrante ora, proprio ora, mi ricorda la logica amorosa del bacio e dell’intenzione che abbisogna di due.
Sarebbe inverosimile scantonare in stereotipi che diano consenso ai romantici ameni condizionati da batticuore di gruppo, a me non interessa. Se bacio quindi è perché la mia bocca ha deciso baciando di baciarsi sentendosi baciata, rientrando così nella linea del disordine singolare che m’appartiene. Vorrei un alibi e subito a questa formula unilaterale che dissacra il bacio abitudinario. Qualcuno mi difenda con molte menzogne. Mi consoli senza contraddire come si fa con gl’intrattabili.
tratto da IL BACIO
di Ornella Pennacchioni.

7 Risposte

  1. Anche gli indifendibili hanno fatto prove di bacio con lo specchio. E’ un po’ come le prove di svenimento: si spera che, se deve avvenire, accada rimandando un’immagine più gradevole di un sacco di patate.
    Un consiglio non richiesto: bacia quando mangi una fragola, bacia condividendo il pasto, come sono soliti nutrire gli uccelli i loro piccoli. Quelli che avrai incontrato sulla guglia più alta. Fai l’amore con il sapore, per Bacco!

  2. BACIO:(1987)
    Ho sognato
    Di baciare sulle
    Labra il Sogno
    Ho sognato il Sogno
    Per l’intera Veglia
    Ho sognato di baciare
    Sulle ciglia il sogno
    Cosi, le tue.

  3. Valeria-Luo D.A. Nel quotidiano, i metodi corrispondono alle consuetudini umane anche per me, ma dal laboratorio creativo adoro sobillare le consuetudini. Domani compero le fragole. 🙂
    Grazie del commento!

    Ornella Pennacchioni

  4. occhio alle parole

  5. …Ne so qualcosa dei laboratori creativi, dei consueti metodi usati al solo scopo di sovvertire la consuetudine in “alba primordiale” che esala il suo primo respiro dal profumo di zenzero e cannella…
    Ah, se ne so qualcosa di bisbetiche perse tra alambicchi e guglie… o forse erano pignate e cuccume, ora non ricordo con esattezza pitagorica la forma di codesti mezzi di persuasione, anzi di intimidazione a cedere definitivamente alle lusinghe del nuovo che bolle e ribolle e che “sarà pronto a momenti” e che “odorino”… E “che cavolo”, ero l’assaggiatrice ufficiale di quell’adorata scompositrice di abitudinarie formule gastronomiche che all’anagrafe è mia sorella: non potevamo tenere gatti in casa, da piccole, perciò puoi fidarti. Le fragole, sì! 🙂
    Grazie a te, Ornella, per avermi risposto.

    Valeria Dell’Anna

  6. Il bacio

    Il bacio appena sognato
    in una notte di tradimenti,
    dove tutti consumano amplessi
    che non hanno profumo,
    il tuo bacio febbricitante,
    il candore delle tue labbra,
    somiglia alla mia porta
    che non riesco ad aprire.
    Il bacio è come una vela,
    fa fuggire lontano gli amanti,
    un amore che non ti gela
    che ti dà mille duemila istanti.
    Ho cercato di ricordare
    che potevi tornare indietro,
    ma ahimè il tuo bacio
    è diventato simile a un vetro.
    Io come un animale
    mi rifugio nel bosco
    per non lasciare ovunque
    il mio candido pelo.
    Il pelo della mia anima
    è così bianco e così delicato
    che persino un coniglio ne trema.
    Tu mi domandi quanti amanti ho avuto
    e come mi hanno scoperto.
    Io ti dico che ognuno scopre la luce
    e ognuno sente la sua paura,
    ma la mia parte più pura è stata il bacio.
    Io tornerei sui monti d’Abruzzo,
    dove non sono mai stata.
    Ma se mi domandano
    dove traggono origine i miei versi,
    io rispondo:
    mi basta un’immersione nell’anima
    e vedo l’universo.
    Tutti mi guardano con occhi spietati,
    non conoscono i nomi delle mie scritte sui muri
    e non sanno che sono firme degli angeli
    per celebrare le lacrime che ho versato per te.

    (da “Rasoi di Seta”)

    Un saluto a tutto lo Staff e a te Gabriele di Cuore

  7. Buongiorno Maria Ausilia 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...