Non per far “politica”…

…né per informarvi su qualcosa che, tristemente, già conosciamo tutti. Ma questo articolo non riesce a lasciarmi indifferente. E’ così brutale per quel che descrive. Come ci siamo “persi”. Ma spero stia arrivando il momento per risollevarci nel senso più ampio del termine

Un abbraccio
Gabriele

Cronache dall’Italia in crisi:  “Così siamo diventati poveri”

Otto milioni di italiani vivono con meno di mille euro al mese. L’ascensore sociale è tornato indietro di 27 anni. La crisi economica ha massacrato la classe media che si ritrova così a fare i conti con le bollette ammucchiate sul frigo, l’assillo dell’affitto da pagare, la retta dei bambini a scuola. Ecco alcune semplici storie di chi per farcela  compra il pane del giorno prima o divide la casa con altre famiglie. Vite di laureati che fanno i baristi e di mariti mandati sul lastrico dal divorzio di CONCITA DE GREGORIO

NUMERI non rendono l’idea. Siamo assuefatti, bombardati. Non li tratteniamo neppure il tempo necessario perché si traducano in un pensiero. Sono le storie che parlano. Quelle sì, quelle somigliano tutte a qualcosa che sappiamo. La commessa del super, il fornaio dove vai a comprare le rosette, il ragazzo che ha l’età di tuo figlio, il padre di mezza età, la madre.

Questa è l’Italia, questi siamo noi. Narcotizzati da una campagna elettorale che discute di pensioni e di tasse, di esodati e di aliquote: un mondo politico che parla, provando a farsi votare, a chi il lavoro ce l’ha o ce l’ha avuto. Ma quasi la metà del paese non ha lavoro, lavora al nero, ha redditi sotto i mille euro. La media delle famiglie italiane guadagna meno di ventimila euro l’anno, dicono i dati ministeriali, con buona pace delle discussioni sulla patrimoniale per chi ha redditi sopra il milione o il milione e mezzo.

C’è differenza fra ventimila e un milione, una differenza così grande che genera, in chi non trova ascolto, rabbia, ostilità, fragilità, disillusione. Siamo tornati poveri, dicono i dati Istat. Più di otto milioni di italiani, una famiglia su dieci spende circa mille euro a testa al mese, la cifra sotto la quale l’Istat stabilisce la soglia di povertà relativa.

Indietro di 27 anni. Ma nemmeno questo rende l’idea perché ormai sono anni che separarsi è diventato un lusso da ricchi,

che il ceto medio è scivolato verso l’indigenza, che i padri che pagano gli alimenti dormono in macchine e vanno a mangiare alla Caritas. La novità, oggi, come queste sei semplicissime storie raccontano, è che nell’indifferenza diffusa comprare a metà prezzo il pane di ieri, fare la spesa al super di carne in scadenza e quindi in saldo, nascondere la laurea per trovare un lavoro da 800 euro o laurearsi per poi servire ai tavoli di un pub, al nero, è diventato assolutamente normale.

Tutto intorno è così. L’ascensore sociale non è solo fermo, guasto, bloccato dal malaffare e dal malgoverno. Torna indietro. Non sale: scende. I figli hanno un destino peggiore dei padri, il giovane laureato in Legge, figlio di operai del Sud, ha vergogna a dire che non sa che farsene del suo titolo, non sa come spiegarlo ai genitori. Non va avanti, non può tornare indietro. È il lavoro che manca. È l’unica cosa di cui parlare, la sola di cui una campagna elettorale dovrebbe occuparsi: offrire un progetto per restituire lavoro al Paese. Senza libertà materiale non c’è libertà politica né democrazia. Il resto sono chiacchiere.

