Sull’amicizia

44 Risposte

  1. Carissimo Gabriele, ti considero un grande amico. Per me l’amicizia è importante e ho imparato a selezionarle. Appena avrò un pò di tempo, ti invierò una mail per rivelarti le mie idee. Buona serata. Rosa.

  2. Carissima, aspetto tue notizie, allora. Baci baci

  3. Adoro questa canzone!
    Ma trovare amici veri in questo mondo è la stessa cosa di ricevere un miracolo! è diffiicle, se non impossibile.
    Non sono pessimista, sono solo realista e parla una che per anni, soprattutto quelli adolescenziali, ha creduto nell’amicizia vera e disinteressata…ma oggi, è diverso: ho dato molto e ho preso solo batoste….non perchè l’amocizia sia un “do ut des”, ma perchè quando ho chiesto aiuto i miei presunti amici erano troppo impegnati a far carriera, a fare le scarpe al collega, o fare viaggi inutili solo per farne mostra con amici e parenti o peggio, troppo presi dalle loro disgrazie!!!
    trovare amici disinteressati, che ti apprezzino per quello che sei, per quello che puoi offrire e che ti diano aiuto e sostegno nei momenti buii in maniera sponatea e sincera è come fare 13 al totocalcio!!
    dico smepre: ho molti conoscenti, ma pochissimi amici!!

  4. Cari Luigi e Giuseppe,
    tvi dedico questa canzone…perchè siete amici 8virtuali, ma sempre amici) sempre presenti, sensibili e trovate smepre il modo di farmi sorridere…
    e soprattutto accettate col sorriso i miei cambi di umore o le mie lune storte, così come sapete condividere con me i miei mommenti di felicità!
    garzie, con tanto affetto Bea!

  5. L’Amicizia…. non è mai dover ricambiare un gesto d’amore con un senso d’obbligo, o di riconoscenza come s0intende solitamente usare, cioè un disobbligarsi! La riconoscenza dev’essere solo riconoscere in amore un gesto d’amore ricevuto! Mi sono trovato spesso in situazioni dove ho dovuto far capire, quindi disimpegnare qualcuno, di solito “Amici”, dal senso di obbligo di riconoscenza nei miei confronti, Facendo capire loro, che non mi dovevano Nulla, non dovevano sentirsi in Obbligo, ma se mai vi fosse bisogno di loro, che lo facessero x Amore, non per senso di disobbligo! Fare un gesto non come ricambio, ma come sentimento! Non preoccuparsi, poiché io avrei continuato a essere loro Amico, a stargli vicino nuovamente qualora se ne ripresentasse il Bisogno! Poiché chi è investito dalla bellezza pur Amara dell’amore, continuerà poiché è un sentire un sentimento, Alto, che non s’aspetta d’esser ripagato! Certo si soffre, se non si riceve altrettanto, ma lo stesso non Si Cambia, poiché Amore, altruismo, ha una sua rivelazione a cui non ci si può sottrarre, se ci ha Onorato della sua Essenza Presenza!!! Questo è il mio sentimento!!!

  6. Bea, grazie per il Brano! 🙂 ! Normale che bisogna accettare tutto, il sole come la luna, etc.ecc! Certo non accetto solo la mancanza di rispetto, ma non è il tuo caso, Né il caso di nessun appartenente di questa splendida Casa, almeno nei miei Confronti! Quindi ti dico Ancora Grazie, delle tue Lune, dei tuoi raggi di sole, della Tua Amicizia, se pur come giustamente tu sottolinei “Virtuale” per questo spesso difficile da mantenere la giusta rotta! Ciao bella Beatrice!

  7. Caro Amico,
    senti che bel silenzio hai contribuito a creare in me… Finalmente il silenzio… Non puoi ferirmi più di quanto a te possa fare male il fatto che sia sopravvissuta. E quando non avrai più bisogno di soffrire, capirai anche di aver perso tutto ad uno stupido gioco, di cui non potevi avere il controllo. Il male non condivide il potere… Puoi soltanto compiacerlo per paura, fare finta che non sia successo niente e, per non guardarmi negli occhi, sputarmi addosso tutto il tuo veleno… Non puoi ferirmi più di quanto a te possa fare male.

    Intanto mi dedico questa canzone:

  8. Beatrice …. baci …

  9. Buongiorno a te, Gabriele e a tutti gli amici di questo Splendido giardino! Con affetto, Luigi… 😉

  10. Cari amici del blog, siete meravigliosi……tutti avete sentimenti puri. Un Saluto. Rosa

  11. Cara Bea io ti voglio un sacco di bene, se torno torno anche ma non solo per te.
    Si impara da tutti e per quello che mi riguarda ognuno sia responsabile delle proprie azioni.
    Di Emanuele non posso dire nulla, come sai tengo molto alla privacy e per me le mail che mi mandi anche tu lo sai no? Non parlo, certo hai dovuto sopportare in passato anche dei miei sfoghi ma sapevo che potevo farlo e che mi avresti capito ed infatti così è stato.
    E io ho fatto la stessa cosa con te. E così farò con Emanuele.
    L’importante è che non lo perdiamo e che comunque un filo di contatto rimanga ti pare?
    Penso che chiunque abbia delle cose da dirmi da rimproverarmi o da chiedermi lo debba fare in privato o taccia per sempre.
    Poi potremo anche litigare in pubblico, io amo la rissa come ben sapete e non vedo l’ora di battermi, figuriamoci se non mi farebbe piacere una bella scazzottata, ma io per il Web Wresting vado altrove, per esempio da “Remeron” un campione di squallore trash irresistibile dove ho resistito per ben 6 rounds di sagaci improperi deliri in rima battute e volgarità UN record mai visto prima sul suo blog dove le persone resistono al massimo due rounds.Sono tornata a “trovarlo” in questi giorni e devo dire che non è cambiato ha una sua corte di gladiatrici
    “falene dello schermo”
    e che la vanità maschile alle volte è così affascinante per me!!! perchè non ne capisco il senso!!! afrodite è maschio , sicuramente, anche se in questo caso si tratta di Dioniso o…di Priapo. ???BOH’. Chi è interessato gli faccio avere il link così ci litiga e poi si sentirà meglio.Io ho resistito così tanto perchè parlamdogli di motori credeva fossi un’uomo ..questo per dirvi che cosa dice alle donne!!!

