Parole

Siate cauti con le parole,
anche con quelle miracolose.
Per le miracolose facciamo del nostro meglio,
a volte sciamano come insetti
e non lasciano una puntura ma un bacio.
Possono essere buone come dita.
Possono essere sicure come la roccia
su cui incolli il culo.

Ma possono essere margherite e ferite.
Io sono innamorata delle parole.
Sono colombe che cadono dal tetto.
Sono sei arance sacre sedute sul mio grembo.
Sono gli alberi, le gambe dell’estate,
e il sole, il suo volto appassionato.

Ma spesso non mi bastano.
Ci sono così tante cose che voglio dire,
tante storie, immagini, proverbi, ecc.
Ma le parole non sono abbastanza buone,
quelle sbagliate mi baciano.
A volte volo come un’aquila
ma con le ali di un passero.

Ma cerco di averne cura
e di essere gentile con loro.
Le parole e le uova devono essere maneggiate con cura.
Una volta rotte
sono cose impossibili da aggiustare.

Anne Sexton

Annunci

60 Risposte

  1. le parole sono solo parole ….sono i suoni del cuore che le accompagnano, il vero significato …….
    se chi ascolta sente solo le parole, allora si ferma all’ingresso di casa, troppo egoico per l’umiltà del passo verso l’altro……

  2. DECIDI TU SE VIVERE NEL TUO INFERNO O NEL NOSTRO PARADISO ORA!

    Dopo una lunga e coraggiosa vita, un valoroso guerriero giunse nell’aldilà e fu destinato al paradiso. Era un tipo pieno di curiosità e chiese di poter dare prima un’occhiata anche all’inferno. Un angelo lo accontentò.
    Si trovò in un vastissimo salone che aveva al centro una tavola imbandita con piatti colmi di pietanze succulente e di golosità inimmaginabili. Ma i commensali, che sedevano tutt’intorno, erano smunti, pallidi, lividi e scheletriti da far pietà. “Com’è possibile?” chiese il guerriero alla sua guida angelica. “Con tutto quel ben di Dio davanti!”
    E l’angelo rispose: “Ci sono posate per mangiare, solo che sono lunghe più di un metro e devono essere rigorosamente impugnate all’estremità. Solo così possono portarsi il cibo alla bocca e dato che le posate sono molto più lunghe del braccio non possono arrivarci” Il coraggioso samurai rabbrividì.
    Era terribile la punizione di quei poveretti che, per quanti sforzi facessero, non riuscivano a mettersi neppure una briciola sotto ai denti. Non volle vedere altro e chiese di andare subito in paradiso. Qui lo attendeva una sorpresa.
    Il paradiso era un salone assolutamente identico all’inferno! Dentro l’immenso salone c’era un’infinita tavolata di gente seduta davanti ad un’identica sfilata di piatti deliziosi. Non solo: tutti i commensali erano muniti delle stesse posate lunghe più di un metro, da impugnare all’estremità per portarsi il cibo alla bocca. C’era una sola differenza: qui la gente intorno al tavolo era allegra, ben pasciuta, sprizzante di gioia.
    “Ma com’è possibile?”, chiese stupito il coraggioso guerriero.
    L’angelo sorrise: “All’inferno ognuno si affanna tentando invano di afferrare il cibo e portarlo alla propria bocca, perché così si sono sempre comportati nella loro vita, ognuno pensando a se stesso. Qui al contrario, ciascuno prende il cibo con le lunghe posate e poi si preoccupa di imboccare il proprio vicino”. Paradiso e inferno sono nelle tue mani. Ora!
    Tu che dicidi?

    Racconto orientale

  3. “…le parole, come gli angeli, sono potenze che esercitano su di noi un potere invisibile… perché le parole sono persone.”
    (James Hillman)

    Le parole sono vive se testimoniate: come la musica!
    Ispirazione di Dio

    “Tutto sfuma nel tempo, e tutto passa:
    i gusti, i segni, i simboli
    e la paura che ci induce a fare.
    Tutto si fa nel tempo,e con il tempo
    tutto si disfa. Unico rimane
    il colloquio dell’anima con Dio.
    Non ha spessore e quasi non ha senso,
    non ha legami e quasi non s’avverte,
    ma per me e’ l’Universo, se per simbolo
    e per parole, e segno, e simulacro
    ha l’amore per Dio.”

    Gabriel Mendel

  4. “Gli esseri provvisti di anima hanno radici, che dall’alto verso il basso arrivano fino a loro.
    (Asclepius)

    CORRISPONDENZE di Charles Baudelaire

    La Natura è un tempio ove pilastri viventi
    lasciano fuggire a tratti confuse parole;
    l’uomo vi attraversa foreste di simboli,
    che l’osservano con sguardi familiari.

    Come lunghi echi che da lungi si confondono
    in una tenebrosa e profonda unità,
    vasta come la notte e il chiarore del giorno,
    i profumi, i colori e i suoni si rispondono.

    Vi sono profumi freschi come carni di bimbo,
    dolci come oboi, verdi come prati –
    altri, corrotti, ricchi e trionfanti,

    che posseggono il respiro delle cose infinite,
    come l’ambra, il muschio, il benzoino e l’incenso;
    e cantano i moti dell’anima e dei sensi

  5. A Gabriele.

    Che la tua Anima possa trovare una compagna nell’Aurora…

    Dal profondo del cuore il più affettuoso degli abbracci!

  6. Grazie Tea, Grazie Map. Se volete cominicare con me, ho lasciato il mio numero di cellulare alla redazione. Io prendo dei farmaci salvavita che distruggono l’organismo,prevengono la recidiva…….ma tutto il resto è impossibile! Parliamo di altre cose. Desidero pensare che questa sia una bella mattina….. Uscirò per fare una passeggiata. A proposito, le parole possono distruggere e quindi vanno dosate. La poetessa Anne Sexton ci ha immesso un notevole messaggio…..esse devono essere “maneggiate” con cura. E come Seneca ha sostenuto che “le parole sono parte dell’anima”, noi avremo cura nell’esprimerci. Ciao. Un saluto a Gabriele……. Buon inizio di settimana e buona giornata. A martedi, domani sera al programma “come state”.

  7. Magnifica poesia GRAZIE !

    ……………….commento malamente e di slancio con queste parole……

    rendiamo onore ai caduti delle parole!
    rendiamo liberi chi è stato vincolato!
    affanni di vocali incespichìo di consonanti
    quanto ti odio e quanto ti amo
    sei la parola straabusata sei una gemma
    nel cielo sei stoppa sotto il lavello
    sei aquila e verme
    sei acqua e sei fuoco
    cercando parole per dirti quanto t’amassi
    mi sono persa nel gorgogliare
    forse non ho capito
    o forse non hai capito tu
    o forse le parole non erano sufficenti
    o forse erano troppe
    così la metamorfosi di un tubo
    per l’idraulica dell’amore
    servì, a incanalare l’acqua
    a renderla cauta
    non gocciolante lacrime..plin plin plin…
    mi ritrovai a chiudere il rubinetto
    del mio affetto…
    a dire basta parole basta amore
    basta basta basta basta
    non chiamerò mai più un’idraulico
    se voglio essere abbracciata
    chiamerò te con il nome di amore
    e bella e festa finita.

  8. Carissimo, grazie. Ti sento molto vicino. Baci

  9. Buon Giorno Radiose Gabrielliane….

    avete citato tanti bei personaggi perché tantissime sono le testimonianze che ci vengono trasmesse in ogni tempo e da ogni parte del mondo… E visto che spesso leggiamo ed elogiamo il cuore di tanti grandi esseri, spesso è anche necessario citare la fonte o l’influenza ispirativa… Una di questai fu Emanuel Swedenborg che oltre ad essere un brillante scienziato in tanti settori dello scibile umano, fu anche e soprattutto un vero mistico. E visto che leggiamo nel cuore di tanti grandi esseri, spesso è anche necessario citare la fonte ispirativa…

    Tanti furono gli illustri personaggi che furono influenzati dal sua celata rivelazione, basta solo capire come personaggi di elevato calibro sapenziale inglobarono la sue conoscenze trascendentali, come per es. Johnny Appleseed, Honoré de Balzac, Charles Baudelaire , Henry Ward Beecher, William Blake, Elizabeth e Robert Browning, Thomas Carlyle, S. T. Coleridge, Ralph Waldo Emerson, George Inness, Henry James Sr., C.G. Jung, Helen Keller, Fitz Hugh Ludlow, Coventry Patmore, Goethe, J.L. Borges, James Tyler Kent, ecc.

    Comunque, sul soprasensibile tantissimo ci sarebbe da dire…

    Spesso non bastano le sole amorevole parole, o sinceri intenti o potenze simboliche/archetipali che in esse si nascondono, perché ci vuole anche la FORZA (innata necessaria ENERGIA) che serve ad aprire certe porte spazio/temporali dell’essere per valicare la soglia invalicabile che avvolge come una tenebra questa nostra martoriata umanità……

  10. E come si apre questa porta?
    Ripeto quanto credo e sento:
    Non si può forzare l’inconscio e che ognuno di noi ha i propri tempi per riuscire ad aprirsi ai propri spazi interiori. Forzare quelle porte è una “compensazione” : quanto più alimentiamo aspettative, tanto più ci allontaniamo da noi stessi per non soffrire. Perchè una cosa è diventare consapevoli di non riuscire ad esprimere i nostri stati d’animo, altra cosa è entrare in contatto con essi.
    L’incapacità di sentire noi stessi momento per momento e di riprodurre in parole i nostri stati d’animo è dovuto al fatto che non siamo collegati con noi stessi. Profonde ferite come la vergogna, il giudizio, il sentirsi inadeguati, la violenza, il non essere abituati ad esprimere le proprie emozioni hanno immobilizzato, represso dalla paura il nostro bambino interiore e modificato la nostra capacità di sentire. La nostra guarigione arriva quando “ci apriamo”, diamo spazio, alla piena comprensione di quel bambino, senza fare pressioni sul modo in cui dovrebbe essere e non è. Tornerebbe a nascondersi. …
    “Va perfettamente bene scendere più in profondità nelle tue sensazioni. Ma ricorda una cosa: colui che attraversa l’inferiorità, l’insicurezza, la gelosia, è separato da queste sensazioni. Non può essere una sola cosa con esse, altrimenti come potrebbe sentire l’inferiorità, l’insicurezza, la gelosia. Tu sei il testimone: perciò, mentre scendi in profondità, incontrerai molte cose che hai soppresso, o forse che tutta l’umanità ha soppresso. Ma tu sei puro come uno specchio” (Osho)
    Echi Junghiani: inconscio personale e inconscio collettivo

  11. Cara Valeria,
    quella porta si apre con l’impeccabilità del cuore ed anche con la conoscenza delle forze che passano per questo portale…..

