Invito a riflettere (3)

Secondo voi:

1)L’Ombra: è possibile integrarla totalmente?

2)Cosa si può fare davvero per quei bambini che avrebbero la possibilità di essere adottati e invece non vengono dati alle famiglie che ne fanno richiesta, adducendo ai motivi più assurdi? Uno di questi, ad esempio, è relativo al limite di età dei genitori adottivi, la cui soglia è ferma ai parametri decisi negli anni ’50, quando la vita era oggettivamente più breve.

3) Pregherei tutti voi di attenervi ad una certa concisione nell’esporre le vostre idee, per rendere più agevole il lavoro redazionale.

Vi abbraccio.

Gabriele

Annunci

18 Risposte

  1. 1) E’ possibile integrare totalmente Ombra, come è possibile che esista, su un altro pianeta, di un’altra galassia, una forma di vita simile a quella terrestre. Ma dubito che guardare troppo in alto abbia mai risolto un problema così tragicamente concreto come quello rappresentato dall’integrazione di Ombra: ad un certo punto si sostituisce all’Io ufficiale, scardinandolo dal profondo, ed è quello, sembra, l’unico modo con il quale sappia comunicare. Perchè ogni forma di energia è “comunicazione” e, obliando Ombra, l’essere umano ha ammesso un suo limite: integrare una “fonte di energia” incommensurabile e “free” come Ombra non è conveniente. E’ preferibile una fonte sulla quale l’essere umano possa esercitare l’illusione del controllo totale: un controllo che non integra, nè persegue un equilibrio, conserva, invece, Ombra ai margini della Collettività, in una sorta di serbatoio che esplode regolarmente “secondo Natura”.

    2) Non dovrebbe essere difficile rispondere, poichè le mie radici giudaico-cristiane risalgono a Sara, per esempio. Anche Giuseppe, il padre putativo di Gesù, era molto anziano.
    Mi ha fatto pensare qualche anno fa Il caso di una coppia di genitori “anziani” che ha concepito naturalmente due gemelli: lei era ormai sterile…
    Non dovrebbe essere difficile rispondere, senza cadere nella tentazione di facili soluzioni e di veloci resurrezioni: controllare le nascite attraverso una “legge” è ovunque un altro tra gli ardimentosi tentativi del genere umano di esercitare il “diritto” di controllo anche su Madre Natura.

  2. 1) L’ombra è integrata noi forse non l’accettiamo, vorremmo disconoscerla!

    2) Premesso tutti i giusti ma veloci controlli, affinché i bambini siano affidati all’amore. Spero che le cosi cambino potendo dare la possibilità ai centinaia di migliaia di bambini destinati a morte sicura, o nei migliore dei casi, chiusi in Istituti! Credo che nessun Istituto per quanto valido, possa eguagliare Figure Genitoriali, Una scelta fatta con Amore alla fine Partorisce quel figlio o figli non dal ventre, ma da ciò che è il vero Parto, ossia, L’AMORE! Riguardo l’età, dipende sempre dalla situazione psicofisica della persona adottante in questione! Resta sempre è comunque una questione D’Amore, se c’è questo in chi Adotta, il resto è di secondo piano! Comunque sempre meglio figure capaci d’amore, siano essi sessualmente di natura diversa o altro, che chiusi in Istituti! Genitore è chi Ama, perdonate questo scontata affermazione, ma credo Sia Realmente Cosi!

  3. Un abbraccio grande come il Mondo per te, Gabriele caro e… l’augurio di una Splendida giornata! 😀

  4. 1) Condivido il pensiero di Valeria, e per l’energia accumulata e repressa mi chiedo:meglio essere l’Etna o il Vesuvio?
    Personalmente propendo per il primo perché è meglio sbottare ogni tanto piuttosto che esplodere un’unica volta in maniera devastante.
    2) Mi allineo perfettamente a Giuseppe.

    Un affettuoso abbraccio, caro Prof., rinnovandoLe la mia stima per tutto il suo impegno, inoltre vorrei esprimerLe il mio apprezzamento per l’aver proposto un tema così scottante come quello dell’infanzia abbandonata, sofferente , malnutrita e sfruttata nel mondo, che sia “terzo” o vicino casa nostra!

    Saluti a tutti.

