Il cerchio magico

Sopra: John William Waterhouse, “Il cerchio magico”, 1886

[…]

La mappa del cielo non è più un quadro ben proporzionato di corpi fisicamente determinati, in posizioni e distanze misurabili, in rapporti numerati, con radiazioni che si assommano o si elidono, che agiscono variamente secondo gli angoli d’incidenza, o le intensità. Ci avvolge un padiglione meraviglioso e terribile, da cui esseri demoniaci, divinità maligne o benevole, con i loro sterminati corteggi, dardeggiano influssi d’ogni sorta, esiziali e vitali. Perfino il «dolce» Petrarca canta: «hec supra horrificis diversa animalia passim / vultibus et variis cernuntur[…] figuris». E qui, nel mondo, bisogna giostrare per neutralizzare, o sviare e trasformare le radiazioni cosmiche, ora facendole convergere e concentrare, se benefiche, ed ora disperdendole, o attenuandole, se malefiche, con l’aiuto di pietre, di anelli, di sigilli, e così via. Non solo: bisogna esorcizzare dèmoni e pregare dèi; bisogna imprigionarli in immagini ingannevoli e seducenti – bisogna entrare, insomma, nel cerchio magico degli spiriti.

Eugenio Garin, “Lo zodiaco della vita “, Laterza, Roma-Bari 1976

Annunci

33 Risposte

  1. Buon Giorno Carissimo Prof. Gabriele,
    sempre con il suo benevolo consenso, vorrei riportare anche questo messaggio… Lo stesso messaggio che un giorno mi ha permesso di postare parlando delle canalizzazione del Grandioso Adamus Saint Germain e di Kyron…. Lo stesso messaggio che parla della DEFRAMMENTAZIONE DELL’ESSERE DIVINO…

    MESSAGGIO DALL’ARCANGELO MICHELE
    di Gennaio 2012 Trasmesso tramite Ronna Herman

    “L’Evoluzione dell’Anima”

    Amati Maestri,
    Dovete espandere la vostra capacità di Amore/Luce in modo che comprenda tutta la Creazione: Amore per la natura, Amore per gli animali, Amore per l’umanità, Amore per coloro che vedete come vostri nemici e, cosa più importante, Amore per Sé Stessi. Perché nell’Essenza, tutta la Creazione è una parte di voi e voi siete un aspetto del Creatore Supremo. L’espansione della Coscienza Divina si traduce in un’espansione del vostro campo aurico – la radiosità della vostra Luce.

    Nel corso del tempo, sempre più di voi svilupperanno una radiosità così potente ed espansiva che inizierà ad avere un effetto positivo sulle persone intorno a voi – ed infine sulla Terra e su tutta l’umanità. Un numero alquanto elevato di Anime evolute hanno già acquisito questa capacità.

    Tuttavia, dovete ricordare che non potete trasmettere quello che non avete rivendicato come vostro.
    Ricordate inoltre questo: una parte importante della vostra missione sulla Terra è di intensificare la Luce delle dimensioni inferiori. L’Espansione della Coscienza Spirituale porta come risultato un’espansione del campo aurico, sia in intensità sia nella sfera d’influenza. Un aspirante sul Sentiero deve concentrarsi sull’addestramento sia del mondo esteriore sia di quello interiore.

    Dovete sforzarvi di diventare osservatori consapevoli di quello che sta succedendo intorno a voi. Allenare voi stessi a diventare totalmente impegnati con la consapevolezza focalizzata degli eventi fisici nella vita di ogni giorno è di vitale importanza, così come imparare ad elaborare i modelli di frequenza armoniosi e discordanti ai quali siete sottoposti. Dovete poi fare l’azione appropriata. Praticare la disciplina emotiva e mentale è anche molto importate mentre cercate di ridiventare maestri del Sé. Non dovete voltare le spalle al mondo e alle esperienze della vita, ma affrontarle a testa alta.

    Tuttavia, è importante che impariate a vedere la vita da un punto di vista più elevato. Cercate di vedere il quadro più ampio e non restate intrappolati nei drammi della piccola storia.

    La logica è una funzione del corpo fisico mentale e della vostra mente. Ricordate, la conoscenza o le teorie che accettate come vostra verità devono essere sperimentate al fine di acquisire saggezza dalle informazioni divulgate. L’ispirazione è fornita dal Sé Superiore alla vostra Sacra Mente. Dovete imparare a prestare attenzione agli impulsi della vostra Sacra Mente e Sacro Cuore o all’input dell’aspetto prevalente del vostro Sé Superiore, perché è così che, gradualmente, imparerete a comunicare con gli Esseri dei regni superiori e ad acquisire la saggezza cosmica.

    All’inizio, c’era la comunicazione con e tra le guide ed i custodi spirituali di gruppi specializzati; tuttavia, nel corso del tempo questo dono o capacità è andata smarrita. Mano a mano che gli esseri umani sprofondavano sempre di più nella coscienza materiale, gradualmente smisero di guardarsi dentro per il senso di connessione con i regni più elevati della coscienza. Le dimensioni inferiori terza e quarta non sono luminose e chiare. C’è uno strato di foschia o nebbia. Quelle Anime che esistono in questo ambiente non se ne rendono conto, perché quello è il grado di consapevolezza a cui sono abituati. La realtà della terza/quarta dimensione inferiore potrebbe essere paragonata all’esistenza all’interno di un labirinto oscuro in cui si è sempre alla ricerca del sentiero che vi riporterà nella consapevolezza della Luce pura. Questa nebbia inizia gradualmente a dissiparsi mentre vi spostate nei sotto-livelli di mezzo della quarta dimensione ed il vostro mondo diventa più leggero e luminoso mano a mano che attraversate ogni sotto-livello superiore.

    Per ricevere le Lezioni di Luce, dovete elevare la vostra coscienza per sintonizzarvi almeno al quinto sotto-livello della quarta dimensione. In questa esperienza sub-universale, ci sono sette sotto livelli per ogni dimensione, con il primo sotto-livello che è il più basso e denso ed il settimo sotto-livello che è il più elevato e raffinato. I maestri e le vostre guide sono desiderosi di incontrarvi a metà strada; tuttavia, soltanto in rare occasioni essi abbasseranno le loro frequenze nella densità della dualità estrema, perché è troppo disagevole per loro.