LA CASSIERA
“Vedo tanti pensionati a caccia di super-sconti tra i prodotti in scadenza”
“Può scrivere solo il mio nome? Non vorrei passare un guaio, mi manca solo quello. Giovanna. Faccio la cassiera qui da otto anni, delle prime sono rimasta l’ultima. Ora arrivano tutte ragazze che stanno tre mesi meno un giorno, poi cambiano. Contratti di formazione, li chiamano: ti danno due euro, ti “formano”, poi ti mandano a casa e avanti un’altra. Così se ne va la giovinezza e poi dopo a quarant’anni dove lo trovi un impiego? Sì, qui nel nostro “super” facciamo gli sconti last minute. Non li ha visti? Sono quelli con il prezzo in giallo. Se il formaggio, o il latte, o la carne sono a 24 ore dalla scadenza costano fino all’80 per cento in meno. Roba da mangiare subito, la sera stessa, prima che vada a male. Ma ancora buona, eh. Guardi, si fermi a guardare: la comprano tutti. Vede, qui a San Giovanni in Laterano, ci vivono moltissimi pensionati. Vengono col borsellino con la cerniera e dieci euro dentro, la busta di plastica da casa. Che poi uno dice pensionati e pensa agli anziani, ma i pensionati che vedo io hanno anche meno di sessant’anni. A 58 anni non sei vecchio, ma se da un giorno all’altro i duemila euro di stipendio diventano 900 di pensione e se hai ancora i figli a casa… Sapesse quante ne sento. Allora per forza devi comprare la carne che scade. Guardi, guardi. Perché non si direbbe, no? Li vedi ben vestiti, poi arrivano alla cassa e fanno passare tre oggetti. Ormai pagano più in monete che in banconote. Abbiamo anche un accordo con le scuole: i punti della spesa si possono devolvere all’istituto di quartiere per il materiale scolastico. Sì, alla scuola pubblica, perché?”

L’OPERATRICE DI CALL CENTER
“Tre donne, quattro figli: con una casa in comune arriviamo a fine mese”
“Mi chiamo Antonia L. Ho 57 anni, una figlia di 18 che vive con me. Ho cominciato a lavorare al call center quando mi sono separata, tre anni fa. Il mio ex marito non è in condizione di darci niente. Prendo, come tutti, 80 centesimi lordi a chiamata. Il mensile dipende da quanto lavoro. Se sono in salute, se ci metto gli straordinari posso arrivare a 800 euro. Ne pagavo 400 di affitto, più un centinaio di bollette varie. Con i 300 euro che restavano a vivere in due non ce la facevamo. Come me le altre, che al call center siamo soprattutto donne, e tante sole con figli. Con due di loro siamo andate a vivere insieme, un paio di anni fa: un appartamento a Cinecittà. In casa siamo tre donne, una ragazza, la mia, e tre bambini. Ciascuna dorme in camera coi figli. Facciamo la spesa a turno, una volta alla settimana, al discount. A turno laviamo, cuciniamo e assistiamo quelli che si ammalano così se una ha il figlio con la febbre può andare lo stesso al lavoro. Ci prendiamo anche una serata libera, a rotazione. Abbiamo una macchina sola, una tv, un computer. Dividiamo tutto, per orari e per giorni. È una specie di comune anni Settanta: solo che allora lo facevamo per scelta, ora per necessità. Mio padre era impiegato, mia madre maestra. Hanno laureato tre figli, avevamo una casetta al mare. Io la mia laurea ho dovuto nasconderla, sennò ero troppo qualificata per ottenere il lavoro. Mia figlia dice che l’università non serve, non so più cosa risponderle. Da ragazza facevo politica, sono stata anche iscritta a un partito. Ora no, a votare non ci vado più”.

