Che cosa è un uomo…

Cosa è un uomo, se del suo tempo fa mercato, e poi il guadagno è solo dormire e mangiare?
Una bestia, niente piu’. Lui che ci ha dato un cosi’ maestoso intelletto, capace di capore le cause e gli effetti delle cose, non ci ha dato questi preziosi doni affinché ammuffiscano, non venendo usati.

Shakespeare, Amleto

Annunci

In questa notte che si allontana

In questa notte che si allontana a passo lento, accompagnata da sogni presi a nolo, che non promette più stelle, salto sopra il treno della vita per fare il mio viaggio, per non scendere alla prossima fermata, perchè,finchè c’è una strada, essa non è mai finita. Faccio un viaggio nel mio cielo, per un incontro che, nel passaggio di un giorno, non sia un addio ma un’andata e un ritorno, m’incammino voltandomi indietro per non scordare niente, senza aprir bocca per dar senso a tutto, senza aver la pena di star lontani, affinchè possa cominciare il passaggio nel domani. Faccio un viaggio nel mio sogno, perchè ogni giorno non sia un miraggio in un raggio di sole, perchè vivere è un mestiere duro, è un lavoro scuro, senza salario, né ferie, né orario, alle intemperie di ogni tempo in un futuro di perchè……….perchè vivere è andare sempre avanti in tutti gli istanti, senza fiato, senza sosta, senza passato, in una posta in gioco di una risposta che non c’è, quando ci chiederemo se siamo esistiti per davvero…….

Diamante Angela De Rossi

Speranza

Oh, questa tua “nessuna speranza”
racchiude una speranza immensa.
“Nessuna speranza”
significa una speranza così ricca
che nemmeno l’ambizione
può guardare più in alto.

            William Shakespeare

Sapessi fare di me una pietra

 Sapessi fare di me una pietra
non sentirei il dolore
di neri occhi affamati
… guardarmi semplicemente
e non chiedere acqua
piedi in scarpe comode
una matita da scrivere pance
senza vuoti d’esistere
Sapessi fare di me una pietra
non sanguinerei solitudini….

Sabrina Longari

Orgoglio e pregiudizio

Già la riva è lontana

Eppure la stanchezza, 
simile in questo
ad una vela pesante, si riempie
alla fine del giorno
di tutto il vento trascorso
e lentamente muove
i miei pensieri nella sera.
Così il silenzioso soffio della mente
e del sonno disincaglia
il corpo della luce.
Io m’addormento in questo scafo azzurro
e già le lenzuola accarezzano l’acqua,
e già la riva è lontana.

(Valerio Magrelli)

Non è dolce l’Aurora del mattino

Non è dolce l’Aurora del mattino.
Tutti quei toni rosati e mischiati d’azzurro son solo suadenti schizzi che invitano alla Vita.Ma è quell’abbandono ,che temo ,
quel trascinante ritmo di finta dolcezza
… che evito.
Preferisco l’abbraccio notturno ,la sua pece
che immobilizzi ogni cosa.
Anche il dolore….

Garbo Fania