    L’ego è un aspetto del sé fisico; è stato progettato per aiutarvi a sviluppare nel tempo un senso di identità ed individualità. Una mente orientata verso l’esterno è guidata dall’ego. Il sé-ego mal indirizzato è stato determinante per creare l’illusorio sistema di credenze del piano materiale, una realtà basata su separazione, paura, egoismo e scarsità. Mano a mano che espandete i vostri orizzonti mentali, iniziate ad abbattere le barriere della percezione auto-limitante.

    L’espansione della mente comprende l’attivazione delle cellule dormienti dei livelli dimensionali superiori del cervello e l’attingere alla saggezza della vostra Sacra Mente. L’obbedienza cieca non è un requisito per l’ il-Lumi-nazione, perché vi state sforzando di diventare Maestri del Sé e di vivere le vostre verità personali come vi sono state rivelate e convalidate dal monitor del vostro cuore.

    L’umanità si trova nel bel mezzo di un risveglio spirituale e cellulare. Mentre vi spostate verso i modelli vibrazionali della quarta dimensione superiore e quinta inferiore, le vostre cellule, il corpo eterico e campo aurico inizieranno un processo di purificazione accelerato. Questo processo faciliterà ed infine porterà al download di molti aspetti del vostro Sé Superiore e al graduale recupero del vostro Corpo di Luce. Siate attenti e consapevoli in ogni momento, affinché il vostro obiettivo diventi ben determinato e chiaro. Svilupperete gradualmente un senso di fiducia e sicurezza, una conoscenza che tutto va bene e che tale rimarrà.

    L’Anima è un’estensione rifratta del vostro Sé Divino o Presenza dell’Io Sono. L’Anima usa la coscienza dell’emisfero destro dell’intuizione, che è connessa con la Mente Sacra Superiore e la Volontà Spirituale. Una mente concentrata interiormente è guidata dal Sé Spirituale. L’umanità è in procinto di sviluppare i sensi sottili, raffinati che si sono offuscati a causa di un uso errato.

    Dovete andare oltre i sensi fisici rudimentali spesso distorti, mentre diligentemente cercate di sviluppare i sensi mentali superiori di intuizione e saggezza divina. E’ di vitale importanza che apprendiate a controllare la vostra natura emotiva e a mantenere i vostri pensieri saldi nella Luce.

    <b<Il vostro Sé Divino o Presenza dell’Io Sono è la vostra Intelligenza profonda, la vostra prima
    identità individualizzata all’interno di un’esperienza universale o sub-universale. In questa esperienza sub-universale, la Presenza del vostro Io Sono ha creato i vostri primi dodici frammenti d’anima o estensioni dell’Anima. Da quel momento, la vostra Essenza Divina si è rifratta e separata innumerevoli volte. Adesso siete in procinto di reclamare tutti i molteplici aspetti del vostro Sé Divino in questo Sub-Universo in modo da poter progredire verso una versione più grande, più dinamica ed espansiva del vostro Sé Divino. Per aiutarvi a realizzare questo, la vostra Cellula Divina dal Nucleo Adamantino ed il vostro personale Fiore della Ruota Creativa della Vita
    contengono una piena misura dei Dodici Raggi della Coscienza Divina per questa esperienza subuniversale.

    Essi sono stati progettati affinché voi aveste sempre accesso alla vostra Divinità a Spettro Completo per questa esperienza sub-universale. Il vostro compito è di attivare questi Raggi, per incorporare le qualità ed attributi di Dio che essi contengono e poi usare queste qualità ed attributi per il bene supremo. C’è ancora molta confusione su ciò che è l’Anima, come funziona e dove risiede. E’ indispensabile che voi comprendiate l’intricato processo di riconnettervi con i molti
    aspetti del vostro Sé Superiore. E’ anche importante che acquisiate chiarezza sugli insegnamenti più
    profondi che vi abbiamo dato in merito ai molteplici Frammenti del Sé Superiore (ne avete molti, non uno soltanto) ed il processo per incorporare questi molteplici aspetti di Sé. Perciò, riteniamo che sia tempo per una spiegazione più avanzata di questo processo quanto mai importante per l’Evoluzione dell’Anima:

    Voi portate nella vostra Cellula Divina dal Nucleo di Diamante un Atomo Semenza cristallino di Memoria della realizzazione del Sé dal vostro punto di origine. Esso contiene una brevissima panoramica dei punti salienti di ogni vita che avete vissuto, le principali lezioni che avete appreso ed i talenti che avete perfezionato mentre viaggiavate attraverso questo universo.

    L’Anima è un’estensione del vostro Sé Divino o presenza dell’Io Sono. L’Anima non è né Spirito né materia. È un Atomo Semenza di Memoria, cristallino, Fuoco Sacro, un frammento della pura Essenza di Luce che è programmato per registrare il vostro viaggio attraverso questa esperienza sub-universale. E’ il legame tra voi e Dio nostro Padre/Madre ed infine con il Creatore Supremo.

    Il vostro Sé Spirituale personale, per questa vita, risiede nel vostro Sacro Cuore come un aspetto della vostra Cellula Divina dal Nucleo Adamantino. Ogni aspetto della frequenza più elevata della vostra Anima ha i propri Atomi Semenza della Memoria. Quando un dato aspetto prende dimora nella vostra Stella dell’Anima come vostra Superanima, gradualmente trasmetterà le memorie del suo modello vibrazionale all’Atomo Semenza della Memoria all’interno della vostra Cellula Divina dal Nucleo Adamantino ed anche al vostro Sé Anima Incarnato. Prima, attiverà i Cristalli Semenza della Memoria nella vostra Sacra Mente. Mentre le vostre frequenze si espandono per ospitarli, i Cristalli Semenza della Memoria tenuti di riserva nella vostra Cellula Divina dal Nucleo di Diamante saranno attivati. In questo modo, mentre incorporate tutti i vostri Frammenti d’Anima, alla fine acquisirete la capacità di accedere a tutta la saggezza, i talenti e le memorie ed esperienze positive della Presenza del vostro Io Sono per questo Sub-Universo. Il processo si ripete più e più volte man mano che attraversate i livelli multidimensionali della Coscienza Divina ed incorporate sempre più aspetti del vostro Sé Divino.