    Questo non vuol dire che bisogna diventare santi, anzi è proprio l’opposto perché prima bisogna conoscere tutte le forze opposte…. L’intendo, accompagnata dalla volontà per scovare, dominare e trasformare le innate forze egoiche che ci dominano e soprattutto occorre anche una buona conoscenza del proprio corpo da un punto di vista animico/spirituale….

    Questa è la prima chiave della rivoluzione interiore…. Ma come dicevo, dee seguire la via del cuore….. Senza questo non valgono niente né le conoscenze né tutte le parole di questo mondo… Anzi visto che sono proprio queste a definire tutto quello che da qui chiamiamo Mondo…. è’ necessario anche conoscere le leggi che lo regolano…. Perché per analogica, per corrispondenza esiste un legame che alla stessa stregua dei mondi esteriori sono specchio anche e soprattutto nei mondi interiori……

    Come tu ben hai espresso, bisogna far rinascere il nostro bimbo interiore…. Ti ricordi cosa disse il Maestro Gesù?

    Dal vangelo di San Tommaso….

    Queste sono le parole segrete che Gesù vivente ha pronunciato e Didimo Giuda Tommaso (suo fratello CARNALE) che Tommaso ha riportato nel quondo Vangelo, (per non parlarfe del Vangelo di Filippo e di Giuda dal contenuto altamente esoterico)

    1. E lui disse, “Chiunque trova l’interpretazione di queste parole non conoscerà la morte”.

    2. Gesù disse, “Coloro che cercano cerchino finché troveranno. Quando troveranno, resteranno turbati. Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto.”

    3. Gesù disse, “Se i vostri capi vi diranno, ‘Vedete, il Regno è nei cieli’, allora gli uccelli dei cieli vi precederanno. Se vi diranno, ‘È nei mari’, allora i pesci vi precederanno. Invece, il Regno è dentro di voi e fuori di voi. Quando vi conoscerete sarete riconosciuti, e comprenderete di essere figli del Padre vivente. Ma se non vi conoscerete, allora vivrete in miseria, e sarete la miseria stessa.”

    4. Gesù disse, “L’uomo di età avanzata non esiterà a chiedere a un bambino di sette giorni dov’è il luogo della vita, e quell’uomo vivrà.Perché molti dei primi saranno ultimi, e diventeranno tutt’uno.”

    5. Gesù disse, “Sappiate cosa vi sta davanti agli occhi, e quello che vi è nascosto vi sarà rivelato.Perché nulla di quanto è nascosto non sarà rivelato.”

    6. I suoi discepoli gli chiesero e dissero, “Vuoi che digiuniamo? Come dobbiamo pregare? Dobbiamo fare elemosine? Quale dieta dobbiamo osservare?”

    6-b. Gesù disse, “Non mentite, e non fate ciò che odiate, perché ogni cosa è manifesta in cielo. Alla fine, nulla di quanto è nascosto non sarà rivelato, e nulla di quanto è celato resterà nascosto.”

    7. Gesù disse, “Fortunato è il leone che verrà mangiato dall’umano, perché il leone diventerà umano. E disgraziato è l’umano che verrà mangiato dal leone, poiché il leone diventerà comunque umano.”

    8. E disse, “L’uomo è come un pescatore saggio che gettò la rete in mare e la ritirò piena di piccoli pesci. Tra quelli il pescatore saggio scoprì un ottimo pesce grosso. Rigettò tutti gli altri pesci in mare, e poté scegliere il pesce grosso con facilità. Chiunque qui abbia due buone orecchie ascolti!”

    9. Gesù disse, “Vedete, il seminatore uscì, prese una manciata e seminò. Alcuni semi caddero sulla strada, e gli uccelli vennero a raccoglierli. Altri caddero sulla pietra, e non misero radici e non produssero spighe. Altri caddero sulle spine, e i semi soffocarono e furono mangiati dai vermi. E altri caddero sulla terra buona, e produssero un buon raccolto, che diede il sessanta per uno e il centoventi per uno.”

    10. Gesù disse, “Ho appiccato fuoco al mondo, e guardate, lo curo finché attecchisce.”

    11. Gesù disse, “Questo cielo scomparirà, e quello sopra pure scomparirà. I morti non sono vivi, e i vivi non morranno. Nei giorni in cui mangiaste ciò che era morto lo rendeste vivo. Quando sarete nella luce, cosa farete? Un giorno eravate uno, e diventaste due. Ma quando diventerete due, cosa farete?”

    12. I discepoli dissero a Gesù, “Sappiamo che tu ci lascerai. Chi sarà la nostra guida?”
    Gesù disse loro, “Dovunque siate dovete andare da Giacomo il Giusto, per amore del quale nacquero cielo e terra.”

    13. Gesù disse ai suoi discepoli, “Paragonatemi a qualcuno e ditemi come sono.”
    Simon Pietro gli disse, “Sei come un onesto messaggero.”
    Matteo gli disse, “Sei come un filosofo sapiente.”
    Tommaso gli disse, “Maestro, la mia bocca è totalmente incapace di esprimere a cosa somigli.”
    Gesù disse, “Non sono il tuo maestro. Hai bevuto, e ti sei ubriacato dell’acqua viva che ti ho offerto.”
    E lo prese con sé, e gli disse tre cose. Quando Tommaso tornò dai suoi amici questi gli chiesero, “Cosa ti ha detto Gesù?”
    Tommaso disse loro, “Se vi dicessi una sola delle cose che mi ha detto voi raccogliereste delle pietre e mi lapidereste, e del fuoco verrebbe fuori dalle rocce e vi divorerebbe.”

    14. Gesù disse loro, “Se digiunate attirerete il peccato su di voi, se pregate sarete condannati, e se farete elemosine metterete in pericolo il vostro spirito.Quando arrivate in una regione e vi aggirate per la campagna, se la gente vi accoglie mangiate quello che vi offrono e prendetevi cura dei loro ammalati.Dopo tutto, quello che entra nella vostra bocca non può rendervi impuri, è quello che viene fuori dalla vostra bocca che può rendervi impuri.”

    15. Gesù disse, “Quando vedrete uno che non è nato da una donna, prostratevi e adoratelo. Quello è il vostro Padre.”

    16. Gesù disse, “Forse la gente pensa che io sia venuto a portare la pace nel mondo. Non sanno che sono venuto a portare il conflitto nel mondo: fuoco, ferro, guerra.Perché saranno in cinque in una casa: ce ne saranno tre contro due e due contro tre, padre contro figlio e figlio contro padre, e saranno soli.”

    17. Gesù disse, “Vi offrirò quello che nessun occhio ha visto, nessun orecchio ha udito, nessuna mano ha toccato, quello che non è apparso nel cuore degli uomini.”

    18. I discepoli dissero a Gesù, “Dicci, come verrà la nostra fine?”

    Gesù disse, “Avete dunque trovato il principio, che cercate la fine? Vedete, la fine sarà dove è il principio.Beato colui che si situa al principio: perché conoscerà la fine e non sperimenterà la morte.”

    19. Gesù disse, “Beato colui che nacque prima di nascere.Se diventate miei discepoli e prestate attenzione alle mie parole, queste pietre vi obbediranno.Perché vi sono cinque alberi per voi in Paradiso: non mutano, inverno ed estate, e le loro foglie non cadono. Chiunque li conoscerà non sperimenterà la morte.”

    20. I discepoli dissero a Gesù, “Dicci com’è il Regno dei Cieli.”
    E lui disse loro, “È come un seme di mostarda, il più piccolo dei semi, ma quando cade sul terreno coltivato produce una grande pianta e diventa un riparo per gli uccelli del cielo.”

    21. Maria chiese a Gesù, “Come sono i tuoi discepoli?”
    Lui disse, “Sono come bambini in un terreno che non gli appartiene. Quando i padroni del terreno arrivano, dicono, ‘Restituiteci il terreno. E quelli si spogliano dei loro abiti per renderglieli, e gli restituiscono il terreno.Per questo motivo dico, se i proprietari di una casa sanno che sta arrivando un ladro staranno in guardia prima che quello arrivi e non gli permetteranno di entrare nella loro proprietà e rubargli i loro averi.Anche voi, quindi, state in guardia nei confronti del mondo. Preparatevi con grande energia, così i ladri non avranno occasione di sopraffarvi, perché la disgrazia che attendete verrà.Che fra voi ci sia qualcuno che comprenda.Quando il raccolto fu maturo, lui arrivò subito con un sacco e lo mieté. Chiunque abbia due buone orecchie ascolti!”

    22. Gesù vide alcuni neonati che poppavano. Disse ai suoi discepoli, “Questi neonati che poppano sono come quelli che entrano nel Regno.”
    E loro gli dissero, “Dunque entreremo nel regno come neonati?”
    Gesù disse loro, “Quando farete dei due uno, e quando farete l’interno come l’esterno e l’esterno come l’interno, e il sopra come il sotto, e quando farete di uomo e donna una cosa sola, così che l’uomo non sia uomo e la donna non sia donna, quando avrete occhi al posto degli occhi, mani al posto delle mani, piedi al posto dei piedi, e figure al posto delle figure allora entrerete nel Regno.”

    23. Gesù disse, “Sceglierò fra voi, uno fra mille e due fra diecimila, e quelli saranno come un uomo solo.”

    24. Dissero i suoi discepoli, “Mostraci il luogo dove sei, perché ci occorre cercarlo.”
    Lui disse loro, “Chiunque qui abbia orecchie ascolti! C’è luce in un uomo di luce, e risplende sul mondo intero. Se non risplende, è buio.”

    25. Gesù disse, “Amate il vostro amico come voi stessi, proteggetelo come la pupilla del vostro occhio.”

    26. Gesù disse, “Voi guardate alla pagliuzza nell’occhio del vostro amico, ma non vedete la trave nel vostro occhio. Quando rimuoverete la trave dal vostro occhio, allora ci vedrete abbastanza bene da rimuovere la pagliuzza dall’occhio dell’amico.”

    27. “Se non digiunate dal mondo, non troverete il Regno. Se non osservate il Sabato come Sabato non vedrete il Padre.”

    28. Gesù disse, “Ho preso il mio posto nel mondo, e sono apparso loro in carne ed ossa. Li ho trovati tutti ubriachi, e nessuno assetato. Il mio animo ha sofferto per i figli dell’umanità, perché sono ciechi di cuore e non vedono, poiché sono venuti al mondo vuoti, e cercano di andarsene dal mondo pure vuoti.Ma nel frattempo sono ubriachi. Quando si libereranno dal vino, cambieranno condotta.”

    29. Gesù disse, “Se la carne fosse nata a causa dello spirito sarebbe una meraviglia, ma se lo spirito fosse nato a causa del corpo sarebbe una meraviglia delle meraviglie.Eppure mi stupisco di come questa grande ricchezza si sia ridotta in tale miseria.”