  5. Cara Anna, sono felice che l’argomento sia molto “sentito” anche da parte vostra. Baci baci

  6. Ciao, Luigi. Ti abbraccio con affetto.

  7. Mio Ragionamento:
    1)L’Ombra è il Guardiano della Soglia, niente è più drammatico e vitale, i Maestri non si possono mai integrare definitivamente, è un compagno che ci porta, nel senso di Porta (è un verbo-luogo). Solo in amore due Anime incontrandosi aprono quella porta quello stacco è una vertigine dei sensi e la complementarietà di due Anime si fonde dentro un cielo stellato buio di tenebra e spazio. Lì vige l’Alfa e l’Omega cellulare. Sei cellula, sei Morula di vita iniziale. Integrata in te questa Conoscenza, non la perderai mai. Ma non la puoi integrare nel senso classico del termine, è contrario alla vita fisica. Siamo Vita, e la vita richiede sacrificio, rinuncia, paura, dilemma. Inessenziale l’integrazione, ma il Riconoscimento si. L’Ombra è Riconosciuta, l’Anima è Condotta, il Corpo Trasceso, il Cuore Divelto come una zolla di terra sussulta, ma non muore, e la Coscienza può apprendere. Può Conoscere. Il Seme Distrutto non Muore, prende Coscienza.

    2)Il Seme Bambino và piantato in buona terra e anche se fosse terra sassosa esso ancora più forte crescerà. Si abbarbicherà ai suoi sassi e crescerà forte e sano grazie a sé stesso date della buona terra ad un seme bambino al resto provvederà la natura il sole l’acqua ma dopo và lasciato stare sarà adulto e produrrà altra frutta e quella frutta sarà benedetta due volte. I Semi hanno due nomi quello vero e quello dato dall’ uomo. I semi portati dal vento hanno nomi di vento quelli accompagnati da mano umana hanno la voce della mano. La Voce della Mano è il lavoro dell’Uomo. Il Seme bambino può nascere da vento e poi essere messo in terra da mano avrà quindi due nomi, quello del vento e quello della mano che l’ha piantato e sarà portatore di doppio cuore uno per il vento e uno per la mano, e doppio intendimento, e doppia radice, come tutti, solo non lo sappiamo. Non siamo diversi dagli orfani. Questo dice un’orfano. Tu sei come me, non mi far crescere nel vento, non posso qui mettere radici. Gli orfanotrofi sono Case del Vento, non da starci a lungo, solo per un breve momento. Non costruisci nel vento, il vento ti deve portare altrove, questa è la natura del Vento, altrimenti è tempesta perenne che abbruttisce i sensi.

    ………………………………………………………………………………………………
    SINTESI per la Redazione.
    1)L’Ombra non può essere integrata ma và riconosciuta.
    2)Tutti luoghi di detenzione vanno chiusi, per principio.
    ………………………………………………………………………………………………
    (NOTA a Margine di Coltivazione.: Titolo La Zappa del Contadino :Poi si discute su -chi- è criminale e chi no e su chi decide cosa =e su chi ha deciso che =ci sia chi decide cosa. –e se non sia una questione non tanto di giustizia quanto di potere e che forse tante poltroncine calde andrebbero cambiate più spesso anzi forse tolte proprio da sotto al culo e dato a lor signori una Zappa che l’esempio del Seme in Pratica forse funziona di più che le parole).

  8. Mi è uscito un faccino biricchino al posto del Poi, ecco, la variabile sconosciuta e tanto vitale, grazie bambino che appari tra le righe, grazie.

  9. Etna… Vesuvio…
    E’ che anche le suore, secondo me, dovrebbero poter adottare i bimbi sperduti… 🙂 Ovunque dovrebbe essere “casa”.

  10. Cara Map, un vero rispetto della sintesi e della chiarezza. Ti abbracciamo tutti!!! La redazione.

  11. Integrata non integrata, che sia maestra, allora è Integrata, ma cosa significa Integrata, cosa Intendiamo con questo? chi, non è integrata/o con cosa? Comunque, ogni bambino ha il diritto di crescere quanto meno tentare, in un ambiente che lo Ama!

  12. la storia del Potere, questo è il vero dramma Storico d’ogni tempo! ambiente che ama, non significa certo un ambiente da favola!Certo è che comunque il bambino farà il suo percorso a prescindere da tutto! Una Buona Giornata a tutti!!

  13. 😀

  14. CARISSIMO RAFFAELE, Quale Immenso Piacere! Una sbirciatina veloce, il dovere Amorevole.. Mi chiama! Un Buon Fine settimana a tutti, Buon Fine Settimana a Lei stimatissimo Professore!