    Voi foste programmati per cercare eternamente il Sacro Cuore della vostra Essenza, la vostra Cellula Divina dal Nucleo di Diamante, ed il vostro Atomo Semenza Cristallino dell’Essenza del Creatore.

    Ad intervalli specificamente programmati ci son o sempre stati piccoli gruppi di Esseri unici, speciali che si incarnavano nelle varie razze e sotto-razze e diffondevano nuove idee, instillavano nuove qualità ed attributi. Questi Essere avanzati trasmettevano con l’esempio la loro saggezza, la loro coscienza superiore e talenti speciali, e si fondevano anche fisicamente con membri selezionati della specie umana al fine di far progredire i codici del DNA dell’umanità. Voi state vivendo in uno di questi tempi speciali. La quarta dimensione potrebbe essere definita una “realtà di transizione” perché è da qui che iniziate a lasciar andare tutti i condizionamenti del passato.

    Il regno quadri-dimensionale è di natura più emotiva, e perciò il cuore e la natura dei sentimenti sono l’obiettivo principale. Gli antichi chiamavano la quarta dimensione il regno di Maya o illusione. La coscienza collettiva di massa dell’umanità colma i tre livelli inferiori della quarta dimensione, ed è qui che gran parte degli esseri umani esistono mentalmente fino a quando gradualmente iniziano a guardarsi dentro e ad ascoltare gli ammiccamenti del loro Sé Spirituale. Il corpo dei desideri dell’ego è il maestro manipolatore di questo regno, e costantemente sollecita la persona a cercare più soddisfazione e felicità attraverso la sensazione ed i mezzi esterni di gratificazione.

    Iniziate ad attingere al vostro Potenziale Energetico Interiore mano a mano che vi spostate verso i sub-livelli superiori della quarta dimensione. La materia diventa più fluida, e perciò diventa più facile manifestare quello che desiderate. Ecco perché dovete imparare ad essere più risoluti e a concentrarvi sui vostri pensieri con intenzione chiara. Una mente disciplinata mette insieme le sequenze di pensiero nel giusto ordine. E’ di vitale importanza che comprendiate che i pensieri disordinati sono dannosi al vostro progresso. Vivere nel momento presente – nel momento di Adesso – è una componente importante per raggiungere la Maestria del Sé.

    Si richiede lo sforzo mentale al fine di attraversare con successo il sentiero dell’illuminazione. A poco a poco, buona parte dei vostri ricordi degli eventi passati inizierà ad affievolirsi man mano che uscite fuori dal regno del cervello istintivo/mente verso il regno della mente superiore.

    Tratti importanti di un maestro del Sé sono le capacità d’osservazione focalizzate e l’innocuità di pensiero, parola ed azione. Quali aspiranti sul Sentiero, verità cosmiche sempre più grandi vi saranno rivelate. Tuttavia, dovreste essere consapevoli che i principi minori di saggezza e verità senza tempo saranno costantemente espansi per incorporare regole, leggi e verità uniche del successivo livello di esistenza nel ciclo senza fine di ascensione nella coscienza.

    Dovete mantenere il canale di comunicazione aperto tra l’Anima ed il cervello tramite la mente. Questo avvia il lento processo di riattivazione della Ghiandola Pineale e l’apertura del portale alla Sacra Mente, che si trova nella parte posteriore del cervello, vicino alla sommità del capo. La Mente
    Sacra è in risonanza con i sotto-livelli della quarta dimensione superiore così come con tutti i livelli
    della quinta e sesta dimensione, con una piccola parte delle frequenze/dati della settima dimensione,
    che sono riservati ad un uso futuro quando acquisirete la capacità di attraversare i livelli più alti possibili per l’umanità in questa esperienza sub-universale. Tuttavia, dovete aumentare gradualmente i vostri modelli vibrazionali per poter attingere a questo deposito di saggezza cosmica.

    La Sacra Mente ed il Sacro Cuore non sono composti dalla sostanza del mondo materiale; essi sono costituiti da sostanza di Luce leggera, eterea che non può essere rilevata dagli strumenti scientifici. Tuttavia, sono più reali di qualsiasi parte del vostro corpo fisico. Perché una volta che ristabilite la connessione tra la vostra Sacra Mente, il vostro Sacro Cuore e la vostra Cellula Divina dal Nucleo Adamantino, ci sarà un flusso costante di Particelle Adamantine, oltre ad informazioni avanzate, pertinenti provenienti dai vostri Atomi Semenza della Memoria ed anche dalla vostra Superanima/Sé Superiore. Ecco perché è così importante che riconnettiate la Triade della Coscienza Divina: La Sacra Mente, il Sacro Cuore e tutti gli aspetti della vostra Cellula Divina dal Nucleo Adamantino.

    Mentre vi spostate verso i modelli vibratori della quinta dimensione, le vostre cellule, corpo eterico e campo aurico inizieranno un processo di purificazione accelerato. La tranquillità inizia al livello inferiore della quinta dimensione e si rafforza in modo esponenziale. Acquisire potere divino e saggezza richiede che vi muoviate oltre i potenti modelli di credenza della coscienza collettiva dell’umanità verso la sintonia con la vostra coscienza cosmica tramite i molti aspetti del vostro Sé Superiore. Potersi spostare con successo sul sentiero dell’illuminazione richiede stabilità emotiva e sforzo mentale .

