Sole senz’ombra

Sole senz’ombra su virili corpi
abbandonati. Tace ogni virtù.
Lenta l’anima affonda – con il mare –
entro un lucente sonno. D’improvviso
balzano – giovani isolotti – i sensi.

Ma il peccato non esiste più.

Sandro Penna

Annunci

7 Risposte

  1. Splendida!

  2. E’ una poesia forte, che non si nasconde dietro falsi moralismi. Ma oggi, carissimo Gabriele, in questa perdita di identità, di valori e di punti di riferimento, esiste ancora in romanticismo, inteso come Sturm und Drang (Tempesta e impeto), oppure siamo piatti come l’ECG di un trapassato? Ti ringrazio tanto.

  3. Acqua… e Fuoco, per risvegliare il corpo emozionale…

    “O fuoco, quando i miei giorni saranno terminati, il mio corpo sarà una cosa sola con te, il mio cuore sarà trasportato nel tuo vortice, e l’ardente calore che era la mia vita si leverà verso di te per mescolarsi alla tua fiamma.”
    (Rabindranath Tagore)

  4. NULLA ERA MIO
    Pablo Neruda

    Prima d’amarti, amore, nulla era mio:
    vacillai per le strade e per le cose;
    nulla contava nè aveva nome:
    il mondo era nell’aria che attendeva.
    Io conobbi cinerei saloni,
    gallerie abitate dalla luna,
    hangars crudeli che si
    accomiatavano,
    domande che insistevano sull’arena.

    Tutto era vuoto, morto e muto,
    caduto, abbandonato e decaduto,
    tutto era inalienabilmente estraneo,
    tutto era degli altri e di nessuno,
    finchè la tua bellezza e povertà
    empirono l’autunno di regali.

    La mia preghiera è stata ascoltata.
    —————————————————-

    E’come se dicesse:

    prima d’ amarti, non esistevo.
    Sono nato quando ti ho incontrata.
    Prima di amarti non esisteva nome o cosa…
    Tutto era cos’ similmente uguale e scontato,
    da quando ti ho incontrata
    le cose che mi circondano
    hanno preso colore
    i fiori hanno incominciato a profumare
    e tu hai acceso
    il sole della mia vita
    che prima era spento etc…

    E’ come se vedesse il mondo per la prima volta,
    prima vedeva e viveva una vita grigia, poi dopo quell incontro
    tutto siè acceso e colorato
    è come se tutto avesse preso forma.
    Nasci per la prima volta adulto e vedi il mondo con gli occhi di un bambino,con lo stesso stupore.

    Questa poesia mi ha colpito!

  5. Allo sguardo vuoto delle finestre, il mattino
    Con tutti i suoi denti che ha azzurri e brillanti,
    Gialli, verdi e rossi, ai balconi si cullano le tende.
    Giovani donne con le braccia nude stendono i panni.
    Un uomo, a una finestra, col binoculo in mano.

    Mattino chiaro dagli smalti marini
    Perla latina dai bagliori liliali:

    Mediterraneo.

    by Albert Camus

    Nel sentirsi pienamente appagati
    sta il completarsi della propria ombra nella luce.
    l’ equilibrio che porta armonia.
    la piena comprensione dell’ ombra diviene
    poi un tutt’ uno
    con la luce

    interiore!!

    ciao a todos
    olèèèè!!!!!!!!!
    😀

  6. la penultima riga della poesia è riempirono

  7. Cara Elena, per evocare lo Sturm und Drang bisogna essere in stato d’Amore. E’ molto raro. Baci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...