    30. Gesù disse, “Dove ci sono tre divinità, esse sono divine. Dove ce ne sono due o una, io sono con lei.”

    31. Gesù disse, “Nessun profeta è benvenuto nel proprio circondario; i dottori non curano i loro conoscenti.”

    32. Gesù disse, “Una città costruita su un’alta collina e fortificata non può essere presa, né nascosta.”

    33. Gesù disse, “Quanto ascolterete con le vostre orecchie, proclamatelo dai vostri tetti ad altre orecchie.Dopo tutto, nessuno accende una lampada per metterla in un baule, né per metterla in un posto nascosto. Piuttosto, la mette su un lampadario così che chiunque passi veda la sua luce.”

    34. Gesù disse, “Se un cieco guida un cieco, entrambi cadranno in un fosso.”

    35. Gesù disse, “Nessuno può entrare nella casa di un uomo robusto e prenderla con la forza se prima non gli lega le mani. A quel punto uno può sottrargli la casa.”

    36. Gesù disse, “Non vi tormentate, dalla mattina alla sera, al pensiero di cosa indossare.”

    37. I suoi discepoli dissero, “Quando ci apparirai, e quando tornerai a visitarci?”

    Gesù disse, “Quando vi spoglierete senza vergognarvi, e metterete i vostri abiti sotto i piedi come bambini e li distruggerete, allora vedrete il figlio di colui che vive e non avrete timore.”

    38. Gesù disse, “Spesso avete desiderato ascoltare queste parole che vi dico, e non avevate nessuno da cui ascoltarle. Vi saranno giorni in cui mi cercherete e non mi troverete.”

    39. Gesù disse, “I Farisei e gli accademici hanno preso le chiavi della conoscenza e le hanno nascoste. Non sono entrati, e non hanno permesso a quelli che volevano entrare di farlo.Quanto a voi, siate furbi come serpenti e semplici come colombe.”

    40. Gesù disse, “Una vite è stata piantata lontano dal Padre. Poiché non è robusta, sarà sradicata e morrà.”

    41. Gesù disse, “Chiunque ha qualcosa in mano riceverà di più, e chiunque non ha nulla sarà privato anche del poco che ha.”

    42. Gesù disse, “Siate come passanti.”

    43. I suoi discepoli gli dissero, “Chi sei tu per dirci queste cose?”

    “Non comprendete chi sono da quello che dico. Invece, siete diventati come i Giudei, che amano l’albero ma odiano i frutti, o amano i frutti ma odiano l’albero.”

    44. Gesù disse, “Chiunque bestemmia contro il Padre sarà perdonato, e chiunque bestemmia contro il figlio sarà perdonato, ma chiunque bestemmia contro lo spirito santo non sarà perdonato, né sulla terra né in cielo.”

    45. Gesù disse, “L’uva non si coglie dai rovi, né i fichi dai cardi, poiché essi non danno frutti. I buoni producono bene da quanto hanno accumulato; i cattivi producono male dalla degenerazione che hanno accumulato nei loro cuori, e dicono cose malvagie. Poiché dal traboccare del cuore producono il male.”

    46. Gesù disse, “Da Adamo a Giovanni il Battista, fra quanti nacquero da donna nessuno è tanto più grande di Giovanni il Battista da non dover abbassare lo sguardo.Ma vi dico che chiunque fra voi diventerà un bambino riconoscerà il regno e diventerà più grande di Giovanni.”

    47. Gesù disse, “Un uomo non può stare in sella a due cavalli o piegare due archi. E uno schiavo non può servire due padroni, altrimenti lo schiavo onorerà l’uno e offenderà l’altro.Nessuno beve vino stagionato e subito dopo vuole bere vino giovane. Il vino giovane non viene versato in otri vecchi, altrimenti si guasta.Non si cuce un panno vecchio su un abito nuovo, perché si strapperebbe.”

    48. Gesù disse, “Se due persone fanno pace in una stessa casa diranno alla montagna ‘Spostati!’ e quella si sposterà.”

    49. Gesù disse, “Beati coloro che sono soli e scelti, perché troveranno il regno. Poiché da lì venite, e lì ritornerete.”

    50. Gesù disse, “Se vi diranno ‘Da dove venite?’ dite loro, ‘Veniamo dalla luce, dal luogo dove la luce è apparsa da sé, si è stabilita, ed è apparsa nella loro immagine. ‘ Se vi diranno, ‘Siete voi?’ dite, ‘Siamo i suoi figli, e siamo i prescelti del Padre vivente. ‘ Se vi chiederanno, ‘Qual è la prova che il Padre è in voi?’ dite loro, ‘È il movimento e la quiete. ‘ ”

    51. I suoi discepoli gli dissero, “Quando riposeranno i morti, e quando verrà il nuovo mondo?”
    Lui disse loro, “Quello che aspettate è venuto, ma non lo sapete.”

    52. I discepoli gli dissero, “è utile o no la circoncisione?”
    Lui disse loro, “Se fosse utile, il loro padre genererebbe figli già circoncisi dalla loro madre. Invece, la vera circoncisione nello spirito è diventata vantaggiosa da ogni punto di vista.”

    53. I suoi discepoli gli dissero, “Ventiquattro profeti hanno parlato in Israele, e tutti hanno parlato attraverso te.”
    Lui disse loro, “Avete omesso quello vivente in vostra presenza, e avete parlato solo dei morti.”

    54. Gesù disse, “Beato il povero, perché suo è il regno dei cieli.”

    55. Gesù disse, “Chi non odierà suo padre e sua madre non potrà essere mio discepolo, e chi non odierà fratelli e sorelle, e porterà la croce come faccio io, non sarà degno di me.”

    56. Gesù disse, “Chi è arrivato a conoscere il mondo ha scoperto una carcassa, e di chiunque ha scoperto una carcassa il mondo non è degno.”

    57. Gesù disse, Il regno del Padre è come un uomo che ha dei semi. Il suo nemico di notte gli ha piantato erbacce fra i semi. L’uomo non ha voluto che i braccianti gli strappassero le erbacce, ma ha detto loro, ‘No, altrimenti per strappare le erbacce potreste finire per strappare anche il grano.’ Poiché il giorno del raccolto le erbacce saranno molte, e saranno strappate e bruciate.”

    58. Gesù disse, “Beato l’uomo che si è impegnato e ha trovato la vita.”

    59. Gesù disse, “Guardate colui che vive finché vivete, altrimenti potreste morire e poi cercare di scorgere colui che vive, e non ne sareste capaci.”

    60. Vide un samaritano che portava un capretto e andava in Giudea. Disse ai suoi discepoli, “Quell’uomo […] del capretto.” Loro gli dissero, “Così che possa ucciderlo e mangiarlo.” Lui disse loro, “Non lo mangerà finché è vivo, ma solo dopo averlo ucciso e ridotto a cadavere.”
    Loro risposero, “Non potrebbe fare altrimenti.”
    Lui disse loro, “E così pure voi, cercatevi un posto per riposare, o potreste diventare cadaveri e venire mangiati.”

    61. Gesù disse, “In due si adageranno su un divano; uno morirà, l’altro vivrà.”
    Disse Salomè, “Chi sei tu signore? Sei salito sul mio divano e hai mangiato dalla mia tavola come se qualcuno ti avesse inviato.”
    Gesù le disse, “Sono quello che viene da ciò che è integro. Mi sono state donate delle cose di mio Padre.”
    “Sono tua discepola.”
    “Per questa ragione io ti dico, se uno è integro verrà colmato di luce, ma se è diviso, sarà riempito di oscurità.”

    62. Gesù disse, “Io rivelo i miei misteri a coloro che ne sono degni.Che la vostra mano sinistra non sappia cosa fa la destra.”

    63. Gesù disse, “C’era un ricco che aveva molto denaro. Disse, ‘Investirò questo denaro così che io possa seminare, mietere e riempire i miei magazzini con il raccolti, e che non mi manchi nulla. Queste erano le cose che pensava in cuor suo, ma quella stessa notte morì. Chi fra voi ha orecchie ascolti!”

    64. Gesù disse, “Un uomo organizzò un ricevimento. Quando ebbe preparato la cena, mandò il suo servo a invitare gli ospiti. Il servo andò dal primo e gli disse, Il padrone ti invita. E quegli disse, ‘Ci sono dei mercanti che mi devono dei soldi, e vengono da me stasera. Devo andare a dargli istruzioni. Lo prego di scusarmi ma non posso venire a cena.’ Il servo andò da un altro e disse, ‘Il padrone ti ha invitato. Quegli disse al servo, ‘Ho comprato una casa, e devo assentarmi per un giorno. Non avrò tempo per la cena.’ Il servo andò da un altro e gli disse, ‘Il padrone ti invita. Quegli disse al servo, ‘Un mio amico si sposa, e devo preparargli il banchetto. Non potrò venire. Lo prego di scusarmi se non posso venire. Il servo andò da un altro e gli disse, ‘Il padrone ti invita. Quegli disse al servo, ‘Ho comprato una proprietà, e sto andando a riscuotere l’affitto. Non potrò venire, Lo prego di scusarmi. Il servo ritornò e disse al padrone, ‘Quelli che avevi invitato a cena chiedono scusa ma non possono venire. Il padrone disse al servo, ‘Vai per la strada e porta a cena chiunque trovi. Acquirenti e mercanti non entreranno nei luoghi del Padre mio.”

    65. Lui disse, Un […] uomo possedeva una vigna e l’aveva affittata a dei contadini, così che la lavorassero e gli cedessero il raccolto. Mandò il suo servo dai contadini per farsi consegnare il raccolto. Quelli lo afferrarono, lo picchiarono, e quasi l’uccisero. Poi il servo ritornò dal padrone. Il padrone disse, ‘Forse non li conosceva. Mandò un altro servo, e i contadini picchiarono anche quello. Quindi il padrone mandò suo figlio e disse, ‘Forse verso mio figlio mostreranno un qualche rispetto. Poiché i contadini sapevano che lui era l’erede della vigna, lo afferrarono e lo uccisero. Chi ha orecchie ascolti!”

    66. Gesù disse, “Mostratemi la pietra scartata dai costruttori; quella è la chiave di volta.”

    67. Gesù disse, “Quelli che sanno tutto, ma sono carenti dentro, mancano di tutto.”

    68. Gesù disse, “Beati voi, quando sarete odiati e perseguitati;e non resterà alcun luogo, dove sarete stati perseguitati.”

    69. Gesù disse, “Beati quelli che sono stati perseguitati nei cuori: sono loro quelli che sono arrivati a conoscere veramente il Padre.Beati coloro che sopportano la fame, così che lo stomaco del bisognoso possa essere riempito.”

    70. Gesù disse, “Se esprimerete quanto avete dentro di voi, quello che avete vi salverà. Se non lo avete dentro di voi, quello che non avete vi perderà.”

    71. Gesù disse, “Distruggerò questa casa, e nessuno sarà in grado di ricostruirla […].”

    72. Un uomo gli disse, “Dì ai miei fratelli di dividere con me i loro averi.”
    Lui disse all’uomo, “Signore, e chi mi ha nominato spartitore?”
    Si girò verso i discepoli e disse, “Non sono uno spartitore, vero?”

