Voti impossibili

(John illiam Godward, Il mondo non è grande abbastanza, 1911)

“Coloro che sono diventati cattivi e domandano che altri dimenticando se stessi li salvino, fanno voti impossibili; nemmeno gli dèi possono trascurare la loro vita per regolare le nostre cose”.

Plotino

39 Risposte

  1. Dio è la coscienza dell’uomo. Solo che questa coscienza è umana e, quindi, carica istintivamente di egoismo e di cattiveria. Perchè debba essere così è un mistero che scopriremo quando il nostro DNA si potrà finalmente leggere!

  2. Buon giorno, caro Gabriele. Rispondo con affetto vero, sincero e autentico al tuo saluto. Rosa

  3. Diventare cattivi è la peggiore delle scelte. Vi ricordate il dito anulare che mi sono amputata il 30 luglio scorso? Ebbene al policlinico di Bari me lo posizionarono a 7 ore dall’incidente con la sdraio. Oggi il dito è guarito, lo muovo senza problemi e il chirurgo si è stupito della ripresa completa. Se fossi stata cattiva, avrei superato tutto? Ciao.

  4. L’augurio di una dolcissima domenica, Gabriele caro. Dal profondo, un abbraccio grande come il Mondo… 😀

  5. Buon giorno, Rosa. Baci e abbracci

  6. Grazie, Luigi. Un augurio di buona domenica anche a te.

  7. mi viene da dire questo:
    La vera solitudine dell’anima_Umana, è quella di saper di non esserlo…

  8. HILLMAN

    “La lunga storia della filosofia cristianizzata ha separato l’etica dall’estetica, la Giustizia dalla Bellezza, così che generalmente non crediamo che si possa essere insieme buoni e belli, morali e attraenti; né che i piaceri dei sensi possano essere una via verso la verità. Un’opera d’arte e un romanzo possono essere raccomandabili per i loro ammaestramenti morali: è nella loro moralità che sta la loro bellezza. Ma la scissione cristiana non ammetterà mai che la moralità dell’opera stia proprio nella sua bellezza, per il fatto che la bellezza agisce come una voce che chiama a cose migliori, che spinge il cuore ad amare, la mente a immaginare più vividamente.Eppure, la moralità senza bellezza immiserisce il cuore e la mente. È noiosa. Banale.Non ci afferra, non evoca davvero la giustizia di cui si fa avvocata. Saul Bellow, premio Nobel per la letteratura, ha giustamente scritto: “La banalità è peggiore dell’oscenità. Un libro piatto è anche malvagio […] Può essere attraente e dolce come una torta, ma se è banale e noioso, è male puro”.

    ADORNO:

    ULTIMA CHIAREZZA.
    In un annuncio mortuario per un uomo d’affari si poteva leggere:

    La larghezza della sua coscienza (1) gareggiava con la bontà del suo cuore.

    Il lapsus sfuggito ai discendenti in lutto, nell’linguaggio solenne riservato per queste occasioni, la confessione involontaria che il buon defunto è stato un uomo senza scrupoli, spedisce direttamente il corteo funebre nel regno della verità.
    Quando si elogia la spiccata mancanza di pregiudizi di un uomo di età avanzata, bisogna intendere che la sua vita è stata un seguito di infamie. Egli ha perso l’abitudine di indignarsi. La larghezza d’animo si presenta come longanimità, che perdona tutto perchè capisce tutto fin troppo bene.

    [1. L’espressione tedesca (“die Weite seines Gewissens”) ricorda”weites Gewissen”,
    che significa mancanza di scrupoli, manica larga (“Gewissen”, da solo, significa la “coscienza in senso morale”)]

    Tra il proprio debito (2) [2. “Schuld”, che significa anche –colpa-.] e l’altrui si stabilisce un”quid pro quo”, che si risolve a vantaggio di chi ha preso la parte migliore. Al termine di una vita così lunga, come distinguere chi ha fatto qualcosa a qualcuno?

    Nell’idea astratta dell’ingiustizia universale svanisce ogni concreta responsabilità. Il briccone sa voltare le cose come se la vittima fosse stato proprio lui:

    ragazzo mio, sapessi com’è la vita.

    Ma quelli che già nel corso di tale vita si distinguono per la loro speciale bontà,
    sono per lo più quelli che tirano una cambiale anticipata su quella spregiudicatezza.

    Chi non è cattivo, non è certo spregiudicato, ma
    – in un modo particolare, misto di timidezza e di vergogna –

    rigido e insofferente. Per mancanza di oggetti adatti, egli non sa dare altra espressione al suo amore che non sia l’odio per gli inetti a riceverlo: odio che, d’altronde, torna ad assimilarlo a questi ultimi. Il borghese, viceversa, è tollerante. Il suo amore per la gente com’è nasce dall’odio per l’uomo come dovrebbe essere.

  9. SOCRATE

    IV.SOCRATE Oh, ve’, hai lite anche tu? ti difendi o accusi? fuggi o insegui?
    EUTIFRONE Inseguo.
    SOCRATE Chi?
    EUTIFRONE Uno che a inseguirlo io ci fo figura di matto.
    SOCRATE O che tu insegui un che vola?
    EUTIFRONE Ce ne vuole a volare! è tanto vecchio!
    SOCRATE Chi è?
    EUTIFRONE Mio padre.
    SOCRATE Tuo padre! o uomo dabbene!
    EUTIFRONE Per l’appunto.
    SOCRATE Qual è il delitto, quale l’accusa?
    EUTIFRONE Omicidio.
    SOCRATE Per Ercole, gli è un affar grave: i piú sarebbero impicciati a condurlo a bene, ché l’è cosa, non del primo che ti s’abbatta, ma di chi è molto addentro in sapienza.
    EUTIFRONE Sí, di chi ci è molto addentro, per Giove.

    SOCRATE Il morto era un di casa? certo, per un estranio tu non avventeresti contro a tuo padre.

    EUTIFRONE Mi fai ridere tu se credi ci corra nulla da un morto estranio a un morto di casa. Non s’ha ad abbadar solo se chi uccise, uccise a ragione, o no? Se sí, lascialo; se no, dàgli, sia pur che l’uccisore segga allo stesso focolare e alla stessa tavola con te: perché si riman macchiati Io stesso, se a tua saputa te ne stai con lui, e non mondi te e lui accusandolo. Del resto, lo vuoi sapere? il morto era un che ci veniva per casa. Dacché si faceva de’ lavori nei nostri poderi a Nasso, ivi si fu allogato ad opra con noi. Un bel giorno s’ubbriaca, s’abbaruffa con un de’ nostri servi, e lo ammazza. Mio padre che fa? gli lega mani e piedi, lo butta giú in una fossa, e manda qua per saper dall’Esegeta che aveva a fare. E il bello è che frattanto a quel povero orno, perché micidiale, non ci pensa piú, come nulla fosse caso avesse a morire. E cosí fu. Morí dalla fame, dal freddo, dalle catene; e non era ancor tornato il messo. Or mio padre e gli altri di casa sono in su le furie con me, per ch’io per vendicare un micidiale accuso lui, ch’è mio padre, di omicidio. – E poi non l’uccise, – soggiungono:- l’avesse fatto, non era un micidiale quell’altro? che c’è dunque da pigliarsene? non è empietà un figliuolo perseguitare il padre? – non conoscendo li sciocchi che cosa è secondo religione il santo, che cosa è l’empio.

    SOCRATE Per Giove, credi tu, Eutifrone, saperne tanto di religione e di ciò ch’è santo ed empio, che, se la è come tu di’, non ti batte il core al dubbio aver a fare un’empietà accusando tuo padre?

