Fascino

(Jean-Baptiste Camille Corot, Donna con una perla, 1868)

“Il volto di una donna bellissima può avere dei difetti che non fanno che rendere più profondo il suo fascino”.

Henry James

 

33 Risposte

  1. Per me, questa donna, come appare, è giovane, ma vecchia d’ entro. Le mani sono bellissime, però, non possiede , il fascino della donna appetitosa e sensuale.

    Non sa indossare perchè è in sovrappeso

    Sarà brava a stirare camicie, cucinare piatti di pasta e fagioli, le piace mangiare, ma è un’ ammoscia…. , queste sono donne che non piacciano a Silvio… .

  2. Ma cos’è un difetto estetico se non un gioco di contrasto che esprime un movimento di Anima?

  3. perchè….silvio non ama …..
    aldi là di
    questa o altro tipo o
    arte o vestito….

    …al limite ama le canzoni apicelline

  4. meglio la pasta e fagioli o i fagioli all’uccelletto viagros
    meglio avere il televisore al plasma o la figlia a casa a fare i compiti
    meglio sgraziate o a g grazioli ate
    meglio na bella donna che te le suona di santa ragione
    o meglio che ti facciano fesso a denaro
    meglio escort o meglio accorte
    meglio sveglie o meglio in veglia di una salma incartapecorita…in attesa di risuscitare???A meno che una non si occupi di mummificazione è meglio che la ficazione sia dedotta dall’IVA così saremo tutti un pò più ricchi visto che il bene pricipale della nostra florida nazione è la patonza international S.p.A.
    lavorate, escortatevi in fattura.

  5. Gli ochi dell’Amore non vedono quei difetti, semmai ve ne fossero…
    e seppure ve ne fossero per gli occhi di Amore questi cd. difetti non saranno mai difetti.
    Eros ama tutto nell’altro/a….ecco perchè “l’amore è cieco”, come ci ricorda sempre il nostro Prof.!

    E’ molto bello il tuo commento Claudiopsy…..lo condivido in pieno!

  6. Caro Innominato,
    a me invece questa donna piace….non la trovo per nulla una casalinga un pò depressa e priva di snesulaità!! anzi…quel viso, a mio giudizio, emana una fascino straordinario tutto suo.
    Ti abbraccio

  7. Gli uomini come Silvio, cara Tea, non hanno nel vocabolario del loro cuore e della loro pische contemplata la parola amore…ma solo sesso!
    che amarezza!

  8. …certo l’immagine di questa donna è l’opposto della Gioconda…. nasce e sembra distinguersi solo dalle mura di casa …. libera solo dentro se stessa……

  9. TEA ……..veramente………letale questo video.
    Mi ha colpito moltissimo, fa venire la voglia di suicidarsi, non lo dico per battuta, lo penso per davvero.
    .Non so, veramente non so quanto possa ferire l’incomunicabilità.
    Fatto benissimo, non sapevo di questo Dino Buzzati..si può essere più soli di così???
    Mi pare così attuale, così terribilmente vero.Ma che fine avranno fatto i sogni????Le nuvole? lei che preferisce guardare le vetrine così stufa di lui..così dannatamente vuota..ma se le persone si fanno del male così che senso ha innamorarsi..del tutto inutilmente..che senso ha non essere capaci di dire “che bello”…che senso ha..questo letale non senso..questa finzione di cuori robot dentro a città robot mondo robot resta un fiore secco in una pagina di un libro a ricordarci di quando lo cogliemmo un giorno in cui avevamo visto specchiarsi nel nostro cuore un’altro cuore..e avevamo capito male..o forse era solo un nostro riflesso, dentro ad un fiore che con noi non c’entrava proprio nulla, ora secco, a ricordarci la sua inutilità, un testimone scomodo di sentimenti accartocciati come fogli accartocciati di sonno e di sogni che al primo vento decidono di fare l’unica cosa che li farà volare.. affidarsi al vento incostante e giocoso, crudele come l’inverno del cuore.

  10. il fascino non risiede nell’estetica ma nella potenza interiore che si concretizza sottoforma di gesti di grazia… ci si nasce: o lo si ha oppure no….