IL PANETTIERE
“Vendo a metà prezzo il pane del giorno prima: c’è la fila per comprarlo”
“Abbiamo fatto mettere un cartello fuori: “Il pane di ieri a metà prezzo”. Ho raccomandato ai dipendenti discrezione per non urtare le suscettibilità di nessuno. Sa com’è: siamo tutti benestanti fino a prova contraria, il paese è piccolo, la gente parla, la dignità non ha prezzo. Però vedo che lo chiedono in tanti, il pane di ieri. Mi chiamo Luigi Di Ianni, ho 64 anni. Facevo il commerciante, qui a Sulmona. Quando sono andato in pensione ho rilevato il forno “Profumo di pane”, che è anche una pasticceria. Un’attività di medie dimensioni: tre punti vendita, mia moglie e mio figlio piccolo che mi aiutano e nove dipendenti. Questo Natale è stato un disastro. I dolci prima si vendevano tutti i giorni, ora a stento per le feste e la domenica. Il pane da noi siamo abituati a comprarlo in forme grandi, e si butta. Uno spreco che non ci possiamo più permettere. Mia madre faceva il pane con le patate che durava venti giorni. Allora ho pensato: ma perché abbiamo smesso di fare così? Se avessimo fatto attenzione, in passato, se fossimo stati più sobri… Io le vedo le persone a negozio, la conosco Sulmona. Sta morendo. Siamo in provincia dell’Aquila, abbiamo passato tristi giorni. Molti sono in cassa integrazione, molti hanno i figli che sono tornati a casa, e tocca mantenerli. Io stesso, se guardassi solo i conti, farei meglio a chiudere. È un impegno verso gli altri, l’impresa. È buono ancora, sa, il nostro pane di ieri? E poi il pane è sacro. Non si butta. Vedo che lo chiedono, infatti. E magari dicono per giustificarsi: sa, ci devo fare le polpette, i ripieni. Che importa se non è vero”.

L’IMPRENDITRICE FALLITA
“Noi strozzati dai debiti, mio padre si è ammazzato e l’azienda non c’è più”

“Ho scritto a Monti, a Napolitano. Volevo solo che sospendessero le ingiunzioni di pagamento. Mio padre si è ammazzato per quello. Per rimetterci in piedi ci voleva un po’ di tempo, un po’ di liquidità, soprattutto avevamo bisogno di non essere in mora coi pagamenti. C’è una legge per i casi come il nostro, ho controllato. Ma non è successo niente. Passavano i mesi e le ingiunzioni continuavano ad arrivare. 200 mila. 180 mila euro a volta. Ma creditori di chi? Papà si è sparato. L’azienda non c’è più. E lo sa poi cos’è che lo ha rovinato? L’amministrazione pubblica. I lavori fatti e non pagati. Fatti, consegnati, con la mano d’opera e i materiali pagati: e i pagamenti delle municipalizzate, delle Asl che non arrivavano mai. A nove mesi, a dodici mesi. E se protesti è peggio, perché poi non lavori più. Ma come fai ad aspettare e intanto pagare i contributi ai dipendenti? Da dove li prendi i soldi? E se ritardi la stessa amministrazione pubblica che non ti paga i lavori ti nega la patente di legalità, non ti dà le carte che ti servono per accedere ai crediti bancari. E così muori, perché poi ci sarebbe da parlare dell’usura bancaria, l’usura legale che ti strozza e ti mette in ginocchio ma io non ne voglio parlare perché sono stanca e non ne posso più. Ho un figlio piccolo devo pensare a lui. Avevo pensato di andare via dal mio paese, dalla mia regione che è il Veneto, certo, il polmone produttivo d’Italia, come no. Ma poi dove vado. Mi chiamo Flavia, lasci stare il cognome. Sono stanca, gliel’ho detto. Tanto qui da noi lo sanno tutti chi sono e sono stanca anche di questo. Vorrei solo sparire”.

