Metodo socratico

Ringrazio la nostra carissima Valeria-Luo D.A. che ci permette di ri-ascoltare Socrate:

[…] Socrate: – Ora, la mia arte di ostetrico, in tutto il rimanente rassomiglia a quella delle levatrici, ma ne differisce in questo, che opera su gli uomini e non su le donne, e provvede alle anime partorienti e non ai corpi. E la piú grande capacità sua è ch’io riesco, per essa, a discernere [c] sicuramente se fantasma e menzogna partorisce l’anima del giovane, oppure se cosa vitale e reale. Poiché questo ho di comune con le levatrici, che anch’io sono sterile … di sapienza; e il biasimo che già tanti mi hanno fatto, che interrogo sí gli altri, ma non manifesto mai io stesso su nessuna questione il mio pensiero, ignorante come sono, è verissimo biasimo. E la ragione è appunto questa, che il dio mi costringe a fare da ostetrico, ma mi vietò di generare. Io sono dunque, in me, tutt’altro che sapiente, né [d] da me è venuta fuori alcuna sapiente scoperta che sia generazione del mio animo; quelli invece che amano stare con me, se pur da principio appariscano, alcuni di loro, del tutto ignoranti, tutti quanti poi, seguitando a frequentare la mia compagnia, ne ricavano, purché il dio glielo permetta, straordinario profitto: come veggono essi medesimi e gli altri. Ed è chiaro che da me non hanno imparato nulla, bensí proprio e solo da se stessi molte cose e belle hanno trovato e generato; ma d’averli aiutati a generare, questo sí, il merito spetta al dio e a me. […]

31 Risposte

  1. …Riscontro gli stessi precetti, germi di vita, in Paracelso:

    “In primo luogo v’è un gran bisogno di parlare della compassione, che nel medico deve essere innata. Dove non c’è amore non c’è arte. Medico e medicina null’altro sono che grazia concessa da Dio ai bisognosi. L’arte si ottiene per opera dell’amore. Così il medico dev’essere dotato di compassione e amore non minori di quelli che Dio nutre nei confronti dell’uomo. La compassione è un “precettore dei medici. Io sotto il Signore, il Signore sotto di me. Io sotto di Lui all’infuori del mio ufficio, ed Egli sotto di me all’infuori del Suo ufficio. Dunque ciascuno è subordinato all’ufficio dell’altro, e in tale amore l’uno è subordinato all’altro.”
    (Paracelso, citato in Carl Gustav Jung)

  2. vi lascio con un immagine che mi ha messo un pò i brividi
    alla chiusura delle Olimpiadi
    anche se lui non c’era
    ma alla sua immagine
    tutto il pubblico
    ha reagito come se ci fosse…..

  3. idem con Freddy Mercury…
    lui fa eoooo e le 80000 persone
    dello stadio
    lo seguono
    solo che c’ è solo
    la sua immagine
    e non lui…
    …..essere vivo senza esserci…
    quasi immortale tra virgolette ovviamente

    godetevi anche questo

  4. Grazie Carissima Melusina per aver richiamato alla memoria alcune belle immagini che veramente potrebbero accomunarci attraverso le sublime note armoniche che passano ed arrivano fino al cuore 😀

    In questi nostri tempi finali, sono proprio questi eccezionali interstellari superiori esseri precursori a far nascere la vera fraterna armonica unione in mezzo a tanta stupida infelice voluta separazione

  5. Quanta verità, in queste parole, cara Valeria… la compassione è assai più importante della tecnica. Non tutti, però, ne sono dotati, e lo vediamo nel dolore che spesso alberga al di là dei corpi nei luoghi di cura…

