Gabriel García Márquez

Gabriel García Márquez si ritira dalla vita pubblica per ragioni di salute: cancro linfatico. Ha inviato una lettera di addio ai suoi amici, e grazie ad Internet si sta diffondendo.

   
“Se per un istante Dio dimenticasse che sono una marionetta di stoffa e mi regalasse un poco di vita, probabilmente non direi tutto quello che penso, pero in definitiva penserei tutto quello che dico.

Darei valore alle cose, non per quello che valgono, ma per quello che significano.

Dormirei poco, sognerei di più, capisco che per ogni minuto che chiudiamo gli occhi, perdiamo sessanta secondi di luce.

Andrei avanti quando gli altri si fermano, mi sveglierei quando gli altri dormono.

Ascolterei quando gli altri parlano, e come

gusterei un buon gelato al cioccolato!

Se Dio mi regalasse un poco di vita, vestirei in modo semplice, mi butterei a terra al sole, lasciando allo scoperto, non soltanto il mio corpo ma anche la mia anima.

Mio Dio, se io avessi un cuore, scriverei il mio odio sul ghiaccio, e aspetterei che uscisse il sole.

Dipingerei con un sogno di Van Gogh sulle stelle un poema di Benedetti, e una canzone di Serrat sarebbe la serenata che offrirei alla luna.

Innaffierei con le mie lacrime le rose per sentire il dolore delle loro spine, e l’incarnato bacio dei suoi petali…

Mio Dio, se io avessi un poco di vita…

Non lascerei passare un solo giorno senza dire alle persone che amo, che gli voglio bene. Convincerei ogni donna o uomo che sono i miei preferiti e vivrei innamorato dell’amore.

Agli uomini proverei quanto si sbagliano quando pensano che smettono di innamorarsi quando invecchiano, senza sapere che invecchiano quando smettono di innamorarsi!.

A un bambino gli darei le ali, però lascerei che da solo imparasse a volare.

Ai vecchi insegnerei che la morte non arriva con la vecchiaia ma con la dimenticanza.

Tante cose ho imparato da voi, gli uomini…

Ho imparato che tutto il mondo vuole vivere nella cima della montagna, senza sapere che la vera felicità sta nel modo di salire la scarpata.

Ho imparato che quando un bambino appena nato stringe con il suo piccolo pugno, per la prima volta, il dito di suo padre, lo mantiene intrappolato per sempre.

Ho imparato che un uomo ha il diritto di guardare un altro dall’alto, solo quando lo aiuta ad alzarsi.

Sono tante le cose che ho potuto imparare da voi, però realmente a molto non serviranno, perché quando mi mettano dentro quella valigia, infelicemente starò morendo.”

GABRIEL GARCIA MARQUEZ

56 Risposte

  1. Ho imparato che un uomo ha il diritto di guardare un altro dall’alto, solo quando lo aiuta ad alzarsi.

    … assolutamente straordinario!

  2. Ho imparato che un uomo ha il diritto di essere amato fino all’attimo dopo che viene messo in quella valigia: perchè ho ancora il dito di mio padre intrappolato nella mia mano.

  3. Se Dio mi regalasse un poco di vita

    farei di tutto
    tutto ciò che è mio potere
    pe trascorrere
    il mio tempo
    cercando di essere felice
    provando a fare
    ciò che mi fa star bene
    SE Dio fosse così
    magnanimo
    di ricordarsi di me
    e soffiarmi
    un poco di vita
    su di me
    allora lo ringrazierei
    ogni istante
    perchè posso respirare
    Se Dio
    potesse
    regalarmi un pò di vita
    chiunque o qualunque cosa
    mi rubasse
    un pò della mia felicità
    che io con tanta fatica
    secondo dopo secondo
    mi sono guadagnata e messa da parte
    con decisione
    e fermezza
    andrei da quel qualcuno
    o qualcosa
    e altrettanto garbatamente
    me la riprenderei
    con un sorriso
    ma
    mai più la mollerei
    e per tutto
    il tempo che Dio ha concesso
    di regalarmi
    me la terrei stretta
    ben salda
    a me
    per sempre!!!!
    Ecco visto che Dio
    fino a questo secondo
    in cui scrivo
    mi sta regalando un pò di vita
    ho deciso di passare
    questo tempo
    concessomi
    che non so quanto
    sia
    sorridendo
    alla vita!!!!!!