IL SEPARATO
“Lo stipendio da grafico se ne va per mio figlio: adesso vivo di carità”
“Cosa vuole sapere che non abbia già raccontato? Ora vengono tutti a intervistarci come se fossimo bestie nello zoo: “Le case dei padri separati”, scrivono nei titoli, e poi sotto sempre le stesse storie, tutte uguali. Cosa c’è di interessante? Non è normale? E poi perché tutti ora? Sono anni che va così e nessuno si è mai occupato di come vive un uomo che guadagna 1200 euro e si separa, deve pagare gli alimenti e mantenere i figli piccoli. Come vuole che viva? Con 300 euro al mese, vive. Oppure va per strada. Dorme in macchina. Sì, va bene, scriva. Mi chiamo Umberto, ho 52 anni, da otto mesi sto in una stanza dei Padri oblati di Rho. Mio figlio ne ha 11 e sta con me una settimana ogni due. La casa l’ho lasciata alla madre. Quando viene qui dormiamo nello stesso letto, anche se ormai è grandino. Ma non protesta. Prima, quando giravo per i divani letto degli altri, era peggio. Sono diplomato: grafico. Lavoro in una ditta, faccio il materiale pubblicitario. Ho provato a cercare un secondo lavoro, ma è un miracolo se sono riuscito a tenermi il primo. Per un periodo sono andato in depressione. Dopo l’apatia mi è venuta su una rabbia pazzesca. Ma come è possibile, dico, che si debba campare di carità? Ho smesso di guardare la tv, a sentire i talk show politici mi montava la furia, il resto è schifezza per addormentarsi. La macchina l’ho venduta, mio figlio a scuola lo accompagno coi mezzi. Lui si vergogna, vuole che scendiamo alla fermata prima della scuola. Non bisognerebbe separarsi mai. Resistere, ingoiare ma restare. Io non ce l’ho fatta, e ora pago”.

IL LAUREATO
“Avvocato sulla carta faccio il cameriere per 400 euro al mese”

“Mi chiamo Giuseppe Minafro, ho 24 anni, la mia famiglia è di Sala Consilina, una frazione. Siamo di origine contadina, i miei genitori operai. Ho due fratelli, un maschio e una femmina. Non ci è mai mancato niente. Ho visto i miei lavorare sempre, tanto, ma la domenica a tavola c’era la torta e il vino dolce, d’estate si andava in vacanza al mare, stavamo bene, noi figli abbiamo studiato tutti. Certo che i miei hanno fatto i sacrifici, per noi, specialmente per me che mi hanno mandato a Roma e mi hanno pagato i libri, l’affitto della stanza, i biglietti del treno per andare e tornare. Io mi sono laureato, ora: Giurisprudenza, con una tesi in diritto penale. Abbiamo fatto una festa a casa. Una festa bellissima, con mezzo paese. Tutti a dire che orgoglio, che bellezza Peppino, ora che sei avvocato ci devi rendere giustizia. Ma io non lo faccio l’avvocato e non lo farò mai. Non sono parente a nessuno, come si dice da me. Concorsi in magistratura non ce ne sono. Io quello che faccio è lavorare in un pub dietro Campo dè Fiori. Cameriere la notte: entro alle sette e stacco alle tre del mattino, e prendo 400 euro al mese. Senza contratto, macché. Se rinuncio io entra un altro. Ho una ragazza, dividiamo il fitto della stanza. Dovrei essere contento, ho avuto bei voti alla tesi e tanti complimenti. Però ho un’angoscia dentro che mi porta via. Io l’avvocato non lo faccio ma al paese mio non lo sanno, e ai miei genitori gli dico ancora un po’, non salite, aspettate che mi sistemo. Perché come faccio a spiegarglielo a loro, che hanno la terza media, che la mia laurea non mi serve a lavorare?”

9 Risposte

  1. Reblogged this on SPIRANIMA and commented:
    E pensiamo ancora che la politica serva a qualcosa???….Almeno questa nostra politica di oggi???….

