Sabbie mobili

Dèmoni e meraviglie
Venti e maree
S’è ritirato già il mare in lontananza
E tu
Come alga dolcemente dal vento accarezzata
Nelle sabbie del letto ti agiti sognando
Dèmoni e meraviglie
Venti e maree
Il mare s’è ritirato già in lontananza
Ma nei tuoi occhi socchiusi
Due piccole onde son rimaste
Dèmoni e meraviglie
Venti e maree
Due piccole onde per farmi annegare.

Jacques Prévert

10 Risposte

  1. Demoni e meraviglie

    mi fa venire in mente una canzone molto leggera
    ed estiva
    del momento…

    (http://www.youtube.com/watch?v=VCTCB1jWOBg&feature=related)

    😀

  2. su e giù
    giù e sù

    qua e là
    la e quà

    la canzone per ogni qua cè è sempre un là

    (http://www.youtube.com/watch?v=XmpzW–cDoc&playnext=1&list=PLCBD048FEBAEB5A78&feature=results_video)

  3. ATTENZIONE A :

    _ ” ZUCCHERO”

    _ DAL SECONDO00:40


    (http://www.youtube.com/watch?v=orwSapq2Nmg)

  4. IL CARATTERE “docile”(per coì dire) DI
    ZUCCHERO
    NON SI SMENTISCE!!!

    (http://www.youtube.com/watch?v=tSxznvEinhg&feature=related)

  5. ANACLETO IN PILLOLE

    ANACLETO SHOW:

    tra cui ricordiamo:
    -cala cala merlino

    -pastrocchi futuristici

    -chi, chiiiiiiii, barbagianate!!!!!!!!

    -quisquiglie e pinzilacchere!!!!!!

  6. RIPRONPONGO LA VERSIONE INTEGRALE DELLA SUA RISATA
    E IL PERCH+ DI QUESTA CON MERLINO CHE VORREBBE UCCIDERLO!!!

    (http://www.youtube.com/watch?v=sg4CHRUC3yI)

  7. Rimettete al suo posto l’Ombra! 🙂 …

    “Sto modellando la tua ombra
    Le ho già tolto le labbra,
    rosse e dure: bruciavano
    Te le avrei baciate
    ancora molte volte.
    Ti fermo poi le braccia
    lunghe nervose, rapide.
    Mi offrivano la via
    perchè io ti stringessi.
    Ti strappo il colore, la forma.
    Ti uccido il passo. Venivi
    dritta verso me.
    Ciò che
    più mi ha fatto soffrire
    quando l’ho messa a tacere,
    è la tua voce. Densa, calda
    più palpabile del tuo corpo
    Ma stava ormai per tradirci.
    Così
    il mio amore è libero, affrancato
    con la tua ombra spoglia di carne.
    E posso vivere in te,
    senza temere
    ciò che desidero di più,
    il tuo bacio, i tuoi abbracci.
    Non pensare ormai ad altro
    che alle labbra, alla voce,
    al corpo,
    che io stesso ti ho sottratto
    per potere, senza di loro infine,
    amarti. Io, che li amavo tanto!
    E stringere all’infinito, senza pena
    – mentre se ne va inafferrabile,
    e dietro a lei il mio grande amore,
    la carne per il suo cammino –
    il tuo corpo possibile:
    il tuo dolce corpo pensato.”

    Pedro Salinas

  8. Avev scritto un altro post ma si è perso lo riposto.
    Questa poesia mi da venire in mente l ultimo famoso verso di una poesia di leoarpardi:
    “E il naufragar m’è dolce in questo mare”

    Un sereno,radioso e di infinita bellezza
    Finesettimana
    A Gabriele
    E a tutti noi

  9. FORZA LUPACCHIOTTA

  10. Errore:
    La canzone per ogni qua c’ è sempre un là

    IL VIDEO DI HERCULES NON CENTRA NIENTE,

    ma è la canzone che canta mago Merlino,
    questa qui:

    (http://www.youtube.com/watch?v=XmpzW–cDoc)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...