    By Mel

  4. Sublimi sentimenti che s’innalzano all’essere che consapevolmente sa di abbandonare questo mondo che anche lui chiama “degli uomini”
    Un vero grandioso poeta assai amato anche dal grandioso interstellare essere Don Juan Matus

  5. Non so… ma è una bella canzone forse Gabriel apprezzerebbe ciò che si prova d’amor ….ubriachi.

  6. Mio Dio, se io avessi un cuore, scriverei il mio odio sul ghiaccio, e aspetterei che uscisse il sole.

    SUBLIME!

  7. Carissimo Armando,
    ogni parola di questo grande poeta è divino retaggio di un frammento di quella saggezza antica.

    Hai mai letto e contemplato qualcosa di Castaneda?

  8. Parole toccanti.

    L’autore in realtà non è Marquez ma Johnny Welch.

  9. García Márquez ha detto: “Quello che potrebbe uccidermi è che qualcuno creda che io abbia scritto una cosa così kitsch. È la sola cosa che mi preoccupa”.

  10. È un’altra splendida giornata Gabriel, il sole pur un pó offuscato mi risplende comunque …”Vita in te ci credo”….

  11. Agli uomini proverei quanto si sbagliano quando pensano che smettono di innamorarsi quando invecchiano, senza sapere che invecchiano quando smettono di innamorarsi!

    Questa, come le altre affermazioni contenute in questa lettera di Gabriel Garcia Marquez, ci fanno riflettere, molte sono da me condivise, è un testamento in cui lo scrittore ci dona il frutto delle sue esperienze di vita:GRAZIE!

  12. A RAFFAELE

    Non ti nascondo che leggo poco di alcuni autori che io definisco “mistici”. Il misticismo non mi convince anche se spesso io scrivo robetta mistica senza accorgermene. Mi sono soffermato su qualche libro di Bosko, mi avvincono i discorsi, ma non mi convincono perchè l’uomo spesso suole apparire e non essere. Ed anche gli sciamani non si sottraggono a questa tentazione.
    Sono un appassionato di poesia ed ho letto molto i poeti italiani (soprattutto del ‘200) ed anche alcuni poeti stranieri.
    E poi una poesia sintetizza spesso quello che altri dicono in un romanzo. Preferisco il messaggio poetico a quello narrativo anche se nella mia adolescenza sono stato un divoratore di libri (e che libri se penso ai Miserabili). Ma allora non c’era altro ed è stata la mia fortuna perchè leggere fa molto male all’ignoranza!
    Un abbraccio

  13. Buon Giorno Caro Armando, 😀
    dietro ogni ispirativo poeta c’è sempre quel misticismo nascosto che parla con una voce particolare… Quando nella mia grande ignoranza mi sono avvicinato ai grandi ricercatori di ogni tempo e di ogni luogo, per es. il grandioso Goethe, non solo ho riscoperto la vera grandiosa accentrata maggiore arte che si cela dietro ogni sua opera, ma anche l’arte del saper comunicare attraverso la propria immortale anima non solo donandola ai propri simili, ma anche e soprattutto con tutto quello che da qui definiamo soprasensibile. La stessa cosa che mi ha attratto con maggiore attrattiva affine risonanza nel riscoprire le opere del grandioso Steiner…. Che sinceramente, senza nessuna obbligante indotto condizionamento psicologico, vorrei che tu stesso riscoprissi così’ come vorrei che lo riscoprissero anche tanti cari amici e care amiche di questa preziosa casa.
    Tanto per richiamarlo alla memoria, se vuoi, dai un occhiata pewr es. a quello che dice Wikipedia
    http://it.wikipedia.org/wiki/Rudolf_Steiner

  14. Caro Emanuele D. Ho letto anch’io questo : Nel 2000, un anno dopo che allo scrittore colombiano viene diagnosticato un cancro linfatico e in concomitanza col diffondersi della falsa notizia della sua prossima morte, inizia a circolare in rete “La Marioneta”. Lo scritto si diffonde rapidamente, attribuito a García Márquez quale sua lettera di commiato dagli amici. Ancora oggi, in molti, ritengono “La Marioneta” opera del nobel colombiano. La paternità dello scritto è stata smentita dallo stesso García Márquez in un’intervista del periodico mattutino salvadoregno “El Diario de Hoy”, datata 2 giugno 2000. Nell’articolo, García Márquez ha detto: “Quello che potrebbe uccidermi è che qualcuno creda che io abbia scritto una cosa così kitsch. È la sola cosa che mi preoccupa”. In seguito, García Márquez e il vero autore dell’opera, Johnny Welch, si sono incontrati, ponendo fine alla querelle. Avevo trovato un’altra frase di Marquez diversa da questa poesia, peró se il prof. ha messo questa a me piace ugualmente anche se non è/ non fosse di Gabriel Garcia Marquez.. anche perchè ha suscitato comunque tanti bei comm. Oserei dire che i poeti siamo noi, se qualcuno ha mancato di rispetto, (come dice sempre il mio amico Giuseppe) verso Gabriel o chiunque in genere, è un problema suo, prima o poi si viene giustamente scoperti infatti se è così fai bene a dirlo, e suggerirei allora al prof di correggere sotto con il nome dell’autore vero e comunque aggiungere l’articolo che riguarda la vicenda, che sembra risalire sl 2000!!! Vorrei che si ringraziassero col pensiero tutti quei “Ghist