  11. che bello ciò che hai scritto…. l’incomunicabilità non si sopporta più, oggi… ma , per me, in questo racconto c’è un’unione, quella del silenzio, che non esiste nè viene riconosciuta come parte integrante della comunicazione: si vuole credere forse che le parole possano esternare tutto, in quest’epoca di iperlinguaggio. mentre invece non ci si cura dello stato d’animo, invece che delle parole. lo stato d’animo è secondo me l’unico istante condiviso….. e per ascoltarlo, si deve desiderarlo, di poterlo capire….solo questo è il mezzo per comunicare. l’umiltà di non credere solo a ciò che si desidera ascoltare, non fermarsi lì a chiedere di riconoscersi nell’altro.
    ma avere la pazienza degli eterni innamorati è facile.
    fermarsi un attimo. per sognare..
    immaginare che l’altro non sia lontano nel tempo e nello spazio anche quando gli sei vicino, questo è già complicatissimo. l’istante .

    e se oggi noi umanità iperrazionale siamo costretti a vivere inconsciamente schiavi di ciò che non ricordiamo di essere…..
    almeno amiamo come fanno i bambini: consapevoli della propria dolce vulnerabilità e forti del gioco che si sta svolgendo

  12. ..certo lui non può soffermare il suo respiro sulla bellezza di lei, che non la riconosce in sè e la vede fuori da sè. in questo racconto c’è l’esplicita compassione di un uomo solo ed isolato ma solido e robusto scrittore..

  13. …perchè a volte chiudiamo fuori gli altri dalla bellezza della nostra realtà limitandoci a ‘sognare’ noi stessi e basta. proprio come sogni viventi, come addormentati, convinti che la realtà non sia bella e non sia un sogno…

  14. Cara Beatrice condivido la ‘voglia’ dell’uomo che vuole solo fare sesso con una donna!. Mi domando però se, nonostante l’uomo esprima poco l’essere Anima nella relazione con una donna, questo comportamento non appartenga al clima del nostro tempo, nel quale la sessualità è mediaticamente e culturalmente mercificata e pubbicizzata creando falsi miti e falsi costumi
    Grazie per la condivisione. 🙂
    Claudio

  15. x me potrebbe essere Estia e averne quindi il suo fascino discreto, lontano dai clamori , un fascino da scoprire.
    C’è una compostezza che rimanda ad un sapere della concretezza e non ad un sapere “oltre” che fuoriesce anche dal sorriso della gioconda .
    tutto è compiuto qui ed ora
    a risentirci patrizia

  16. Carissime Beatrice e Map, il commento che ho prodotto sulla bella e virtuosa madamina del quadro, è stato solo uno scherzo.

    Mia care ex virtuali amori (risatone), lo scherzo è figlio dello spirito, apre il varco all’ ottimismo ed una medicina omeopatica contro il male e la sofferenza esistenziale.

    Il sesso SENZA AMORE è una corrente luciferica domina e porta l’ uomo alla malattia e al dolore. Un giorno , il sesso dovrà ritornare una corrente metafisica.

    Il sesso non deve essere un’ esperienza animale, ma un’ esperienza che supera la dimensione della brama.

    Mie ex adorate Mappinuccia e Beuccia, ma vi siete dimenticate che sono l’ Innominato, il difensore dell’ amore ?

    I promessi sposi, oltre ad essere, dicono, un capolovaro della letteratura italiana, nessuno ha mai ha detto, ma lo dico io, che sono un personaggio del romanzo, risatina, che quasi tutto gira, fra virgolette, sul sesso.

    Attenzione, nei ” promessi sposi ” lo psicologo Alex Manzoni porta a conoscenza, con i suoi personaggi, la varie anime del mondo. La viltà, il coraggio, l’ amore, la cattiveria, la dissonestà, la corruzione, la prepotenza, l’onesta, la bontà ecc.ecc.

    Costruisce con le sue avventure, l’ immortalità dell’ opera, è vero,ma il vero nocciolo della questione è il sesso.

    SIGNORE E SIGNORI, SIAMO ADULTI, LASCIATEMELO DIRE, ALMENO UNA VOLTA, DON RODRIGO SI VOLEVA SCOPARE LUCIA.

    Beatricione, io che ti ho dedicato i versi più alti della mia storia spiritiuale, mi passi per un uomo che ragione col sesso in testa.

    Io sono stato il personaggio che mi sono commosso davanti a Lucia, l’ ho strappata dalla sporcizia di Don Rodrigo, perchè il suo progetto era di venderla ai baroni dell’ epoca e farla prostituire.

    Io sono stato l’ uomo magico e cosmico che ha fatto risorgere l’ amore e la vittoria del bene sul male.