    Qui non lo farò.Voglio dire, non voglio litigare.
    Per rispetto al prof. La Porta e a voi non lo farò.
    Credo anche che chi si affacci per la prima volta a questo blog se ne debba scappare a gambe levate trovandosi in beghe e chiarimenti da faida corsa, (in Corsica, le faide erano generazionali), o a essere costretto a chiedere a qualcuno il “riassunto delle puntate precedenti”.
    Credo che questo blog si chiami “Notturna , Viaggi in Anima di Gabriele La Porta” e non abbia un altro nome.No?
    Cioè, io qui sono un ospite e voi?

    Riassumendo da Giuseppe ho imparato LA VIA DELLA PRATICA

    da Emanuele IL VALORE DEL SILENZIO

    da Bea L’AMORE INCONDIZIONATO

    da Anna L’AMORE PER SE’ STESSI /quindi per tutti.

    da Raffi… LA DIFFICILE VIA DEL CUORE

    da Valeria A NON CREDERE ALLE APPARENZE

    daglia altri ora mi ci dovete far riflettere e purtroppo devo lavorare e non posso continuare…
    UN BACIO A TUTTI;
    Un saluto a Proffi e Moderators. OK? Buona giornata!

  12. Per la Nostra Carissima Amabile MAAAAAPPPPP e per Tutti i Preziosi Amici di questa Radiosa Casa. 😀

    Quando nasce un amore o un sincero vibrante sentimento che va oltre l’amore stesso è affinità elettiva che ci portiamo inconsciamente in questa vita da la, dove la nostra unita divina coscienza è infinità. 😀

  13. Cara Map, ben tornata! Ci rendi molto felici. Baci da tutti noi.

  14. Riassumendo.

    DAVANTI ALLE PROVE DELLA VITA

    RICORDA…..
    “QUELLO CHE NON CI UCCIDE CI FORTIFICA”

    (Dovrebbe uscire dal link l’immagine di un topolino …”in trappola”…)

  15. Grazie proffi caro e Moderators.Che dovete sopportare!!!Un bacio!!!

  16. x RAFFI.
    Tu non sei caldo sei bollente! GRAZIE!!!
    Vi amo tutti quanti. IN PARANZA.

  17. Map cara,
    sono felicissima di riaverti qui!!!
    Ho compreso perfettamente quello che intendi dire, e sai bene, che lo condivido pienamnete.
    Se hai modo di snetire Manu digli solo che gli voglio bene e che la sua asenza si sente, ma che rispetto la sua scelta…
    e mandargli un bacio dalla sua infermiera “Bea-Elliot”!!!
    L’amore incondizonato…grazie è tra i più bei compliemnti che abbia mai ricevuto nella mia vita.
    Sono fatta così, quando amo non ho meze misure; se amo, amo per smepre anche quando sto sta male per cose mie….non riesco a non dare amore. Quello che mi fa piacere è che l’amore arrivi al cuore delle persone e lo scaldi!!!
    Map ti voglio un mondo di bene….

  18. Buon Giorno Radiosi e Preziosi Amici del Sacro Cuore 😀

    Azzittendo consapevolmente, per un solo momento, la voce del mio Forte Guerriero Daimon Interiore per dare spazio all’altro aspetto di me stesso, attraverso le Vibrazioni/Sensazioni/Luce dell’angelo della presenza, copiandolo da un libero testo di Marina Diwan; vi parlo degli angeli caduti e mai caduti che furono e sono sempre stati vita in questo mondo.

    SIAMO TUTTI ANGELI
    Incontro con le Entità di Luce che condividono con noi la nostra vera identità,
    ci invitano a ricordare chi siamo e ci accompagnano sulla via per tornare a casa

    Noi non siamo esseri umani che vivono un’esperienza spirituale. Noi siamo esseri spirituali che vivono un’esperienza umana. (Pierre Teilhard de Chardin)

    PREMESSA
    In questo libro i messaggi delle Entità di Luce ci propongono una filosofia di vita terapeutica e utile per sdrammatizzare l’esistenza e le sue vicissitudini. Ci permettono di contattare l’idea che siamo tutti Angeli, Esseri di Luce eterni e immutabili. In quest’ottica possiamo cominciare a sentirci al sicuro: qualsiasi cosa accade possiamo accettarla con amore, dal momento che è solo l’esperienza di una parte di noi che non ha il potere di sminuire e modificare ciò che siamo veramente.

