La grande letteratura

“Questa era comunemente ritenuta una funzione della grande letteratura: fare da antidoto alla sofferenza attraverso la descrizione del nostro comune destino”.

Philip Roth

Annunci

2 Risposte

  1. La Fiaba, per esempio, la quale, secondo Jung, libera gli archetipi che dimorano nell’inconscio collettivo e quando ne leggiamo una particolarmente bella, obbediamo all’antico precetto del “conosci te stesso”. Secondo Lewis, inoltre, i bambini, e gli adulti poi, conserveranno una consapevolezza dell’umanità e della storia sociale che non potrebbero ottenere in altro modo.
    E’ un po’ la storia attuale del leone e del leopardo…

  2. dal dolore individuale a quello cosmico….diminuiva la sofferenza personale…insomma il concetto popolare :mal comune mezzo gaudio?Non credo che sia questo il senso della condivisione del dolore sia nel leopardi che nel Pascoli..quanto piuttosto l’impotenza dell’uomo a sottrarsi a questa legge della natura!!!gi

    Il 19/02/13, l’unico Blog ufficiale di Gabriele La

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...