    EUTIFRONE Ma no! altrimenti in che m’avvantaggerei io? in che Eutifrone si segnalerebbe fra gli altri, se non le avessi io cosí in su le punte delle dita codeste bagattelluzze?

  10. Non è così semplice entrare nei fatti e nei nessi che spesso possono trasformare una persona buona in un cattivo amoralistico esempio…. E’ sempre facile parlare dall’esterno, difficile intercalarsi consapevolmente e coscientemente in una di queste parti assurde… Io parlo per quello che ho sperimentato dentro di me, quando ho saputo dell’errore necligente causato dai dottori su mio figlio che hanno sbagliato non una sola volta, ma ben tre volte e ne basta una sola per mandare una persona all’altro mondo. Sapete COSA VOLEVA FARE IL QUEI MOMENTI DOPO IL FUNERALE IL MIO RISVEGLIATO FERROCE MACELLAIO GUERRIERO DEMONE? Lasciate perdere tutte le parole di questo mondo, perchè quando le cose ci capitano a noi, tutto cambia rispetto a quello che prima ci sembrava assurdo e assai lontano dai nostri giusti morialistici comportamenti umani…..

  11. caro raffaele, non ti dirò niente di moralistico,
    sinceramente quando mi è capitato non dico una cosa simile, ho maledetto gli angeli pregndo di scendere dal cielo che li avrei spennati con le mie mani
    Eppure io per come sono non l’avrei mai detto
    Non mi sono mai sentita così inutile di fronte agli eventi
    Questo senso di inutilità o peggio di colpa
    (fare altro, rivolgersi altrove, agire diversamente, tempo perso, persone inette, anceh il pensiero di non avere passato decentemente il tempo con chi si è persi,

    perchè queste cose sono così brutte che davvero se uccidi nessuno può condannarti ma uccidere purtroppo non serve a niente ma almeno sono stati radiati dall’Albo dei Medici?
    Non devono essere messi in grado di nuocere di nuovo!!!

    Ti riporto al Giobbe di Jung.Per me la figura di Giobbe rappresenta, a parte la visione di Jung, il nucleo della mia religiosità personale.

    Quella che mi fa dire talvolta, Dio, sei proprio uno stronzo.

  12. Abbastanza stranamente, per lungo tempo il diavolo non era entrato a far parte dei miei pensieri:non mi appariva peggiore di un grosso cane da guardia rabbioso, tenuto in catene. Nessuno era responsabile del mondo all’infuori di Dio, e – come sapevo fin troppo bene – Egli poteva essere tremendo. I miei dubbi e il mio disagio aumentavano ogni volta che sentivo mio padre – nei suoi commoventi sermoni – parlare del «buon» Dio ed esaltare il Suo amore per l’uomo, ed esortare gli uomini ad amare Dio a loro volta. Il dubbio si faceva strada: «Ma sa veramente di che sta parlando?Sarebbe capace, lui, di porre me, suo figlio, sotto la lama di un coltello per sacrificarmi, come
    Isacco, o di lasciarmi condannare alla crocifissione da un ingiusto tribunale, come Gesù? No, non potrebbe. Quindi in certi casi non saprebbe fare la volontà di Dio, che può essere terribile, come mostra la stessa Bibbia.» Compresi chiaramente che l’esortazione a obbedire a Dio piuttosto che agli uomini, viene fatta con superficialità, senza ponderarla. Certamente non conosciamo affatto la volontà di Dio, altrimenti considereremmo con terrore questo fondamentale problema, non fosse altro che per il timore di un Dio onnipotente, capace di piegare alla Sua volontà gli uomini, senza difesa di fronte a Lui – come era accaduto a me. Tra coloro che pretendevano di conoscere la volontà di Dio, chi avrebbe potuto prevedere ciò che Egli mi aveva costretto a fare? Nel Nuovo Testamento, in ogni caso, non c’era nulla di simile; il Vecchio Testamento, e specialmente il Libro di Giobbe, avrebbe potuto aprirmi gli occhi al riguardo, ma a quel tempo non mi era abbastanza familiare. Inoltre, nell’insegnamento che allora mi veniva impartito per prepararmi alla confermazione, non c’era nulla che mi illuminasse su cose del genere. Naturalmente il timore di Dio veniva menzionato, ma era considerato antiquato, «giudaico», superato da un pezzo dal messaggio cristiano dell’amore e della bontà di Dio. Il simbolismo e la violenza delle immagini delle mie esperienze infantili mi avevano terribilmente sconvolto. Mi chiedevo:
    «
    Chi
    parla così? Chi ha l’impudenza di mostrare un fallo così crudamente,e per giunta in un tempio? Chi mi fa pensare che Dio distrugge la Sua Chiesa in modo tanto abominevole?» Alla fine fui indotto a chiedermi se non fosse il demonio: perché non dubitai mai che a parlare e ad agire così dovesse essere o Dio, o il diavolo, e che pensieri e immagini simili non potessero venire direttamente da me. Queste furono le esperienze cruciali della mia vita. Fu allora che capii di dovermi assumere la responsabilità di me stesso, e che solo da me sarebbe dipeso quale piega avrebbe preso il mio destino. Ero stato messo di fronte a un problema, del quale dovevo trovare la soluzione. Da chi mi fosse stato posto, nessuno me l’avrebbe mai detto. Sapevo di dover cercare la risposta nell’intimo del mio io, sapevo di essere solo al cospetto di Dio, e che era Dio solo a pormi queste terribili domande»Fin da principio avvertii la presenza del destino, come se la vita fosse un compito da assolvere assegnatemi dal fato: ciò mi dava un intimo senso di sicurezza, che, sebbene non potessi mai trovarne ragione in me stesso, mi s’imponeva da sé. Non ero
    io ad avere questa certezza, era essa
    a possedermi. Nessuno avrebbe potuto privarmi della convinzione che fosse mio dovere fare ciò che Dio voleva e non ciò che volevo io:e di qui mi veniva la forza di procedere per la mia strada. Spesso avevo la sensazione che in tutte le questioni decisive non ero più con gli uomini, ma solo con Dio: e quando ero «là» – dove non ero più solo – ero fuori del tempo, appartenevo ai secoli, e Quegli che mi rispondeva era Colui che era stato sempre, che era stato prima della mia nascita. Là vi era Colui che sempre è. Questi colloqui con l’«Altro» furono le mie esperienze più profonde: da un lato una lotta tremenda, dall’altro estasi suprema.

  13. Buona domenica ai credenti e sopratutto a chi si danna per Dio

    dal mio io = dan mio = daimon = dannato io

  14. Dio è una invenzione degli uomini! Prima lo creano, poi lo bestiammano e si dannano per lui.
    Boh! Stranezze del genere umano!

  15. Buona domenica e buona sera a tutti i musici, così come li definisce Plotino.
    Buona serata Prof.s & Admin.s

  16. Grazie, Valeria. Buona serata anche a te!

  17. A QUESTO PUNTO ( E.Montale)

    A questo punto smetti
    dice l’ombra.
    T’ho accompagnato in guerra e in pace e anche
    nell’intermedio,
    sono stata per te l’esaltazione e il tedio,
    t’ho insufflato virtù che non possiedi,
    vizi che non avevi. Se ora mi stacco
    da te non avrai pena, sarai lieve
    più delle foglie, mobile come il vento.
    Devo alzare la maschera, io sono il tuo pensiero,
    sono il tuo in-necessario, l’inutile tua scorza.
    A questo punto smetti, strappati dal mio fiato
    e cammina nel cielo come un razzo.
    C’è ancora qualche lume all’orizzonte
    e chi lo vede non è un pazzo, è solo
    un uomo e tu intendevi di non esserlo
    per amore di un’ ombra. T’ho ingannato
    ma ora ti dico a questo punto smetti.
    Il tuo peggio e il tuo meglio non ti appartengono
    e per quello che avrai puoi fare a meno
    di un’ ombra. A questo punto
    guarda con i tuoi occhi e anche senz’occhi.