    È come se vivessimo in due mondi paralleli, che hanno la possibilità di comunicare e dialogare tra loro per elevarci in un percorso che ci riporta alla dimensione vera dell’essere. Sembra strano, ma non lo è. Mentre siamo qui a
    tribolare sulla Terra, il nostro Sé superiore gode della sua natura divina e condivide con Dio ogni Bene e ogni Luce vivendo nell’Amore pieno e perfetto del Padre.
    􀀙
    E questa parte di noi non è un’astrazione, è contattabile, si può farne esperienza entrando interiormente dentro di noi, principalmente attraverso la meditazione e la preghiera. E quando la si contatta è più facile superare le difficoltà della vita e vivere in pace.
    􀀚
    INTRODUZIONE
    Con questo libro desidero portare il messaggio che noi esseri umani siamo tutti Angeli all’origine, tutti esseri divini e immortali ed è importante che iniziamo a prendere coscienza di questa verità.

    Leggere i messaggi degli Angeli ci aiuta a vivere più sereni, a lasciare andare il giudizio e la paura che ci tengono mentalmente legati alla condizione terrena per liberare il potere creativo delle nostre anime, che sono il motore
    della vita sulla Terra.

    Le parole degli Angeli sono unite alle mie senza soluzione di continuità perché così sono nate, insieme. Non le ho distinte per creare comunione tra l’identità di noi umani e quella degli Angeli. Di conseguenza, la prima persona
    plurale, il Noi, viene utilizzato sia dalle Entità che rappresentano il genere umano sia dalle Entità di Luce.

    Questo libro ci aiuta a prendere coscienza che noi non siamo corpi e a sapere che siamo anime luminose incarnate, ci permette di comprendere che i nostri errori, le nostre paure e le nostre incapacità, meschinità e piccolezze non sono colpe, ma esperienze che ci permettono di conoscere il bene e il male e di fare una libera scelta.

    Possiamo imparare così che le difficoltà della vita non sono punizioni divine, ma accadimenti che permettono l’apprendimento della nostra anima e la fanno crescere ed evolvere.

    Di incarnazione in incarnazione, l’anima si contamina con l’esperienza e fa conoscenza del bene e del male. Quando poi vuole tornare alla sua natura originaria, sempre disponibile per lei, deve purificarsi: a questo punto possiamo scegliere di trasformare il buio in Luce e decidere che il male che viviamo diventi un’occasione di purificazione anziché di contaminazione.

    Noi non siamo il nostro corpo, noi siamo la nostra anima di Luce e il corpo è solo un veicolo di manifestazione dell’anima e della Luce.

    Come un veicolo, come un’automobile, lo prendiamo per compiere un certo viaggio nel mondo terreno e poi lo lasciamo per viaggiare in altre dimensioni.

    La vera vita non è solo la vita terrena, la vita è tutto ciò che c’è. La vita è ed è eterna. Sulla Terra assume la forma dell’energia fisica: la nostra vita dà vita al nostro corpo fisico finché ci serve, poi la ritira dal corpo e noi continuiamo
    a vivere in altre dimensioni.

    La vita è sempre con noi perché noi siamo la vita e viviamo nella vita. La vita è il vero dono di Dio per noi. Egli ne è la fonte e noi ne siamo parte. Noi siamo parte del flusso della vita che emana da Dio.

    Questo è il messaggio mio e degli angeli, che vuole portare Amore e Verità, che vuole portare Luce, Guarigione e Serenità sulla Terra e nelle nostre vite.

    NOI ESSERI UMANI CHI SIAMO?

    Luce, Amore, Gioia e Vita sono le nostre radici, la nostra origine. Rappresentano chi siamo. Noi siamo l’Umanità sulla Terra. Noi siamo Luce nell’Universo. Noi siamo Luce: questo è il principio, questa è la fine in una dimensione che non ha né principio né fine. Poiché sempre È. Ecco ciò che siamo.

    Questo libro è un ritorno alla Luce per aprire la nostra coscienza alla realtà che ci appartiene e creare il mondo adeguato alla realtà di ciò che siamo e di ciò che sappiamo e possiamo creare.

    Se prendete in mano questo libro, preparatevi a cambiare e a migliorare la vostra esistenza e il vostro mondo.

    Ognuno è chiamato, poiché ciascuno ha il suo posto nel cambiamento. Se siete pronti a essere ciò che veramente siete, continuate a leggere.

    Buona Lettura

    CHI È CON NOI?
    Noi siamo con Voi nell’Amore, poiché Amore è ciò che Voi siete e Noi condividiamo con Voi questa realtà.

    Questo libro è un viaggio per portarvi alla Vostra essenza e incontrarvi lì con Noi. Noi siamo la vostra famiglia nella Luce. Con noi avete condiviso le origini e in noi come in voi esiste un forte desiderio di ricongiungerci nell’Amore di un tempo, nell’Amore di sempre.

    Chi siamo noi? Una famiglia di Angeli, di Guide e Maestri, di Esseri di Luce che nella vostra vera realtà condivide con voi l’Amore di Dio e un ruolo nella creazione.

    Chi siete voi? Siete Angeli scesi sulla Terra per sperimentare la caduta e scegliere di tornare. Questo vostro compito crea Luce: Voi siete Maestri di Luce in Terra. Questo è il vostro compito: scendere sulla Terra per perdere Luce e riuscire nel buio a scegliere la Luce, a ricordare chi siete e a tornare, trasformando il buio in Luce come insegnano i cabalisti, come sperimentavano gli alchimisti tentando di trasformare il vile metallo in oro.

    Ecco perché il cambiamento e la trasformazione sono il vostro compito. Abbiatelo a cuore, onoratelo come lo onoriamo noi.