    Adesso, vi lascio, più tardi con amore leggerò, mio fratello Rafffffffaele, ho dato uno sguardo, mi è piaciuto, però solo con lui posso scherzare. Baci, baci, baci

  17. e allora cara Tea (e caro Prof eventualmente)
    ti racconterò il seguente sogno.
    Un bambino con un’arco un pò casereccio, sembra un film di pasolini in bianco e nero, lui è magrolino sta con i piedi sui ciottoli di un fiume cerca di colpire qualcosa nel fiume ma è goffo, ma deciso, testardo, come i bambini quando si impegnano, ha il busto scoperto è abbronzato ma sembra quasi bluastro, poi mette l’arco arrangiato di traverso si gira ma io sono sempre stata lì, mi tende la mano piccolissima, io gli dò la mia, è morbida la sua, mi conduce dal bianco e nero pasoliniano ad un antro che sembra quello di certe case scavate nella terra argillosa pastosa e morbida e rossa del nord africa, adesso ho un velo sulla testa, non vedo ma mi lascio condurre lungo una strada o meglio uno stretto tracciato scavato lungo la montagnola, in declivio, è sempre tutto ocra rossa, sarebbe facile cadere ma non cado forse vedo comunque i miei piedi e il bambino mi conduce.Ho una piena fiducia e non mi preoccupo affatto, è un gioco, ma è anche qualcos’altro.
    Arrivati in fondo c’è un antro spazioso, al centro un pò verso destra rispetto alla discesa un albero, un albero che sogno spesso, (sempre in un antro/miniera),qui è più piccolo del solito di solito negli altri miei sogni arriva al soffitto bucato, ed è immenso, stavolta è illuminato come se fosse a festa con ori sagomati e trasparenze bianco madreperlaceo, luminoso irradia una luce festosa ma intensa, il bambino immerge le mani in un acqua che non vedo (anche questa la sogno spesso sempre nell’antro) è molto impegnato nel farlo , le bagna bene, poi con le piccole manine mi bagna entrambi gli occhi come a dirmi, ora vedi, ora vedi….scorgo infatti il suo viso corrucciato e serio, impegnatissimo..
    Il piccolo dio bambino……accolto in me forse deve ancora crescere…
    Poi qualcuno mi ha telefonato e mi sono svegliata, io penso che sia un pò dante e virgilio, un pò il dio eros,
    l’antro è accogliere il dio bambino che deve crescere, come l’albero, ma sono sulla buona strada, mi basta avere fiducia…il fiume è un sentiero, un gioco interrotto, una scusa…

  18. caro INNO ma smettiamola di mettere ciò che come spazzatura delle loro stanze da letto ci buttano adosso..mi pare di essere invece di cittadina italiana la cameriera ai piani di questi politici che invece di fare politica fanno i clienti di questo grande albergo.
    L’Albergo Italia ..albergo con la caratteristica che i suoi clienti non pagano, paghiamo noi invece e gli rifacciamo pure la stanza..in America ci sono UN QUINTO dei politici che abbiamo noi …e governano gli Stati Uniti !!!
    Però basta scrivere di politica. davvero. é stomachevole.anche se come diceva Thomas Mann nelle sue lettere degli anni trenta un popolo deve avere una coscienza politica, è l’assenza di coscienza politica che ha fatto sorgere il nazismo, quando la politica inizia a farti schifo, è un brutto segno, perchè tendi a fregartene, ed è peggio, forse proprio quello che vogliono, per avere mano libera sui fattacci loro.

  19. ….Lo sapevo, caro Innominato
    che la tua era una provocazione!!!!
    Ti conosco abbastanza bene per sapere che credi nell’amore, che sei un suo difensore e ricordo bene che quando ho avuto bisogno di conforto per qualche mio problema snetimentale tu mi hai sempre dato sostegno, consolazione e tanto tanto amore…insomma sei davvero un uomo straordinario!!
    come vedi non lo dimentico!!!
    simpatico l’ex virtuale amore….!!! ed è carino anche ironizzarci sopra!! io sto allo scherzo, tranquillo!!!
    …e poi è vero, sai parlare da’more come pochissimi uomini…
    e continaua a scherzare come fai….c’è tanto bisogno di allegria….
    mi piace quando mi chiami Beuccia!!!
    ti amndo un bacetto

  20. (correzione, nel sogno l’albero era a sinistra..)

  21. OK ITALIA ???

    (20 anni fa…..