  18. DUE DESTINI (E. Montale)

    Celia fu resa scheletro dalle termiti,
    Clizia fu consumata dal suo Dio
    ch’era lei stessa. Senza saperlo seppero
    ciò che quasi nessuno dice vita.

  19. Cara Map,
    NULLA E’ LASCIATO AL CASO, attraverso il mio indefinibile dolore oltre al grande infinito trascendentale amore, ho scoperto il grande inganno, così come ho riscoperto la mia vera immortale natura….. E stai ben certa cara amica mia che, nessun apparente/fantomatico/costruito/Idolo che da qui chiamiamo DIO o Diavolo Santo o Demone che parla attraverso la bocca inconsapevole ed insana di tanti potrà mai più offuscare la luce della mia anima cosmica e soprattutto del mio vero immortale multidimensionale/interstellare essere spirituale… Il mio intimo colloquio interiore con con colui che mi ha pregiato fino ai suoi possenti/amorevoli/fantastici 20 anni, colui che mi è stato padre/madre/figlio/figlia/fratello/sorella/compagna/compagno/amico/amica in tanti sentieri e figlio in questa, mi ha chiarito tantissime COSETTE…che neanche il grande Jung sapeva…..

  20. Buon Giorno….. a tutti Voi Amici del Blog 🙂 ! Buon Giorno carissimo Professore La Porta… 😀 !!

  21. caro Raffi, a me neanche di Jung me ne frega niente, in un certo senso, nel senso che io non “bevo” da Jung, Jung mi riporta a ciò che penso anch’io, e da Jung forse si può ancora fare quanche passo avanti evitando di fare solo passi indietro.

    Certo non “bevo” neanche da Castaneda, cioè, col rispetto per ognuno il mio “altare” principale resta la mia vita, ed il mio sentire.

    (E non bevo neanche da te 😉 😀 però il tuo esempio d’Amore è più importante di tante parole io imparo solo da chi amo e chi amo di solito ama e l’amore gira e crea)

  22. Carissima Preziosa Map
    hai detto bene anzi benissimo “il mio altare principale resta la mia vita, ed il mio sentire.” Questa è la vera via pratica…. E se mi sono permesso qualche volta di citare qualche altro grande vero uomo è solo perché, ho riattivato anche se in un frammento, parte della mia immensa memoria e se dico certe cose è solo perché conosco già quella via pratica…. Ti garantisco solo che ogni saggio, ogni iniziato, ogni guerriero, ogni pellegrino che ridiscende in questo mondo prima o poi SPIERIMENTERA’ quello che serve per la vera conoscenza dell’essere, che conduce all’IO SONO….

  23. Carissima Preziosa Map
    hai detto bene anzi benissimo “il mio altare principale resta la mia vita, ed il mio sentire.” Questa è la vera via pratica…. E se mi sono permesso qualche volta di citare qualche altro grande vero uomo è solo perché, ho riattivato anche se in un frammento, parte della mia immensa memoria e se dico certe cose è solo perché conosco già quella via pratica…. Ti garantisco solo che ogni saggio, ogni iniziato, ogni guerriero, ogni pellegrino che ridiscende in questo mondo prima o poi SPIERIMENTERA’ quello che serve per la vera conoscenza dell’essere, che conduce all’IO SONO….

    (Carissimo Prof. Gabriele, a volte basta solo una virgola per cambiare il senso ad una parola… :D)

  24. Caro Raffaele, sono d’accordo con te. Baci

  25. Carissimo Prof. Gabriele,
    come ho sempre detto, sono le parole che definiscono il mondo, togliete il senso alle parole, vuol dire far sparire questo mondo… E siccome l’essere umano ha bisogno di rispecchiamento, di identificazione soprattutto attraverso le parole, vediamo, sempre con le sue giuste sagge critiche, di gettare una piccolissima riflessione sul concetto dell’ IO SONO… 😀

    In Gv 10, 30 si legge: “Io e il Padre siamo una cosa sola” (gr. evgw. kai. o` path.r e[n evsmen). Questa frase ha avuto una grandissima importanza nelle controversie trinitarie. Agostino d’Ippona osserva: “Da una parte il Signore dice: “una cosa sola”, dall’altra “siamo; una sola cosa, secondo l’essenza, perché sono un unico Dio; siamo secondo la relazione perché il primo è il Padre, l’altro il Figlio.” (1) Calvino, invece, dichiara: “Gli antichi usarono impropriamente questo passo per dimostrare che Cristo è o`moouvsion [consustanziale] col Padre. Infatti Cristo non parla d’unità di sostanza, ma dell’accordo che ha col il Padre.” (2) Ma a questo punto è facile interpretare/intuire per quella celata santità che ci obbliga ad un rapporto sempre più vigilante, sempre con più attenzione introspettiva verso con la nostra coscienza, mettendo da parte anche per un solo momento, l’orgoglio le velleità e gli altri materialistici aspetti umani, al fine di conoscere i disegni di DIO a nostro riguardo, alla ricerca della perfezione o meglio alla ricerca della nostra vera celata essenza, alla ricerca del proprio SE’ superiore così come è ben espresso dal V.M. Gesù stesso che in Matteo (5,48): ci dice: “Siate voi dunque perfetti come è perfetto il PADRE VOSTRO CELESTE

    Da questa sola piccola considerazione prendendo alla lettera solo queste parole riportate nei vangeli canonici si evidenzia che: OGNUNO HA UN SUO PERSONALE PADRE CELESTE che in qualche modo rivolta il senso stesso che abbiamo dato su DIO per avvicinarsi ad un concetto molto più reale degli DEI….. ecco finalmente svelato l’arcano…. “anche voi siete con me fino dall’inizio del tempo, anche voi siete dei e farete cose più grandi di me” Il “Celeste” a questo punto assume un carattere più multidimensionale, più extra planetario nel vero senso nascosto della parola…..

    Certo siamo dimentichi Dei, ma bisogna riscoprire questa divina essenza…. Ecco perché spesso dico che è necessario che l’attore deve entrare in fusione consapevole con lo spettatore/osservatore che proiettano la realtà affinché l’essere risvegliato dal suo lunghissimo letargico sonno possa interagire/parlare con il vero proprio indefinibile registra che ha tessuto quella necessaria trama esistenziale….. ecc…

    MOLTE SONO LE DIMORE DEL PADRE MIO CELESTE diceva il V.M. Gesù, ed oggi, quel dire, ha un suo fondamento anche scientifico, attraverso la fisica quantica che insieme a quella nuova scienza delle apparenze, insieme a quell’eterno principio indagatore che è innato nell’essere che già da molto tempo ha parlato attraverso il cuore di tanti e convergente sempre a questa nostra realtà illusoria e alla vera realtà multi compenetrata, della natura multi dimensionale ed olografica dell’universo.

    (1) Agostino d’Ippona, La Trinità, vii, 6, 12, Ed. Citta Nuova, Roma, 1998, p. 247.
    (2) Corpus Reformatorum, Brunswick, 1892, vol. LXXV, col. 250: “Abusi sunt hoc loco veteres ut probarent Christum
    esse Patri o`moouvsion. Neque enim Christus de unitate substantiae disputat, sed de consensu quem cum Patre habet.”