  15. [è partito il comm. sono col tel. 🙂 già, tecnologica Map] volevo dire che i Ghost Writers cioè “scrittori fantasma” sono coloro che comprendendo a pieno lo stile di uno scrittore lo aiutano a scrivere un romanzo o altro, ce ne sono tanti, è per questo che noti personaggi sfornano libri ogni anno, nonostante gli impegni sociali e televisivi che hanno, ringrazio quindi questa flottiglia di silenti e anonimi scrittori che chissà quante volte abbiamo letto, tra le pagine di scrittori noti… il mio pensiero và a loro, io che nel mio piccolo, piccolissimo, ho aiutato a scrivere a correggere bozze di tesi e di libri bene a volte male, appassionandomi sempre, propongo quindi a tutti di cimentarci nello stile di un poeta che amiamo!!!!

  16. SINTESI PER CHI NON CE LA FA A Leggere i due comm sopra :-Avevo trovato un’altra frase di Marquez diversa da questa poesia, peró se il prof. ha messo questa a me piace ugualmente!!!anche se non è/ non fosse di Gabriel Garcia Marquez.. anche perchè ha suscitato comunque tanti bei comm. Oserei dire che i poeti siamo noi, se qualcuno ha mancato di rispetto, (come dice sempre il mio amico Giuseppe) verso Gabriel o chiunque in genere, è un problema suo, prima o poi si viene giustamente scoperti infatti se è così fai bene a dirlo, e suggerirei allora al prof di correggere sotto con il nome dell’autore vero e comunque aggiungere l’articolo che riguarda la vicenda, che sembra risalire sl 2000!

  17. Una bella giornata a tutti…

    Map è una festa sentirt palare così…

    la canzone che postato me l hai ispirata
    tu…
    goditela!!!e godetevela!!!!
    ma mi sa che Map te la stai già
    godendo oggi
    ti immagino
    in pieno a sole
    che gongoli…
    Ciao Map

    e un saluto
    a tutti !!!
    😀

  18. il comm di Map a cui mi riferisco è 8.33

  19. Chi è il pirla che si serve dal sito “Pensieri e Parole” eh? Vabbuó per questa volta passi, sono stata troppo assente dal Blog la prossima volta vi licenzio a tutti quanti! http://www.youtube.com/watch?v=AXBKeihQ3bs&sns=em

    Facciamoci due risate e grazie Emanuele D., la rete ha fatto nuove vittime…
    Inviato da iPhone

  20. Cari Tutti Propongo un Contest La Gara Poetica Dei Falsi D’Autore io mi sceglierei Shakespeare perchè sono un vanagloriante ma so già che vorrebbe scrivere in stile Shakespeare pure Valeria.. Oppure sublime cosa ognun scriva nello stile dell’altro, no, no sta cosa è meglio di no, già mi immagino a scrivere stile Giuseppe e mi poi devo chiedere asilo politico alla Papuasia…scelgo lo stile colto e raffinato di Santoro? Usando una metrica ineccepibile? O come Valeria che scrive poco ma bene o come Beatrice volantissima farfalla (nessun riferimento a S. Remo) …

  21. Cara Proffi Redazione , propongo che al posto di Map scriviate Johnny Welch Ehi? Ho una reputazione sul Web da difendere ! Che facciamo qui? Stiamo a pettinare le bambole ? Poi dedichiamo un Brindisi a Marquez che mi sa ne ha bisogno proprio e dedicate questo post ai Falsi d’Autore, così la chiudiamo a tarallucci e vino che è quello in fondo che dovremmo fare.Ripeto, non era la poesia che avevo mandato io e ho lasciato perdere di -controllarvi- e ho fatto male 🙂 ma mi volete proprio far fare da bada-blog apposta? Ehi ho una vita da vivere!!! Baci baci baci stra…baciasti!!!