    Benedite ogni difficoltà che incontrate: è il segno di una meta che si avvicina, che siete nel vostro massimo potenziale, che siete sulle soglie del vostro ritorno, che potete iniziare a fare il vostro vero lavoro. Trasformare il buio in Luce, la difficoltà in una opportunità meravigliosa di cambiamento e di ritorno alla Luce.

    Non siete soli in questo compito. Noi siamo qui per assistervi proprio in questo, per offrirvi il nostro più alto servizio. Poiché così è stato concordato quando eravamo insieme nell’unità della Luce.

    Se siete pronti a prendere il vostro posto e trasformare il vostro buio personale in Luce, continuate a leggere.

    Noi vi aspettiamo tra le righe di questo libro per incontrarci con Voi nel compito che condividiamo insieme e che abbiamo insieme sottoscritto nella dimensione della Luce.

    VOI SIETE LUCE E LA LUCE È CONFORTO PER L’ANIMA
    Vi siete accorti di quanto soffrite? Vi siete accorti di quanto difficile può sembrare la vita sulla Terra? Se non per voi per le persone che soffrono nel mondo intorno a voi? Avete mai provato un senso di sconforto e di delusione perché le cose non sembrano andare come dovrebbero? Vi siete mai sentiti persi e abbandonati? Stanchi di dover contare solo sulle vostre forze e di dover lottare? Avete mai chiesto miglioramenti e guarigioni che non sono arrivati? Avete mai sperimentato di avere tutto e all’improvviso di perdere tutto? Oppure di avere tutto e vivere senza gioia come se non aveste niente, senza riuscire ad apprezzare la vita, la vostra vita?

    Avete mai sentito di non sentirvi in pace e a posto con voi stessi? Tutto questo è naturale, tutto questo è normale. È parte della vostra missione. È la prima tappa del vostro ritorno, del nostro ritorno, poiché noi siamo insieme in questo percorso, siamo uniti in questo unico scopo. Voi non siete soli. Noi siamo insieme a voi.

    Voi siete visti e conosciuti. I nostri occhi puri vi seguono con amore e rispetto della vostra libertà di scegliere. Tutto ciò che voi avete sofferto noi lo conosciamo, lo vediamo e lo comprendiamo meglio di voi, poiché non lo giudichiamo, ma ne abbiamo rispetto. Portate rispetto al vostro disagio, al vostro dolore, alla vostra depressione. Portate Amore come facciamo noi per voi.

    Da questa parte del velo che ci separa da voi, noi vediamo e condividiamo tutto ciò che vi riguarda sulla Terra e sappiamo che è parte del programma di perdere Luce per ritrovarla dentro di Voi, in quel luogo di Amore nella vostra coscienza in cui potete incontrare Noi, in cui possiamo incontrarci di nuovo.

    Noi possiamo incontrarci: Ecco ora chiudete gli occhi e andate lì in quel luogo di Amore nel profondo della vostra coscienza. Un luogo puro e incontaminato, che conoscete da sempre. Chiedete di raggiungerlo, prendete un tempo e rimanete in ascolto: Noi siamo ora lì con Voi e se ce lo chiedete vi aiuteremo a raggiungerci. Chiedetelo ora: “Cari Angeli, fratelli di Luce, aiutatemi a raggiungervi ora, sciogliete in me tutto ciò che mi impedisce di sentirmi amato/a e aiutato/a da Voi e permettetemi di sentirmi in pace con me stesso/a e con gli altri ora. Vi ringrazio con Amore”.

    Con Amore vi stiamo aspettando, con Amore vi accogliamo ora. Venite a Noi nella Luce. Grazie

    AMICI
    Amicizia è il sentimento che ci lega a voi. Noi siamo qui per creare confidenza, per creare fiducia e amore. Per darvi l’opportunità di aprire a noi il vostro cuore senza incontrare giudizio. Siamo pronti ad ascoltare tutte le vostre difficoltà, tutte le vostre sofferenze con amore e rispetto del vostro percorso di conoscenza del dolore, della sofferenza e della dimensione duale del bene e del male.

    Aprite a noi i vostri cuori. Pensate a noi come ad amici sinceri che sono qui per aiutarvi, per permettervi di portare a termine la missione e trasformare il buio in Luce. Cosa significa questo? Imparate a onorare il vostro momento di sofferenza nel qui e ora, nel momento stesso in cui accade. E in quel preciso momento ricordatevi che non siete soli, che noi siamo con voi per sostenervi.
    􀀕􀀓
    Portate a noi le vostre pene e consegnatecele con l’intenzione di lasciarle andare via e di non rimanervi attaccati. Voi non siete ciò che provate. Non siete il dolore che provate. Consegnatelo a noi e così smetterete di vederlo come parte di voi e della vostra debolezza.

    Il nostro compito è di sussurrarvi all’orecchio parole di conforto e dolcezza e rendervi consapevoli che voi non siete ciò che provate. Voi siete Maestri di Luce, scesi sulla Terra per perdere Luce e ritrovarla, trasformando il male in bene, il buio in Luce.

    Per trasformare il buio occorre incontrarlo e questo è il senso e il significato di tutte le esperienze negative che fate sulla Terra. Incontrare il buio per conoscerlo e poterlo trasformare. E come si trasforma? Grazie al contatto con i mondi di Luce.

    Non sono mondi esterni a voi. Noi abitiamo nella vostra interiorità. Venite a noi dal profondo del vostro cuore dolente, sapendo che siete Luce. Questo basta. Noi ve ne daremo la dimensione, noi ve ne daremo l’esperienza.