  26. Carissimo Prof. Gabriele.
    Questo è quello che io definisco “MISTICISMO SCIENTIFICO” ovvero tecnologia interiore manifestabile nell’esteriore attraverso una vera e propria rivoluzione di coscienza… che niente ha che vedere con le Religioni…. 😀

  27. Caro Raffaele, trovo la tua definizione molto interessante. Un abbraccio

  28. Raffaele, come al solito manipoli tutto.

  29. Buon Giorno Carissima Valeria, 😀

    non ci posso fare niente è la mia ribellula immortale natura… ma penso che di tutte le tantissime strane parole che ho detto fino ad ora , qualcosetta potrebbe anche essera vera…… Sai nel mio secondo scritto mensionando certe verità ho detto anche di non credere nenache alle mie parole, ma solo a quello che si riesce a percepire con il proprio cuore….. Sempre al vaglio del nostro Caro Prof. Gabriele, se lo riporto è solo per la tua giusta critica… il titolo che ho dato allo scritto parla da solo :” “Inconsapevoli Increduli Ammuccalapuni” è solo una critica che soprattutto ho fatto a me stesso. E ti dico anche che i mie sgrammaticati scritti non sono libri, ma tutto quello che ho scritto l’ho sempre dato liberamente… certo non sono oro e neanche poesie, ma solo piccole riflessioni che dovrebbero riaccendere qualche affine fiammella.

    ..

    In un remoto dimenticato spazio/tempo, dalla lontana luce del profondo cosmo, discese una luce nel mondo. E fu giorno e fu sera e fu mattino, per essere in ogni continuo tempo un radioso vivificante sole interiore, araldo rivelatore e trasmettitore di saggezza antica per il cuore duro cieco e sordo degli uomini.

    (questa è una mia lode all’antico dei giorni al mio immortale vero Grandioso Maestro della creazione, THOTH)

    ..

    Carissimi, Carissime
    Sono dei pensieri, sono delle domande e contemporaneamente anche delle sincera risposte dettate dalla voce del cuore. Sono solo delle verità che il mio cuore, come il cuore di tanti reputa farvi conoscere.

    Nella mia prima illetterata esposizione ho parlato di quella sinergica ricerca del cuore che mi ha portato ai campi arati dei tortuosi sentieri soprasensibili delle realtà nascoste, dei perché della vita e della morte ed oltre la morte, ma qui è l’altro mio duale aspetto che vi vuole parlare, il mio da sempre ribelle guerriero immortale cuore.

    Vorrei anche precisare che alcune di queste trattazioni che troverete in quest’altro illetterato scritto, sono state copiate da libri e da varie ricerche che anche voi potete consultare attraverso internet, così come molte verità nascoste sono state filtrate dalla mia impersonale scevra innata ribelle indagatrice animica natura.

    Pertanto, anche questa nuova illetterata esposizione non la si può definire un libro, ma solo delle ricerche, degli argomenti, delle celate occultate reali verità che veramente dovrebbero farci riflettere. Ci sono verità nascoste che mai mi sarei immaginato percepire con la mia assai ignorante natura, ma era scritto nel mio destino che un angelo divino, un maestro di luce, colui che è stato mio figlio Orazio in questa vita, avrebbe guidato come per mano i miei incerti ignoranti passi verso comprensioni maggiori dell’essere e della realtà che ci circonda.

    Fu detto, che Dio alla fine dei tempi avrebbe mandato il CONSOLATORE per parlare per mezzo la voce di tanti. Fu detto di bussare alle porte del proprio cuore, perché quella porta solo da dentro può essere aperta e non da fuori o da nessuna altra parte.

    Fu detto di ricercare sempre le verità nascoste, di ricercare sempre la via della saggezza antica perché ogni continuo giusto saggio ricercare, prima o poi conduce ad un consapevole graduale giusto riscoprire.

    Qualcuno potrebbero illudersi che io sia un messaggero, altri un povero illuso ignorante pazzo, ma al di fuori di ogni giusta/ingiusta critica, SONO SOLO UN GENITORE, e credetemi la mia è solo una
    speranza, una speranza che questo mio strano inarticolato sgrammaticato modo di dire possa essere capito non per la mia quasi apparente giusta pazzia, non per la mia non sentita gloria o la
    mia intima libera libertà di pensiero, ma per la libertà di tanti che nell’illusione dello specchio della mente vivono nel dolore o nella non conoscenza per non sapere di certe assai celate verità e facile preda di chi dell’IGNORANZA INDOTTA la usa come forma d’oppressivo celato potere sociale / politico / economico e con mio grande rammarico anche e soprattutto religioso.

    Solo questo è nulla di più è ciò che mi spinge a parlare perché come fu detto: “solo le verità ci renderanno veramente liberi di essere noi stessi e di esternare il cuore verso il prossimo e tutto ciò che ci è più caro e ci circonda”.

    Non credere a quel che hai sentito.
    Non credere alle tradizioni solo perché si tramandano da
    generazioni.
    Non credere a nulla di cui si parli da molto tempo.
    Non credere ad affermazioni scritte solo perché provengono da un vecchio saggio.
    Non credere nelle ipotesi.
    Non credere nell’autorità dei maestri o degli anziani.
    Ma, dopo un’attenta osservazione e analisi, se ciò concorderà con la ragione e sarà di beneficio a tutti, allora accettalo e vivi in accordo con esso.
    (Siddhattha Gotama Buddha)

    La conoscenza universale può essere rivelata solo ai nostri fratelli che hanno affrontato le nostre stesse prove. La verità va dosata a misura dell’intelletto, dissimulata ai deboli, che renderebbe pazzi, nascosta ai malvagi, che solo potrebbero afferrarne qualche frammento di cui farebbero arma letale. Racchiudila nel tuo cuore, e che essa parli attraverso le tue opere. La scienza sarà la tua forza; la fede la tua spada; e il silenzio la tua corazza impenetrabile.”
    (Ermete Trismegisto – ovvero l’Arcangelo Raffaele)

    Se solo capissimo che quel Vero Figlio di Dio, in ogni tempo ha tanti nomi, allora e solo allora molti mali potrebbero sparire dal cuore duro cieco e sordo degli uomini.

    Ma ora è arrivato quel giusto risolutore tempo per gridare forte ai quattro venti, perché l’anima ha bisogno di manifestare la sua radiosa divina luce interiore, rompendo tutte quelle catene esistenziali che la tengono prigioniera con tanti futili illusori apparenti modi. E’ il tempo di risvegliare quella coscienza cosmica che latente e dormiente è celata in ogni malevolo / amorevole cuore umano. E’ il tempo di quel finale esistenziale tempo per un nuovo ciclo evolutivo tanto atteso, tanto decantato e mai capito. E’ il tempo della raccolta di quella semina che fu fatta in un tempo assai remoto.

    Se volete, vi suggerisco anche di non credete neanche ad una di queste mie parole, ma solo al vostro intuitivo libero scevro
    impersonale immortale cuore.