  22. Shakespeare… Shakespeare… Map, scegli me! Scegli me! Scrivi per me, nel mio stile, un pezzo dell’Ophelia di Shakespeare…

  23. Mapp, scrivi stile mapp cosi non rischi né la Papuasia, né di altri, stile Mapp… che va benissimo, o, comunque è tuo! 😀 ! Scimmiottano pure chi non ha nulla da dire… che gusto c’è? quando dico tanto prima o poi, significa che ognuno possiamo mentire a terzi, mai a noi stessi! Della menzogna può anche dare qualche attimo di podio, fino a quando non gli si mollerà da sotto i piedi come “Cacchina” poiché il podio sia interiore che esteriore di queste persone è fatta di solo cacchina!! Buona Notte, vai Mapp si poetessa! Lo so, che il tuo post è riferito, a tutto quello che riguarda Il falso o meno, sulla lettera di G.G.Màrquez… preciso altrimenti, dici che non capisco nulla eeeheeeheeeheee, cosa possibilissima! Ma a me sta bene cosi Un abbraccio alla amica Mapp 😉

  24. Assonanze con chi non ha più voglia di imparare dalle bufale:

    “Ho imparato:
    -Che non importa quanto sia buona una persona, ogni tanto ti ferirà.
    E per questo, bisognerà che tu la perdoni.
    -Che ci vogliono anni per costruire la fiducia e solo pochi secondi per distruggerla.
    -Che non dobbiamo cambiare amici, se comprendiamo che gli amici cambiano.
    -Che le circostanze e l’ambiente hanno influenza su di noi, ma noi siamo responsabili di noi stessi.
    -Che, o sarai tu a controllare i tuoi atti,o essi controlleranno te.
    -Ho imparato che gli eroi sono persone che hanno fatto ciò che era
    necessario fare, affrontandone le conseguenze.
    -Che la pazienza richiede molta pratica.
    -Che ci sono persone che ci amano, ma che semplicemente non sanno come dimostrarlo.
    -Che a volte, la persona che tu pensi ti sferrerà il colpo mortale quando cadrai,è invece una di quelle poche che ti aiuteranno a rialzarti.
    -Che solo perché qualcuno non ti ama come tu vorresti, non significa che non ti ami con tutto se stesso.
    -Che non si deve mai dire a un bambino che i sogni sono
    sciocchezze:sarebbe una tragedia se lo credesse.
    -Che non sempre è sufficiente essere perdonato da qualcuno. Nella maggior parte dei casi sei tu a dover perdonare te stesso.
    -Che non importa in quanti pezzi il tuo cuore si è spezzato; il mondo non si ferma, aspettando che tu lo ripari.
    -Forse Dio vuole che incontriamo un po’ di gente sbagliata prima di
    incontrare quella giusta, così quando finalmente la incontriamo, sapremo come essere riconoscenti per quel regalo.
    -Quando la porta della felicità si chiude, un’altra si apre, ma tante
    volte guardiamo così a lungo a quella chiusa, che non vediamo quella che è stata aperta per noi.
    -La miglior specie d’amico è quel tipo con cui puoi stare seduto in un portico e camminarci insieme, senza dire una parola, e quando vai via senti che è come se fosse stata la miglior conversazione mai avuta.
    -È vero che non conosciamo ciò che abbiamo prima di perderlo, ma è anche vero che non sappiamo ciò che ci è mancato prima che arrivi.
    -Ci vuole solo un minuto per offendere qualcuno, un’ora per piacergli, e un giorno per amarlo, ma ci vuole una vita per dimenticarlo.
    -Non cercare le apparenze, possono ingannare.
    -Non cercare la salute, anche quella può affievolirsi.

    -Cerca qualcuno che ti faccia sorridere perché ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornataccia.
    -Trova quello che fa sorridere il tuo cuore.
    -Ci sono momenti nella vita in cui qualcuno ti manca così tanto che
    vorresti proprio tirarlo fuori dai tuoi sogni per abbracciarlo davvero!
    -Sogna ciò che ti va; vai dove vuoi; sii ciò che vuoi essere, perché hai solo una vita e una possibilità di fare le cose che vuoi fare.
    -Puoi avere abbastanza felicità da renderti dolce, difficoltà a
    sufficienza da renderti forte, dolore abbastanza da renderti umano,
    speranza sufficiente a renderti felice.
    -Mettiti sempre nei panni degli altri. Se ti senti stretto, probabilmente
    anche loro si sentono così.
    -Le più felici delle persone, non necessariamente hanno il meglio di ogni cosa; soltanto traggono il meglio da ogni cosa che capita sul loro cammino.
    -L’amore comincia con un sorriso, cresce con un bacio e finisce con un the.
    -Il miglior futuro è basato sul passato dimenticato, non puoi andare bene nella vita prima di lasciare andare i tuoi fallimenti passati e tuoi
    dolori.