    C’è una legge di Equilibrio che vale per la quinta dimensione ed oltre. In breve, la sesta dimensione è la dimensione dell’immortalità e di una coscienza spirituale enormemente espansa mentre vi riconnettete con i livelli superiori del potenziale della vostra Anima in questo Sub-Universo. La settima dimensione è il limite evolutivo finale per l’umanità in questa esperienza sub-universale. Il primo sotto-livello (il più basso in frequenza) dell’ ottava dimensione è il PORTALE DELL’INFINITO, a cui sarete in grado di attingere quando acquisirete l’abilità di integrare frequenze sempre più elevate. Un effetto di gocciolamento ha avuto inizio mentre acquisite l’abilità di accedere ad ogni livello di frequenza superiore, per mezzo del quale minuscole quantità di Luce Divina più raffinata iniziano a fluire nella vostra Colonna di Luce
    personale, aggiungendo così Luce al vostro campo aurico e alla vibrazione della vostra Canzone Spirituale.

    RICORDATE, MIEI VALOROSI, VOI STATE VIVENDO NEL BEL MEZZO DELL’ETERNITÀ. I messaggi di saggezza che vi portiamo non sono per stabilire altre regole o creare un nuovo dogma. La nostra intenzione è di infiammare i vostri cuori con l’amore e darvi un’idea del glorioso futuro davanti a voi. Io vi guiderò, dirigerò, ispirerò e proteggerò ed irradierò l’amore eterno di Dio nostro Padre/Madre verso ognuno di voi.

    Io sono l’Arcangelo Michele

    Da Ronna:
    Carissimi amici, mentre ci spostiamo verso le energie dinamiche del 2012, è più importante che mai che rimaniamo centrati nel nostro Sacro Cuore e concentrati sul massimo bene per tutti. Ci viene offerta una magnifica opportunità di rivendicare la nostra maestria personale e contribuire a creare un mondo d’amore, pace, armonia ed abbondanza per tutti. Mi sento davvero fortunata per essere stata scelta per portarvi questi incredibili insegnamenti di saggezza dal nostro adorato Arcangelo Michele. Vorrei poter essere con tutti voi personalmente; tuttavia, sarò sempre con voi nel nostro posto speciale nella Piramide dei Servitori del Mondo. Ringrazio tutti voi per le vostre generose donazioni ed i pensieri affettuosi che mi avete inviato lo scorso anno. Possa il 2012 essere
    l’anno in cui i nostri sogni e la nostra gloriosa visione del futuro si avvera. Amore eterno e benedizioni, carissimi.

    La vostra Sorella Spirituale,

    Ronna Per saperne di più: http://www.ronnastar.com/ Traduzione a cura di Magda Cermelli per http://www.lightworker.it

  2. Penso che ogni spirito insista su di un proprio cerchio magico. Penso ancora che tutti questi cerchi – e spiriti – si vadano continuativamente incrociando, superando, e – qualche volta – addirittura coincidano, collabiscano. Avviene raramente; e succede che, quando i cerchi si scindano e continuino il loro vagare, apparentemente senza fine e fini, tra gli universi, talvolta dimentichino di essersi intrecciati con altri.
    In quel caso lasciano dietro un po’ della propria magia. Se davvero l’universo degli universi, dal momento del suo inizio, continua con velocità esponenziale ad avanzare verso l’ineffabile, occupando, come nella sfera parmenidea, ogni singolo punto, ogni micro-mattone fondante la materia, e la tangibile assenza di essa, probabilmente ci resterà la speranza di implodere, e assieme, in un processo di reversibilità, per un attimo ripercorrere, a ritroso, forse proprio superando proprio orizzonte degli eventi e dunque passando la grande porta, il proprio passato. La nostra singolarità, in quanto tale, per ciascuno di noi è tutto l’universo; ci riesce difficile accettare singolarità che trascendano la nostra, per cui la distrazione dell’abbandono del sé, potrebbe soltanto essere oblio della conoscenza o perfusione in essa stessa.

  3. I sapienti ciò che s’avvicina

    “Gli dei percepiscono le cose future, gli uomini quelle presenti, i sapienti ciò che s’avvicina” (Filostrato, Vita di Apollonio di Tana, 8,7)

    Gli uomini sanno le cose presenti.
    Gli dei conoscono quelle future,
    assoluti padroni d’ogni luce.
    Ma, del futuro, avvertono i sapienti
    ciò che s’appressa. Tra le gravi cure

    degli studi, l’udito ecco si turba
    d’un tratto. A loro giungono le oscure
    voci dei fatti che il domani adduce.
    Le ascoltano devoti. Fuori, per via, la turba
    non sente nulla, con le orecchie dure.

    (Costantino Kavafis)

  4. …Ad altri il compito di tenere in piedi il passato, che non ha più risposte: non è più possibile tornare indietro senza subire perdite essenziali. L’uomo del presente, che ha rotto i legami con il passato, è incerto ed ambiguo, deve passare per terreno vergine e trovare uno scopo cosciente a tutta quella energia che provoca incertezze, dubbio: una perturbazione dell’equilibrio dell’anima…

  5. Dal “Al Aaraaf” di Edgar Allan Poe
    (Si ringrazia: http://www.gothicnetwork.org/articoli/edgar-allan-poe-al-aaraaf )

    […] “Levatevi! Dal vostro onirico percorso
    fra i pergolati violacei,
    doviziosamente ossequiate
    queste ore dalle stelle incendiate –
    e dalle chiome loro sussultate
    di rugiada colmate
    e di quei baci respirate
    anche da loro caricate –
    (Oh! Come, in assenza di te, Amore!
    possono mai esser beati gli angeli?)
    Quei baci d’amore sincero affrancati
    che vi cullano e al riposo vi conducono!
    Su! Dalle vostre ali scrollate:
    ogni cosa che le ha ingombrate
    La rugiada notturna –
    vi graverebbe sul volo
    e le sincere carezze d’amore –
    Oh, tenetele lontane!
    Leggere sulle chiome,
    E pesanti come piombo sul cuore.

