Aspettando i Magi

Harpers Magazine, Christmas 1898

Da Harper’s Magazine, “Christmas 1898”, di Harvey Ellis

Annunci

6 Risposte

  1. I Re Magi venian dall’Oriente
    e chiedevano in ogni città:
    « La sapete la via, buona gente?
    Da che parte al presepe si va? ».

    Ma nessuno la seppe dir loro,
    e i re Magi ripreser la strada,
    i re Magi seguir l’astro d’oro,
    che brillava cortese lassù.
    Sostò l’astro su l’umile tetto
    di Giuseppe, i re Magi v’entrar:
    mugghiò il bue, strillò il Pargoletto;
    e i tre santi re Magi cantar.

    E. Heine

  2. Gabriele anch’ io come i Magi porto un dono e porto ciò che posso offrire, questa storia,
    per te, tutto il blog e tutti quanti,
    BUONE FESTE!!!!!!!!
    colme d’ A/amore!!!!!!!

    Andando Amore lasciava le sue tracce sulla sabbia e camminando si accorse che ormai aveva doppiato le sue orme, aveva fatto tutto il giro del mondo e si ritrovava lì, al punto d’ origine, dove era partito.
    Si fermò un’ istante a contemplare il mare e ne vide la sua vastità:

    -Davvero lui aveva attraversato
    tutta quella vastità e ne aveva raggiunto l’ altro capo,
    davvero lui era andato oltre l orizzonte
    che si parava lì innanzi,
    aveva davvero percorso tutte le estremità del globo?-

    Ebbene si!Le orme dei suoi passi da dove era partito, ne erano prova certa!-

    Eppure ad Amore sembrò che mancava ancora qualcosa.
    Poi dai suoi piedi, notò un piccolo animaletto che portato dall’ onda cercava di oltrepassare e sormontare il suo piede, ma per quanto riprovasse e riprovasse a scavalcarlo,
    sgusciava via,
    perchè la pelle bagnata era scivolosa; il piccolo animale, non demordeva e ogni qualvolta capitava di cadere, subito si rialzava.
    All’ ennesimo tonfo, però il paguro, si fermò, come per riflettere e decise di aggirare l’ ostacolo, facendo il giro intorno al piede, o almeno così sembrava; infatti si portò dalla parte opposta del piede e Amore credette che si sarebbe allontano finalmente da lì, visto che ormai aveva aggirato l ostacolo che non gli permetteva di avanzare,
    ma con suo stupore il paguro tenace, una volta arrivato l,ì cominciò di nuovo a scalare lo stesso piede, da una posizione completamente diversa.
    Questa volta però, stava riuscendo nel suo intento, perchè mentre le dita era inumidite dall’ acqua, dal tallone gli spruzzi non arrivavano ed era rimasta l unica parte del piede ancora asciutta.
    Arrivato in cima al piccolo paguro sembrava di aver scalato l’ Everest, era esausto, ma pienamente soddisfatto e tutto trionfante, anche se ansimando, guardava il suo mondo dall’ alto della sua conquista, fiero e felice rimirava da lassù tutte le meraviglie del creato.
    Poi, dopo essersi ripreso e riposato, ridiscese il monte e come se niente fosse come era venuto, se ne andò.
    A quel punto Amore capì, prese la sua grande e stabile barca con tutti gli approvvigionamenti del caso e salpò verso il suo orizzonte!
    Noi sappiamo con certezza che Amore è arrivato, dove voleva arrivare,
    e la lettera che ci ha mandato, parla chiaro:

    “Il più bello dei mari
    è quello che non navigammo.
    Il più bello dei nostri figli
    non è ancora cresciuto.
    I più belli dei nostri giorni
    non li abbiamo ancora vissuti.
    E quello
    che vorrei dirti di più bello
    non te l’ho ancora detto.

    Nazim Hikmet”

    Questa lettera l’ha scritta Amore per tutti noi, nessuno escluso, anche per te che stai leggendo e anche tu a breve,
    potrai rimirare dall alto delle tue conquiste il tuo bel paesaggio che ti sei meritato e felice, soddisfatto guarderai il tuo mondo,
    insieme proprio a lui,
    con A/amore!!!!!