    -Quando sei nato, stavi piangendo e tutti intorno a te sorridevano.
    Vivi la tua vita in modo che quando morirai, tu sia l’unico che sorride
    e ognuno intorno a te piange.

    Paolo Coelho, alias Babbo Natale!

  25. Ci scusiamo con te per l’errore, Map. Un bacio da tutti noi.

  26. Indovina che fra queste è l’ originale?

  27. Oh? Ma vuoi complimenti? Lo sai che sei la mia scimmia preferita. Ora scendi dal podio.

  28. Grazie Map, Grazie Gabriele,
    non conoscevo questo meraviglioso scritto che nasce dal cuore di un uomo, che forse non riuscirebbe mai a parlare della tragicità della vita, senza la voce di una malinconica maschera.
    abbracci Matteo

  29. Ma non pensavo solo a me, anche al Blog! Cambiate il post! Un bacio a tutti!!!

  30. Ok. Baci bacissimi.

  31. eheh!!!!
    😆 😆 😆

  32. 😆 V
    😆 i
    😆 V
    a
    😆
    😆 M
    😆 a
    😆 P

    Fa molto bene all anima
    a volte
    farsi 4
    risate…
    in buona compagnia!!!!!!!!

    😆 😆
    😆 😆
    😆
    😆 😆

    😆 😆
    😆
    😆 😆

    😆 😆

    sarebbe W ( di viva) e
    M

    😀

  33. Ma no!!! non è venuto

    avevo scritto la W e La M (di Map)
    con le faccine che ridono
    ma postandolo
    mi ha cancellato tutto!!!
    pazienza…..

  34. Guarda caso è la stessa cosa che pensavo… clap.clap… Mapp’Otel… 😉 😀 cala il sipario Bacini Bacioni a te… che sei la mia amica cosmica… Pazza..ma, Amica… te voglio benne assaie… ma tant.tant Bene Ssai.. 😉 eeeheeeheee! E’ la Verità signori, Voglio Bene a questa Persona Seriamente, è ormai nel mio Cuore… Amica Cosmica, ma non lo vuol Capire 😀

  35. Su una cosa hai ragione, aaahaaahaaa, che con il mio modo di scrivere rischio il patibolo! Non certo x il contenuto… ma cosi sento, sai quando scrivi anche gli articoli aggettivi, verbi è come se dentro di te li vedessi in modo reale di una realtà, che va fuori dall’ordine solito grammaticale, oltre quella logica “habitue”… tu sai perché usi quell’articolo, in quel istante tutto ti è chiaro tutto ha un suo senso! e’ vero però che dopo ti rendi conto, se non hai ancora memoria di quella visione, che ti fece scrivere in quel modo, che pur a se stessi pare erroneo tutto!!! Baci,… questo non centra nulla con ciò che ha scritto Mapp, è solo una riflessione che mi passa “para la cabeza”… perdonate lo spagnolo dell’Italia Meridionale 😉

  36. Caro, non so proprio che scriverti, sei l’unico che riesce a stopparmi, avrei cose buffe, intelligenti ed argute da risponderti, ma sai che ti dico? Chi se ne frega delle parole. TI ABBRACCIO.

  37. Ed IO Ricambio… Tanto Tanto, Rinnovando ciò che ho scritto! Sei Una Persona a me cara veramente, Superiore a qualsiasi passione, a qualsiasi amore Umano, Un Bacio Mapp!