    73. Gesù disse, “Il raccolto è enorme ma i braccianti sono pochi, perciò pregate il mietitore di mandare i braccianti nei campi.”

    74. Lui disse, “Signore, sono in molti attorno all’abbeveratoio, ma non c’è nulla nel pozzo.”

    75. Gesù disse, “In molti si affollano davanti alla porta, ma sarà il solitario ad entrare nella camera nuziale.”

    76. Gesù disse, “Il regno del Padre è come un mercante che ricevette un carico di mercanzia e vi trovò una perla. Il mercante fu accorto; vendette la mercanzia e si tenne solo la perla. Così anche voi, cercate il tesoro che è eterno, che resta, dove nessuna tarma viene a rodere e nessun verme guasta.”

    77. Gesù disse, “Io sono la luce che è su tutte le cose. Io sono tutto: da me tutto proviene, e in me tutto si compie. Tagliate un ciocco di legno; io sono lì. Sollevate la pietra, e mi troverete.”

    78. Gesù disse, “Perché siete venuti nella campagna? Per vedere una canna scossa dal vento? E per vedere un uomo vestito in abiti raffinati, come i capi e i potenti? Quelli sono vestiti in panni raffinati, e non sanno cogliere la verità.”

    79. Una donna nella folla gli disse, “Fortunato il grembo che ti generò e il seno che ti nutrì.”
    Lui le disse, “Fortunati coloro che hanno ascoltato la parola del Padre e l’hanno veramente conservata. Poiché vi saranno giorni in cui direte, ‘Fortunato il grembo che non ha concepito, e il seno che non ha allattato. ‘ ”

    80. Gesù disse, “Chi è arrivato a conoscere il mondo ha scoperto un cadavere, e chi ha scoperto un cadavere è al di sopra del mondo.”

    81. Gesù disse, “Lasciate che chi è diventato ricco regni, e che chi ha il potere vi rinunci.”

    82. Gesù disse, “Chi è vicino a me è vicino al fuoco, e chi è lontano da me è lontano dal regno.”

    83. Gesù disse, “Le immagini sono visibili alla gente, ma la loro luce è nascosta nell’immagine della luce del Padre. Lui si rivelerà, ma la sua immagine è nascosta dalla sua luce.”

    84. Gesù disse, “Quando vedete ciò che vi somiglia siete contenti. Ma quando vedrete le immagini che nacquero prima di voi e che non muoiono né diventano visibili, quanto dovrete sopportare!”

    85. Gesù disse, “Adamo è partito da un grande potere e una grande ricchezza, ma non era degno di voi. Perché se fosse stato degno, non avrebbe conosciuto la morte.”

    86. Gesù disse, “Le volpi hanno tane e gli uccelli hanno nidi, ma gli esseri umani non hanno un posto dove stendersi e riposare.”

    87. Gesù disse, “Quanto è misero il corpo che dipende da un corpo, e quanto è misera l’anima che dipende da entrambi.”

    88. Gesù disse, “I messaggeri e i profeti verranno da voi e vi daranno ciò che vi appartiene. Voi, da parte vostra, date loro quello che avete, e dite a voi stessi, ‘Quando verranno a prendere quello che gli appartiene?'”

    89. Gesù disse, “Perché sciacquate l’esterno della coppa? Non capite che quello che ha creato l’interno è anche quello che ha creato l’esterno?”

    90. Gesù disse, “Venite a me, perché il mio giogo è confortevole e il mio dominio è gentile, e troverete la vostra pace.”

    91. Gli dissero, “Dicci chi sei così che possiamo credere in te.”
    Lui disse loro, “Voi esaminate l’aspetto di cielo e terra, ma non siete arrivati a comprendere colui che è di fronte a voi, e non sapete come interpretare il momento attuale.”

    92. Gesù disse, “Cercate e troverete.Nel passato, comunque, non vi ho rivelato le cose che allora mi chiedeste. Ora vorrei dirvele, ma voi non le chiedete più.”

    93. “Non date le cose sacre ai cani, perché potrebbero gettarle sullo sterco. Non gettate perle ai porci, o potrebbero […].”

    94. Gesù disse, “Colui che cerca troverà, e chi bussa entrerà.”

    95. Gesù disse, “Se avete denaro, non prestatelo a interesse. Piuttosto, datelo a qualcuno da cui non lo riavrete.”

    96. Gesù disse, “Il regno del Padre è come una donna. Prese un po’ di lievito, lo nascose nell’impasto, e ne fece grandi forme di pane. Chi ha orecchie ascolti!”

    97. Gesù disse, “Il regno è come una donna che portava una giara piena di farina. Mentre camminava per una lunga strada, il manico della giara si ruppe e la farina le si sparse dietro sulla strada. Lei non lo sapeva; non si era accorta di nulla. Quando raggiunse la sua casa, posò la giara e scoprì che era vuota.”

    98. Gesù disse, “Il regno del Padre è come una persona che voleva uccidere un potente. Prima di uscire di casa sfoderò la spada e la infilò nel muro per provare se il suo braccio riusciva a trapassarlo. Poi uccise il potente.”

    99. I discepoli gli dissero, “I tuoi fratelli e tua madre sono qui fuori.”
    Lui disse loro, “Quelli che fanno il volere del Padre mio sono i miei fratelli e mia madre. Sono quelli che entreranno nel regno di mio Padre.”

    100. Mostrarono a Gesù una moneta d’oro e gli dissero, “Gli uomini dell’imperatore romano ci chiedono le tasse.”

    Lui disse loro, “Date all’imperatore quello che è dell’imperatore, date a Dio quello che è di Dio, e date a me quel che è mio.”

    101. “Chiunque non odia padre e madre come me non può essere mio discepolo, e chiunque non ama padre e madre come me non può essere mio discepolo. Poiché mia madre […], ma la mia vera madre mi ha dato la vita.”

    102. Gesù disse, “Maledetti i Farisei! Sono come un cane che dorme nella mangiatoia: il cane non mangia, e non fa mangiare il bestiame.”

    103. Gesù disse, “Beati quelli che sanno da dove attaccheranno i ribelli. Possono organizzarsi, raccogliere le risorse imperiali, ed essere preparati prima che i ribelli arrivino.”

    104. Dissero a Gesù, “Vieni, oggi preghiamo, e digiuniamo.”
    Gesù disse, “Quale peccato ho commesso, o di quale impurità mi sono macchiato? Piuttosto, quando lo sposo lascia la camera nuziale, allora lasciate che la gente digiuni e preghi.”

    105. Gesù disse, “Quando farete dei due uno diventerete figli di Adamo, e quando direte ‘Montagna, spostati!’ si sposterà.”

    106. Gesù disse, “Chi conosce il padre e la madre sarà chiamato figlio di meretrice”.

    107. Gesù disse, “Il regno è come un pastore che aveva cento pecore. Una di loro, la più grande, si smarrì. Lui lasciò le altre novantanove e la cercò fino a trovarla. Dopo aver faticato tanto le disse, ‘Mi sei più cara tu di tutte le altre novantanove. ”

    108. Gesù disse, “Chi berrà dalla mia bocca diventerà come me; io stesso diventerò quella persona, e tutte le cose nascoste gli si riveleranno.”

    109. Gesù disse, “Il regno del Padre è come una persona che aveva un tesoro nascosto nel suo campo ma non lo sapeva. E quando morì lo lasciò a suo figlio. Il figlio non ne sapeva nulla neanche lui. Diventò proprietario del campo e lo vendette. L’acquirente andò ad arare, scoprì il tesoro, e cominciò a prestare denaro a interesse a chi gli pareva.”

    110. Gesù disse, “Lasciate che chi ha trovato il mondo, ed è diventato ricco, rinunci al mondo.”

    111. Gesù disse, “I cieli e la terra si apriranno al vostro cospetto, e chiunque è vivo per colui che vive non vedrà la morte.”
    Non dice Gesù, “Di quelli che hanno trovato se stessi, il mondo non è degno?”

    112. Gesù disse, “Maledetta la carne che dipende dall’anima. Maledetta l’anima che dipende dalla carne.”

    113. I suoi discepoli gli chiesero, “Quando verrà il regno?”
    “Non verrà cercandolo. Non si dirà ‘Guarda, è qui!’, oppure ‘Guarda, è lì!’ Piuttosto, il regno del Padre è sulla terra, e nessuno lo vede.”

    114.Simon Pietro gli disse, “Lasciate che Maria se ne vada, poiché le donne non meritano la vita.” Gesù disse, “Io stesso la guiderò in modo da farla maschio, così anche lei potrà diventare uno spirito vivente somigliante a voi maschi.
    Poiché ogni donna che farà se stessa maschio, entrerà il Regno dei Cieli.”

  12. Immagino che il tuo bambino interiore, figlio del cielo, sia finalmente contento di aver ottenuto l’attenzione che merita senza aver dovuto rompere la porta. Quello che ti rimane da fare è semplicemente vivere ogni parola che hai scritto. Un saluto.

  13. Carissima Valeria,
    ho solo espresso quello che ritenevo giusto per tua domanda di come si apre quella porta…..

    Con tanta sincerità, ti dico che anch’io ancora non sono riuscito ad aprire del tutto quella porta, ma so che prima o poi ci riuscirò perché in tutto il cosmo manifesto c’è una sincronicità più opportuna, un momento, un tempo più propizio per ogni cosa.

    Sappi solo che la mia meta non è riscoprire me stesso, (so già chi sono, da dove vengo, dove andrò o dove ritornerò) quanto invece, a quello che, in questa mia strana vita, riuscirò a manifestare fuori con il mio semplice umano ribelle guerriero immortale amorevole cuore. Il resto sono solo parole per la duale mente razionale (la mente degli spiriti ARIMANICI) perché il cuore non ha bisogno di parole, sa già tutto…..

  14. Quello che mi stai dicendo è che sai chi sei, da dove vieni e dove andrai, ma che non sai perchè “ARIMANI” in questo posto? 🙂

  15. Cara Valeria,
    ti ho sempre ribadito tantissime volte, che non c’è ORGOGLIO NEL MIO CUORE, non me ne frega proprio niente,degli eloggi, li lascio a chi giustamente gioisce di queste cose io parlo per quello che SENTO di dire, per condividere certe idee, delle verità o delle non verità…

    Ma hai anche detto una cosa, che, con tanta ironia, ha richiamato alla mia memoria. Mi riferisco al tuo dire di rompere la porta,. Solo al pensiero, mi viene da ridere con le lacrime quando penso a quello che ho dovuto fare un giorno, da ragazzo, per svegliare il Mio Possente Fortissimo Immortale Guerriero Paperone, Mio Padre ORAZIO… Un particolare pomeridiano giorno estivo, dovevo svegliarlo a qualsiasi costo, ma lui dormiva come un ghiro e ho perfino spaccato letteralmente e praticamente la porta per svegliarlo… allora non sapevo che in quel particolare stato, mio padre già volava consapevole in altri piani di coscienza, ed in altri UNIVERSI per aiutare il prossimo…..

