…infuriando sulle montagne

Sopra: Paul Cézanne, “Baccanale”, 1875-80

Beato colui che ha un buon demone e conoscendo le iniziazioni degli dei vive santamente e introduce la sua anima nella schiera dionisiaca, infuriando sulle montagne.

(Euripide, “Baccanti”)

5 Risposte

  1. Quando si segue il proprio “daimon” anche le tempeste più burrascose si affrontano con speranza e ottimismo, perchè si è consapevoli che anche il dolore e le sofferenze, oltre ai momenti più lieti e gioiosi, sono indispensabili per la realizzazione completa del proprio “destino”…quel destino che con il mito di Er il grande Platone ha sapientemente spiegato a noi poveri mortali.
    E poi credo che avere la consapevolezza del proprio “daimon” e lottare ogni giorno per la sua realizzazione,ì sia una missione a cui non è lecito per alcun motivo tirarsi indietro, perchè sottrarsi al proprio “daimon” è sottrarsi al proprio vivere.
    La meraviglia è anche nel modo assolutamente unico a cui ognuno di noi giunge la “chiamata” del proprio daimon….

  2. anni luce avanti rispetto alla psicologia positivista

  3. graditissimo post… grande Prof. grazie tantissime…. a volte per ritrovare la continuità del senso del proprio esistere …

  4. Cara Tea, per così poco? Mi rendi felice

  5. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...