Il dono

Il dono eccelso che di giorno in giorno
e d’anno in anno da te attesi, o vita
(e per esso, lo sai, mi fu dolcezza
anche il pianto), non venne: ancor non venne.
Ad ogni alba che spunta io dico: “È oggi”:
ad ogni giorno che tramonta io dico:
“Sarà domani”. Scorre intanto il fiume
del mio sangue vermiglio alla sua foce:
e forse il dono che puoi darmi, il solo
che valga, o vita, è questo sangue: questo
fluir segreto nelle vene, e battere
dei polsi, e luce aver dagli occhi; e amarti
unicamente perché sei la vita.

Ada Negri

Annunci

Una Risposta

  1. L’attesa di un figlio, un amore che non è mai nato… Qualcuno diceva che tutto arriva quando si smette di aspettare e si impara a stare da soli: a volte si impara ad amare se stessi quando ormai si è arrivati alla “foce” ed è lì che si apprende come accogliere un dono, che passa altrimenti inosservato nella presunzione, di tutti, di avere il potere di costruire la vita che si vorrebbe. A molti è dato sapere che è possibile soltanto fare del proprio meglio per non affliggerla maggiormente, la vita: dovremmo “amarla di due amori”…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...