  6. Cara Melusina,
    come al solito la tecnologia ci è ostile… Grazie, comunque, di cuore!

  7. Carissimo Prof. Gabriele,
    non sempre la tecnologica ci è ostile, perché di ogni cosa dipende sempre dal cattivo o dal buon uso che se ne vuol fare…. La dove la religione (religio=unione) ha fallito, per quell’aspetto compensativo ed equilibrante è stata messa fuori a disposizione per tutta l’umanità, tantissima tecnologia interiore.. Così come le sublimi arti possono connetterci con la parte ispirativa dell’anima, con la sua vera natura e con i veri infiniti mondi della creazione, così la vera scienza prima o poi sarà il tramite fra spirito e materia che porterà alla vera conoscenza delle leggi della natura e di tutte le cose…. . E’ quella conoscenza che se saputa dosare e donare con grande amore di sicuro ri-porterà alla stessa saggezza antica da cui fu emanata dal Creatore di questo nostro universo… Oggi si parla sempre più di scienza e di nuove scoperte nel campo della fisica quantistica, di super stringhe e di frattali, così come si parla di manipolazione genetica (D.N.A) o di celata clonazione, allora con quella giusta logica comparativa, perché non si vuol credere che nell’infinito universo esisto esseri assi più evoluti che riescono anche a creare mondi ed altra simile o diversificata vita? Certo da qui, da questa nostra piccolissima percettiva finestrella d’osservazione che in ogni tempo ed in ogni luogo è stata sempre coronata dalla radiosa illuminante vivente voce di grandiosi esseri assai superiori, (di cui lei è già un vivente bell’esempio) che per quella ristretta naturale/limitata visione di questo necessario espiativo mondo si nasconde all’immaginario collettivo chiamandola DIO…. Se solo l’essere (trovando il tempo) ogni tanto, guardasse dentro se stesso, come se fosse uno spettatore/osservatore attento a tutto ciò che passa per il cuore e per la mente…. quanta sublime radiosa poesia potrebbe trasformare da quelle forze opposte che spesso inconsciamente ed inconsapevolmente ci trascinano come foglie al vento?

  8. Buona Serata a lei Professore, cosi come a tutti gli amici.

  9. Se pur non è Socrate, E’ PARMENIDE!!!! BUONA NOTTE, pioggia di color di ciliege su tutti Voi, su lei Professore La Porta

  10. Caro Prof,
    penso che ci siano troppi chirurghi e pochi medici.

  11. Ciao, carissimo Raffaele,
    hai ragione…

  12. Buon Giorno Carissimo Prof. Gabriele

    Sul materialismo tantissimo si potrebbe dire, ma penso che le immagini a volte parlano da sole.

    Dov’è l’essere interiore, quando c’è un sistema coercitivo che ci schiavizza in mille modi? Come può risorgere la fenice dalle sue stesse ceneri se viene continuamente addomesticata/addormentata ed amalgamata a quella lineare coscienza collettiva? Dov’è l’uomo che può diventare il super uomo così tanto caro a Dio?

    Solo chi ha lasciato i saggi dettami di come risvegliare l’essere interiore in ogni tempo ed in ogni luogo è la vera guida/maestro che potrà svegliarci dal lungo sonno indotto.

    Gesù aveva detto tante cose sull ‘IO SONO”, ma molti dei sui saggi illuminanti insegnamenti sono stati celati e nascosti a tanti…

    Altre sagge riflessive parole di un grande ricercatore d’anima….

    non si vive una volta sola questa è una altra verità che porterà ad una vera e propria rivoluzione culturale e soprattutto MORALE…

  13. A MIA MAMMA Tagore

    Non mi accorsi del momento in cui varcai

    per la prima volta la soglia

    di questa vita.

    Quale fu la potenza che mi schiuse

    in questo vasto mistero

    come sboccia un fiore

    in una foresta a mezzanotte?

    Quando al mattino guardai la luce,

    subito mi sentii che non ero

    uno straniero in questo mondo,

    che l’ inscrutabile, senza nome e forma

    mi aveva preso tra le sue braccia

    sotto l’ aspetto di mia mamma.

    Così, nella morte, lo stesso sconosciuto

    m’ apparirà come sempre a me noto.

    E poichè amo questa vita

    so che amerò anche in morte.

  14. 1
    <>
    E il volto già scomparso
    Ma gli occhi ancora vivi
    Dal guanciale volgeva alla finestra,
    E riempivano passeri la stanza
    Verso le briciole dal babbo sparse
    Per distrarre il suo bimbo…

    2
    Ora potrò baciare solo in sogno
    Le fiduciose mani…
    E discorro, lavoro,
    Sono appena mutato, temo, fumo…
    Come si può ch’io regga a tanta notte?…

    3
    Mi porteranno gli anni
    Chissà quali altri orrori,
    Ma ti sentivo accanto,
    M’avresti consolato…

    4
    Mai, non saprete mai come m’illumina
    L’ombra che mi si pone a lato, timida,
    Quando non spero più…

    5
    Ora dov’è, dov’è l’ingenua voce
    Che in corsa risuonando per le stanze
    Sollevava dai crucci un uomo stanco?
    La terra l’ha disfatta, la protegge
    Un passato di favola…

    6
    Ogni altra voce è un’eco che si spegne
    Ora che una mi chiama
    Dalle vette immortali…

    7
    In cielo cerco il tuo felice volto,
    Ed i miei occhi in me null’altro vedano
    Quando anch’essi vorrà chiudere Iddio…

    E t’amo, t’amo.