    Il tuo cuore esulta e palpita e Amore sa il perchè
    e ora anche tu!
    Segui sempre il tuo cuore
    e toccherai le vette
    più straordinarie,
    quelle che solo gli occhi di A/amore possono vedere,

    GUARDA!

    by Mel

    immagini storia:

    piede e paguro

  3. Buona Epifania a tutti Voi
    Ciao, Patrizia

  4. Amore camminando si accorse di essere arrivato al punto di partenza.
    Le sue orme sulla sabbia erano doppiate,aveva già compiuto il giro del mondo ed era tornato al punto d’ origine, dove era partito.
    Mentre scrutava il mare e la sua vastità si chiese se veramente non ci fosse qualcosa’ altro dal altro capo del mare, se verso l’ orizzonte si fosse perso qualcosa di più profondo.
    Ma poi riguardò a terra e le tracce lasciate sul’ arena, non lasciavano dubbi, era certo aveva girato tutto il mondo ed era tornato lì,
    quando un giorno aveva iniziato il suo viaggio.
    Eppure in cuor suo sapeva che qualcosa sfuggiva, naufragava verso la battigia.
    Si fermò a pensare e proprio in quell’ esitare una tartarughina appena nata e quindi minuscola fu portata dinanzi al piede di Amore.
    Nel suo agitarsi fu ferma nello scalare il suo piede e zampina e dopo zampina si affermò sul piede, ma inesorabilmente
    scivolava di nuovo a terra, ma la tartarughina tenace non si arrendeva
    e saliva e scalava e scalava e saliva,
    e cadeva e capitombolava e ramazzava per aria e sgusciava via.
    Il piede bagnato dagli spruzzi del mare era tutto scivoloso e la poverina non riusciva mai a vederne la cima ma in un lenta, inesorabile e buffa discesa
    si trovava ogni volta.
    Ma mai e poi si arrese.
    Ad un certo punto, dopo l ‘ ennesima capriola verso il basso, la tartarughina, che per far prima chiameremo Rughina,si fermò come se si fosse messa a pensare e tutta convinta e con ancora più carattere, era un bel tipino, Rughina, camminò lungo tutto il perimetro del piede come per aggirare l’ ostacolo finalmente, ma con grande stupore di Amore, arrivata alla posizione opposta da dove era prima, tornò rivolta verso il piede.
    Non girò attorno per poi superare l’ impedimento, ma con la sua cocciuta testardaggine dura come solo un guscio di tartaruga può avere, arrivata in posizione, riprese a salire.
    Questa volta ce la stava facendo, perché mentre le dita erano bagnate e scivolose, il tallone era l’unica parte del piede rimasta asciutta e con forza e dedizione si arrampicava e non cedeva il passo, anche se più ripido rispetto al davanti del piede,
    Rughina ben salda di capoccia e zampe, arrivava finalmente alla sua agognata vetta.
    Fu per lei come se avesse scavato l Everest, ma una volta arrivata in cima il suo grido di trionfo fu immenso e gioioso, il suo cuore scalpitava e il suo animo galoppava per la gioia, che conquista!!!!!
    Dall’ alto del suo mondo ammirava il suo bel paesaggio meritato e con fierezza e soddisfazione vegliava su tutta la sua conquista.
    Poi con calma e prudenza ridiscese dal piede e riscalò in discesa il monte e come era apparsa all’ improvvisò, così se andò.

    AMORE CAPII
    e subito con la sua salda, stabile barca e tutti gli approvvigionamenti del caso salpò verso il suo orizzonte.

    Amore arrivò dove doveva arrivare e questo è certo! In più anche la lettera che ci mandato dal posto in cui è arrivato ed ha trionfato, ne è testimonianza:

    “Il più bello dei mari

    è quello che non navigammo.
    
Il più bello dei nostri figli

    non è ancora cresciuto.

    I più belli dei nostri giorni

    non li abbiamo ancora vissuti.

    E quello
    
che vorrei dirti di più bello
    
non te l’ho ancora detto.

    Nazim Hikmet”

    Questa lettera l ha scritta per tutti noi, nessuno escluso, anche per te, che stai leggendo.
    E anche tu arriverai là dove vuoi e ce la farai e dall ‘ alto delle tue conquiste potrai rimirare il paesaggio guadagnato e, con fierezza e soddisfazione, esultare di gioia e sentire il tuo cuore scalpitare e il tuo animo galoppare per la tua vittoria!

    Segui sempre il tuo cuore e arriverai alle vette più straordinarie,

    guarda con gli occhi di A/amore quello che potresti vedere solo con essi e nient’ altro!!!!

    GUARDA!

    by Mel

    immagini storia:

    http://imageshack.us/photo/my-images/18/63661331.jpg/

  5. la seconda versione della storia è perchè pensav che la prima fosse andat perdut!!!!
    argh!!!!
    cmq sono leggermente diverse
    perchè non si può mai riscrivere esattamente in modo uguale!!!!!!!!!!

  6. Buona serat atutti visto che sto uscendo ora!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...