    Noi trasformeremo il buio in Luce e vi restituiremo così la misura gioiosa della vostra autentica identità. Luce.

    Venite a noi come se andaste incontro al più amorevole, al più premuroso, al più comprensivo degli amici. Poiché noi vi rassicureremo, vi diremo che non avete sbagliato, che non vi è nulla di male nei vostri errori. Che non è vero che non siete capaci, anche se è ciò che sentite.

    Vi diremo che dentro di voi c’è una Luce, per voi ancora piccola forse, ma della quale noi conosciamo benissimo il potere e la lucentezza. Vi inviteremo ad accenderla questa Luce e pian piano rischiarerà le vostre vite, portandovi
    alla dolcezza della fiducia.

    Se desiderate smettere di sentirvi puniti, colpevoli, sbagliati. Se desiderate aprire le porte e le strade per un futuro più sereno, continuate a leggere. Noi siamo con Voi.

    COMPLIMENTI
    Se state continuando a leggere avete aperto la prima porta. Il primo passaggio è stato superato.

    Benvenuti nel primo livello del nostro mondo. Il livello di chi ha scelto di ascoltare il cuore e non la ragione o le convenzioni. Questo passaggio non è per tutti in questo periodo di incarnazione. Lo sarà più avanti. Ma è per molti. Gran parte del significato della crisi che state vivendo è far crollare l’esibizione di muscoli del rampantismo e dell’efficientismo a tutti i costi e aprire le porte al cuore.

    Quell’energia di mostrarsi forti e vincenti nascondeva il timore profondo e non confessato di non essere all’altezza, di non essere capaci. Era come se un’intera società affermasse “siamo forti e siamo potenti” senza aver riconosciuto il compito e la missione di conoscere il buio per trasformarlo, ma semplicemente negandone l’esistenza.

    Il male da riconoscere è il male in noi, nella nostra esperienza. Non fuori di noi. E il male si riassume in un unico messaggio: ho sofferto, sono stanco, non ce la faccio più, mi dispiace, mi sento solo. Mi sembra di non valere nulla e mi devo motivare, muovere e sforzare di mostrarmi importante. Allora, mi metto i tacchi per sentirmi all’altezza, vesto Prada per sentirmi giusto e importante.

    Tratto male gli altri per mostrare che sono forte. Dico agli altri cosa devono fare, così mi rispettano e appaio una persona sicura e decisa. Mi arrabbio così mostro di avere personalità e carattere.

    Questa è la società, come l’avete conosciuta finora. Questo è ciò che lasciate alle spalle, chiudendo la vecchia porta e aprendo la nuova.

    Ora noi stiamo cercando l’essere umano, che si apre alla sua natura divina, ricorda di avere un programma esistenziale e un compito scelto e condiviso prima della nascita e sceglie di prendere il suo posto nel mondo.

    Molti di voi erano già sintonizzati sulla dimensione più umana dell’esistenza, sulla dimensione interiore. È tempo che dentro di voi troviate il divino, la Luce interiore dell’anima elevata.

    BENVENUTI
    È bello tornare a casa! Ora siete qui. Avete varcato la soglia e il significato della vostra esistenza si manifesta giorno dopo giorno nella verità delle vostre emozioni e nelle soluzioni delle vostre intuizioni divine.

    Siete Luce e siete approdati nei sentieri luminosi del ritorno a casa.

    Le strade che percorrete sono benedette e amate dai mondi di Luce e gli Angeli vi hanno accompagnato fino a qui.

    Ora la loro presenza diventerà sempre più luminosa e più evidente e voi comincerete a sapere e a conoscere come si evolve nelle sfere del divino intento.

    Siamo qui per accogliervi e per darvi il benvenuto nei mondi di Luce che abitiamo e che sono la vostra casa. La dimora delle vostre anime e del vostro spirito apre le porte al vostro ritorno e c’è gioia in ciascuno di noi, poiché potete tornare. Vedendovi leggere, sappiamo che siete aperti a farlo. Sì, noi vi vediamo, siamo sempre con voi nella Luce dell’Amore.

    A voi che siete qui a leggere noi siamo dedicati e vi ringraziamo per la vostra presenza. Il nostro compito è parlarvi, aiutarvi e sostenervi.

    Il vostro compito è tornare, venire a noi e far sbocciare nel vostro cuore la fiducia. Non vi è nulla sul piano della vita in cui noi non possiamo aiutarvi e vi chiediamo di venire a noi con il cuore aperto per chiedere e ottenere.

    Sentite nel vostro cuore ciò che desiderate e volete e venite a noi con la parola chiedo. Abbandonate le pretese e il voglio, ma imparate a usare la parola chiedo con coscienza e amore, sentite la sua energia: l’energia che crea in voi e l’energia che suscita in noi.

    Nella parola chiedo è contenuto il legame che ci unisce e ci permette di collaborare per la realizzazione del bene comune che insieme conosciamo.

    Liberarvi dalla fatica della vita, dalla solitudine e dalla sensazione di valere poca cosa sono solo alcuni dei nostri compiti per voi.

    Tutto possiamo fare per portarvi a servire liberi il vostro compito, per liberare la vostra energia e consentirvi di compiere il vostro programma esistenziale e prendere il vostro posto.

    Benvenuti. Poiché qui nella prima stanza dei mondi di Luce siete accolti dal vostro luogo. Qui potete iniziare a comprendere qual è il vostro posto e prenderlo. Ognuno di voi ha un posto. Noi vi garantiamo che siete qui per prenderlo e occuparlo.