    Raffaele

    Riporto anche i titoli della prima stesura, perche anche questo è già diventato di 800 pagine…

    Capitolo I – FINE DEI TEMPI
    007 – il Risveglio della Coscienza
    047 – Guerre e stragi di potere
    057 – La manipolazione sul Potere di Acquisto
    059 – Le Ricchezze
    063 – Lo Scenario
    067 – Fine dei Tempi – verso una Nuova Era Glaciale
    074 – Recessione Globale
    079 – Nuovo ordine Mondiale e Scie Chimiche
    100 – Il Controllo Totale
    103 – Sementi Terminator
    105 – Il Controllo delle Razze
    107 – Il Controllo Mentale a Mezzo di Polveri Speciali

    Capitolo II – LE ORIGINI
    112 – Le Montagne della Conoscenza
    116 – il Mistero della Genesi nelle Antiche Civiltà
    120 – Enuma Elish
    121 – Il mistero Rivelato sulla Creazione
    123 – la Lastra di Palenque
    130 – Il condizionamento Monoteista
    132 – Gargo Cult
    133 – Resoconto Teologico / Scientifico
    137 – Nibiru
    141 – un Sogno Cosciente nello Spazio-Tempo
    144 – Grop Circles
    149 – Lo zodiaco del Tempio di Hathor a Dendera nella tomba di Senmut
    176 – Siloe – Secretum Omega

    Capitolo III – LA GRANDE MISTIFICAZIONE
    255 – Il Culto dei Misteri – Crocifissione, Resurrezione ed Ascensione
    259 – La Taxa Camarae
    264 – Gesù il Piedistallo del potere
    265 – Ma chi Era Gesù
    266 – La funzione del Peccato
    269 – Il Peccato Originale
    270 – Il Connubio del Potere Politico Religioso
    271 – Jahve L’ultimo Dio
    273 – Gesù L’ultimo Soter
    279 – I vangeli e la Crocifissione
    281 – Le menzogne dei Vangeli
    285 – Contraffazione dei Libri Storici
    286 – Discordanze Storiche nel Processo Evangelico a Gesù
    294 – La risvegliante voce di una maggiore coscienza collettiva

    se scrivo queste cose e solo per quella libera ricerca interiore e per nessun altro scopo… NON ME NE FREGA PROPRIO NIENTE DELLA GLORIA O DELL’APPROVAZIONE DEGLI ALTRI… sono solo liberi scevri impersonali pensieri……

  30. Caro Raffaele, ora ricordo dove e quando ti ho visto… 😀

  31. Ri Buon Giorno Carissima Valeria 😀

    Vediamo che cosa digerisci anche di questa bella notizia……

    IL PROGETTO BLUE BEAM”

    Nota di Educate Yourself:  Serge Monast [1945 – 1996] è il secondo giornalista che indagando sul Project Blue Beam è deceduto per “infarto.”  I decessi si sono verificati l’uno a poche settimane dall’altro, e nessuno dei due aveva mai denotato problemi cardiaci. 

    Serge era in Canada. L’altro giornalista – un canadese – si trovava in visita in Irlanda. Prima della sua morte, la figlia di Serge fu rapita dal governo canadese, nel tentativo di dissuaderlo dal proseguire le sue ricerche in merito al Progetto Blue Beam. Sua figlia non fece più ritorno a casa.

    Aggiornamento di Ken Adachi – 17 Febbraio 2009:  solo oggi inizio a cogliere pienamente la portata dei contributi donati alla collettività dall’opera di Serge Monast, ed il coraggio incredibile di cui diede prova pubblicando le rivelazioni incredibili che ottenne anonimamente da uomini politici ‘pentiti’, militari, o membri di organizzazioni di intelligence dotati di coscienza e umanità.

    di S. Monast :

    L’infame “Blue Beam Project” – architettato dalla NASA in tre differenti fasi operative – si prefigge di accelerare l’instaurazione di una nuova religione mondiale di stampo naturalistico – satanistico.

    La diffusione di una nuova religione “unica” è considerata dalle elite un imprescindibile  basamento ideologico su cui fondare il cosiddetto “Nuovo Ordine Mondiale.”

    La mancata unificazione di tutti i credo religiosi – infatti – costituirebbe un ostacolo insormontabile rispetto ai piani di unificazione politica e sociale della intera popolazione planetaria.

    La prima fase operativa riguarda il “ritrovamento” di antichi reperti archeologici in alcune precise zone del pianeta (in alcuni casi a seguito di sommovimenti geologici provocati artificialmente), reperimenti talmente rivoluzionari da sancire la definitiva smentita di tutte le “certezze religiose” coltivate fin’oggi dalle popolazioni mondiali (i fossili di dinosauro?). Ogni nazione dovrebbe così essere indotta a credere di avere male interpetrato per secoli la propria dottrina religiosa. La preparazione psicologica rispetto a tale primo segmento è riscontrabile in numerosi film e documentari atti a sostenere la sostanziale “infondatezza” della cosmogonia creazionistica e l’incompatibilità dei tradizionali dettami religiosi con la natura umana (tra i tanti: Zeitgeist, Religious, Sex Crimes and Vatican, il Codice Da Vinci ed il recente Codice Genesi).

    Di seguito un videoclip tratto da un recente, strano documentario realizzato da National Geographic (n.d.t.).

    In definitiva, obiettivo del primo segmento operativo è quello di distruggere le convinzioni (argomento approfondito nel post “Vaticano Sotto Assedio” n.d.t.) di cristiani e musulmani anche mediante alcune “prove inconfutabili” provenienti da un remoto passato.

    La seconda fase operativa prevede l’apparizione nei cieli di numerose località sparse intorno al mondo, di enormi immagini “divine”. Il tutto sarà realizzato sfruttando la teconologia degli ologrammi tridimensionali proiettati mediante raggi laser e resi “parlanti” mediante sofisticati strumenti di proiezione del suono. La proiezione sarà effettuata direttamente dai satelliti orbitanti, usando come “schermo” uno strato di sodio fluttuante a circa 100 chilometri dalla superficie terrestre. La stessa tecnologia sarebbe già stata adoperata per fare comparire almeno una parte dei numerosissimi oggetti volanti non identificati.

    Obiettivo di tali messe in scena sarà quello di fare apparire il “nuovo messia” – Maitreya, il maestro illuminato – che con le sue parole inaugurerà l’istituzione della nuova religione mondiale.

    In ogni parte del pianeta i fedeli di ogni religione assisteranno alla trasfigurazione della propria divinità adorata (Gesù, Maometto, Buddha, Krishna, ecc.) nella figura della nuova divinità. Costei spiegherà che il fine della religione sia quello di unire i popoli, e non di separarli, e di come i dettami della antiche scritture e tradizioni siano stati fraintesi ed equivocati, conducendo fratelli a combattere contro fratelli. Le antiche religioni dovranno perciò essere abolite, in quanto menzognere, e sostituite da una nuova, unica religione universale.

    L’evento appena descritto si verificherà in un momento di diffusa anarchia, incertezza e paura scatenata da una enorme catastrofe “naturale” (asteroide? tempesta solare?) verificatasi su scala mondiale.

    La terza fase operativa avrà a che fare con le nuove tecnologie di comunicazione telepatica: le microonde ELF (extremely low frequency), VLF (very low frequency) ed LF (low frequency). Attraverso un bombardamento di impulsi di radiazione ogni singolo individuo del pianeta sarà persuaso di avere un rapporto di comunicazione diretta con il nuovo dio. Il bombardamento sarà effettuato mediante satellite, e provocherà una profonda interazione con il pensiero individuale, formando il fenomeno attualmente denominato “pensiero diffuso artificiale.”

    Lo studio e l’utilizzazione delle tecnologie anzidette, adoperate anche per il famigerato programma “MK-Ultra” sono stati dimostrati in numerose occasioni.

    A tal proposito, è utile citare una conferenza che ebbe luogo nel gennaio 1991 presso l’Università dell’Arizona, dal titolo “Ricerche avanzate della Nato in materia di sistemi biomolecolari.” Alcuni argomenti affrontati dalla conferenza scatenarono le proteste degli astanti, spaventati dal potenziale abuso che i governi avrebbero potuto fare delle tecnologie presentate. In quella occasione gli scienziati accennarono alla capacità acquisita da parte degli Stati Uniti, di rendere cieche, sorde o mute le persone solo mediante la trasmissione di determinati impulsi magnetici. 

