In una stazione del metrò

L’apparizione di questi
volti nella folla,

petali sopra un
umido ramo nero”.

Ezra Pound

Annunci

5 Risposte

  1. … I corvi di Wotan, Pensiero e Memoria!

  2. Hermann Hesse

    CANZONE DI VIAGGIO

    Sole, brilla adesso dentro al cuore,
    vento, porta via da me fatiche e cure!
    Gioia più profonda non conosco sulla terra,
    che l’essere per via nell’ampia vastità.

    Verso la pianura inizio il mio cammino,
    sole mi fiammeggi, acqua mi rinfreschi;
    per sentire la vita della nostra terra
    apro tutti i sensi in festa.

    Mi mostrerà ogni giorno nuovo,
    fratelli nuovi e nuovi amici,
    finché senza dolore ogni forza loderò,
    e di ogni stella sarò ospite e amico.

  3. Buon inizio di settimana, Gabriele caro… un grande abbraccio!

  4. Grazie, Luigi. Un immenso abbraccio per te.

  5. […] 4. In uno degli ultimi dialoghi tra i due amanti si parla dei petali su un ramo umido e nero: il senso di solitudine e incomunicabilità nascono da una poesia in due versi di Ezra Pound, In una stazione del Metrò. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...