    Ligeia! Ligeia!
    Mio unico splendore!
    Il cui più aspro pensare
    come una melodia saprà suonare.
    Oh! È la tua volontà
    che i venticelli fa agitare?
    Oppure, in silenzioso capricciare
    come il solitario Albatros sa fare,
    nella notte incombere
    (come lei nell’aere)
    continuando con delizia ad osservare
    l’armonia che laggiù si va a formare?

    Ligeia! Ovunque
    la tua immagine approdi,
    nessuna magia ti disgiunga
    dal tuo dolce melodiare.
    Hai stregato molti occhi
    in un sonno pregno di sogno –
    eppur la melodia ancora sorgerà
    ché la tua cautela sa vegliar-
    Il tintinnare della pioggia,
    che sui fiori va a guizzar-
    di nuovo danzando
    al ritmo di ogni scrosciar –
    Il mormorio sussultando
    dall’erba si leva crescendo
    la musica melodiando delle cose –
    eppur son copie, ahimé! –
    Allontanati, allora, mia cara,
    Oh! Affrettati a raggiungere
    le sorgenti che si stendono chiare
    presso il raggio lunare –
    Al solitario lago che sorride,
    nel suo sogno di profondo ristoro,
    alle tante isole-stelle
    che ne adornano il petto-
    dove fiori selvaggi, strisciando,
    si confondono ombreggiando,
    col sonno confinando,
    ove tante fanciulle –
    alcune la fresca radura abbandonando,
    e con le api sonnecchiando –
    destale, mia cara fanciulla,
    su brughiere e su prati –
    vola da loro! Sul loro sonno sofficemente,
    al loro orecchio soffiando,
    il tuo armonioso verso
    sonnecchieranno ascoltando –
    ché soltanto un angelo
    può così presto svegliarle
    da un sonno rapito
    dalla gelida luna tornito,
    come un sortilegio che nessun sonno
    d’incanto possa aver piegato,
    tranne lo stesso melodioso verso
    che al sonno lo ha cullato?” […]

  6. Un saluto ad Andrea.

  7. 😀

  8. Hermann Hesse da Poesie Romantiche

    LIBRI

    Tutti i libri del mondo
    non ti danno la felicità,
    però in segreto
    ti rinviano a te stesso.

    Lì c’è tutto ciò di cui hai bisogno,
    sole stelle luna.
    Perché la luce che cercavi
    vive dentro di te.

    La saggezza che hai cercato
    a lungo in biblioteca
    ora brilla in ogni foglio,
    perché adesso è tua.

  9. Caro Rafeluzzzzzzzu, come al solito ti stimo come essere erudito, ma non condivido, la tua esperienza sovrasensibile. Mi dispiace !

    La signora, Ronna Herman, nel suo messaggio di San Michele, di cui sopra,è una ” taroccatrice “. Io ho letto, altri articoli, di ” codesta ” pseudo divinità, tutti i suoi scritti, nessuno escluso, portano lo stesso ritmo e portano la stessa forma di pensiero, pertanto, nel suo messaggio, non c’è nessun San Michele, ma c’ è la sua astuzia.

    SAI QUANTE PERSONE, CON I SOLDI NELLA MANO, BUSSANO ALLA SUA PORTA E LE CHIEDONO LA SOSPIRATA GUARIGIONE ?

    La signora perbene, in questione, ha la stessa formazione, senza fondamento, dei video, della famosa ed evoluta narratrice, che giorni fa, hai mandato in rete : ” Il risveglio degli umani”.PRECISA !

    Lo scritto della veneranda e profetica signora, è un FALSO, in quanto costruisce, senza dir nulla, solamente delle parole, per sedurre, emozionare e ingannare l’ animo dell’ ignaro lettore.

    SCRIVE PAROLE, PAROLE, PAROLE, PER FAR VEDERE CHE E’ EVOLUTA , ” ANGELICA ” E , L’ ASSURDA PRETESA, DI EDIFICARE UNA NUOVA CONOSCENZA SPIRITUALE. Brava, per i fessi !!!???

    UNA DISCIPLINA, UNA RICERCA SERIA, SI RICONOSCE , SE POSSIEDE IL METODO, L’ INSEGNAMENTO, PER TRADURRE IN PRATICA, CIO’ CHE SI SCRIVE E CONQUISTARE.

    Chi si apre, alle parole, di questa NULLITA’, prive di meditazione, prive di un pensiero, cui fermarsi e ragionare, si apre alla distruzzione, alla sofferenza, alla droga e al suo suicidio. Certo ! Se gli fai, non tu, il lavaggio del cervello…. ? Quelle parole sono tutti farmaci insidiosi e velenosi, per la mente umana.

    Le donne e gli uomini, non cercano le parole dei falsi profeti, MA CERCANO LA VERITA’ CHE LI RENDA SERENI, DA CIO’ CHE NON RIESCONO A SOPPORTARE E NON RIESCONO A DOMINARE.

    Caro Rafeluzzzzzu, saracino del mio cuore, ieri ti scrissi un post. Il messaggio che chiudeva il mio scritto, oggi, te lo riprongo:

    “CARO FRATERNO AMICO MIO, LA SPERANZA, LA VITTORIA E IL CORAGGIO SONO LE FORZE PIU’ POTENTI, CHE ALBERGANO NELL’ ANIMA UMANA. SU QUESTO BISOGNA LAVORARE. MA QUESTO E’ PESANTE.”

    NON BISOGNA SCORAGGIARSI, MAI, PERFINO, DAVANTI ALL’ INELUTTABILE, MA TROVARE LA FORZA DI NON ARRENDERSI, ANCHE DAVANTI ALLA SCONFITTA E ALLA MORTE VERA.