  38. Ti ringrazio ma non mi mettere in cielo, associandomi a ció che mi ha scritto Mel, così entusiasticamente dolcissima, caro Giuseppe, io sono ancora VIVA e nelle questioni angeliche non mi ci metto, perchè “ho già dato” ho già scritto ho già detto, solo una cosa, gli amori umani contengono in sè il Divino, il mondo “angelico” -angelicato- se vogliamo citare i grandi della letteratura italiana e non cadere nel mistico che sennó vi faccio due pizze così, ebbene quel Divino non contiene in sè l’Umano quanto l’Umano -invece- quello, questo, sì contenga in sè il Divino, mi accontento, delle Passioni Umane quando esse tali sono nella loro complessa compiutezza, al di là di queste mie parole, che poi non significano nulla, io vivo come meglio -sono- e gli Angeli che pure amano e possono essere possessivi qualche volta essi stessi si innamorano degli umani, poichè il nostro Amore è senz’altro più Grande del loro, in virtù delle stesse difficoltà che dobbiamo superare, e quanto più un umano voglia superarli in cielo quanto più la sua passione brucia sulla terra ed è difficoltosa da accettare, questo accetta in metafora di parole o in reale credenza degli angeli, non importa perchè il risultato è uguale. Poi un domani, se sarà potrai distinguere l’idea che ti sei fatto di me, per la quale pure affettuosamente ti ringrazio, da ció che è realtà, e forse ci perderó nel confronto ma lo dico così in via cautelativa e per finta modestia ..diciamo così và, ma io non ci credo affatto che perderei nel confronto, ma questo neanche Dante lo seppe mai (?) e forse fu un bene per ció che ispirandosi a Beatrice scrisse, forse in realtà scrivendo alla propria Anima e vedendo in sè stesso ció che tu scrivi avendo in te chiara la tua di Anima Celeste, non lo so, ora sto divagando, forse anche a vanvera, è un riflettere, non è che sia semplice scrivere, ognuno dovrebbe costantemente disimparare tutto e ricominciare, amo vedere anch’io le cose da più lati possibili, poi ci sono esperienze mistiche personali che mi accomunano a Raffaele, ma questo non vuol dire che io non segua e giudichi ció che è esperienza mistica con un’attenzione tale e anche un senso critico e di ricerca che fa di me necessariamente!!!!una persona che ha bisogno di mettere i piedi a terra!!!!per esempio, anch’io ho vissuto l’esperienza di un “luogo verde” di un verde mai visto, e cercando poi il significato ho trovato un bel testo “Elia il Verdeggiante” che descrive anche nella tradizione dell’Islam un racconto molto simile alle mie esperienze poi si potrà pensare che il “verde” in natura non sia dovuto solo alla clorofilla 🙂 ma anche al mondo spirituale!!!!tutta la materia è legata allo spirito, ecco perchè le preghiere hanno quella forza, ed è necessario raccogliersi in sè per raggiungere quelle parti di noi, anche e sopratutto se contraddittorie per la nostra linearità mentale, in buona sostanza ……non mettermi nel reame dello spirituale !!!!ció darebbe forza in altro senso è sempre così, io sto scrivendo meno e vivendo di più, divido la mia allegria con le persone che incontro, amo le amicizie quando posso ridere insieme di cuore di tutte le umane sciocchezze che accadono, non cambierei per nulla al mondo la risata che faccio fare ad una amica con altro bene spirituale, pure fosse la santità stessa, perció amico mio Cosmica amica ti sono ma pure Comica, non credere che gli esseri preposti ad accompagnarci nelle nostre vicende umane non mi facciano anche loro le loro brave battute a cui mi devo piegare in quanto l’ironia è una delle più grandi Saggezze Umane e non, anche questo che ti dico potrai prenderlo come ironico, perció non mettermi in cielo, non finchè sono viva, almeno, anche perchè causa il contrario di ció che vuoi, forse anche per il detto “così in Cielo così in Terra” per carità mio caro Yosev non mettermi tra le stelle come la dea Tefnet è scomodo tenere su il cielo farsi passare sulla schiena le varie barche solari dei morti e guardare sempre giù anelando al proprio sposo come esattamente la storia del primo essere creato e poi diviso in due, no no non ci tengo proprio non voglio essere la tua amica cosmica!!! È una “sola”una fregatura  pazzesca quella che mi fai e fai a te stesso, era meglio una bella pizza Comica, credimi!!! O un piatto di cozze fritte che se non si muore dopo si muore prima dal ridere (un saluto a Tea che me le ha promesse) . Un vivo ed umano abbraccio a tutti Mel, Anna, Raffi, Luigi 1, Luigi2, Santoro, Emanueli con la D. e senza, Beatrice (dove sei), siamo in un periodo in cui siamo tutti innamorati gli uni degli altri,  ah ovviamente un bacio a Valeria che….beh’ non dico nulla eh? Poi mi dirai che integratori stai prendendo così li prendo anch’io che sei bella ciotta ciotta ultimamente e radiosa, no! Non me lo dire! No no non voglio un rebus Rebis lapis …Taci! Solo continua a sorridere!!! A te Giuseppe ancora un salutone so che in Calabria ci sono venti fortissimi, no comunque, la nostra amicizia non sta in cielo nè in Terra forse è in cammino piuttosto, come hai scritto nell’altro post, quello si mi appartiene come concetto, basta che NON GIRI IN CERCHIO che davvero, non fa per me, in cielo no, i santi non mi meritano accanto sono troppo scocciante. Chiederebbero asilo all’Inferno….

  39. ……. ma il Cosmo, non sta dentro la persona? ….