  15. Sempre con la benevola approvazione del nostro Carissimo Prof. Gabriele, vediamo di capirci qualcosetta…..

    Da Wikipedia
    L’ombra è l’area scura proiettata su una superficie da un corpo che, interponendosi tra la superficie stessa e una sorgente luminosa, impedisce il passaggio della luce.
    L’aspetto dell’ombra può variare di molto a seconda delle condizioni ambientali e osservative: in assenza di atmosfera (come nello spazio) e di altre fonti luminose dirette o indirette, la quantità di luce che raggiunge la superficie in ombra è esattamente zero, per cui l’ombra è completamente nera. Nell’atmosfera terrestre, invece, la superficie in ombra riceve comunque una certa quantità di luce diffusa (variabile a seconda delle condizioni meteorologiche), per cui appare scura ma non completamente nera. Negli ambienti chiusi o con cielo nuvoloso o nebbia, poi, la luce diffusa costituisce la componente luminosa predominante: in questo caso le ombre sono molto sfumate o addirittura non osservabili del tutto.
    Nel caso di una sorgente luminosa puntiforme, l’ombra ha contorni netti: ogni punto della superficie o è illuminato dalla sorgente o non lo è. Nel caso invece di una sorgente luminosa estesa (come il Sole che, visto dalla Terra, ha un diametro angolare di circa mezzo grado), il contorno dell’ombra è sfumato, in quanto vi è una regione intermedia in cui la sorgente luminosa è occultata solo parzialmente, e quindi si ha un passaggio graduale tra luce e ombra.

    Da http://www.archetipi.org/ombra
    Quando usciamo dal nostro Ego personale e individuale e cominciamo il nostro Viaggio nella Vita incontriamo subito l’Ombra, la parte di noi che dobbiamo innanzitutto riconoscere e integrare, poiché senza di essa non saremmo completi.
    L’Incontro con l’Ombra è spesso drammatico e terribile, poiché rappresenta tutto ciò che di noi non conosciamo e temiamo.
    I bambini hanno spesso paura degli adulti, e li vedono come temibili Orchi, come Giganti infuriati, come subdole streghe.
    Talvolta sono gli adulti a temere i bambini, e allora ecco che compaiono fastidiosi e petulanti gnomi e folletti, nani e trolls.
    Negli uomini lo sconosciuto si manifesta nella forma ombra della donna: la strega, la fattucchiera, la Maga Circe che imprigiona e trasforma gli uomini in porci, Medusa che pietrifica con lo sguardo, le Sirene che impediscono il Viaggio di Ulisse.
    Per la donna l’uomo ombra rappresenta la paura della violenza fisica e sessuale, della perdita della verginità: Barbablù che uccide le mogli, il Minotauro che divora i fanciulli , il Diavolo a cui sacrificare le vergini, il Vampiro assetato di sangue di fanciulla.
    C’era una volta…una piccola bambina…chiamata Cappuccetto Rosso…
    La fiaba di Cappuccetto Rosso è una classica rappresentazione dei passaggi evolutivi dall’infanzia all’adolescenza, alla maturità, alla vecchiaia…
    Riguarda in particolare quel delicato passaggio nella vita di una donna caratterizzato dalla comparsa del menarca, cioè la prima mestruazione.
    Ma anche l’incontro con il maschile, la prima esperienza sessuale, la perdita della verginità,
    In effetti nell’iconografia classica Cappuccetto Rosso è vestita di bianco e di rosso…che riporta alla mente l’idea di un tessuto macchiato di sangue…
    Quando Cappuccetto Rosso saluta la Mamma per andare a trovare la Nonna, in realtà sta cominciando il suo Viaggio nella Vita.
    Per trovare la Nonna (Il Sè) occorre attraversare Il Bosco (L’Esperienza della Vita, Il Mistero dell’Amore e della Morte, Lo Spirito, L’Inconscio personale).
    L’incontro con il Lupo rappresenta, tra le altre cose, la Perdita dell’Innocenza, ma è proprio grazie a quell’incontro che la piccola e ingenua bambina potrà diventare una donna adulta e matura e potrà imparare a riconoscere la propria Essenza (La Nonna, cioè l’archetipo del Saggio) dalla Maschera Sociale (Il Lupo travestito).
    Il Lupo rappresenta anche l’incontro terribile con la propria Ombra, (Il Diavolo) la cui astuzia è appunto quella di proporre comode scorciatoie ma in realtà di sviarci dalla retta via (Lo Scopo della nostra Vita).
    Il Viaggio è pieno di rischi e di pericoli, ma va affrontato o non avremo mai l’opportunità di contattare la parte più autentica e profonda del nostro essere.
    Quale storia potremmo raccontare se Cappuccetto Rosso di fronte alle prime difficoltà fosse tornata indietro di corsa e non fosse più uscita di casa…?
    E quanti di noi invece di affrontare e risolvere i problemi, i conflitti, le paure, (I Draghi) preferiscono rifugiarsi in un mondo illusorio e rinunciare poco per volta ai propri sogni…?
    Invece è bello essere adulti, sentire il proprio potere di realizzazione nella vita pratica e concreta (il Sovrano), è bello avere fede in Dio e sapere che possiamo realizzare tutti i nostri sogni (il Mago) è bello avere fatto esperienza della vita, essere passati attraverso mille pericoli e avere fatto mille esperienze e avere tratto importanti insegnamenti (il Saggio).
    E’ bello soprattutto scoprirsi adulti ma non cinici, maturi ma non rassegnati, con doveri e responsabilità magari pesanti, con scelte difficili da fare talvolta, ma pur sempre gioiosi e capaci cogliere la bellezza di ogni attimo che passa (Il Folle).
    Quando Cappuccetto Rosso si rende conto di essere stata ingannata è ormai troppo tardi.
    Il Lupo la divora, come spesso ci accade quando ci facciamo risucchiare da situazioni o da persone che non ci piacciono e non ci corrispondono (Il Distruttore Ombra).
    Ma è a questo punto che occorre imparare a sguainare la spada, a difendere i propri confini, a ristabilire i termini autentici di una relazione.
    Il Cacciatore è l’archetipo del Guerriero che squarcia la pancia del Lupo e riporta le cose alla loro natura, che ristabilisce l’ordine naturale.
    Cappuccetto rosso e la Nonna escono illese dalla pancia del Lupo.
    La Grazia divina vivificatrice può sempre far risorgere ciò che sembrava morto, può sempre restituire ciò che sembrava perduto per sempre. (Il Lasciar Andare)