  2. …per questo motivo ho il dovere di custodire il mio voto: non si possono sempre dare perle ai porcelli…

  3. A mio avviso, visto i nefasti effetti che da tempo, TUTTI I nostri politici hanno causato, visto che anche se sono state presentate liste con giovani elementi, ma patrocinati da vecchi arroccanti ormai superati ideologie politiche (perché sono risultati come la bandiera che si sposta al mutare del vento); io smonterei tutti sti stronzi che già si dichiarano vincitori o associati con i vincitori e concordato già le loro cariche politiche , votando e appoggiando un MOVIMENTO POPOLARE (con tutte le giuste o ingiuste controversie che si vuole pensare o sostenere) come quello sostenuto da Grillo. Sarebbe una forte motivante rivolta popolare al vecchio regime, che si è rivelato altamente discriminatore incivile incostituzionale, assai corrotto e malavitoso. Malavitoso perché il loro potere l’hanno costruito parteggiando celatamente (ma ormai abbastanza evidente così come è risultato al massimo vertice che è il nostro amato stimato, ma anche corrotto Napolitano) sul secondo stato che opera a livello capillare su tutto il territorio…. Se continuerà a sussistere questo stato di globale malessere, di sicuro gli effetti saranno così nefasti che porterà non solo ad una “guerra fra i poveri” (perché ci metteranno nelle condizione di scannarci fra di noi) , ma anche e soprattutto ad una “guerra civile”, dove gli effetti possono essere anche previsti, dove di sicuro dopo tante inutili stragi, verrà istaurato un regime di vera e propria persecuzione su ambi i fronti opposti, come quella che fu fatta ai primi veri cristiano gnostici, ma questa volta sarà anche più drammatica perché in molti reagiranno contro questi numerosi malevoli tiranni (anche contro le forze dei paesi della nato che interverrebbero) che nel nostro paese sono tantissimi….

    NON E’ CERTAMENTE UNA SITUAZIONE DA NON VALUTARE, NON SOLO PER NOI, MA SOPRATTUTTO PER I NOSTRI FIGLI E PER UN PROSSIMO, SE VOGLIAMO CHE CI SIA UN PROSSIMO…

  4. Se pensiamo che questa crisi economica il nostro paese poteva evitarla per la semplice ragione che si è voluto seguire la folle politica europea imposta dalla finanza a tutto danno di una vera politica imprenditoriale di libero scambio (come doveva darsi nelle intenzioni lo statuto europeo), scaricando solo sui cittadini carichi economici insoportabili (tasse, disoccupazione, prezzi elevati, disservizi sociali, etc) al solo scopo di salvare l’economia dei banchieri (siamo tornati al tempo della socialdemocrazia di Weimar).
    La prima domanda è :”Chi paga queste scelte scellerate”? Solo e sempre i cittadini?. Allora questa è la dimostrazione che si è in un paese governato da una costituzione non democratica ma oligarchica, quindi non come avevano pensato i Padri Costituenti.
    Cominciamo col chiamare le cose col loro vero nome.
    Siamo entrati nel tunnel del cambiamento che vedrà questa società morire, perchè priva di qualunque ideologia rinnovativa, e destinata a rinascere dalle sue ceneri come la mitica Fenice.

  5. La volete sentire una barzelletta?

    La politica!!!!

  6. invece una catastrofe?

    la politica

    in Italia

    oggi!!!!