    NON TEMETE
    Non temete. È la prima lezione. Forse l’unica per il momento. Noi siamo con voi, vi amiamo e vi apprezziamo.

    Tu che stai leggendo. Sì proprio tu: puoi riconoscerti in noi e in colui che noi aiutiamo e sosteniamo. Tu sei per noi fonte di gioia e ammirazione. Siamo fieri del tuo percorso e amiamo la tua strada, la tua via, il cammino che hai compiuto finora.

    Anche se questa strada percorsa e camminata non è quella più luminosa possibile, anche se è stata tante volte oscura e oscurata, noi la amiamo e la onoriamo poiché è una strada, una delle strade che hai costruito. Ti è stata data questa libertà di costruire ciò che potevi, ciò che eri capace, ciò che riuscivi a fare. E noi ti siamo grati di avere scelto di incarnarti, di sacrificare la tua esistenza di Luce per perdere la gioia della tua condizione naturale ed entrare nell’inferno terreno del bene e del male.

    Tutti noi sappiamo quanto è dura la condizione fisica, umana e terrena e ammiriamo quelli che come te hanno avuto il coraggio di attraversarla.

    La tua storia è importante ed è scritta nel Libro delle Storie. Dio ti è grato di averla creata. Diciamo che lo scopo era scrivere una storia. E tu lo hai egregiamente raggiunto. Hai scritto la tua storia nel Libro della Vita. È stata una storia di perdita di Luce ed era ciò che ci aspettavamo da te.

    Le vere storie – si sa – si nutrono di difficoltà e di nodi da sciogliere. Finora il tuo patto è stato rispettato. Congratulazioni. Ora anche tu puoi congratularti con te stesso per il tuo cammino.

    Ti è sembrato difficile, inutile, senza senso? Non ti ha portato al successo che speravi? Ti sei sentito sprecato? Sapevi di poter fare molto di più e ce l’hai con te per non esserci riuscito? Bravo. Congratulazioni! Tutto questo era parte del gioco.

    Tu. Sì proprio tu che non hai saputo integrarti completamente, che non sei riuscito a essere omologato alla logica aziendale o delle consorterie e spartizioni politiche. Tu che sei partito con il vento in poppa e ti sei ritrovato nelle secche della crisi e non sai più come uscirne e ritrovare la vecchia fiducia e l’ottimismo.

    Sì, proprio tu sei un figlio di Dio e hai scelto di ricordarlo in questa vita. Proprio quelli come te che hanno scelto di sperimentare il fallimento, la difficoltà e la fatica sono coloro che nel loro programma esistenziale hanno scelto di ricordare, hanno scelto di ritornare. E tu sei fra loro. Se non fosse così, non saresti qui a leggere questo libro. Tutte le tue fatiche, le tue difficoltà, tutte le limitazioni che sono state imposte alla tua vita le hai scelte tu prima di incarnarti per darti la motivazione, lo slancio, la molla a tornare.

    Allora, prima dell’incarnazione, sapevi perfettamente che se tutto fosse andato per il verso giusto, non ti saresti posto nessuna domanda, non avresti cercato risposte. E così hai programmato le difficoltà.

    Cosa significa in definitiva programmare le difficoltà? Significa perdere Luce per ritrovarla.

    Perdere Luce, contattare il buio e trasformarlo in Luce per tornare a casa in modo creativo.

    Trasformare il buio in Luce è una delle funzioni che in questa dimensione terrena ci rimette al nostro posto nella creazione. Solo così torniamo a essere quelle creature, create a immagine e somiglianza di Chi ci ha creato.

    Creare è il nostro compito. Trasformare è la prima tappa. E noi ora stiamo percorrendo questa parte del percorso insieme. Questo è il significato della nostra crescita personale e spirituale.

    Un viaggio di amore per tornare all’Amore.

    Buona navigazione a tutti

    CONCLUSIONE
    “Io sono Luce” è il pensiero che la mia coscienza mi ha trasmesso il giorno della mia nascita. Ne ho sempre avuto un ricordo onirico ma chiaro ed evidente. Inseguendo questo pensiero ho costruito la mia vita tra scetticismo e fiducia in esso, finché ho scelto di credere e ho iniziato a canalizzare pensieri luminosi e ricchi come la creazione, che ho sempre definito “Un pensiero ricco”. I messaggi contenuti in questo mio primo libro sono parte di questa esperienza di contatto con i mondi di Luce, un contatto che sta coinvolgendo attualmente sempre più persone in giro per il mondo. Per questo mi sento di dirvi: “Noi siamo Luce e… Siamo tutti Angeli”

    Esiste la possibilità di un contatto diretto tra noi e i nostri fratelli Angeli non incarnati, che può aiutarci a vivere la vita in modo molto più vero e soddisfacente, liberi dalla paura che tutto rovina e complica.

    Caro Lettore, ricevo sempre grande sollievo ogni volta che meditando mi arrivano questi messaggi che provengono da una regione così profonda di me che abitualmente non conosco, e provo gli stessi sentimenti ogni volta che li rileggo. Per me sono un dono che mi porta pace e amore. Regalare e divulgare questo libro significa offrire un dono che mi è stato offerto dagli angeli e dalle Entità di Luce che io amo chiamare nella mia vita e che amo contattare.

