Già la pioggia è con noi

Già la pioggia è con noi

Già la pioggia è con noi,
scuote l’aria silenziosa.
Le rondini sfiorano le acque spente
presso i laghetti lombardi,
volano come gabbiani sui piccoli pesci;
il fieno odora oltre i recinti degli orti.Ancora un anno è bruciato,
senza un lamento, senza un grido
levato a vincere d’improvviso un giorno.

Salvatore Quasimodo

Spiegazione

Questo è un tema caro a Quasimodo: lo smarrimento di fronte alla caducità della vita. La coscienza dell’esile trama dell’esistenza.
Neppure il tempo, un breve godimento che immediato irrompe l’oscurità.

Gabriele

12 Risposte

  1. Ti auguro una Splendida giornata, Gabriele caro. Dal profondo del cuore un abbraccio grande come il Mondo!

  2. Buona giornata a te, caro Luigi

  3. Queste due liriche sono dedicate a te, Gabriele. Con affetto…

  4. …Ciao cara e vulcanica Map,
    da qualche parte mi sembra di aver letto che che per l’ennesima volta chidevi ad Amalia di tornare…anche io lo vorrei tanto…..
    di una cosa però sono sicura, e questa cosa di per sè così ovvia in realtà io l’ho “sentita” mia solo in questi giorni….
    che se qualcuno è nel nostro cuore, nel cuore del nostro cuore, allora lo avremo vicino per sempre!
    Ti abbraccio forte forte…

  5. Un giorno esisterà la fanciulla e la donna,
    il cui nome non significherà più soltanto un contrapposto al maschile,
    ma qualcosa per sé,
    qualcosa per cui non si penserà a completamento e confine,
    ma solo a vita reale: l’umanità femminile.
    Questo progresso trasformerà l’esperienza dell’amore,
    che ora è piena d’errore, la muterà dal fondo,
    la riplasmerà in una relazione da essere umano a essere umano,
    non più da maschio a femmina.
    E questo più umano amore somiglierà
    a quello che noi faticosamente prepariamo,
    all’amore che in questo consiste,
    che due solitudini si custodiscano, delimitino e salutino a vicenda.

    Rainer Maria Rilke

  6. Buon pomeriggio, caro Gabriele. “Un anno è bruciato” ed il grande Quasimodo vuol dire che è trascorso del tempo e le stagioni della vita continuano………E’ cosi che va e lo constato in ogni momento. Grazie prof. che ci dai la possibilità di dire la nostra. Un abbraccio. Rosa.

  7. Cara Rosa, uno degli scopi del blog è proprio questo. Sono contento che tutti abbiate la possibilità di esprirvi senza porvi limiti e dubbi. Baci baci

  8. Buon pomeriggio prof. Gabriele. Secondo me questa poesia trasmette malinconia ma anche la speranza di un nuovo giorno che verrà. Tutto ciò mi fa pensare alla guerra dove i civili sperano di raggiungere la pace. I nostri soldati sono a combattere in Afghanistan e in altri paesi perché credono nei loro ideali. Ma ne vale la pena il loro sacrificio anche se guadagnano stipendi elevati?!

  9. Cara Rosa….hai detto proprio bene!
    ti abbraccio..

  10. Insofferenza…
    Incapacità di stare qui ed ora, nel reale, di “perdersi” nella storia, in Sè, dove vivono sepolti i laceranti sentimenti d’abbandono e incertezza che lui domina cercando di circoscrivere il tempo in uno steccato.

    (Antitesi: Il valore del tempo…

    Si fatica per anni
    a sciogliere i nodi,
    a dare un’immagine
    favolosa e una ciocca
    illeggibile di segni perduti.

    “Segni perduti” di Leonardo Sinisgalli)

  11. Per Elena:
    Io girerei questa domanda agli abitanti di quei paesi, lasciando per un attimo gli interessi economici ai potenti. Poichè ci sono ancora molte guerre per la sopravvivenza che sono state dimenticate. Forse sarebbe lecito intervenire, qualche volta, almeno per umana solidarità.

  12. Sai, Elena, io penso che per questi soldati che scientemente scelgono di andare in guerra per i loro “ideali”, questa scelta abbia un senso: di fronte ad un bivio nel cammino del loro destino scelgono di fare quello che desiderano, scelgono di lottare per i loro ideali rischiando magari di venire uccisi…e non credo che lo facciano per i soldi, quanto per portare a termine quello che sentono essere una parte del loro cammino. Insomma ognuno di noi ha le proprie passione e i propri ideali…
    E poi penso che il rischiare la vita per portare “civiltà” e “pace” dove la civiltà e la pace non sono mai state sia cmq un atto di grande eroismo ed altruismo….sempre nella speranza che le guerre non vengano poi strumentalizzate dai “potenti” del mondo per più o meno celati affari economici!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...