Godi se il vento ch’entra…

Godi se il vento ch’entra nel pomario
vi rimena l’ondata della vita:
qui dove affonda un morto
viluppo di memorie,
orto non era, ma reliquiario.

Il frullo che tu senti non è un volo,
ma il commuoversi dell’eterno grembo;
vedi che si trasforma questo lembo
di terra solitario in un crogiuolo.

Un rovello è di qua dall’erto muro.
Se procedi t’imbatti
tu forse nel fantasma che ti salva:
si compongono qui le storie, gli atti
scancellati pel giuoco del futuro.

Cerca una maglia rotta nella rete
che ci stringe, tu balza fuori, fuggi!
Va, per te l’ho pregato, – ora la sete
mi sarà lieve, meno acre la ruggine …

Annunci

3 Risposte

  1. “Credo che nelle nostre vite
    non ci sia un destino già segnato…la nostra strada è un viaggio dentro di noi, è UNA SCOPERTA ED UN EVOLVERSI CONTINUO…
    E OGGI non siamo quello che eravamo eri e
    non siamo nemmeno ciò che saremo DOMANI,
    ma è giusto così!

    noi siamo quello che scegliamo di essere ad ogni istante vivendo la nostra vita e non siamo ne giusti ne sbagliati, siamo noi stessi!”

    Shan

    Per godersi la vita
    basta tuffarsi nella bellezza di ogni singolo istante
    gustarsi con gioia le piccole cose
    e sorridere… sorridere alla vita!

    Stephen Littleword

    Ricordando però:

  2. “il cuore della vita
    è sfera immobile e serena,
    e in quel punto rifulge
    una stella che è fissa in eterno.”

    Kahlil Gibran
    ****
    ed aggiungo:

    AMORE È UN FARO SEMPRE FISSO
    CHE SOVRASTA LA TEMPESTA E NON VACILLA MAI;
    È LA STELLA- GUIDA DI OGNI BARCA ERRANTE,
    IL CUI VALORE È SCONOSCIUTO, BENCHÉ NOTA LA DISTANZA.

    impavido resiste al giorno estremo del giudizio;

    SE QUESTO È UN ERRORE E MI SARÀ PROVATO,
    IO NON HO MAI SCRITTO, E NESSUNO HA MAI AMATO.

    SHAKESPEARE

  3. …Ora soooo, che cosa è un culatello e cosa nooooo,
    … non fuggirò, no, no, da questo ribollente grembo psichico o pentolone;
    non spezzerò la catena che raggio e distanza è da quel centro:
    il mio!
    Ma con questa catena segnerò il cerchio perfetto entro il quale crescere.
    Al di là del muro l’ostetrica può attendere!
    Ma non più del tempo dovuto, ahimè: il sotto-sopra e il dentro-fuori sarà agitato dalla ventosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...