  16. Come vedi, per quella strana eredità genetica o meglio, per quella affinità elettiva, nella mia famiglia siamo dei VIAGGIATORI, DEGLI ESPLORATORI CONSAPEVOLI….. che nello stato normale, nella nostra inconsapevolezza, spesso non ricordiamo… ma, ma, ma è anche vero che, prima o poi, tutto trova spazio dentro l’essere….

  17. “La differenza tra me e un pazzo è che il pazzo abita in una sorta di fantasia, in una camera diversa da quella reale. Se io stesso cammino in quella stanza, so dove sono; lascio la porta aperta. Un pazzo vero non può uscire: la porta è chiusa a chiave.”
    DALI’

    Antico storia Chassidica raccontata a modo mio perchè ora non ho il libro sottomano (di Martin Buber);

    “Il Signore ama chi si scassina il cuore per Lui..”

  18. Carissima Maaapppp
    Quel vero Dio, non vuole figli implorevoli, supplichevoli e neanche santi che si scassinano continuamente il cuore per lui, sarebbe troppo egoistico, semmai vuole che i sui figli più liberi e ribelli si scassino il cuore per gli altri…. Come un buon saggio padre, vuole solo che tutti i sui figli siano SOPRATTUTTO LIBERI e che nel continuo tempo, possono anche e soprattutto SUPERARE LA SUA STESSA SAGGEZZA…. Pazzia o non pazzia è la legge dell’evoluzione che passa per ogni opposta energia….

    Carissima Maaaaappp, ti ricordo solo che quella porta può essere oltrepassata anche senza chiave, perché quell’unica la realtà che ci si mostra in effetti è una multi realtà… Realtà che cambia al cambiare consapevole del PUNTO DI OSSERVAZIONE…. Indaga sulle bilocazioni, sul volo cosciente o sui casi di materializzazione del doppio eterico/corpo astrale/perispirito. Credimi, anche se a mal cuore ho anche affermato che tutta la psicologia del profondo o la filosofia speculativa di questo mondo sono niente nel confronto con la VERA VIA PRATICA che Gesù come tanti saggi hanno trasmesso in ogni tempo ed in ogni luogo… Ti sembrano fesserie le cose che ci riporta CASTANEDA?

  19. Carissima Valeria,
    vediamo se capisci perché ARRIMANO in questa preziosa casa… 😀

    copiandolo dal sito Stazione Celeste lo riporto per la tua comprensione o l’INCOMPRENSIONE… di tanti.

    Le comete Honda ed Elenin realizzano le profezie Maya, Hopi e Cristiana,
    mentre il calendario Maya si avvicina alla fine il 28 ottobre 2011.

    di Carl Johan Calleman

    Molte persone hanno sentito parlare del prossimo ingresso all’interno del sistema solare della
    cometa Elenin (http://elenin.org) e c’è tutta una serie di idee e speculazioni su ciò che questo
    potrebbe comportare. Le comete sono sempre state viste come messaggere di buon auspicio o (più
    comunemente) minacciose e questo non fa certo eccezione. Si è ipotizzato che in realtà questa
    cometa sia una stella nana bruna, una navicella spaziale o che possa causare terremoti. In ogni caso
    questo autunno arriveranno due comete, Honda ed Elenin, poi seguite dalla cometa Levy, creando
    una sequenza di corpi celesti nel cielo (http://www.youtube.com/watch?v=swhme7X7tWI).
    Si stima che la cometa Elenin, che ha ricevuto la massima attenzione tra queste, sarà più vicina alla
    Terra verso il 16-20 ottobre 2011, vicino al punto medio del settimo giorno della Nona onda (o
    Sottomondo Universale). Per il fatto che apparirà in questo periodo, proprio prima della vera data
    13 Ahau culmine del calendario Maya (28 ottobre 2011), questa cometa è un fenomeno della fine
    del tempo a prescindere dalla natura specifica e dal ruolo che può avere. Queste comete arriveranno
    così sullo sfondo di un crescente caos globale politico ed economico derivante dal fatto che le
    istituzioni del mondo non sono coerenti con la coscienza d’unità in arrivo con la Nona onda. Per
    questo vale la pena approfondire il collegamento di questa cometa con le profezie sulla fine del
    tempo secondo varie fonti.

    Nel libro “Il calendario Maya e la Trasformazione della Coscienza” (2004) ho scritto:
    “Almeno alcuni piccoli cambiamenti della terra possono quindi derivare dall’elevato cambiamento
    di frequenza della coscienza che stiamo subendo. E’ insostenibile l’inversione di causa ed effetto
    per creare un’idea del giorno del giudizio in cui i cambiamenti della terra sono presentati come il
    vero scopo della creazione. Eventuali effetti fisici dovrebbero essere visti solo come prodotti del
    campo di coscienza e la maggior parte del cambiamento climatico sarà probabilmente causato da
    emissioni di anidride carbonica piuttosto che da un presunto piano divino per la distruzione della
    terra attraverso i cambiamenti geofisici. ”

    Questo era riferito al Sottomondo Galattico e probabilmente solo con il Sottomondo Universale
    (vedi figura sotto) la frequenza è diventata così elevata che i cambiamenti della Terra non possono
    più essere classificati come minori. Ciò che risulta anche da questa citazione è che ho cercato di
    tenere distinto il mio punto di vista da quello di coloro che si concentrano solo sui cambiamenti
    della Terra in quanto tali, senza fornire un contesto significativo per il loro verificarsi. Ho
    sottolineato che il calendario Maya è fondamentalmente un’evoluzione della coscienza ed i
    cambiamenti della Terra avvengono o per favorire questa evoluzione o sono effetti conseguenti
    dell’evoluzione stessa. Ho quindi concluso che l’attuale Nona onda del calendario Maya indica una
    direzione irreversibile verso la coscienza unitaria che si concluderà entro la fine dell’anno.

    Figura 1. La Nona onda del calendario Maya fino alla sua data finale il 28 ottobre 2011 con
    l’indicazione: A / Punto più vicino alla Terra della cometa Honda, B / Cometa Elenin tra la
    terra e il sole e C / Minima distanza della cometa Elenin. (Per i dettagli sulla Nona onda
    vedere http://www.mayanninthwave.com).

    Alcuni hanno anche messo in dubbio che, nonostante la sua elevata frequenza, la Nona onda del
    calendario Maya possa portare questa nuova coscienza in un periodo così breve di tempo. Tuttavia i
    suoi giorni sono ora espressi nell’unità della rivoluzione mondiale con epicentro in Nord Africa e
    Sud Europa (Più di recente, le donne saudite hanno iniziato a guidare). Dobbiamo anche essere
    consapevoli del fatto che la seconda metà di un’onda manifesta sempre i suoi fenomeni in modo
    molto più sostenuto rispetto alla prima metà e che quindi la rivoluzione mondiale d’unità si
    intensificherà. La data del 4 luglio come data di inizio della seconda metà può implicare che le
    richieste di una vera democrazia, che sono attualmente in fase di crescita nell’Europa meridionale, si
    diffonderanno anche negli Stati Uniti. In aggiunta, sembra probabile che avvenga un collasso
    monetario nel mese di agosto considerando l’alto livello di indebitamento e altri fattori nei paesi
    chiave. Il Sottomondo universale ci chiamerà quindi sempre più a diventare cittadini del cosmo e
    modificherà i nostri limitanti confini nazionali.

    Inoltre, in questa alta frequenza di cambiamento, i cambiamenti della Terra si intensificheranno e la
    cosa interessante è che a volte i corpi celesti sono sincronizzati con l’evoluzione del piano cosmico
    in modo da creare balzi in avanti. Questo può anche accadere nel prossimo futuro attraverso
    l’avvicinarsi delle comete. Dopo tutto, l’Albero Cosmico della Vita, che si basa sul calendario
    Maya, è il fattore di sincronizzazione dietro a tutti gli eventi dell’universo e sappiamo che i corpi
    celesti hanno giocato un ruolo evolutivo in passato. Inoltre, se tali eventi celesti originano nel piano
    divino può anche significare che possono a volte essere predetti da profezie.

    Prima di entrare nelle profezie darò due esempi di corpi celesti che hanno svolto un ruolo di
    supporto per l’evoluzione della vita sul nostro pianeta. Il primo è l’impatto di un corpo celeste delle
    dimensioni di Marte che dalla scienza attuale si ritiene abbia dato origine alla luna 4,5 miliardi di
    anni fa. L’altro evento miracoloso nella storia della Terra è il meteorite che 65 milioni di anni fa l’ha
    colpita e ha dato origine al cratere di Chicxulub in Messico ed ha oscurato il cielo per un lungo
    periodo. Questo ha portato all’estinzione di tutti i dinosauri e plesiosauri sul nostro pianeta. La
    ragione per cui questo meteorite apparentemente distruttivo può essere chiamato miracoloso è che
    senza di esso con l’esatta dimensione che aveva non saremmo qui a parlarne oggi. I dinosauri
    potrebbero ancora essere in giro a mangiare tutti i mammiferi che potevano evolversi. Se, d’altro
    canto, questo meteorite fosse stato di una dimensione doppia tutta la vita sulla terra – compresi i
    mammiferi – si sarebbe estinta e non saremmo qui neanche in questo caso.

    Inoltre tale impatto è stato molto preciso temporalmente e aprì la strada per i mammiferi superiori
    che si sono sviluppati all’inizio del Settimo giorno del Sottomondo dei Mammiferi. Questi eventi, la
    formazione della luna e l’estinzione dei dinosauri perciò sono chiaramente serviti per l’ulteriore
    evoluzione del piano cosmico e il suo scopo, ma sembra ancora incomprensibile per una mente
    umana come questi corpi celesti possano avere una tale precisione di dimensioni e di orbita per
    realizzare la continua evoluzione della vita sulla Terra. Quando si tratta di una serie di comete che si
    stanno avvicinando alla Terra sento che dovremmo essere aperti alla possibilità che anche questo è
    stato progettato dalla intelligenza divina e che svolge un ruolo specifico che preparerà il mondo per
    la fine del tempo il 28 ottobre 2011. Va sottolineato poi che non c’è nulla che indichi che farebbe
    parte di questo piano che tutta la vita sulla terra finisca, sia in occasione di eventi passati o in futuro.
    D’altra parte questo non significa che non ci saranno vittime.
    Parlare delle eventuali interazioni fisiche che le due comete possono avere con la Terra è tuttavia
    difficile in questo momento. I dati che sono stati forniti da siti ufficiali astronomici sono poco
    significativi per avere un’influenza diretta sul nostro pianeta.

    (http://www.astrosociety.org/elenin/ab2011-72.pdf). Tuttavia prevedere questi parametri è difficile
    in quanto sono soggetti a cambiare nel tempo e nessuno può prevedere con certezza i valori esatti.
    Eppure, a meno che qualche nuovo dato venga fuori da fonti astronomiche attendibili non vedo
    alcun motivo di dubitare che queste comete non siano altro che piccoli pezzi di ghiaccio.
    Indipendentemente da tutto ciò, queste comete possono ancora avere un ruolo significativo nello
    scenario della “fine del tempo”.

