Una immensa, universale presa in giro

“Sopra le nostre teste, a due millimetri, a un millimetro forse dalle tempie, venivano a vibrare uno dietro l’altro quei lunghi fili d’acciaio intriganti che tracciano i proiettili che cercano di ucciderti, nell’aria calda d’estate. Mai mi ero sentito così inutile come in mezzo a tutte quelle pallottole e le luci di quel sole. Una immensa, universale presa in giro.”

Louis Ferdinand Celine

Annunci

4 Risposte

  1. Sentirsi una immensa, universale presa in giro per non essere stati scelti come bersaglio da nessuna di quelle pallottole…
    Ammantarsi della sindrome del sopravvissuto, sentirsi l’unica eccezione su un milione che sovverta la regola e una probabilità, certa, che in quel modo usualmente si muore senza potersi osservare morire, senza potersi dare un’ultima spazzolata ai capelli.
    Un tempo quell’essere si diceva che fosse stato baciato dal Dio, che questi lo avesse risparmiato perchè un alto compito gli era stato dato dal Fato. Inappellabile, persino da parte di un dio, il volere del fato.
    In un altro tempo quello stesso essere ha deciso di correre incontro alla pallottola: forse ha capito che, purchè non prenda alla lettera quel Dio per evitare di trovarsi mai in balia della sorte, in futuro sia il caso di considerare più prudente la ragione nella fede in una vita che sia dono irrevocabile.
    Irrevocabile: è più semplice vivere senza esserne coscienti e illudersi, così, di essere liberi di poter cambiare la traiettoria del proiettile… Capita tuttavia di accorgersi, sotto una pioggia di proiettili, quanto sia importante avere uno scopo; quanto evitare di diventare lo scopo di persone violente. Sono quelle, che non muoiono di morte naturale. Forse non si è mai pronti a morire e avere paura è sentimento naturale…
    …Ma spesso si vorrebbe non dover lasciar andare quella parte di sè.

  2. Buongiorno, Gabriele carissimo! Baci e abbracci… 🙂

  3. Eppure è anche possibile scansare anche le pallottole….

  4. Grazie, carissimo. Baci baci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...