La madre

Vedova, lavorò senza riposo
per la bambina sua, per quel suo bene
unico, da lo sguardo luminoso;

per essa sopportò tutte le pene,
per darle il pan si logorò la vita,
per darle il sangue si vuotò le vene. –

La bimba crebbe, come una fiorita
di rose a maggio, come una sultana,
da la materna idolatria blandita;

e così piacque a un uom quella sovrana
beltà, che al suo desio la volle avvinta,
e sposa e amante la portò lontana!…

… Batte or la pioggia dal rovaio spinta
ai vetri de la stanza solitaria
ove la madre sta, tacita, vinta:

schiude essa i labbri, quasi in cerca d’aria;
ma pensa: “La diletta ora è felice… “.
E, bianca al par di statua funeraria,

quella sparita forma benedice.

Ada Negri

Annunci

2 Risposte

  1. Una madre si svuota del suo vivere per dare tutto alla propria
    creatura. Creatura ingrata ed egoista che dimentica tutto.
    Riflessiva e bella
    Grazie mille prof. Gabriele
    Un saluto di simpatia
    Mistral

  2. Madri e maternità a confronto:

    “Tu? tu? tu? tu? tu? tu? tu?
    piccolo Iddio! Amore, amore mio,
    fior di giglio e di rosa.
    Non saperlo mai per te,
    pei tuoi puri occhi,
    muor Butterfly…
    perché tu possa andar
    di là dal mare
    senza che ti rimorda
    ai di maturi, il materno abbandono.
    O a me, sceso dal trono
    dell’alto Paradiso,
    guarda ben fiso, fiso di tua madre la faccia!
    che ten resti una traccia, guarda ben!
    Amore, addio! addio! piccolo amor!
    Va, gioca, gioca!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...