    Ho infatti la sensazione che la sincronicità di Elenin con la fine del calendario Maya sia un fatto
    molto interessante che merita di essere considerato in relazione anche ad alcune antiche profezie.
    Prima di esaminare tali profezie possiamo notare che alcuni hanno letto nel nome ELENIN (dal suo
    scopritore Russo) le iniziali della frase “Extinction Level Event Niburu Is Near”. Una lettura più
    appropriata secondo me, date le prospettive disastrose del sistema monetario mondiale nella
    seconda metà del Sottomondo Universale, potrebbe tuttavia essere El + Lenin (messaggero di Dio +
    rivoluzione anti-capitalista). Nelle discussioni in corso diverse persone sostengono che la cometa
    Elenin sia una nave spaziale e che ci sia una cospirazione dei potenti per mantenere segreto il suo
    prossimo arrivo alla popolazione. Qualsiasi cosa sia non credo che nella situazione attuale cambi
    molto per noi.

    L’idea più popolare sulla cometa Elenin è che sia legata al previsto ritorno di Nibiru, un‘ipotetica
    nana bruna compagna del nostro sole. L’esistenza di Nibiru è stata inizialmente proposta da
    Zecharia Sitchin basandosi sulla lettura di testi sumerici, ma prima della sua morte l’anno scorso ha
    detto chiaramente che non credeva che avesse qualcosa a che fare con il 2012 ed è davvero difficile
    capire perché avrebbe dovuto. L’idea che Nibiru sarebbe tornato nel 2012 o più specificamente il 21
    dicembre 2012 non è supportata da alcuna prova. Eppure Nibiru è apparso in video visto da milioni
    di persone su YouTube in una strana miscela tra le idee di Sitchin e la data sbagliata del calendario
    Maya. Mentre i sostenitori di questa idea parlano ampiamente di insabbiamenti e complotti per
    mantenerci all’oscuro della sua esistenza non vi è infatti alcuna prova che Nibiru esista. Inoltre la
    connessione tra Nibiru e il 2012 è già discutibile in quanto nessuna antica profezia Maya parla della
    sua esistenza. Il collegamento tra Nibiru e il 2012 poi diventa ancora più discutibile se si pensa che i
    suoi sostenitori hanno sostituito il tracciato dell’evoluzione del calendario Maya con gli effetti
    provocati da questo ipotetico pianeta per spiegare il corso degli eventi umani. Personalmente non
    vedo alcuna ragione per abbracciare un’idea che manca di fondamento sia nella scienza moderna
    che in un’antica profezia. Tuttavia, dal momento che ha acquisito una grande popolarità, spesso
    associata con uno spostamento dei poli e con un’inversione della rotazione terrestre, sembra
    possibile che indichi uno scenario che avrà effettivamente luogo, ma con basi diverse.

    Potrebbe per esempio essere che questa visione collettivamente condivisa non sia vera in quanto tale, ma che punti ad una cometa in avvicinamento e che questo non coincida con una inversione
    elettromagnetica dei poli, ma con un cambiamento della polarità della coscienza nel modo che
    conosciamo in base al calendario Maya?

    La profezia Hopi fornisce un’altra fonte per considerare Elenin (e forse anche la cometa Honda che
    la precede) dal momento che questa cometa potrebbe essere la Stella Blu Kachina – l’Occhio di Dio
    – che è uno dei segni della fine dei tempi.
    “E questo è il Nono ed Ultimo Segno: Tu sentirai di un luogo nei cieli, sopra la terra, che cadrà con
    grande fragore. Apparirà come una stella blu … Questi sono i segni che una grande distruzione è
    imminente. Il mondo oscillerà. L’uomo bianco combatterà i popoli di altri paesi… – quelli che
    possedevano la prima luce della saggezza. Ci saranno molte colonne di fumo e fuoco come quelle
    che l’uomo bianco ha già fatto nel deserto non lontano da qui. Molti del mio popolo, comprendendo
    le profezie, saranno al sicuro. Quelli che abitano e vivono nella terra del mio popolo saranno salvi .
    Allora ci sarà molto da ricostruire. E presto – subito dopo -… Pahana tornerà. Porterà con sé
    l’Aurora del Quinto Mondo Pianterà i semi della sua saggezza nei nostri cuori Almeno ora i semi
    sono stati piantati. Questi spianeranno la via per emergere nel Quinto Mondo. ”

    Il mio intuito mi dice che Elenin è davvero la Stella Blu che secondo quanto letto sopra sembra
    implicare un qualche tipo di impatto vicino. Per essere certi di questo dovremo aspettare e vedere di
    che colore è. E’ comunque già degno di nota che il Nono ed ultimo segno della Profezia Hopi
    corrisponda a ciò che è prodotto dalla Nona e più alta onda del calendario Maya. Forse questa
    cometa è infatti anche un segno del ritorno di Quetzalcoatl, il Serpente Piumato, della profezia
    Azteca / Tolteca.

    Ci sono inoltre i messaggi dei profeti Cristiani del secolo passato (http://olrl.org/proph
    ecy/daysdark.shtml), che dicono che alla fine dei tempi ci saranno Tre Giorni di Buio. Ciò fornisce
    un interessante parallelo con i messaggi degli anziani Maya e per questo si può consultare un video
    di un anziano Maya Don Alejandro Oxlaj (http://www.youtube.com/watch?v=vcaez8jn2Zg ) come
    parte del film “Shift of the Ages” (http://www.shiftoftheages.com/ ) dove si parla di questi Tre
    Giorni di Buio. In precedenza sono stato scettico riguardo questa idea, dal momento che non mi
    sembrava concretamente possibile, ma dal momento che la stessa visione è venuta anche da altre
    fonti, abbastanza indipendenti, diventa più facile da accettare. Potrebbe anche esserci una
    spiegazione concreta. Così, alcune clip su YouTube hanno ipotizzato che quando la cometa Elenin
    passerà tra la Terra e il sole (http://www.youtube.com/watch?v=Afhmhfzjiho), intorno al 25
    settembre 2011, ci saranno tre giorni di buio. Non credo che questa previsione sia condivisa dagli
    astronomi, eppure le cose possono accadere con modalità difficili da comprendere. Dopo tutto,
    quando arriviamo al 28 Ottobre 2011 Nove Sottomondi, per un totale di 16 miliardi di anni di
    evoluzione, si manifesteranno “nel pieno del loro splendore” secondo il monumento Tortuguero.
    Sento quindi che possiamo aspettarci qualche sorpresa dal Creatore per trasformare questo mondo
    in un mondo di armonia.

    La drammaticità di questo scenario della imminente fine del calendario Maya è evidenziata dal fatto
    che ci sono due comete che diventano visibili nella seconda metà della Nona onda. Prima di Elenin,
    la cometa Honda sarà alla sua distanza minima (0,077 UA) dalla Terra all’inizio della quinta notte il
    17 agosto 2011. Quello che rende questo fatto interessante è che ci sono diverse profezie che
    parlano di due comete che segnano la fine del tempo e giocano un ruolo unico. Helen Tzima Otto ha
    scritto un’importante trilogia di libri (l’ultimo dei quali è chiamato “A Five Year Plan in the Divine
    Economy: The Timing of the Divinely-Ordained Events”, Verenikia Press, 2011) che può essere
    indispensabile per la nostra comprensione del prossimo scenario. Si tratta di libri seri che
    31
    aggiungono argomenti critici all’altra data finale del calendario Maya: 21 dicembre 2012 (la Otto fa
    notare che l’argomento più forte dei suoi sostenitori sembra essere che la maggior parte della gente
    pensa che questa sia la data finale). La trilogia parla delle profezie della fine dei tempi dei profeti
    cristiani più recenti che descrivono l’avvento di un paio di comete. (Nota: questi profeti non sono
    telepredicatori Americani, ma persone, spesso di umili origini, appartenenti alla tradizione cattolica
    o ortodossa greca. E merita anche di essere sottolineato che queste profezie si riferiscono a comete e
    non pianeti o nane brune.)
    Per apprezzare l’importanza di queste profezie dobbiamo notare che i libri della Otto sono stati
    scritti senza sapere che la cometa Elenin era stata scoperta il 10 dicembre 2010 o che la cometa
    Honda l’avrebbe preceduta. Così il suo racconto completo sulle profezie di due comete diverse non
    è stato scritto per spiegare la situazione piuttosto inusuale in cui ci troviamo in questo momento
    mentre il calendario Maya sta volgendo al termine. Sicuramente l’apparizione di due comete in
    prossimità di questa fine è un fenomeno molto più raro dell’apparizione di una sola. Il messaggio di
    queste profezie è che una coppia di comete segnalerà l’urgenza di arrendersi e di convertirsi alla
    volontà di Dio prima che sia troppo tardi. Dal momento che ho già sostenuto che lo scopo della
    Nona onda è quello di portare un rapporto diverso con Dio, la coscienza unitaria, questa non è una
    sorpresa. Secondo queste profezie la prima cometa sarà associata all’Illuminazione della Coscienza,
    mentre cominceranno ad apparire segni di natura soprannaturale. Al passaggio ravvicinato della
    seconda cometa, chiamata Cometa del Castigo, si verificheranno i Tre Giorni di Buio. Visto quello
    che sappiamo sulla fine del calendario Maya il 28 ottobre 2011, sembra ovvio che le due comete
    Honda e Elenin sono serie candidate per soddisfare queste profezie.

    Nelle precedenti profezie sulla fine dei tempi si raccomanda alle persone di rimanere nelle proprie
    case con le candele benedette e non guardare fuori dalle finestre mentre passano queste comete.
    Insistono sulla preghiera costante per tre giorni dopo aver contemplato il modo in cui possiamo aver
    offeso Dio. Tutto questo ha senso perché se vogliamo diventare completamente trasparenti e
    raggiungere la coscienza dell’unità dobbiamo avere illuminato tutte le parti oscure del nostro essere
    e tutte le azioni del nostro passato. E’ poi interessante notare che l’anziano Maya Don Alejandro
    Oxlaj in una intervista che ho fatto con lui cinque anni fa, raccomandava di dedicarsi alla
    contemplazione ed alla meditazione durante i Tre Giorni di Buio. E’ difficile dire quanto di queste
    profezie sia una metafora, così come quello che si intende per “giorni”, ma comunque sembra uno
    scenario piuttosto fisico. Dobbiamo secondo me prepararci spiritualmente a questo avvenimento
    facendo ciò che possiamo per sistemare le cose, ma secondo varie profezie dobbiamo prepararci
    anche in modo pratico.

