Il bambino con il pigiama a righe

Una quartina

Oggi parliamo ancora di e con Abou Said (968-1048), uno dei più famosi ed amati poeti persiani, di cui, purtroppo, conosciamo pochissimo. Poeta mistico tra i più apprezzati, divenne il precursore di una infinita serie di imitatori:

Prima che fosse posato l’archetto del cielo sublime,
prima che fosse fissato questo globo di cristallo,
quando dormivo nell’eterno nulla,
il tratto del tuo amore fu tracciato su me.

Abou Said (968-1048)

Animula

Mnemosyne

Sopra: Frederick Leighton, Memories, 1883

C’è differenza tra

l’aver dimenticato
e
non ricordare.

Alessandro Morandotti

Memoria, nostra cura

Art. 1.

La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Art. 2.

In occasione del “Giorno della Memoria” di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinchè simili eventi non possano mai più accadere.

La legge n. 211 del 20 luglio 2000 dal Parlamento italiano che istituisce il “Giorno della Memoria”

Tomba del Tuffatore

Tomba del Tuffatore: lastra di copertura. Museo Archeologico Nazionale di Paestum

La città

Hai detto: “Per altre terre andrò, per altro mare.
Altra città, più amabile di questa, dove
ogni mio sforzo è votato al fallimento,
dove il mio cuore come un morto sta sepolto,
ci sarà pure. Fino a quando patirò questa mia inerzia?
Dei lunghi anni, se mi guardo attorno,
della mia vita consumata qui, non vedo
che nere macerie e solitudine e rovina”.

Non troverai altro luogo non troverai altro mare.
La città ti verrà dietro. Andrai vagando
per le stesse strade. Invecchierai nello stesso quartiere.
Imbiancherai in queste stesse case. Sempre
farai capo a questa città. Altrove, non sperare,
non c’è nave non c’è strada per te.
Perché sciupando la tua vita in questo angolo discreto
tu l’hai sciupata su tutta la terra.

Costantino Kavafis