  40. Ecco, mi hai rovinato la spiegazione, e mi fai venire il dubbio di aver fatto un guaio astronomico, quando nascerà Cosmino o Cosmina saranno cavoli amari, bisognerà quanto meno aprire una finestra nel cuore perchè volerà via, lontanissimo, e così che è giusto che sia, un Cosmo nel Cuore e come si fà, o è un cuore cosmico un cardiocosmo o è un nuovo tipo di orologio digitale, veramente ora non so più che ore sono, ma d’altronde ad un Cosmo che Cosmo importa?

  41. … Sì: il cosmo è dentro la persona, mentre Map ci gira intorno e fa stare allegri i santi che vorrebbero andare all’Inferno, piuttosto che stare a sentirla… Quando tutti se ne saranno andati a… a… a… all’Inferno, mi farò avanti io e le chiederò di conservare i suoi bellissimi e umanissimi errori ovunque e con chiunque lei decida di stare. Altrimenti che se ne vadano a … a… a….

  42. Cara Tea, per me è ovunque io faccio parte di questo Ovunque, quindi anche dentro di me! 😉 ! Per Mapp, hai capito cosa intendo, non è questione di cielo, poi lo siamo già in cielo? Non orbitiamo forse già in questo? Ora, scherzi a parte, tu sai che cose cosi lunghe sul blog non le leggo, eeheeheee! Io non ti ho messa in cielo, allora diciamo che sei una cara Amica! alle volte guardiamo una stella in cielo un pianeta, come se noi, non fossimo allo stesso tempo nello stesso Cielo! Non parlo certo del cielo dei Santi, questo nooo… me ne guarderei bene! Solo un’amica!

  43. Io In più, solo questo tipo di bene posso e provo x te, Cosi lo dichiaro! vedo cosi tante cose scritte colorite, sotto sembianze di praticità sapienziale, mi dico ma si tutto fa brodo! Bé dai levo il “cosmico” rimane amica! Ora non la portiamo a s.Lazzaro, sta cosa 😀 ! E’ Sabato, quindi buon sabato a tutti!

  44. in questa Umana Storia in cui il ragionamento non si impone più, e ogni cosa si estende serenamente nell’indifferenza delle individuali interpretazioni 😀 (fortuna che sia così..) l’unica cosa chiara è l’aver capito che sono le azioni che parlano di noi ed a volte per noi.

    abbiamo libertà completa, per far rinascere il Mondo che ci ospita, come umani riferimenti cosmici.. e credo che il nostro duale cosmico sia qui sulla Terra…in abiti e tutto il resto.
    il Dio che cerchiamo in noi, è sempre l’altro, finchè non ci rendiamo conto che il se stesso ‘realizza’ , ed allora dobbiamo proprio conoscerlo meglio, il nostro Sè..altrimenti giocando giocando la trottola diventa ancor meno che un gioco…..bensì un’arma.

    viviamo di Vit A

    vitamina a … a … a….. et Cì

    🙂 ma quale inferno….. cancelliamo l’accezione!!!! inferno è insicurezza, i diavoli esseri limitati…. il paradiso è un’ambrosia di aria nuova in cui si respira il respiro di Dio

    ”-È vero che non conosciamo ciò che abbiamo prima di perderlo, ma è anche vero che non sappiamo ciò che ci è mancato prima che arrivi.”

    Map…penso che l’Anima senta il bisogno di realizzare ciò che sente, altrimenti la realtà non cambia……………..

    sono le nostre anime, che realizzano attraverso di noi, sapevatelo 🙂

    la coerenza diventa la trasparenza, la trasparenza ci insegue, ma se ci mettiamo un bel paio di scarpe alte, possiamo salire i gradini di questa scala a chiocciola con eleganza, almeno…. 🙂

    p.s.
    😀
    Val per piacere, non analizzarmi le scarpe, perchè tanto sono rosse rosse ……..
    un bacio amichevole si sparga dentro il blog..

  45. hai venditori, o a chi mi regala consigli, dico grazie ho già mangiato.. sono sazio! come i funghi, preferisco raccoglierli da me, giusto come dice Valeria, tenendomi ben saldo ai miei errori umani!!! mi si può indicare la strada, basta che non sia il vigile alla Verdone, o che io sia capace di comprensione, resta il fatto che poi dovrò andare io sempre e comunque, in qualsiasi cosa luogo! Fosse pure quel luogo della canzone Dell’Alberatone Nazionale! 😉

  46. Weeeeeeeeeeeeeee Carissimi e Carissime è che sta storia d’inferno cielo e paradiso di tono Swedenborghiano, che mi riporta alla memoria, una piccola storiella….