    ——————————-
    —————————————————————————
    ——————————–

    E il cuore quando d’un ultimo battito
    Avrà fatto cadere il muro d’ombra,
    Per condurmi, Madre, sino al Signore,
    Come una volta mi darai la mano.

    In ginocchio, decisa,
    Sarai una statua davanti all’Eterno,
    Come già ti vedeva
    Quando eri ancora in vita.

    Alzerai tremante le vecchie braccia,
    Come quando spirasti
    Dicendo: Mio Dio, eccomi.

    E solo quando m’avrà perdonato,
    Ti verrà desiderio di guardarmi.

    Ricorderai d’avermi atteso tanto,
    E avrai negli occhi un rapido sospiro.

    parole d amore, anche sofferte
    ma parole d amore di Ungaretti…

  15. ho sbagliato a postarli(questi ultimi due) erano
    per
    MADONNA COL PARTO
    non qui

  16. nella prima poesia di ungaretti ho saltato un rigo, questo:

    «Nessuno, mamma, ha mai sofferto tanto …»
    e il volto già scomparso

  17. Cara Raffaele,
    sei troppo, troppo buono con me.
    Ti assicuro che non sono, assolutamente, una di quelle creature di cui parli…
    Come sai spesso non sono in accordo con coloro i quali cercano di spiegare l’inesplicabile passato di culture a noi lontane con l’intervento di esseri provenienti fuori dal nostro pianeta (gli “alieni”). Non perché non creda alla possibilità di vita, anche più “evolute”, in scienza, tecnica e spirito di noi, ma perché spesso coloro che postulano queste posizioni lo fanno perché sminuiscono le culture del passato. Si ragiona in senso positivistico, per cui appare impossibile che possano essere esistite culture più “sviluppate”, secondo i nostri canoni, di noi odierni… perché si pone tutto sulla base della tecnocrazia. E non è detto che i nostri antenati, o altre creature dell’universo, siano “evoluti” sulla “crosta” del loro essere, come noi, ma all’interno, molto, molto più in profondità, dove neanche la tecnica può ancora giungere…

  18. Grazie, carissimo Giuseppe, e grazie dei preziosi video!

  19. L’inizio della storia della filosofia, caro Giuseppe… poi, tu, con Mnemosine, sai, mi emozioni…

    Un caro saluto

  20. Hai proprio ragione, cara Valeria!

  21. Cara Melusina,
    non preoccuparti… era, forse, il loro destino… non credi?
    Grazie delle meraviglie!

  22. Quale altra Dea, mio Caro Professore, Quale…? Un abbraccio a Lei!

  23. VISIONE :
    Il cambio delle stagioni, ricordano, emergendo, più, che l’intermedio Tra l’una e l’altra delle Stesse…

  24. Il BUIO: (1987)
    Ho parlato alle buie stanze
    Le quali mi hanno insegnato
    A vedere senza gli occhi dell’inganno.
    Cosi vidi la luce dello Spirito, che tutto
    Riveste.

  25. MNEMOSINE:
    Quale tempo se non di colei che ci conduce
    tendiamo,le nostre infanti mani
    Mnemosine, Reale del Regale
    Di noi sia, d’ogni tempo, Anzitempo, Ansi-tempo
    Lo specchio rifrangente, tra tortuosi sentieri
    del fuoco Divino !

  26. Caro Raffaele,
    mi hai fatto riflettere e sorridere… Hai ragione, e una costante tensione all’affettività potrà portare rimedio dove c’è la malattia peggiore: quella interiore.

  27. Magnifica e struggente, cara Melusina!

  28. Un abbraccio a te, caro Giuseppe!

  29. Carissimo Prof. Gabriele
    ringrazio il suo magnifico radioso bel cuore se in qualche modo, nel mio piccolo, sono riuscito a far ri-nascere un consapevole spontaneo sincero sorriso 😀

  30. COLORI DISANIMATI:(1988) Le Tre C.C.C.
    Abbiamo necessità di, Giochi di Luce!
    Nuovi Dipinti veraci.
    Che l’azzurro, non sia un verdino ingiallito..
    I volti, un grosso nero interrogativo, bagnato
    Da un rosso sangue, dalle pugnalate argentee.
    La lingua ritrovi il rosa della bellezza,
    Serva, all’amore in ogni sua forma!
    Abbiamo Bisogno di più, C.C.C!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...