    La mia scelta di vita è vivere nella Luce e per poterlo fare ho compreso con l’esperienza che a ogni passo, a ogni circostanza occorre chiamare e invitare le forze di Luce a operare nella nostra vita, ad agire con noi e attraverso di noi.

    Chiamando le Entità luminose e collaborando con loro sono riuscita a portare Luce nella mia vita e a sciogliere molti nodi e difficoltà che mi hanno bloccata e fatta vivere in un inferno che non sopportavo più.

    Ho aiutato anche tantissime persone in seduta individuale e nei miei corsi a portare Luce nella loro vita e ora vorrei estendere questa Luce a una cerchia più ampia di persone, a quelle che desiderano liberarsi dalle loro sofferenze
    e negatività interiori per ritornare alla Luce del proprio Sé.

    Al Buon Dio Creatore che ha donato tutto nella magnificenza Ai miei fratelli di Luce e Ai miei amici Angeli vanno tutta la mia gratitudine e il mio amore Grazie

    SULL’AUTRICE
    Marina Diwan. Ricercatrice Spirituale, ha aiutato centinaia di persone a contattare la propria Luce interiore per risolvere problemi e difficoltà della vita. Ha fondato lo Studio di Salute Olistica Respiro & Energia per il Benessere e l’Autostima, che ha sede a Milano. Iscritta alla SICOOL, Società Italiana Counselor e Operatori Olistici, è Counselor, Insegnante di Rebirthing, Meditazione, Programmazione Neuro Linguistica e Visualizzazione Creativa, Master Teacher di Reiki e Giornalista professionista.
    marina.diwan@fastwebnet.it
    http://www.siamotuttiangeli.net
    http://www.respiroedenergia.it

  19. Per tutti coloro che credono ancora nei propri sogni…..e per me che ho smepre sognato nella speranza di non smettere di sognare!

    Non respingere i sogni perché sono sogni.
    Tutti i sogni possono
    essere realtà, se il sogno non finisce.
    La realtà è un sogno. Se sogniamo
    che la pietra è pietra, questo è la pietra.
    Ciò che scorre nei fiumi non è acqua,
    è un sognare, l’acqua, cristallina.
    La realtà traveste
    il sogno, e dice:
    “Io sono il sole, i cieli, l’amore”.
    Ma mai si dilegua, mai passa,
    se fingiamo di credere che è più che un sogno.
    E viviamo sognandola.
    Sognare è il mezzo che l’anima ha
    perché non le fugga mai
    ciò che fuggirebbe se smettessimo
    di sognare che è realtà ciò che non esiste.
    Muore solo
    un amore che ha smesso di essere sognato
    fatto materia e che si cerca sulla terra.

    Pedro Salinas

  20. Della serie :”Tu ti perdi e sono io che non mi trovo…” (Trad. ad ricchiam dal detto popolare: “Tu te pirdi e iu no’ m’acchiu”)
    Dedico a tutti Gibran:

    “Ora giochiamo a nascondino”
    Tu sei cieco
    e io sono sordo
    e muto:
    se la tua mano tocca la mia
    ci capiremo.
    Adesso giochiamo a nascondino.
    Se ti nascondi nel mio cuore
    non sarà difficile trovarti.
    Ma se ti nascondi
    dentro il tuo guscio,
    sarà del tutto inutile
    che chiunque
    tenti di cercarti.

    Ogni riferimento al guscio è puramente casuale, come tutto il resto…, ma colgo l’occasione per precisare soltanto che bisognerebbe lasciare le armi e i colleghi sul luogo di lavoro o di svago e non portarli in questa casa. Se tutti ci atteniamo a questa piccola regola, eviteremmo in futuro che qualcuno rimanga sprovvisto di armi e invisibili alleati… durante un “fraterno” litigio.
    Un bacio a tutti

  21. Cara Map, grazie a te per essere tra noi. Baci

  22. Ben ritornata Map… 😀

  23. Che sia davvero un buongiorno, mio caro prof!

  24. Scoglio ca non fai patelle………
    quann è che sgugli??

    Je te vurria vasà n’coppa e’ ccorna
    cca tieni bella lumachella

    N’dorata e’ fritta te facessi
    n’copp ma bella tiella acciucciuliata

    sposa riottosa e infingarda
    sposa questa bella salsulella

    di puparioli , levati sto guscio
    e levati la cammisella ……………..

    fatte verè quanto ssì bella!!!!

  25. Confesso la mia colpa amo Valeria alla follia e questa cosa mi dannerà per sempre…
    Valeria…
    Amami…almeno un pò…
    ti dedico ancora una volta…
    la nostra canzone….
    Ti amo!

  26. Lo è, lo è. Baci

  27. Un Amico

    Cos’è per te un amico,
    Perché tu debba cercarlo
    Per ammazzare il tempo?
    Cercalo sempre per vivere il tempo.
    Deve colmare infatti le tue necessità,
    non il tuo vuoto.
    E nella dolcezza dell’amicizia
    Ci siano risa
    E condivisione di momenti gioiosi.
    Poiché nella rugiada
    delle piccole cose
    Il cuore trova il suo mattino
    E si rinfresca

    Kalhil Gibran

  28. Felicissima di rileggere i tuoi commenti, map, ti dedico questa poesia

    Un Amico

    Cos’è per te un amico,
    Perché tu debba cercarlo
    Per ammazzare il tempo?
    Cercalo sempre per vivere il tempo.
    Deve colmare infatti le tue necessità,
    non il tuo vuoto.
    E nella dolcezza dell’amicizia
    Ci siano risate
    E condivisione di momenti gioiosi.
    Poiché nella rugiada
    delle piccole cose
    Il cuore trova il suo mattino
    E si rinfresca

    Kalhil Gibran

  29. Caro Giuseppe, più volte ho apprezzato i tuoi contributi (riflessioni, video, film suggeriti) ma adesso leggendo il tuo commento su questo post volevo proprio dirti che il tuo sentimento sull’amicizia é altissimo, una perla rara…
    complimenti!