    Se Elenin è questa seconda cometa, questo implica che al momento della sua distanza minima dalla
    terra molte persone avranno paura. Come dicevano gli Hopi parlando della Grande Purificazione
    anche in queste profezie cristiane è scritto che solo coloro che sono puri sopravvivranno a questo
    evento non soccombendo alla paura. Diverse profezie parlano di una qualche forma di disturbo
    della posizione della Terra e di grandi terremoti così che gran parte dell’umanità non vivrà per
    ereditare la Terra. Tuttavia, abbiamo anche detto che non dovremo temere questi eventi e avere
    fiducia che il mondo continuerà. Ci sono ampie descrizioni su Internet che il lettore può consultare
    in merito a tali profezie di tre giorni di buio e sarà compito di ogni individuo decidere come
    rapportarsi ad esse. Anche se questo può sembrare terribile, può essere visto come un’opportunità
    per ripulire l’oscurità da noi stessi, una cosa necessaria per permettere la nascita di un nuovo mondo
    in armonia dal caos che ora aumenterà ulteriormente .

    Personalmente vedo tre possibilità diverse di come i tre giorni di buio potrebbero verificarsi in
    correlazione con il passaggio di Elenin. La prima è che la cometa ha una grande coda che copre il
    sole (meno probabile). La seconda è che arriva così vicino che destabilizza la Terra (anche meno
    probabile). La terza, che ritengo la più probabile, richiede qualche informazione aggiuntiva sul
    motivo per cui si verificano cambiamenti terrestri geologici. Per cominciare: i terremoti avvengono
    a causa della deriva dei continenti sulla superficie della terra, che ha origine nei flussi di convezione
    nel suo magma. Uno scopo importante della deriva dei continenti è quello di creare un cervello
    globale con cui gli esseri umani devono essere in risonanza per manifestare il piano cosmico. Nei
    miei libri “Solving the Greatest Mystery of Our Time” (2001) e “The Purposeful Universe” (2009)
    descrivo come la separazione del mondo in due blocchi continentali è correlata con i cambiamenti
    nel calendario Maya (nella 2° onda). Sappiamo anche che alcune onde, come la settima e la nona,
    sono state avviate da terremoti enormi (9,2) a Lisbona e in Giappone rispettivamente nel 1755 e nel
    2011. Io credo che gli ultimi terremoti sono successi perché con l’attivazione di nuove onde con
    frequenze maggiori sono avvenute modifiche nel nucleo della Terra per adattarsi a una nuova
    polarità di coscienza. Sembra quindi chiaro che la deriva dei continenti e i terremoti in senso
    generale seguono il calendario Maya. E’ solo che questo non ci aiuta a prevedere molti piccoli
    terremoti o le loro posizioni precise.

    A causa della necessità di un tale aggiustamento per la trasmissione della coscienza unitaria ho il
    sospetto che l’attività sismica continuerà ad un ritmo intenso per tutta la Nona Onda. Tuttavia, e
    questo è il punto, se alcune onde hanno visto grandi sconvolgimenti geologici nel loro inizio
    dovremo allora aspettarci grandi cataclismi nel periodo in cui tutte le nove onde
    contemporaneamente giungono a conclusione il 28 ottobre 2011? Questo culmine stesso del
    calendario Maya potrebbe significare la necessità di una regolazione abbastanza drammatica del
    nucleo interno della terra e come conseguenza una massiccia attività sismica sulla superficie della
    terra. L’arrivo di Elenin, forse la Stella Blu, potrebbe poi semplicemente “verificarsi” in sincronia
    con i terremoti, che in realtà sono il frutto di una messa a punto del cervello globale per creare una
    risonanza con il nuovo campo di coscienza unitaria. L’attività geologica attesa quando il calendario
    si conclude quindi potrebbe generare così tante eruzioni e gas che il cielo potrebbe diventare buio
    per tre giorni. Il nucleo della Terra modificato poi automaticamente favorirà coloro che hanno una
    risonanza molto sviluppata con il campo di coscienza unitaria e sono guidati da essa. In questo
    scenario l’apparizione della Stella Blu è semplicemente sincronizzato con il terremoto e funge da
    messaggero, ma non svolge alcun ruolo causale.

    Questo modello può essere difficile da comprendere per coloro che vogliono spiegazioni più
    meccaniche sui cambiamenti della terra come ad esempio Elenin, Nibiru, HAARP o eventi
    semplicemente casuali. Eppure le prove delle le onde di creazione del calendario Maya sono a
    disposizione di tutti nei miei libri e vi è una ragione per cui i Maya chiamano il loro calendario
    sacro. Il motivo è che descrive un piano divino che si sviluppa attraverso nove processi di sette
    giorni e sei notti. Quello a cui stiamo assistendo ora è la conclusione di questo disegno divino, una
    conclusione che potrebbe essere molto spettacolare ed è per questo che possiamo trovare importanti
    informazioni relative al calendario Maya anche nella Bibbia e nel Corano. In definitiva
    l’orchestratore è Dio che sicuramente non vorrebbe vedere la fine del mondo in un disastro dopo 16
    miliardi di anni di evoluzione. È il fatto che il calendario Maya descrive un piano divinamente
    orchestrato che mi fa pensare che la conclusione si svolgerà esattamente come doveva e non è
    sicuramente la fine della vita sulla terra. Senza la comprensione che la vita sulla terra è il risultato di
    un piano divino tuttavia potrebbe facilmente scomparire la base per la fiducia nel futuro
    dell’umanità.

    Possiamo sostenere che non è così importante proprio quale meccanismo – cometa, nave spaziale,
    Nibiru o piano cosmico – attiverà questo scenario di fine del tempo. Quello che può essere più
    importante è come noi ci rapportiamo ad esso e la trasformazione della mente umana che questo
    fatto implica. C’è comunque una conseguenza curiosa pratica se credete in un impatto dallo spazio
    o in processi insiti nella creazione quando si tratta di come potrebbe essere necessario prepararsi. Se
    ci sarà il rischio di un impatto con un corpo celeste la conseguenza logica sarà quella di cercare un
    rifugio sotterraneo. Se invece ci saranno terremoti perché i processi evolutivi finiscono, che ho
    suggerito, sarà logico cercare rifugio in collina o sul mare. Le persone in risonanza con la coscienza
    unitaria trasmessa dal nucleo della Terra sapranno cosa fare.
    Mentre ci avviciniamo al 28 ottobre 2011 il campo della volontà duale a livello cosmico è stato
    trasceso e la transizione verso l’unità di coscienza potrebbe essere la condizione per la
    sopravvivenza nel nuovo mondo. Le profezie associate con le due comete sembrano essere in linea
    con alcune delle conclusioni che ho fatto in precedenza per quanto riguarda la Nona onda; per
    esempio, quello che dobbiamo fare ora è passare dal servire i nostri ego a servire il piano divino e
    dobbiamo impegnarci a farlo perché avvenga l’armonizzazione del mondo. Questa è anche la
    ragione per cui nel corso degli anni ho sempre sottolineato l’aspetto della coscienza nel calendario
    Maya dicendo che ha una direzione irreversibile verso l’unità e la luce, perché se questo, l’aspetto
    più importante del calendario, venisse ignorato ci sarebbe davvero molto poca speranza per la razza
    umana.

    Il significato profetico che ho qui assegnato a queste comete è una possibilità e non una certezza
    scientifica. Eppure intuisco che qualcosa di importante sta per accadere relativo a queste comete che
    nessuno al momento attuale è in grado di comprendere appieno o ha la base fattuale per analizzare.
    Se uniamo le nostre conoscenze del modello evolutivo del calendario Maya con le varie profezie
    sulla fine del tempo acquista tuttavia senso che le due comete sono le messaggere della trasformazione del vecchio e della nascita di un nuovo mondo. In questo modo possiamo vedere una perfetta coerenza tra profezie di varia origine e il modello del calendario Maya di Nove Sottomondi e Tredici Cieli che culmina il 28 Ottobre 2011 (13 Ahau). Con questa conoscenza la questione verte essenzialmente sul come dobbiamo usarla e questo potrebbe essere argomento di approfondite discussioni in futuro.

    Secondo la profezia Hopi Kachina interromperà la sua danza e si toglierà la maschera mentre la
    stella Blu apparirà per la Grande Purificazione. Questo credo che alluda a quello che per molti anni
    ho sempre detto in tutte le mie lezioni e cioè che come i filtri (le maschere) spariranno non saremo
    più marionette (Kachinas) del piano divino e saremo liberi di essere e creare senza essere
    subordinati al processo evolutivo divino descritto dal calendario Maya. Quando nascerà il nuovo
    mondo le persone dopo il 28 Ottobre 2011 vivranno la vita momento per momento liberi di creare la
    realtà secondo la propria coscienza d’unità appena conquistata. Questa è la nascita del nuovo
    mondo di pace che è una parte di queste profezie, come le difficoltà che lo precedono.

    Carl Johan Calleman
    Seattle, 23 giugno 2011 (3 Ben)
    Articolo in lingua originale:
    http://www.calleman.com/content/articles/Comets_Honda_Elenin.htm
    Tradotto da *Michela* per stazioneceleste.it

  20. Se ti chiedo cosa hai mangiato oggi, me lo dici? Oppure mi racconterai dalla prima all’ultima pappa? 😀 Spero che tra il 16 ed il 20 ottobre 2011 starai qui a commentare con noi i Kaki e le Kakinas che cadono: Sì, liberiamocene! Ho sempre detto anche io che la realtà, dopo le Kakinas, appare più bella anche sui giornali! 😀
    Non ho resistito… Buona vita, Raff.

  21. MANNAGGIA LA MISERIA … 🙂 😀 😀 😀

    Ermete Trismegisto. ” Richiamandoti a questi principi, ti ricorderai facilmente delle cose che più a lungo ti spiegai e che qui sono riassunte. Ma evita di intrattenervi alla folla; non perché io voglia impedire che ne venga a conoscenza, ma perché non voglio esporti alle sue derisioni. Chi si somiglia si congiunge, e tra persone dissimili non può esistere amicizia. Queste lezioni devono essere udite da pochi, o presto non ve ne saranno più del tutto. Esse posseggono qualcosa di così particolare che spinge i malvagi ancor più verso il male. Guardati dalla moltitudine, perché questa non comprende la virtù di tali discorsi”.

    BEH’ Don Ermete teneva raggione e mò magnammece e’ kakis che accussì k…… tu e’ iss….

    🙂 mattonella famosa appesa innanzi o’ salotto da bagno che mi fece sempre pensare che la vita è più semplice di quello che andiamo masticando…

  22. ma caro Raf. rispondendo a ciò che hai scritto più sopra sono in disaccordo quando parli di Dio.. NON POSSIAMO SAPERE CHE “PENSA” DIO.
    Altrimenti che Dio sarebbe ??
    Pensaci.
    Secondo me, sentendo tutte le cavolate che l’umanità dice di lui
    si è trasferito altrove.
    Io mi sono sentita chiamare “CREATURA” una sola volta ed era un’affermazione, dall’altra parte niente, cioè che io possa descrivere, solo mi fa piacere essere un “creatura” evidentemente significa che c’è un Creatore…è un mio squallido pensiero susseguenziale ma potrebbe essere altro da ciò che malamente io interpreto e comunque…
    Ma questo per me è tutto.Io sono Creatura.E’ già molto.