  10. Per Salvo Geraci:

    Leggevo la riflessione di Jung su la “Speculazione trascendente sull’apparente disegno intenzionale del destino dell’individuo”, di Schopenhauer, il quale formula una teoria sulla simultaneità di termini non connessi causalmente, chiamata caso…
    Schopenhauer basa la sua riflessione filosofica su un assunto a priori, secondo il quale la causalità equivale alla categoria ed ha validità assoluta.
    La simultaneità allora è, per S, l’immagine di cerchi paralleli che rappresentano un rapporto trasversale tra i meridiani, cioè catene causali:
    “Tutti gli avvenimenti nella vita dui un uomo starebbero tra loro, quindi, in due diversissimi generi di connessione: anzitutto nella connessione oggettiva e causale del corso della natura, in secomndo luogo in una connessione soggettiva; sussistente soltanto in rapporto all’individuo che vive tali avvenimenti e soggettiva quanto lo sono i suoi sogni…Il fatto poi che quelle due specie di connessione esistano contemporaneamente e che lo stesso avvenimento, in quanto termine di due catene assolutamente differenti, pure si adatti con precisione a entrambe, tanto che ogni volta il destino di un individuo si conforma al destino dell’altro e ciascuno è l’eroe del proprio dramma, pur intervenendo al tempo stesso come comparsa nel dramma, tutto ciò indubbiamente è qualcosa cge supera ogni nostra facoltà di comprensione e può essere pensato possibile solo per opera della più meravigliosa harmonia praestabilita”.
    Stando alla concezione di S: “il soggetto del gran sogno della vita… è uno soltanto, cioè la VOLONTA’ trascendentale, la prima causa, dalla quale tutte le catene causali si irraggiano come i meridianio dal polo e, grazie ai cerchi paralleli, si trovano in una reciproca, significativa relazione di contemporaneità”.
    Jung osserva che i punti simultanei nelle catene, o meridiani, rappresentano coincidenze significative solo se “l’unità della prima causa” fosse realmente certa. Ma se la prima causa fosse una “molteplicità”, tutta la spiegazione crollerebbe davanti alla validità della legge naturale, che tiene aperta una possibilità all’indeterminismo.

  11. Buon Giorno Carissimo Luigggggione 😀

    con tanto riserbo, forse è come tu dici sulla signora, ma io ho colto solo le sue parole….. e siccome queste verità mi furono rivelate quando avevo 14 anni, ma allora mi erano assai impossibili da capire, la grande verità soprattutto l’ho riscoperta validata nel 2004 attraverso il mio Angelo e Maestro, Mio Figlio ORAZIO, che mi aveva anche vietato di parlane apertamente, finché non l’avessi letta da altri…. Diciamo che io ho colto solo la rosa incurante dalla mano che me la posta… Non è forse vero che fu detto che “avrebbe mandato il CONSOLATORE che avrebbe parlato attraverso la bocca di tanti?” non fu anche detto che è stolto chi guarda la mano anziché la luna che indica la mano ?” non fu anche detto che “il fiore più bello, il loto dai mille petali d’oro nasce nella fanghiglia e nella putredine di una nera pozzanghera?”

    per me, non c’è tanto da meravigliarsi….. “scali pure la prima pietra chi non ha colpe”

    E se poi sei abbastanza ricercatore, riscoprirai questa grandiosa verità anche attraverso il detto di tantissimi Filosofi, di tantissimi Saggi Istruttori e grandiosi Maestri e veri Ricercatori d’Anima del nostro passato, cos’ come di ogni continuativo tempo.. Solo che utilizzavano un linguaggio simbolico/metaforico per essere più chiaro alla voce e alla coscienza del loro stesso tempo…

    Oggi non siamo più nel tempo “dei canonici benedettini”, oggi siamo nel tempo del ferro più nero, in cui le verità pian piano si stanno facendo strada nel cuore degli uomini…. Certo c’è anche tantissima disinformazione e soprattutto tantissima depistante informazione…. Ma come avevo detto, cogli la mela perché domani, forse non ci sarà più data questa occasione….

    Comunque, assai interessante sarebbe anche il parere del nostro Carissimo prof. Gabriele, non penso proprio che mi fa pubblicare strane cose se prima non sono passati al suo più attento vaglio…

  12. Per Valeria: Grazie per il commento esteso e puntuale. Per quanto la mia esternazione fosse ‘semplice’ e prescindesse volutamente da implicazioni teoretiche e strutturali, intenzionalmente rispondendo epifenomenicamente a un’emozione suscitata dal pensiero riportato da Gabriele, tuttavia apprezzo molto il tuo punto di vista e il tuo contributo.

  13. In quella contraddizione, che pur serve, dove tutto si mescola appare scompare, è pur vero che le possibili verità si mostrano a noi, intesi come Uomini di culture diverse, in diverso modo simboli credi, anche il finale, in fine non è mai del tutto uguale! Quindi l’importante che in quelle strade ci sia la ricerca del bene, dell’amore! Poiché la stessa chiarezza, in questo piano come Chiama spesso Raffaele, appare differente, se non nella percezione, o nella coscienza se più piace, dell’amore, dell’importanza di giungere a ciò! Mi fermo, nella contraddizione, in quel continuo apparir contraddizione, dato anche dall’impossibilità umana di poter spiegare in ordine ogni senso compiuto facente parte ad una catena Infinita! Ecco perché, ognuno alla fine dovrà cercare, vedere da solo, sapendo di non poter spiegare, la dove, volendo fare un esempio, si fosse giunta a Comprensione infinita, dicevo l’impossibilità di spiegare o pretendere comprensione, d’un cammino che in un certo senso e individuale!! Bene discuterne, ma sapendo che non tutti i semi cadranno nell’aratro, e che non sono ottimi solo i nostri di semi, quindi di semina!!! Come sempre, mia riflessione!

  14. Bellissima Riflessione Carissimo Giuseppe 😀
    Come si potrebbe mai spiegare una visione diciamo trascendentale, che qualcuno ha avuto, diciamo in uno stato di sogno o di consapevole super coscienza alterata nella 4, 5 o sesta dimensione, quando ritornando in questo nostro piano tridimensionale più denso e più material non esistono né parole né termini di paragone…. Un giorno questo stesso ragionamento l’avevo già riportato parlando dell’ipotetico essere bidimensionale che per uno stato particolare, si affaccia ad un mondo (già esistente, ma assente alla sua percezione piana) al mondo tridimensionale, la stessa cosa vale per noi esseri che viviamo in una realtà tridimensionale delle N-1 realtà compenetranti la nostra….