  7. Chi marcia per la pace, chi partecipa minaccioso ad adunate per la giustizia sociale, difficilmente sospetta di essere portatore dell’impulso opposto a quello che presume affermare: egli si fa una forza della sua incapacità di riconoscere in sé il principio dell’ingiustizia e della guerra. In tale atteggiamento è in atto la sottile volontà dell’ingiustizia e della guerra. La povertà di idee di simile marcia o adunata, è il credere che qualcuno individualmente identificabile abbia il potere di instaurare o togliere pace e giustizia: che esistano individui dotati del potere di promuovere la pace o la guerra, come la giustizia o l’ingiustizia sociale. A parte il significato tattico di simili manifestazioni, si tratta ancora una volta dell’accusa verso l’altro, dell’attribuire ad altri, fuori di sé, la responsabilità di quello che avviene: del principio della condanna dell’altro: il principio vero dell’ingiustizia e della guerra. Il pacifista è colui che meno di tutti può sentire la corresponsabilità della situazione cui sia corollario ultimo la guerra: è il più lontano dal supporre di portare in sé le cause della guerra, e dall’idea di un’azione interiore che possa essere inizio di pace. Tale azione dovrebbe essere il portar la guerra a se stessi, al proprio istinto di avversione e alla dialettica che immediatamente la riveste. Fino a che questa identità della dialettica con l’istinto d’avversione non venga avvertita, epperò superata, il conflitto è inevitabile, il dissidio insanabile. La guerra combattuta con le sue inumane stragi e le sue distruzioni, sta lí come ultima conseguenza di un processo interiore che sfugge alla coscienza umana: processo che sarebbe saggio penetrare là dove sorge, piuttosto che credere di afferrare nelle sue finali manifestazioni. La guerra è l’espressione visibile di uno stato di fatto invisibilmente compiuto.
    Un’analisi metafisica delle ragioni della inevitabilità della guerra potrebbe scoprire la connessione karmica, epperò la corresponsabilità spirituale del tipo umano sociopolitico uso a rivendicare a sé l’estraneità alle cause della guerra. La guerra non viene scatenata da un uomo o da un gruppo di uomini individualmente identificabili in base a inchieste indiziarie: gli evidenti responsabili, invero, sono soltanto gli inconsci strumenti di un meccanismo già in moto prima che essi l’avvertano e di cui nessun essere consapevole, a un simile livello di coscienza, si può dire che possegga il comando. Se si potesse avere la visione obiettiva di tale impercepibile processo si vedrebbe il meccanismo servito inconsciamente proprio da coloro che deprecano il suo prodotto finale. Chi coltiva la guerra nella propria anima, chi marcia per la pace, chi accusa gli altri di ingiustizia sociale e non trova modo di accusare se stesso, chi crede alla colpa degli altri e non alla propria, e perciò crede legittimo eliminare il ritenuto colpevole, prepara la guerra, rende inevitabile l’ingiustizia sociale. La dialettica della lotta sociale è il veicolo di una inconciliabilità che non può non esigere come conseguenza ultima la guerra. Guerra, guerriglia, lotta di classe, manifestazione di popolo, sono espressioni di un medesimo contenuto.
    Il karma è l’urgere nella presente forma fattuale, delle cause poste dall’uomo nel passato. Questa corrente del passato manifesta la sua forza comunque positiva, mediante la forma dell’evento fausto come dell’infausto, se trova nella coscienza di lui il rapporto con la direzione dell’avvenire, che è in sé la direzione della libertà, o dell’indipendenza dal karma: questa sola ha il potere di dare forma al manifestarsi delle cause. Quando la libertà umana viene impedita e non viene mai impedita da un regime, bensí da un modo di pensare o di conoscere il passato come impulso presente viene contraddetto dalla posizione dialettica presente: la corrente del passato, non incontrando la libertà umana, è portata ad imporsi come forza del presente. Impulsi regressivi operanti nella corrente della libertà, deviante perché inconscia, afferrano l’uomo: che spesso è portato a considerare l’espressione di ciò rivoluzione. Egli inconsciamente regredisce, per poter giungere, mediante fatti esteriori, a un accordo con le cause del passato, con cui non riesce a congiungersi mediante libera meditazione. Perciò dottrine che sembrano annunciatrici del progresso sociale, sono espressioni di impulsi trascorsi della specie: impulsi che un tempo mossero l’uomo, oggi sono l’impedimento alla sua evoluzione, alla nascita dell’autocoscienza. La lotta è appunto contro l’autocoscienza, la quale soltanto è capace di responsabilità e di relazione sociale, o di amore per il prossimo e perciò di pace. A questa autocoscienza si fa opposizione. Diciamo «si fa opposizione»: non potremmo indicare nessun reale autore. Non c’è autore, infatti. Un medium non è autore.
    La regressione dell’umano avviene mediante l’ethos dominante, la cultura dominante, la dialettica, la logica analitica, i miti politici, il culto psicologico degli istinti, il meccanicismo assoluto: tale situazione lascia intravvedere un solo potere in marcia in tutto il mondo.
    Coloro che sceglieranno la via cosciente, agiranno come esseri liberi, perché conosceranno la legge del karma e il mistero della libertà, connesso con quello della fraternità: fraternità che non elimina anzi rende creative le distinzioni. Movendo secondo percezione interiore, o secondo Scienza dello Spirito, essi vedranno in coloro che tendono a eliminarli i propri fratelli umani inconsciamente assumenti su sé il male della Terra, per realizzarlo: costoro invero incarnano l’odio, perché l’odio si manifesti e una forza piú alta sia sollecitata a risolverlo, mediante la conoscenza.