    Alcune delle anzidette tecnologie sono attualmente operative ed utilizzate dalla CIA, la NSA e l’FBI per scopi politici e militari, compresa la creazione di “candidati manciuriani.” Esse si basano su una metodologia del tutto nuova di studio del cervello e del sistema neuro-muscolare, ed agiscono mediante impulsi di radiazione trasmessi a bassissime frequenze. La sperimentazione dei sistemi biomolecolari continua ad avere luogo sui detenuti di Stati Uniti,  Canada, Gran Bretagna, Finlandia, Australia, Germania, Francia (Arancia Meccanica, film di Stanley Kubrick del 1971 trattava questo argomento n.d.t.).

    E’ utile riportare quanto dichiarato nel 1970 dallo psicologo James V. McConnel in una intervista rilasciata alla rivista “Psychology Today.”
    “Presto giungerà il giorno in cui saremo capaci di combinare la deprivazione sensoriale con l’azione ipnotica di alcune droghe ed il meccanismo “educativo” basato sulla dicotomia ricompensa-punizione. A quel punto potremo raggiungere un controllo pressochè assoluto sul comportamento di un individuo, ed ottenere molto rapidamente ed efficacemente un “positivo” lavaggio del cervello che ci consentirà di riprogrammare indole e  personalità di qualsiasi individuo.”

    Quanto appena detto, sta alla base della filosofia sociale delle Nazioni Unite, secondo la quale nessuno dovrebbe potersi dire “possessore” di una propria personalità. Qualsiasi personalità “antisociale” dovrebbe  considerarsi “abusiva” e dunque suscettibile di “miglioramenti” impositivi da parte degli enti preposti. Tutto ciò – naturalmente – per poter soddisfare le esigenze “collaborative” richieste dal nuovo ordine mondiale.

    Vi suggerisco di prendere seriamente in considerazione tali informazioni, prima di respingerle come frutto di un fanatico cospirazionista. Vi suggerisco di informarvi circa il chip trasmettitore prodotto dalla compagnia Loral Electro-Optical System con sede in Pasadena, California. Tale trasmettitore, che opera sulle stesse frequenze del sistema nervoso umano,  fu commissionato dal generale Leonardo Perez in nome e per conto della aviazione militare statunitense, che era alla ricerca di un’arma che fosse in grado di trasmettere impulsi di sfiducia nella mente del nemico ed impulsi di fiducia in quella delle truppe amiche.

    Si sospetta che la tecnologia ELF sia stata adoperata nel 1970 contro una donna britannica la quale protestava troppo “animosamente” contro l’installazione di missili cruise presso la base militare di Greenham Common (se è per questo esiste la possibilità che tali sperimentazioni siano già in corso d’opera da molti anni in tutto il mondo, e più precisamente dal momento in cui persone completamente normali hanno iniziato ad uccidere per futili motivi i propri congiunti, famigliari e vicini di casa, casi ormai molto frequenti, di cui sentiamo parlare quotidianamente in tutti i notiziari – n.d.t.) .

    Questa arma è in grado di causare la totale deprivazione sensoriale di un individuo, al punto che il soggetto non sia più in grado di udire i propri stessi pensieri. La metodologia scientifica utilizzata dalla tecnologia ELF è stata descritta in moltissime pubblicazioni del Dipartimento della Difesa statunitense, tra cui uno intitolato “Spettro elettromagnetico e conflitto a bassa intensità”, stilato del capitano Paul E. Tyler, comandante medico della marina degli Stati Uniti, incluso in una raccolta di saggi dal titolo “Bassa intensità e moderne tecnologie di modifica”, a cura del tenente colonnello David G. Dean. La raccolta è stata pubblicata nel 1986 da parte delle edizioni “Air University Press.”

    Nel suo libro “The Body Electric”, il candidato premio Nobel Robert Baker descrive una serie di esperimenti condotti nel 1960 dallo scienziato Allen Frie, in cui il funzionamento della manomissione mentale è stato pienamente dimostrato. Così come gli esperimenti condotti nel 1973 dal dottor Joseph Sharp, che vi si sottopose personalmente, dimostrando di poter udire e comprendere messaggi inviatigli in una eco-camera attraverso una serie di audiogrammi ad impulsi a microonde.

    Baker concludeva il libro con alcune considerazioni circa il pericolosissimo potenziale di una tal sorta di tecnologia, che potrebbe “fornire istruzioni non rilevabili ad un assassino inconsapevole e programmato in tal senso.”

    Allen Frie ha inoltre notato come sia possibile accelerare, decelerare o arrestare il battito cardiaco di una rana sincronizzando il fascio di impulsi a microonde con il ritmo del cuore dell’animale.

    Un altro libro del 1978, scritto da James C. Lynn ed  intitolato “Microwave Auditory Effect and Application” descrive come sia possibile trasmettere delle voci perfettamente udibili, diretttamente nella mente di un individuo.

    Nel corso della campagna elettorale del 1988, il candidato alla presidenza degli Stati Uniti Michael Dukakis accusò il suo avversario George Bush Sr. di avere utilizzato tecnologia a microonde al fine di compromettere le sue performance in alcuni comizi, dopo che i primi sondaggi di opinione avevano dimostrato il vantaggio accumulato da Dukakis nella corsa presidenziale. Sostenne inoltre che la stessa tecnologia fu usata contro Kitty Dukakis (sua moglie n.d.t.), spingendola sull’orlo del suicidio.

    Nel dicembre 1980 venne pubblicato sul periodico “US Army Journal” un articolo dal titolo: “The New Mental Battlefield: Beam Me Up, Spock”, a cura del tenente colonnello John Alexander. Scrive Alexander: “… Numerosi esempi dimostrano incredibili progressi in tali aree. Il trasferimento di energia da un organismo all’altro; la capacità di trasmettere o guarire una malattia a distanza; la capacità di indurre la morte a distanza in modo tale che non sia riscontrabile una causa apparente del decesso; la modificazione del comportamento mediante strumenti telepatici, che consente di indurre uno stato ipnotico fino ad una distanza di 1000 chilometri, questi sono tutti obiettivi già conseguiti.” Alexander conclude: “Se sarà possibile alimentare il pensiero artificiale multigenico mediante satellite, a quel punto il controllo mentale dell’intero pianeta sarà a portata di mano.”

    Ecco, tornando al Blue Beam Project, la terza fase a cui accennavamo paragrafi eddietro è denominata proprio “Electronic Telepathic Two Way Communication.”

    Fintanto che la gente non si renderà conto che questo genere di tecnologia non è fantascienza, ma esiste realmente, essa correrà un gravissimo pericolo. Perchè arriverà la notte in cui nel cielo compariranno immagini meravigliose e sconvolgenti, che preannunceranno l’avvento del nuovo messia, ed in molti non saranno adeguatamente preparati ad affrontare la situazione, vedere il tranello, e salvarsi la vita.

    Articolo in lingua inglese pubblicato dal sito Educate Yourself 
    link all’articolo originale: http://www.educate-yourself.org/cn/projectbluebeam25jul05.shtml

    Se poi si ha l’accortezza di leggere gli antichi testi Veda, si scoprirà che anche all’ora questa tecnologia era conosciuta e spesso venifa usata nei VIMANA per offuscare la mente di tanti…. Le guerre degli dei non sono fantasticherie ,a verità celate nel cuore di tanti…..

