Sono una donna

Sono una donna
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio
chi vedo quando chiudo gli occhi
come vengo sospinta quando vengo sospinta
… cosa cerco quando lascio libere le mani.
Nessuno, nessuno sa
quando ho fame quando parto
quando cammino e quando mi perdo,
e nessuno sa
che per me andare è ritornare
e ritornare è indietreggiare,
che la mia debolezza è una maschera
e la mia forza è una maschera,
e quel che seguirà è una tempesta.
Credono di sapere
e io glielo lascio credere
e io avvengo”

(Joumana Haddad)

4 Risposte

  1. Una Buona Nuova giornata, mio caro Gabriele! Con tutto il mio affetto… 😉

  2. prof, ascolti la musica di Alda Merini coniugata con la lirica di Joumana Haddad:

    “Amai teneramente dei dolcissimi amanti
    senza che essi sapessero mai nulla.
    E su questi intessei tele di ragno
    e fui preda della mia stessa materia.
    In me l’anima c’era della meretrice
    della santa della sanguinaria e dell’ipocrita.
    Molti diedero al mio modo di vivere un nome
    e fui soltanto una isterica”.

  3. Sarà fatto, carissima. Baci.

  4. questa poesia mi sembra molto adatta a questa fotografa scoperta per caso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...