  30. Per tutti Noi…..

  31. Cara Anna io vivo cosi, ho sempre vissuto cosi, ciò non significa che non soffra quando noto menefreghismo, ma Amore è diciamo per Capirci, sottolineando che non lo spiego a te, che non ne hia bisogno :-), ma giusto per.; dicevo Amore altruismo è una forma di Conoscenza Alta, forse la più Alta!! Io non scelgo a chi darlo, spesso sono gli altri che scelgono, cioè, io aiuterei chiunque, difronte al dolore ogni antipatia scompare almeno per me! Ma so anche che non vale per tutti, lo accetto, cado anche io nella stupidità della simpatia o antipatia, ma ripeto ove vi fosse bisogno darei il mio contributo a l’uno cioè alla amico, cosi diciamo alla persona di solito antipatica, la difficoltà consiste che con il primo caso l’approccio è semplice nel secondo è più complicato, ma io mi avvicino uguale, poi accetto la sua reazione! Ma t’assicuro che difronte il dolore, tutte le antipatie del mondo scompaiono, le antipatie nell’uomo quasi “sano” sono dei lussi per i momenti tranquilli della vita!!! Un abbraccio cara Anna!!! PS… so anche Incacchiarmi eeeheeeheeeh, anche di Brutto 😉 !!!

  32. Credo in te, amico.
    Credo nel tuo sorriso,
    finestra aperta nel tuo essere.
    Credo nel tuo sguardo,
    specchio della tua onestà.
    Credo nella tua mano,
    sempre tesa per dare.
    Credo nel tuo abbraccio,
    accoglienza sincera del tuo cuore.
    Credo nella tua parola,
    espressione di quel che ami e speri.
    Credo in te, amico,
    così, semplicemente,
    nell’eloquenza del silenzio.

    Elena Oshiro

  33. …lascio che tu ”mi com prenda”.
    Quando sento che mi comprendi
    nel modo in cui io comprendo la mia totale bellezza,
    diventi un amico..
    ….altrimenti rimani un semplice conoscente.

    E tu 🙂 ?
    già, perchè l’amicizia è il sentimento reciproco per eccellenza…
    non è come l’amore, che può esserci in più o in meno da l’uno all’altro
    l’amicizia è l’unico sentimento che si dona e si riceve contemporaneamente disinteressatamente ed istantaneamente….

  34. Che tristessa, Map, mi langue il Quore ad ascoltarti-ci-si…
    Taci, taci per l’arma… di tutti i deceduti sotto le saiette di Eros, per l’arma mia e pure kella toia… ehm…
    Taaaaciiii, donna “post”-agricola che rinnegò la zappa per la tastiera: vorresti uora uora rinnegare che il nostro fu amore? Amore fu, eccome…
    Il ricorso all’infermità mentale non potrà annullare ciò, nè uora, nè maje: dillo, dillo, dillo a quell’avvocato-del-mio-pollaio che folle sarà lui…
    Ah, anche questo disonore mi toccò, oltre alla tua memoria che ha più buchi del gruviera… Non avrai mica sbagliato Valeria, vero? Sono un po’ meno spocchiosa… di quella sul video, ma mi tengo la bellissima e con-turbante poesia sullo striptis della lumachella… La nostra canzona, invero, è questa:

  35. Si Si però i soldi non te li dò.

    Ho nascosto tutte le ricevute

    Per lo Stato sono inesistente

    Domicilio, cassetta postale in Nicaragua

    Le bimbe ? E che sono mie? DNA?

    Ma che è? Il Mitocondrio è tuo, l’utero è tuo le hai fatte tu mica io.
    Io non c’ero e se c’ero pensavo ad un altra…..

    Sono stronzo? Si però non sono pazzo.

    Tutt’alpiù guarda ti lascio mia ..madre ..fa dei fritti spettacolari….

  36. Ti saluta tua madre, era già arrivata!
    Ci mancherebbe che le bimbe non siano mie e sue.
    Ma sto parlando con un… seme? Tua madre sghignazza… Questo mi preoccupa, quindi razionalizzo all’istante: farò da padre e da madre, saranno figlie del mondo. Quanto al “doppio”… Trasmetterò in loro la figura del padre: quel “cielo interiore” le proteggerà! La nonna insegnerà a tutte noi a friggere. Per me ha tutto un programma alternativo che saboterà il mio, mha…
    Sai che i soldi te li puoi mettere al solito posto…: quindi non tardare ad obliarti.

  37. Già già, la vecchia storia della volpe e dell’uva.

  38. Allora corro dal proctologo mi faccio impiantare la credit card REVOLTING. Lì.

    Quando mi chiederanno il PIN…saranno …beh’ ….mi dovranno passare il POS tra le chiap.

    Come farò quando dovrò…avere il momento zeta??

    Scrivo un check??

  39. Fonti vicine alle tue, assicurano meravigliosi momenti zeta con il metaPOS.

  40. WOW

    MetaPOS

    Ai confini della LIBIDO….

  41. I dettagli anatomici delle transazioni del POS.

    Che te possino!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...