Sizigia

Anima è una nozione puramente empirica, il cui unico scopo è di dare un nome a un gruppo di fenomeni analoghi o correlati.

…chi non conosce la diffusione e il significato universali del “motivo della sizigia” (motivo dell’accoppiamento) nella psicologia dei primitivi, nella mitologia, nella scienza comparata delle religioni, nella storia della letteratura, difficilmente può partecipare a una disamina del concetto di Anima.

C. G. Jung, “SULL’ARCHETIPO, CON RIGUARDO AL CONCETTO DI ANIMA”

 

Annunci

7 Risposte

  1. …Io desidererei che anche a te si offra di separare nel pensiero l’ombra dalle tenebre.
    L’ombra non è tenebre, ma immagini di tenebre nella luce, o partecipe di luce e di tenebre, o composto di luce e di tenebre, o misto di luce e tenebre, o nè l’uno nè l’altro di luce e tenebre, o da entrambe distinto.

    E questo non perchè la verità non sia piena di luce, o perchè sia falsa luce, o perchè nè vera né falsa, ma Immagine di ciò che è vero o falso.
    Si creda quindi che è Immagine di luce, luce non piena.

    … L’ombra ha qualcosa di luce e qualcosa di tenebra.
    Accade di essere sotto l’ombra in due modi: sotto l’ombra delle tenebre e, come dicono, della morte (…) e sotto l’ombra della luce (o della vita)… (da Giordano Bruno)

  2. Questa poesia l’ho dedicata alla mia cara amica Catrina Trombetti, allieva ed assistente del compianto Mario Luzi, che ha fatto parte per 4 anni della Giuria del mio Bando Letterario Città di Montieri. La sottopongo agli amici del portalie perchè continene alcuni passaggi sull’anima, vista forse in chiave esistenziale e poetica e non filosofica.
    La poesia è nata proprio nell’ambulatorio ASL di Scandicci mentre si aspettava che Caterina venisse sottoposta ad una visita specialistica.

    SALA D’ATTESA D’UN AMBULATORIO

    Ti guardo,
    nella noiosa attesa d’un turno
    che t’aspetta.
    Tu stanca musa,
    profondamente umana
    e al naturale
    sei una donna qualunque
    e nessuno conosce
    il bello che dal tuo cuore sale.
    L’occhio giro e punto
    una donna in attesa,
    dagli attributi forti
    e ben portati.
    T’accorgi del mio sguardo
    che si posa sui punti giusti
    e li soppesa.
    E m’annoti poi una frase,
    sfuggita dal tuo cuor
    senza pensare
    che m’empie il cuor di gioia
    e di passione.

    Io poeta confuso,
    con le mie contraddizioni
    malcelate,
    con le indecisioni d’una mente stanca
    combattuto tra una passione antica
    che a morire tarda
    e il fuoco nuovo che nel cuore avvampa.

    O piccolo mortal,
    a cui la morte delizie donerebbe
    se il corpo stanco accarezzasse,
    goffa composizione di carne
    sparsa in forme sgraziate,
    quale fulgore celi
    nell’involucro che l’anima t’avvolge?

    L’anima, quell’invisibile orma
    che saetta nel ciel
    quando la carne frolla e poi si squaglia,
    l’anima che vince la morte
    e lascia tracce,
    non nei tabernacoli dorati
    o nei sepolcri consacrati da Dio,
    ma nelle menti umane
    e al tempo sopravvive
    e lascia emozioni
    ed indelebili impronte
    del suo passaggio mortal
    con versi e azioni
    che il metro della storia
    pesa e soppesa
    col soffocante criterio del conformismo
    che la gente opprime.

    L’anima, questa vaga immagine
    che traccia scie fumose nel cielo
    e disegna i contorni delle sensazioni provate
    e trasmesse nei versi,
    quest’anima mi sfugge e mi tormenta
    perché l’inseguo ancor da vivo
    e la cerco dentro di me,
    la sento che s’agita nella prigione buia del cuore,
    nella scatola forte d’un petto ansante,
    d’uno stomaco che brontola e che esplode.

    La cerco e non la trovo,
    ma vedo i suoi contorni,
    quasi osservatore indifferente
    che guida i miei pensieri,
    e mi scuote abbracciando il magma
    che sale e sotto forme di versi
    vomita emozioni e sentimenti
    che mi spingono a vivere.

    Santoro Salvatore Armando
    (Boccheggiano 14/09/2006 23.56)

  3. “La poesia ha dunque molto da dirci ,se si sa intendere nelle sue parole l’afflato dell’anima, soprattutto laddove il dolore e la gioia abbiano inciso il loro mistico marchio visionario…..”C.Stroppa

    Grande Gabriele , grazie di esistere .Baci baci baci ,dolce anche a te, dolce Valeria.

    L’alba mi è nemica

    l’alba mi è nemica
    stilla fiele
    di enigmi a tradimento
    brandisce asce
    con fragore di neve…
    al limite dell’ancestrale
    l’alba mi è nemica
    sventra crepe
    di dirupi su confini
    di perdizioni
    ma l’etna
    mi desta un sogno
    incandescente di lava
    in rivolta perenne
    l’etna mi forgia crepe
    su bianco candido di neve
    o forse urla le sue
    sconvenienti verità…

    l’alba mi è nemica
    lacera silenzi
    in questo duro inverno
    e strappa a morsi
    la radice nodosa
    degli ulivi
    in un tutto indistinto
    scorda la sua voce

    m.a

  4. Nugae11 è Maria Allo

  5. Grazie a te, CARISSIMA….

  6. Cara Maria, sei sempre presente nei miei “voli”! Un abbraccio e un bacio. A presto.

  7. Grazie Valeria ,sei generosa ! Un bacio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...