    A titolo di esempio, basta prendere un oggetto qualsiasi, piatto, ed innalzandolo in altezza,
    supposto che c’immedesimo/immaginiamo di guadare attraverso i sui occhi piani, che cosa vedremmo? e dopo riusciremmo con quella più limitata consapevolezza bidimensionale a descrivere la nostra percezione tridimensionale ai nostri simili? Penso e ripenso che è impossibile, e solo per analogie e rappresentazioni simboliche qualcosetta possiamo trasmetterla…. Ma per il nostro mondo bidimensionale saranno sempre cose assurde,illogiche, impossibili, fantasiose, perché anche se sono vere ed esistono, non esistono nel nostro mondo percettivo….

  15. Per Giuseppe e per tutti:
    “Gli archetipi sono i registi di quell’incontro tra mente e materia, le sincronicità.
    La coscienza, e con essa il meccanismo simbolico dei sogni e gli eventi sincronici, è lo strumento che permette di accedere a regni superiori, non soltanto della realtà della materia e quella dello spirito, bensì di vivere l’universo come costante interconnessione tra materia e spirito.
    Ma perchè l’intelletto capisca l’esistenza di una dimensione che unisce spirito e materia, è necessario che questa dimensione sia condivisa dall’anima. Bisogna essere trasformati dentro prima di fare il “salto”… di dimensione.” ( Massimo Teodorani, astrofisico, fisico stellare e quant’altro…)

    … Ed in fine, ma non per ultima, una sincronicità che condivido volentieri con chi saprà coglierla:
    “Se vuoi che il tuo solco sia dritto, attacca il tuo aratro ad una stella” (Giordano Bruno)

  16. … “Cosetta”… “qualcosetta”… Una tisana, che è meglio!
    …Un saluto a Nicola Ricci!!!

  17. Carissima Valeria, diaciamo che io non ho più attaccato ancora quell’arcaioco aratro, mentre ho avuto confermata memoria che già da illo tempora volavo con la mia possente interstellare astronava intergalattica. 😀

  18. da qui siamo solo l’ombra delle nostre IDEE CHE PROIETTIAMO OLOGRAFICAMENTE SU TANTI PIANI DI COSCIENZA, PIANI DIFFERENTI SU CUI DEFRAMMENTIAMO LA NOSTRA ESSENZA CON UN CERTO GRADO DI COSCIENZA, SECONDO IL PIANO DI MANIFESTAZIONE….

    Pensi proprio che la psicanalisi abbia sondato tutti i mondi dell’anima, della materia e dello spirito immortale….. penso ripenso e penso che ancora è ai primi passi…..

  19. se non ci credi, fattelo spiegare da Teodorani, supposto che anche lui abbia raggiunto questo grado di comprensione…. che semi permetti ancora è aiprimi statti rispetto a quello di Platone (che era stato iniazito ai grandi misteri) , mentre Teodorani è solo un grande ricercatore….

  20. Non ti scordare che nel processo di iniziazione , (al 5 dei 7 per essere precisi) era prevista la discesa negli inferi, ovvero nei propri mondi interiori che sono interconnessi con tantissimi piani infradimensionali del migro/macro cosmo. Uno di questi conduceva a Shamballa, nel mondo sotteraneo…

  21. “L’ora di Pan era sempre il meriggio”[…] “È il misterioso momento in cui io e la mia ombra siamo uno” J.Hillman – Saggio su Pan.

  22. Buon Giorno Carissima Maaaaaappppp 😀

    E’ anche nel tramonto in cui si aprono certi portali nel mondo così come si possono aprire nell’essere…. Sono vortici/coni vibrazionali/wormhole/passaggi/porte spazio/temporali…. E’ quello che ho visto effettivamente, che io stesso avevo creato, con i miei pensieri, ma che non ho oltrepassato quando avevo 24 anni… Ero lontano da casa, triste, lontano dalla mia ragazza, un’altra che ha coronato/foggiato il mio allora giovane e sempre passionale amorevole vibrante core.

  23. E’ l’ora del meriggio, dunque…
    Io e la mia ombra, ovvero la pubblicità occulta del “Gratta e Mosca”, del “Karma e Gratta” e, per gli intergalattici della prima galassia a destra, “Perchiazzone: provare per credere!”

    La storia ne è piena! BASTA!

  24. Non ricordo se oggi o ieri lo stesso aforisma è stato detto nella trasmissione Geo & Geo… nella parte rilegata alla scienza, chi conosce il programma sa di cosa Parlo! Ciao Valeria, io Guardo un stella quando passeggio sempre, ma devo ogni tanto guardare in terra…. 😉 altrimenti sbatto contro qualche muro, masso, o palo della Luce!!! Un Abbraccio

  25. Passeggiata Notturna…. sulla strada che conduce alla costiera del Porto….

  26. Ciò che io chiamo contraddizione, non so se altri hanno chiamato ciò allo stesso modo, altro non è che L’impossibilità di poter rendere chiaro, qualora ci si fosse riusciti in noi!Poiché tutto è composto nella visione… atemporale, in un tempo diciamo zero, per riportare x iscritto o a parole tutto Ciò non basterebbe vivere milenni, per spiegare ciò far si che la persona che segue, tenga in ordine ogni minuzioso importante passaggio, In Più non esistono le giuste parole mai, ciò che più s’avvicina ma non può rendere tutto, è l’arte compresa la sophia, la poesia! Nonostante ciò non si può tentare di rendere comprensibile Totalmente, un fetta di supposta verità raggiunta, figurarsi la totalità! Ecco perché “l’iniziato”, la persona, deve fare la sua strada… deve anche perché Diversamente è Impossibile! Va bene il discutere, ma, non altro secondo me! Come al solito questo è ciò in cui credo fermamente, allo stesso tempo è solo la mia Visione! Buona Serata a tutti!!! Un Saluto Con Affetto al Professore La Porta, come sta? ;-)! In più quel bisogno di prendere e lasciare che tutto, almeno in Umano, Ritorni a Noi come Poesia, la mediazione di quella magia giocoliera!!