    Carissima Valeria perchè pensi che io nel mio primo scitto ho detto:

    Sarebbe meraviglioso se chi leggendo in queste poche pagine, in quello che il mio essere ha sperimentato in un turbine d’indefinibili sensazioni capisse che è come descrivere e seguire più facilmente quella via già tracciata da qualcuno. Qualcuno che in un tempo passato e vicino, pioniere del proprio cuore, con grande coraggio, con grande sacrificio e spirito d’avventura, si è inoltrato in una selva oscura, andando lontano, alla scoperta delle americhe e delle indie.

    Sarebbe meraviglioso se servisse a risvegliare o a chiarire dei
    dubbi, dei quesiti, delle verità non capite, a chi pensa che questa vita, sia solo un flusso d’alternati stati di coscienza o di sensazioni che nel vivere si percepiscono, in una continua danza che si alterna fra tenebra, sofferenza lavoro, sonno, stasi inerzia, confronti, azioni, opere, pensieri, desideri parole, gelosie, odio, amore, luce e gioia.

    Sarebbe meraviglioso se chi leggendo capisse, che è assai riduttivo che quel flusso normale/ordinario che ci conduce dalla nascita, dalla fanciullezza, dalla giovinezza, dalla maturità alla vecchiaia e poi alla fine del sentiero fra le braccia di sorella MORTE lasciando più o meno una traccia, una scia, un’impronta malevola o benevola e restare immortalato nelle scritte di una lapide o nei ricordi di chi ci ha tanto amato.

    Sarebbe assai Inaccettabile che quel Dio dei nostri padri, quel
    Dio sconosciuto (vedi – il Vero Dio Dimenticato) ci ha creato lasciandoci soli nel sentiero delle prove, nel sentiero del confronto, nel sentiero delle pene e delle delizie terrene, dicendoci di vivere amorevolmente per non essere puniti, di crearci una famiglia, di procreare nel dolore, di accudire dei figli che spesso non ci capiranno, di lavorare con sudore, d’essere padroni della terra e di tutti i regni inferiori e soprattutto di lodare quel Dio che ci ha generato in ogni momento della nostra esistenza. Dove leggi statali e credi religiosi s’interpolano al nostro libero arbitrio insegnandoci o imponendoci uno studio, un ricercato e compromesso duro lavoro, un’etica, una morale o un ideale Politico, Religioso o Sociale, per aiutarci e guidarci o per ammonirci quando il denaro che otteniamo lecitamente o illecitamente non è più sufficiente a pagare sotto forme di tasse quello che con corta mano, ci danno in virtuale e illusoria moneta.

    In questa società molto consumistica e materialistica dove esseri assai egoistici e senza un cuore convertono in vile denaro il sacrificio, il sangue e persino la vita di tanti simili, di tanti esseri viventi. Dove forze militari, governi di potere e corrotti uomini politici scambiano o barattano anime umane con tecnologia aliena (abduction). Dove falsi interessi globalizzanti di governi e multinazionali tendono al dominio delle masse con il controllo dei mercati economici, alterando volutamente tutto ciò che è alimentare, iniettando sostanze chimiche/virus e sostanze radioattive nell’ambiente e nell’atmosfera.

    Osservate ogni tanto il cielo e vedrete tanti particolari, inusuali e strani curiose ragnatele di scie chimiche prodotte da reattori. Oppure attraverso il malefico controllo del pensiero, attraverso l’emissione d’immagini sublimali o attraverso l’emissione illecita ed invisibile d’onde d’urto o di campi elettromagnetici particolari che influenzano la mente, creando malattie azioni / reazioni e squilibri mentali / psichici a tanti.

    Come può un essere razionale, un essere pensante, farsi esplodere in mezzo a tanta gente? Ammazzare i propri figli, i propri genitori o i propri fratelli? Con quale inconsapevolezza? Con quale consapevolezza o con quale condizionamento?

    In questa sociètà quasi fatta apposta di tante assurde regole che ci fanno correre più del dovuto, sottraendo energia, libera espressione libero pensiero e soprattutto tempo da dedicare alle nostre care famiglie. Che bella democrazia che bella libertà. Plagiati dagli sport dalle pubblicità, dalle mode dai giornali e dall’apparente mondo esteriore, dietro una televisione, un computer, un tenore di vita da mantenere a qualsiasi costo, un modus che tende e rende inconsapevoli schiavi dalle proprie brame e da inappaganti e continui inutili desideri, un modus dove è facile cogliere i difetti e le manchevolezze degli altri, ma raramente quelli nostri. Un modus per il quale molti dicono e pensano, che nel mondo c’è chi sta peggio e tutto questo ci consola?

    Per non parlare di tutte quelle forze naturali che madre GAIA sta risvegliando per compensare e riequilibrare tutto quello che il nostro fare, il nostro vivere sfrenato, consumistico ed egoistico ha assai alterato e assai inquinato. In una società, dove tutto questo è una realtà che ci fa partecipi, non c’esula non c’esclude, perché anche noi siamo artefici volontari o involontari, perché il mondo, nell’essenza è lo specchio di noi stessi, che riflette tutti gli aspetti positivi ma, anche la natura, la violenza, la corruzione, l’inganno e la crudeltà della maggior parte degli esseri umani. E alla fine? Alla fine di tutto, dopo tanti sacrifici, dopo tante disavventure, dopo tante assurde lotte, dopo tanto accumulare d’illusori beni materiali, dopo tante speranze, alla fine il nostro viaggio finisce nudo e spoglio accompagnato (per i più fortunati) con un solenne eterno riposo che ci rimette fra le braccia di quel Dio dei nostri padri, a quella grazia a quella speranza dettata dal cuore di chi resta, di chi tanto ci ama, nel desiderio che dopo la morte, dopo il trapasso, il paradiso sia la nostra finale dimora per diventare meravigliosi angeli alati nell’ora di un giudizio universale. Sembra tutto logico, ma sono tanti i ma che ho chiesto a me stesso e che rivolgo alla vostra giusta riflessione e coscienza interiore.

    …..

    cho ho anche affermato :
    Per non parlare delle false Apparizioni Mariane o delle Madonne Lacrimanti o Sanguinanti che attirano tanti inconsapevoli, curiosi, benevoli o malati pellegrini. Certo c’è anche guarigione ma, non è miracolosa, non è soprannaturale è auto guarigione è riequilibrio è trasmutazione chimica / biologica attraverso il pensiero che riattiva certe forze vitali, è come un’induttanza creata per un effetto placebo.

    Riuscite a capite il vero motivo? Volete capite che i grandiosi maestri, i grandiosi istruttori sono sempre discesi sono venuti, sono nati in questo mondo, in ogni tempo, parlando camminando e vivendo vicino al sentiero degli uomini? Rispose Gesù a Pilato il mio regno non è di questo mondo Sono nato, sono venuto in questo mondo per endere testimonianza alle verità.

    Avete mai sentito parlare delle ricerche secrete condotte da Tesla, Won Braun Bohr, Maiorana, Bohom, Alan Aspect e tanti che hanno indagato sulle forze deboli e sulle proiezioni olografiche? O sullo studio di particolari onde polifoniche eseguito da parte di un filosofo e studioso monaco benedettino che insieme a noti ed illustri scienziati del secolo appena passato, hanno portato alla realizzazione del CRONOVISORE, subito dopo smantellato e segregato negli archivi del Vaticano? O sugli esperimenti Philadelphia del 1947 / 1967 / 1987… che sono stati e sono causa di deformazioni spazio/temporali, aprendo dei portali su altri universi? ecc.). Oltre alle numerose percezioni extrasensoriali (ESP) la telepatia, la veggenza, la chiaroveggenza, la chiaroudienza e tanti altri celati canali di comunicazione.

    Sono prove tangibili che ci avvicinano sempre di più quella realtà invisibile / soprasensibile che comprova quel dire metafisico sempre presente che c’è stato tramandato da tutti i popoli della terra.