    . 😕
    _

  22. Bea, Map e Tea, siccome, ho cancellato la mail su zanna. Vi mando quella nuova, prego aprite la porta : infinito.333@virgilio.it, anche se non ci sentiamo, è meglio averla, se qualcuno dovesse crepare, possiamo dare la notizia… ahahaha.

    Io ho settant’ anni, Map 101, Beuccia 102 e Tea 103 Il più giovane sono io. Con tutto ciò, mi sono innamorato di tre vecchie, che affare ho fatto.

    Il primo affetto, della mia vita virtuale, è stato Mappinona. Si dice che, il primo amore, non siscorda mai. Io preferirei scordarlo ahahahaha.

    Mappinuccia, è meglio scherzare !

    Map, lo scorso anno ho fatto un sogno su di te.

    Ti ricordi quando insistevo per incontrarti ? Bene ! Una notte, ho sognato che tu davi tante di quelle botte sia agli uomini che alle donne.

    Non facevi differenza. In quel momento è passata Valeria, appena l’ hai vista, hai preso una sedia e gliel’ hai data a dosso.

    Poi Valeriona nostra, ti ha dato un morsicone e ti ha mandato in ospedale, ahahaha. Dalla paura mi svegliai.

    Se io chiedessi ad un psicoanalista, di interpretare il sogno, mi direbbe che la violenza esercitata, su Valeria era mia, non tua.

    Questa è un’ interpretazione. Però a volte, in psicanalisi, si sono verificati dei casi,in cui il sogno coincideva con la realtà.

    Mi dici qualcosa, Mappinetta, in merito a questo sogno ?

    Nobilissime signore, mandatemi un saluto, cosi riconquisterò le vostre mail, perdute. Grazie !

    Questo video, di cui sotto, lo amo tantissimo, accettatelo come fosse un cannolo siciliano, ahahaha, fra l’ altro, al mio ex secondo amore virtuale, i cannoli piacciono. Vero Beuccia, mia ? .

    Mappinona, Beona e Teona, vi lascio, impegni mi attendono.

    Il dolore è la vera anima e il vero tema dell’ uomo …, solo se ci educhiamo, col pensiero, a vedere IRREALTA’ ogni contrasto, ogni prova, ogni difficoltà, ogni paura, ogni complesso vinceremo il mondo.

    La sofferenza cela la magia della vittoria. Però è difficile sopportarla… . Il segreto è educare e rafforzare il pensiero. Siamo sulla terra per questo. Bacioni.

  23. sai che diciamo io e Anna in questi casi? Che è meglio che scendi a Caserta……. 🙂

  24. FASCINO di Paolo Fracassi

    Tu donna calmi ogni sete
    e come acqua plachi l’arsura.

    Tu donna rassereni ogni cuore
    e come luce rischiari gli animi.

    Tu donna rincorri il vento
    e come brezza accarezzi il viso.

    Tu donna che sai fermare il tempo
    e di desiderio il fuoco avvampi.

    Tu donna che voli incontro al sole,
    tu sei il giorno che più non muore!

  25. Carissima, mi piace molto questa lirica che mi hai proposto. baci baci

  26. ESSERE SENZA DIFETTI,E’ UN GRANDE DIFETTO,SPECIALMENTE,CHI AFFERMA DI NON POSSEDERE
    DEI DIFETTI.
    ———————-

  27. IN QUESTO CAOS MALIGNO
    VANNO D’ACCORDO IL RAGNO,
    E IL LUPO.

    UN BAMBINO,NEL SUO
    SOFFICE SOGNO,UCCIDE
    IL DRAGO CON UNA LANCIA
    DI STELLE…E VINCE
    ————————-GINA TOTA 14-12-88

  28. IL VENTO,MI PORTA L’INFINITO

    A RAFFAEL AMATO POETA.

    IL VENTO MI PORTA
    LE CANZONI DEL MONDO
    ROSSE DI SANGUE,E DI NERO
    PECCATO.
    IL VENTO MI PORTA IL SOTTILE
    VIBRARE DI VECCHIE CHITARRE,
    E IL RICORDO PROFUMATO
    DI UNA ROSA APPASSITA.
    IL VENTO MI PORTA
    MANCIATE DI PAROLE CADUTE DAL CUORE
    DI UN VECCHIO POETA.
    IL VENTO MI PORTA L’INFINITO.
    —————–GINA TOTA 6-12-88

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...