  27. Caro Giuseppe,
    la trasmissione televisiva è proprio quella: eravamo sintonizzati sullo stesso canale, come ci sarà successo altre volte di sincronizzare le nostre rispettive esistenze con la luna.

    Lo so che può non interessarti, ma il professore LucianoTarricone, che è a capo del gruppo di ricerca dell’Università di Lecce, è di Galatina e abbiamo frequentato lo stesso Liceo Scientifico: conserva la stessa genialità di allora.
    E conservo del Liceo l’annuario 1983-1984, nel quale è riportata una parte di un vastissimo lavoro fatto dal Professore, allora maturando. Il titolo è quanto mai …”sincronico”: “L’unificazione delle forze (Introduzione alla fisica quantistica delle particelle e nuove frontiere della ricerca subnucleare).
    Nella sua introduzione questo giovane genio scriveva… precetti junghiani:

    […] Forse la fisica delle alte energie ricoprirà in futuro il ruolo che il vecchio Marinaio di Coleridge ha nel finale della famosa ballata: dopo che la fisica classica (il vecchio marinaio) ha sacrificato e mortificato l’immaginazione (l’albatro di Coleridge), il rinnovamento della fisica con i nuovi apporti della fisica delle particelle (il rinnovamento dell’animo del vecchio marinaio) diffonderà in tutti noi la chiara consapevolezza che nella ricerca scientifica come in tutto è l’immaginazione di ognuno, la sua “weltanschauung” a guidarlo, “se forse ognuno vede sempre, un po’, quello che vuole vedere e non quello che effettivamente è”. Anche perchè, ciò che è esiste perchè noi lo creiamo col nostro pensiero e nulla ci potrà mai dire che la sua esistenza sia indipendente dalla nostra. […]

    Un abbraccio

  28. la fisica quantica m’interessa, come no! non è a caso che ho riportato la trasmissione, ! “Niels Bohr” so che lo conosci, Jung Sin-cronicità, Pauli, Chopra…! Un abbraccio a te… !! Poi non Dimenticare che nelle mie vene c’è un legame parentale con E.Majorana.. eeeheeeheee… 🙂 !!! Perdona se scherzo un pò, comunque la parentela c’è seriamente!

  29. ah, dalla serie sto seguendo, e ancora per mezz’oretta seguirò, Geo &Geo. rilassante trasmissione!

  30. Carissimo Giuseppe,
    Sappi solo che Il grandioso Majorana non sparì così come ci viene banalmente raccontanto…..E’ più vivo di noi e si trova nel mondo sottorrenao, insieme ai nostri antichi saggi padri…. Prova ad indagare e se ti è possibile chiedilo alla tua preziosa guida che segue i tuoi magnifici passi… 😉
    .

  31. … Ti dirò che spesso vado a specchiarmi nel Lete per vedere quanti siamo per poi tornare. Di quando in quando sono tre, altre volte cinque. Faccio la differenza e i conti tornano sempre.
    Soltanto lì “Io sono io” + attributi…
    Non mi dispiace essere la porta che blocca la capacità di Comprensione di alcuni di me…: poichè quella di altri è già vicina allo Zero. Ma come il suo organo non pesa un chilo…

  32. E per chiudere il cerchio magico, ispirata, condivido:

    KAIRòS (di Maria Allo)

    Vorrei aprirmi una breccia
    tra nuvole grigie screziate
    del lamento d’Ovidio
    -Fetonte chiede
    d’essere immortale –
    Vorrei andare da sola
    con grandi ali di neve
    in curiosa analogia
    con le prensili dita della mente
    Ah! Il vento di Mistral
    la tunica viola i capelli dorati
    e a mezz’aria con irrisori lembi
    le ali sonore
    Non voglio ricordare
    il ciclo d’Agazia
    l’anima annega nell’onda
    Senza confini netti
    voglio nel vento tra le foglie
    Il Kairòs di Dafne
    istantaneo ma infinito
    E poi chissà da dove viene
    il mare.

  33. Raffaele, ti dico solo questo, una volta in una trasmissione parlavano di lui, ricordo una donna non ricordo se fosse una sua diciamo allieva, o una persona a lui amica vera amica! questa Parlando di lui dimostrando di averlo conosciuto profondamente, Bene sia io, che la mia ragazza di allora, ti parlo di 2 forse 3 anni fa, la quale mi chiamo subito, provammo una strana diciamo sensazione! Era di più di una sensazione, più di un empatia, non nego che fu qualcosa di cosi forte che non nego mi scosse un Po! Ora, per non fraintenderci, non sto parlando d’incarnazione o chissà cosa, certo è una cosa che credo in una certa trasmissione, in una continuità, Certo con le dovute Infinite differenze, che non si verifica in ogni nuova nascita solo perché ha lo stesso cognome! Io Riconosco le suggestioni, posso garantirvi non erano suggestioni, questo accadde quando questa Amica descrisse la profondità di Ettore, IO So Solo, che è stato molto di più d’empatia! Io la chiamo strana, per usare un linguaggio a noi consono è cauto, non per timore, ma ritengo giusto sia cosi. Comunque non lo fu nel senso di stupore. Bene chiudo con il dire ciò, anche quella specie di scossa duro poco, poiché alla fine, avevo sempre vissuto con una certa consapevolezza!, Quindi Continuo a Vivere, come sempre ho fatto! qui mi fermo,… un Abbraccio a te, e Circolare a tutti!! L’importante, è per me, dare, anzi, non, dare!, bensì non sottrarre diciamo a quei numeri, teorie, scienze, ecc.ecc la Poesia… poiché il resto sono solo strumenti che servono per ri-capire, ma sempre con Poesia!Poiché tutto è Poesia di ciò che E’, di per Se…! A noi necessita ritrovarci, non al Resto che sia Multi-verso, Dimensioni parallele, porte parallele, ecc.ecc.. sino all’Uno!!! Nuovamente Buon Giorno a tutti!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...