    Da: M. Scaligero, Lotta di classe e karma,
    Perseo, Roma 1970.

  8. “Generale, il tuo carro armato
    è una macchina potente
    Spiana un bosco e sfracella cento uomini.
    Ma ha un difetto:
    ha bisogno di un carrista.
    Generale, il tuo bombardiere è potente.
    Vola più rapido d’una tempesta e porta più di un elefante.
    Ma ha un difetto:
    ha bisogno di un meccanico.
    Generale, l’uomo fa di tutto.
    Può volare e può uccidere.
    Ma ha un difetto:
    può pensare.”

    Bertolt Brecht

  9. In altri post ho parlato della crisi italiana e del nuovo ordine mondiale, in questo video, che propongo, di Paolo Bernard, i fatti vengono portati con maggior professionalità e con maggiore competenza, rispetto al mio sapere.

    I video, sono 6, non sono molto lunghi, solo 10 minuti a video, per quelli che non l’ hanno visti, consiglio di dare un’ occhiata, in quanto viene descritta, la vera crisi dell’ Europa e dell’ Italia.

    Il Prof. Giacinto Auriti, nel 1997 disse:

    “Senza la Sovranità Monetaria le nuove generazioni non avranno altra scelta che quella tra il suicidio e la disperazione” .

    Nessun dramma, nessuna paura, nessuna disperazione e nessun suicidio, davanti all’ effimero…. ; però bisogna dirlo, l’ uomo è dominato dalla propria animalità.

    L’ ANIMALITA’ DOMINA LO SPIRITO !

    NOI NON POSSIAMO CANCELLARE IL VERBO, DALLA NOSTRA STORIA, E CELEBRARE SOLO L’ ANIMALITA’.

    L’ ANIMA CI RENDE INVULNERABILE, IN QUANTO DIVINA VINCE IL CADUCO, MA QUESTO NON E’ UN REGALO DEL CIELO.

    QUESTA E’ UNA CONQUISTA DELL’ UOMO, CHE PASSA ATTRAVERSO IL SACRIFICIO, IN QUANTO L’ ANIMALITA’ VIENE RIPORTATA AD UN RITMO CHE LA DOMINA.

    E’ L’ UOMO CHE DEVE AVERE LA SOVRANITA’, DI SE STESSO… ..

    ATTENZIONE ! L’ ANIMALITA’ NON VA CANCELLATA, MA NON DEVE ESSERE IL SOGGETTO PENSANTE, QUESTO COMPITO SPETTA ALL’ UOMO.

    Andiamo al video !

    Non ho riportato ì sei video, si trovano su Youtube, ripeto parlo, per quelli che non l’ hanno visti; per me, forse, il più interessante è il quinto, ma gli altri sono ancora migliori, ahahaha.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...