    E’ il cammino evolutivo e spirituale di questa nostra frustata umanità che non si fermerà a vane parole o alla lettera morta come la neve al sole ma anche se a rilento per tutte quelle cause e radicamenti con le vecchie e passate energie và oltre l’immaginario / soprannaturale / fantascientifico del tempo appena passato per espandersi verso un Nuovo Paradigma o Cambio di Realtà.

    QUANTE MINCHIATE HO DETTO E DICO VERO CARISSIMA VALERIA?

    Di recente volevi anche contrattacare quello che io avevo già detto sull’avvicinarsi nel periodo di ottobre 2011 QUANDO HO accennato qualcosa su Elein e su Nibiru… certo non sono bastate tutte le nefaste alluvioni causati dal passaggio dei quell’enorme astronave…… Astronave saettante nascosta da una enorme nube scura che ho rivisto dopo circa 30 anni fa…. quando si manifestò con gli stessi nefasti effetti…..

    Minchiate, minchiate sono tutte minchiate… come quello che presto succederanno anche da noi in Italia, con le nuove belle manovre bancarie che attraverso i chip elettronici controlleranno anche i peli del C. e del cuore di tantissima inconsapevole brava gente….. LA GUERRA DEI POVERI è quello che vogliono i signori del potere che sono in combutta con tutti questi celati malevoli stronzi di corrotti veri malavitosi politici… il bello che si fanno vedere che pregano in chiesa e che sono buoni cristiani…. I LUPI VESTITI DI AGNELLO.

  32. Vedi, cara Valeria, neanche il buono/bravo/bello/intelligente/scrittore/giornasista Bruno Vespa ha il coraggio di parlare del SIGNORAGGIO BANCARIO. Invita tantissimi belli politici, e devi crederrmi, con tanta spontanea sincera libera reattività LI PRENDEREI TUTTI A CALCI IN CULO o a lavorare nelle miniere e nei campi, magari per 40 anni, senza pensione, affinchè capiscono il male che stanno causando agli altri….

    MI PERDONI CARISSIMO PROF. GABRIELE per queste brutte parole, ma nascono spontanee quando si percepisce lo scempio che stanno causando a tante brave incosapevoli persone……

    La prima giusta manovra che dovevano fare era quella di smembrare/ridurre tutti questi assurdi partiti e porta borsa/valori del cavolo che succhiano sangue da tutte le parti….

    La prima vera manovra era proprio questa… una rivoluzionaria manovra non politica ma di coscienza….. per cercare di minimizzare/ridurre gli effetti che essi stessi hanno creato.

    Il bello che ci lavano la testa con qualche sontaggio fatto a vecchie schangherate persone che ormai sono prossime alla morte…. Perchè non parlono con le famiglie e con tutti i tantissimio problemi che che sono…

    Chi cavolo se ne frega delle banche e dei mercati che governano l’europa, basterebbe solo un po ridurre le tasse, mandare a casa tanti succhiasangue a tradimento, riappropriarsi del controllo di emissione della moneta, e delle proprie sinergiche economie locali e di sicuro si vivrebbe assai meglio…… ma non potrà mai essere così’ è troppo semplice…. siamo troppo immersi nelle fauci del dio denaro…..

    Una volta hanno tolto con la forza lo scambio del vero materiale bene, l’oro, ora vogliono anche togliere la carta straccia, il contanti… domani …… la frittata sarà bella è pronta…..

  33. Mi interessa il passaggio : …“positivo” lavaggio del cervello che ci consentirà di riprogrammare indole e personalità di qualsiasi individuo…”

    Non hai accennato ai cerchi nel grano, nè ai branchi di balene che si arenano in massa. Se hai notizie accreditate su questi argomenti, mi farebbe piacere leggerle.

    Per quanto riguarda l’avvento della religione unica, attraverso il verificarsi di determinati segni, penso che non saremmo capaci di riconoscere Dio nemmeno se ci camminasse vicino, perchè siamo distratti, autoreverenziali, non sappiamo e non ci interessa decriptare i segnali…
    Ascoltavo una trasmissione radiofonica che affrontava il problema oggettivo per un aborigeno di decodificare i segni in una metropoli; lo stesso problema vitale che avrebbe un uomo “metropolitano” se venisse abbandonato a se stesso nella foresta amazzonica. Penso quindi anche io che sia davvero un problema di “libertà” insegnare a decriptare i segni che ci indicano la strada giusta da seguire. Non so se sia compito delle religioni ri-educarsi per insegnarlo di nuovo, ma sono convinta che non esistano segni uguali per tutti.

  34. …Io …farei un “positivo” lavaggio del cervello per riprogrammare indole e personalità degli evasori fiscali…

  35. Cara Valeria, se ci fai caso, sui cerchi di grano ci sarebbe veramente da dire tantissimo, sono le prove reali di tantissima celata millenaria verità. Comunque penso che ti sarà sfuggito leggere che nell’indice ho riportato anche qualcosa che parla dei “Grop Circles “…. In quanto alle Balene come anche ai delfini che si arenano o alla grande moria di massa di certi pesci ed uccelli, sappi solo che è in corso da tanto tempo un cambiamento energetico sia sulla griglia magnetica, sia allo spostamento dei poli magnetici come anche a causa dell’aumento della frequenza Schumann…… Ed in qualche modo sono connesse anche e soprattutto con la malevola emissione di onde di frequenze ELF/VLF/LF..

    In quanto agli evasori fiscali, i primi in assoluto sono tutto ciò che si angora attorno ai politici, poi
    se la situazione prevedo che si accentuerà ancor di più con le nuove manovre fiscali, stai ben certa che anche l’evasione fiscale aumenterà ancora di più.

    Cara Valeria, dobbiamo solo capire la gente e non il nostro più adagiato mondo perché è impensabile che una persona, o un capofamiglia debba lavorare con tantissime difficoltà per pagare i debiti o per avere grosse difficoltà per incassare quanto gli è dovuto, quando lo stato ti dissangua già mediamente il 65 % delle tue piccole o grandi entrate,, con il resto ci devi vivere e se hai una cassa in affitto o un mutuo da pagare, o se perdi il lavoro voglio proprio vedere se non sarai costretto ad evadere più di prima o a rubare nei casi peggiori… che bella stupida Italia….. Quanto siamo mammalucchi….

    Cara Valeria, se ci fai caso, io parlo di Celata DEITA’ e ti pregherei solo di non parlare del lavaggio del cervello come se fosse una risoluzione a tutti i mali… già il cervello ce l’han lavato fin da piccoli e continuino a lavarcelo in mille modi…. perché in qualche modo ci hanno reso schiavi dei nostri stessi desideri. Parliamo invece di risvegliare la fenice interiore, il dio interiore che meglio si avvicina ad un vero concetto di libertà…..

  36. – E’ nel tuo articolo che il lavaggio del cervello viene evidenziato tra virgolette come “positivo” : io ho ripreso soltanto l’ironico paradosso celato in quell’attributo.

    – Quanto all’essere schiavi dei nostri desideri spero che la fenice interiore possa soltanto ristabilire l’equilibrio tra cosa desiderata e colui che desidera, perchè comunque una certa distanza “accende” la vita! … (Ritorno sempre a Galimberti). Ma resta il problema della libertà nella scelta dei “segni”.

    – Ti ho chiesto se sai dove potrei leggere un articolo attendibile che documenta i cerchi nel grano e lo sbarco delle balene: dall’elenco non si evince niente.

  37. x valeria
    che meraviglia le due poesie !
    buondiì a tutti
    patrizia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...