    Il Viaggio è una chiamata, la chiamata verso i Misteri dello Spirito, il richiamo verso la scoperta di un mondo che noi sappiamo esistere al di là delle illusorie apparenze e delle convenzioni e dei condizionamenti sociali.

    Su questo aspetto avevo già detto l’insegnamento ermetico che si nasconde dietro questa meravigliosa significativa favola….

    ….

    Comunque, così come è possibile vedere dentro il radioso verde sole di giorno, è il radioso giallo sole di mezzanotte, avete mai visto la vostra ombra nel buio più completo? Nel caso suggerisco di andate ad una scuola pratica di uno VERO SCIAMANO .. perché DI SICURO ne sanno più di tutta la scienza e la psicologia di questo mondo….. e se mi chiedete “dove sono stato”… vi dico solo che l’ho già sperimentato in una delle mie passate vite precedenti…..

    Se ancora non credete, dovete solo capire che l’ombra è il nostro DAIMON, il DOPPIO, IL CORPO ASTRALE intermediario fra questo più denso/grossolano/materiale mondo ed i mondi dell’essere IO SONO…. questo è il divino dono che l’indefinibile Creatore (che non è DIO, ma un essere assai più evoluto, un essere ancora più in alto delle nostre gerarchie spirituali che agiscono nel nostro sistema solare). Un essere di luce così amorevole e benevolo( un vero padre/madre) che ci ha dato la possibilità, di riconoscere, prima o poi le nostre invisibile controparti soprasensibili…. e attraverso la FUSIONE raggiungere il nostro PERSONALE PADRE CELESTE COME OGNI FIGLIOL PRODIGO.
    Il guardiano sulla soglia dice la nostra cara Map… ed io aggiungo anche il secondo guardiano sulla soglia, l’ANGELO DELLA PRESENZA… i TRAINERS, le stesse entità che vivono in noi e che crescono al passo con la nostra evoluzione spirituale che passa per l’aspetto pratico di tantissime esistenze o parti esistenziali….. SOLO QUANDO DUE SARETE UNO….. il lobo destro ed il lobo sinistro, l’aspetto maschile e l’aspetto femminile, LA COINCIDENZA DEGLI OPPOSTI, questo è l’insegnamento secreto che ci trasmise 2000 anni fa il V.M.Gesù ovvero Yeshua Ben Pantera…. Il saggio Capo esseno, fratello gemello di Yeshua Ben Joseph… e fratello(deframmentato) non carnale di Giovanni il Galileo ovvero Bar Abba…Barabba si chiamava Gesù così allo stesso tempo il Nazareno (Nazareth a quel tempo non ESISTEVA) veniva definito Barabba!
    Ecc…. 😀

  16. Carissimo Giuseppe
    credimi, il piacere è anche mio nel sentire la tua preziosa amorevole voce 😀

  17. Ma migliore assai è la drammatizzazione dell’inseguimento del lupo/a, con il quale il Guru Battisti immensamente ci illumina sul senso del rapporto tra il cacciatore/la cacciatrice e il lupo/a IN-AMORE. Ascoltate:

  18. Caro Gabriele,

    c’è un verso di una mia canzone che recita:

    “il privilegio di un’ombra che si trasforma in preghiera”.

    Sono versi a cui tengo molto e che forse potrebbero contribuire al vostro lavoro di ricerca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...