Coraggio!

Annunci

12 Risposte

  1. “Nautilus”

    Perlate arche
    Di quiete,
    Rifugi di voci
    Mansuete:

    Nautilus,
    Ipnotiche
    Spire di marmo,
    Orecchi natanti,

    Ubiqui olifanti
    Cui l’anime
    Vanno,
    In cui l’anime

    Stanno,
    Diafane pupe,
    Sognando.

    (Luigi Roscigno)

  2. Abbiamo il Nostro! 😀

  3. Non avevo mai osato fare una …

    “MANDOLINATA”

    Mi levigo
    come un marmo
    di passione
    (G. Ungaretti)

  4. Luigi, la tua ballata mi ricorda tanto il ritmo ipnotico de “Il canto della tenebra” di Dino Campana. Hai il ritmo nei piedi, ragazzo! 🙂

  5. Troppo buona, Vale, troppo buona… 🙂

  6. Lo so che non dico nulla di nuovo, ma almeno dico qualcosa visto che è da un pezzo che non dico niente:

    CARPE DIEM

    Raccogli,
    ora,
    questo fiore,
    anima mia,
    ora che il suo profumo
    è intenso
    ed i colori smaglianti.

    Non fare appassire
    le foglie,
    mia dolcezza,
    sì che rimangano solo le spine
    ad ostentare le sembianze sgradite
    della sua decadente bellezza.

    Cogli i migliori attimi
    della sua vitalità,
    del suo vigore,
    non gettare al vento
    le fuggevoli dolcezze che regala.

    La vita è breve
    e l’ombra nera
    raccoglie i sospiri inespressi
    e copre col suo spettrale mantello
    il bene che non è stato colto
    quando il destino
    l’aveva concesso.

    Santoro Salvatore Armando
    (Boccheggiano 21.12.2006 – 7,55)

  7. CORAGGIO

    Io spero
    che la vita vi sorrida.
    Io spero
    che la vita vi abbracci.
    Io spero
    che la vita
    non vi deluda.
    Lo so che l’ombra lunga
    scomparirà dietro una siepe,
    sarà risucchiata
    dal buio della notte.
    Spero che il mio alito vi sia vicino,
    sempre,
    nelle lunghe nottate della vita,
    nelle felicità che vi arrideranno
    e vi confonderanno
    o nei dolori
    che appesantiranno l’animo vostro.
    Vi guarderò in silenzio,
    da lontano,
    pronto a soccorrervi
    nei momenti dell’affanno,
    dell’ansia,
    dello sconforto.
    Sarà la mia voce,
    confusa tra le nuvole,
    che vi sussurrerà
    con forza e con amore:
    coraggio.

    Santoro Salvatore Armando
    (Boccheggiano25/07/2004 23.11)

    Ai miei nipotini Seila, Verusca e Samuele

  8. siete semplicemente FANTASTICI 😀

  9. Troppo buona? …. Uhmmmm!!!! Ci penserò, Luigi. 🙂

  10. Salvatore, avevo apprezzato il tuo “Carpe diem”, già postato; è quì in sintonia con un aforisma che amo particolarmente:

    “Tutti noi sappiamo come impegnarci nell’azione politica: partecipare a campagne, a marce, protestare, resistere. Sappiamo il coraggio che l’azione richiede e il rischio che comporta, ma non sappiamo di avere anche altri mezzi di azione, mezzi che richiedono anch’essi coraggio: il coraggio del cuore di battersi per le sue percezioni. E se non ci battiamo, se non ci esprimiamo in favore del nostro senso estetico, quel velo funebre che è la conformità ottundente finirà per togliere ogni forza al nostro linguaggio, al nostro cibo, ai luoghi dove lavoriamo, alle strade delle nostre città.”
    (James Hillman)

  11. In questi momenti di coraggio ce ne vuole tanto anche perchè in giro ci sono troppi comici che pensano che la politica sia una sceneggiata da palcoscenico. Tirate via le battue squallide, e che servono solo a fare ridere una schiera di imbecilli che ridono senza capire e che ballano come scimmie nelle piazze, bisogna prendere atto della realtà che è molto cruda e cioè quella di fare i conti con l’egoismo di un capitale finanziario a cui interessa solo realizzare il maggior profitto con la minima spesa. Ed in funzione di questo no gli frega nulla ne che le nazioni sprofondino nel buio della Grecia e neppure che la gente s’impicchi o si butti giù dai balconi.
    Anzi ti dirò che ho pena per queste persone che non hanno più la resistenza dei nostri nonni e dei nostri padri che hanno fatto miseria e fame e senza privilegi e con tanta fatica hanno costruito il benessere di questo paese adesso ridotto in miseria anche dalla stupidià umana che è sempre convinta che conquistato un diritto non si perde più. Invece la storia insegna che ogni guerra è una vittoria ma diventa precaria se non si sanno difendere le conquiste.
    Ecco: siamo usciti fuori dal seminato e concludo ancora con una mia previsione che il mio “io” da sensitivo mi suggerisce. Da questa crisi sarà difficile uscirne fuori. Prima o poi il popolo butterà tutti a gambe in aria. Ma non saranno i comici a fare le rivoluzioni. I comici faranno al massimo solo ridere. Ci va qualcuno che abbia davvero le palle e che capisca che la strada della solidarità e della uguaglianza sarà quella da battere. Ma l’egosimo umano saprà percorrerla?

  12. …Ci va qualcuno che abbia il coraggio di uscire fuori dal seminato per raccogliere nuove soluzioni, poichè le vecchie non soddisfano più “le rischieste”.

    Un buon fine settimana, Salvatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...