    Un sant’uomo assai mite e assai buono, che aveva pregato dalla mattina alla sera, e mai si era sottratto ad ogni messa, che non aveva mai affrontato mai nessun ostacolo o problema, e mai si era contrapposto con nessuna malevola parola, come era vero che mai aveva provato l’emozione con una giovane donna, un bel giorno, il suo particolare giorno fortunato tanto atteso decantato e quasi desiderato, dopo un trapasso veloce, si presentò al cospetto di S.Pietro… Pietro naturalmente visto che non c’era stato nessuno ad accompagnarlo per il suo funerale, l’accolse con tanto affetto e compassione, e dopo averlo fatto girare nei luoghi santi, gli spiegò anche le poche regole del paradiso….

    😀 di non guardare mai in basso,
    😀 di digiunare,
    😀 di non parlare mai con nessuno
    😀 e soprattutto, di pregare perennemente dalla mattina alla sera (anche se mattina e sera non esistono in paradiso) …

    E così fece il povero santo uomo….

    Intanto passava il tempo, saranno stati anni o secoli terrestri, ma più passava il tempo, più nel povero santo uomo, cominciava sempre più a vacillare l’idea stessa del paradiso, pensava alla terra, e tutte le privazioni, a quello che non aveva mai fatto, alla mancanza di coraggio e all’isolamento che si era imposto da solo.. E mentre pensava, pensava e ancora pensava, quasi un profumo particolare lo assaliva e l’avvolgeva assorbendolo in mille sensazioni… Allora ebbe il coraggio di guadare in basso, e con suo stupore cosa vide? Dai gironi che qualcuno gli aveva inculcato che appartenevano all’inferno, proveniva tantissimo dolcissimo profumo, profumo di rari fiori, profumo dolci pietanze e arrosti di ogni genere, acque e fiumi scintillanti di dolci vini profumati, ma soprattutto cera tanta danzante gente, tantissima allegria, e tante scroscianti risate ed anche amorose espressioni che arrivarono alle sue ora più attente orecchie. Allora prese la decisione di ritornare in terra per ispirarsi e vivere la vita con più libertà, cosi come l’aveva vista nel piani di divieto inaccessibili a santi.

    (da noi c’è una bella frase…. “mancu mottu”)

  47. ……………………………………………………………………
    A cosa stai pensando?..A cosa stai pensando?..
    a cosa stai..? a cosa, sto, Pensando?
    a cosa… a cosa…
    morbidi cuscini, seni rosei,
    mani pennelli, fiori di “femmine”,
    Anima loro anima mia.
    Il giusto modo di sorridere alla giornata,
    il giusto gusto, se mai, poi, esiste il giusto Gusto?
    il rumore del terriccio sull’asfalto,
    l’attenzione che presto nell’ascoltarlo,
    dai passi nelle lunghe passeggiate nella notte,
    tutte le cose strane che si notano quando soli ,
    non in solitudine si vaga!
    per adesso è tutto!!!

  48. Un po di buona Musica, almeno per me! Comunque dedicata a chi piacerà, al Nostro Amatissimo Professore La Porta spero Gradisca 😀

  49. Gradisco :)))

  50. …Ho imparato che non è il caso di guardare in basso o sullo schermo, chi mi è di fronte penserebbe che gli sto guardando le pattine… 🙂

  51. Ciao, carissimo Raffaele! Quale paradiso e quale Inferno, chi ha parlato di ciò ??? era una metafora forse, della nostra Cara tea, altrimenti, nessun paradiso né Inferno, si è nominato in questo scambio, più che altro scherzoso sul cosmo amicizia cosmica, e quant’altro, si Gioca Ironicamente anche su queste cose, specialmente su queste cose, giustamente come dice La Mapp, pienamente d’accordo! Una Buona Santa domenica ai credenti, una Buona Domenica ai non credenti, e a chi cerca la Titina o mia Titina 😉 😀 🙂 !!! Si SCHERZA!
    ********
    E’ solo un Gioco..
    Rispettoso, ma, solo, tutto un Gioco!
    Come il vento con le nuvole, le foglie e gli alberi,
    con la pelle del mare..
    Gli uccelli lo sanno, ali spiegate
    come da bambini basta aprire le braccia
    il resto lo farà lui!
    E’ solo un Gioco,
    un altro giro un’altra corsa,
    forza signori accorrete
    alluna-park della Vita…

  52. Una Buona Domenica Carissimo Giuseppe 😀

    era solo uno scherzoso pensiero che mi è passato per la testa, ma anche una freccia per una più attenta riflessione per iriscoprire il grandioso Swedenborg 😉

  53. Ciao Carissima Valeriona, 😀
    forse alludevi ad una persona comune/normale che ti sta di fronte e non a chi sa vedere oltre l’ordinario anche attraverso poche parole.
    Una Buona Domenica al Tuo Prezioso Erudito Cuore…. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...