  23. Si impara molto nei salotti da bagno, anche le mattonelle e le riviste che trovi lì sono molto interessanti, è vero, si capisce dall’espressione rilassata, illuminata quasi, di chi li ha letti… 😀 😀 😀 😀 L’Ermetism, poi, analizza gli escrementi psichici con molta attenzione, prima di dissolverli. Che dire? Ti senti accettato e compreso fino in fondo e fino alla fine.

  24. Carissima Preziosa Maaaaaaaaaaapppppp,
    se tu sapessi quante cose ho contemplato nel bagno…… è ti diròdi più, perchè c’è anche un motivo ben preciso che spiegano queste cose…. in quei momenti, anche per un solo istante, la mente viene abbandonata per dare spazio all’ATTENZIONE verso questi necessari atti biologici…. Questo, come i momenti di dormiveglia sono dei momenti particolari, il MOMENTO ZERO, un momento in cui si può attingere al mondo delle IDEE……

  25. Cara Valeria,
    una buona via anche al tuo cuore….

    Anche Angelo Bona, (che è uno dei maggiori ricercatori italiani sull’ipnosi regressiva che ha fondato l’A.I.I.RE) dice spesso BONA VITA.

    Spero solo che la tua sincera voce non sia portavoce per altri…..

    ognuno risponde per se stesso e per nessun altro

    Io continuo la mia strana strada, qui ed altrove finché non sarà il nostro prof. Gabriele a frenare la mia voce. Proseguo là dove il cuore mi conduce, tanto non ho né rancori né ambizioni, parlo per quello che mi passa per la mia ribelle libera testa e per tutto quello che ho capito e contemplato da mio personale solitario punto di vista, o punto di osservazione o centro permanente di coscienza.

  26. IO so che nel profondo dormire si va lontano, nel dormiveglia quela coscienza sociale inizia il suo risveglio, ma sbaglierò??? 😉 Ciao MaP!!!

  27. almeno è quello che capita a me!!! 😉 … Ciao Raf, Ciao Valeria!!! Prof… un sentito saluto a lei…. 😀

  28. Eccomi
    Nuovamente
    mi dovrò riassestare
    per il sociale
    incrociare…
    per far prima
    metto la testa
    sotto la fredda doccia
    traumatico risveglio
    che svanisce al primo
    Bacio del sole…in estate
    alle prime gocce di pioggia
    d’Inverno!!!

  29. Ascolto mille cento
    racconti, del sovrannaturale
    cosi chiamato, senza indagare
    per supremazia di verità…
    a tutti attribuisco valore
    a tutti render conto dovranno
    a se stessi! Ogni via è la
    sacra santa cosmica Verità…
    ad ognuno attribuisco lealtà
    non sono ingenuo, né un credulone
    poiché della mia strada son pur
    fermo sostenitore, ad ogni cm…
    la sua ri-svelazione “…
    Non di me del mio creder o meno
    sarà loro verità. tanto quanto non dal
    loro sentire o crederci sarà ancor più vera
    la Mia….

  30. Raf, non ho mai sentito niente che provenisse da te (ma dalle tue innumerevoli vite, di cui una dice che è necessario uccidere il drago e un’altra che bisogna indossare la sua pelle). Non sono certamente io che cerco i miei proseliti. La mia storia dovresti saperla, caro viaggiatore interstellare che è sceso su questo piano delle prove. Arimaniamo… pure. Oppure cerchiamo di concentrarci e contiamo : tre, due, uno, ZERO! Abbandoniamo la mente. Dopo tiriamo lo sciacquone: dimentichiamo anche questa “xxxonzata”.
    Ciao.

  31. Ciao Carissimo Giuseppone….
    sei solo un fantastico immortale divino errante che pian piano sta risvegliando il suo immortale essere….. c’è molto di più. celato nel tuo prezioso cuore, di quello che adesso tu stesso possa immaginare… Ma al momento opportuno tutto di sarà più chiaro…..

  32. Carissima Maaaapppppppppppp
    Tantissime volte ho detto che quel Dio che ci hanno inculcato fin dalla nascita E’ UN DIO CHE CHE NOI STESSI ABBIAMO COSTRUITO AD IMMAGINE E SOMIGLIANZA…..

    Tantissime volte ho detto che basta osservare il creato, ed oggi a maggior ragione attraverso le nuove tecnologie che passa per ogni maggiore visione che l’ astrofisica e l’astronomia ci mostrano alla nostra più chiara visione… nel confronto con il creato del solo nostro universo questo nostro mondo SPARISCE,,, e allora è naturale chiedersi… TUTTO QUESTO BENE DI DIO PER QUESTO INFINITESIMO MONDO CHE DA QUI CHIAMIAMO TERRA?

    Tu ben sai che non siamo i soli esseri pensanti nell’universo manifesto, come sai che ci sono tantissimi mondi meno evoluti come anche mondi assai più evoluiti in quell’infinita scala cosmica.

    Anche le nostre vere origini non sono di questo mondo… noi stessi abbiamo costruito questo mondo, come anche altri mondi, e poi quando ci siamo immersi nella manifestazione abbiamo scordando le nostre divine origini,e per giunta siamo stati anche manipolati da forze oscure……

    Tu ben sai che con cerchi sempre più grandi sono le GERARCHIE SPIRITUALI CHE SORREGGONO LE COLONNE DEL CREATO….

    Tantissime volte ho detto che quel DIO IN OGNI TEMPO, HA TANTI NOMI IN QUESTO NOSTRO MONDO…

    Tantissime volete ho detto che in ogni ESSERE CONSAPEVOLE C’E’ UN DIO DA RISVEGLIARE….. ma è anche vero che la mente non accetta quello che il cuore già sa.
    Perché a quella mente è stato fatto un lavaggio del cervello…. È come quella storia dell’elefante di un circo, a cui fin da piccolo hanno messo una catena ad un piede, più volte aveva provato di spezzarla, ma da piccolo non era in grado di romperla… Ed ora da grande mille volte potrebbe rompere quelle catene, perché ha la forza necessaria, ma non ci prova nemmeno perché l’aspetto psicologico ha plagiato la sua allora giovane giusta ribellione… questo è IL CONDIZIONAMENTO SOCIALE per cui molti ancora si battono ed impinguano per quell’arroccante principio di NON LIBERTA’… La liberta fa paura, paura di abbandonare tutto ciò che da qui pensiamo sia COMODO, è COME DIRE STARE DIETRO IL MURETTO DELL’OMERTA’ E DELL’ACCETTAZIONE DI TUTTO CIO’ CHE IN EFFETTI NELL’INTIMO RIFIUTIAMO E CHE SAPPIAMO, MA CHE ACCETIAMO ANCHE SE SAPPIAMO CHE FA MOLTO MALE AI NOSTRI FRATELLI E ANOI STESSI…

    Come non ci accorgiamo che siamo schiavi in una MATRIX che sempre di più ci spinge ad essere schiavi dei nostri stessi desideri……

    Con sincero spontaneo Siciliano: TRE VOLTE MINCHIA, MINCHIA, MINCHIA ED ANCORA CHE MINCHIA SIAMO SE NON CI SVEGLIAMO DA QUESTA ASSAI DURATURA INDOTTA ARROCCANTE ORTODOSSA MALEVOLA SONNOLENZA….

    Ci addormentano con tantissime cose, anche con sante parole, quanto di quelle stesse parole loro stessi non conoscono il vero celato cripto significato….. PREGATE, PREGATE che dio vi manderà la grazia e tutto ciò che desiderate, o vi guarirà dai tantissimi mali indotti… e alla fine se siete stati buoni e meritevoli il paradiso sarà il premio FINALE/ETERNO come anche l’infeno per altri…. CHE BELLE FESSERIE CI ANNO INCULCATO……. LA VITA UNICA, IL GIUDIZIO UNIVERSALE,. LA RESUREZZIONE DELLA CARNE…. Minchiate su minchiate… con quale prove dico queste cose? Attraverso la mia personale VIA PRATICA…..

    Dicevo, che sono proprio queste cose che inducono tanti mali nel mondo, perché non ci hanno mai spiegato che SI RACCOGLIE QUELLO CHE SI E’ SEMINATO E CHE OGNI PIETRA LANCIATA AGLI ALTRI, PRIMA O POI RITORNA IN QUESTA O IN ALTRE VITE…

    Sono proprio queste cose che ci INDUCONO, facendoci scordare che prima o poi tutti dobbiamo affrontare quella porta dimensionale, e quando questo avverrà resteremo nel limbo dell’incomprensione perché questa nostra apparente cristianità non ci ha spiegato proprio niente né della morte, né della vita dopo la morte… La verità è troppo scomoda per tantissimi testa di rapanella…

    Immagina se invece, certe verità fossero state rivelate… penso che moltissimi mali non sarebbero più presente in questo mondo, perché con queste verità, di sicuro tutti ci penseremo prima di commettere ogni piccola o grande ingiustizia…..

    Invece il mondo sta andando sempre di più alla deriva… e noi ancora crediamo nei nostri sogni…. Quali sogni?… se non ci svegliamo in tempo, non ci saranno più sogni, ne figli che sogneranno…..

    Tantissime volete ho detto: “CHE SIAMO ANCHE NOI DEI” perché figli di DEI…
    Tantissime volte ho detto : “IO SONO UNO CON IL MIO DIO INTERIORE. Le stesse parole che tanti , come il grandioso Yeshua voleva comunicare a tanti, nel suo tempo….. e se parlo in questo modo è anche perché molte cose inconcepibili mi sono state rivelate dal mio personale indefinibile immenso eterno amore, il mio adorato angelo e maestro ORAZIO……

    In un altro post hai detto bene: “ferma resta una cosa sola, che sia mezzogiorno o mezzanotte sempre una misura sussiste a tutti comune, ma ad ognuno ne è data anche una propria,” è proprio così, per. es. io ho i mie DIVINI AGENTI……. Come ognuno ha le sue affine invisibili guide……

    Carissima Maaaappp, hai citato le sante parole del grandioso Ermete, ma ti ricordo che OGNI TEMPO HA LA SUA PARTICOLARE VOCE….. questo non è il tempo dei piccoli/grandi misteri che furono celati dietro le parole o i rituali perché questo nostro tempo è il tempo dell’APOCALISSE delle RIVELAZIONI, del CONSOLATORE che avrebbe parlato anche attraverso la voce ignorante di tanti……

  33. Come sinceramente vorrei che, dietro queste mie insensate parole ci fosse a controbattere, anche il mio caro erudito amico LUIGGGGGIONE…..

    LUIGGGGGGGGGGIIIIIIIIIONEEEEEEE, BATTI UN COLPO SE CI SEI

  34. ..SI MA CERCHIAMO DI NON TOGLIERE I PIEDI DAI PEDALI..
    sennò a voglia te di fare un viaggio O.B.E. …out of cervella experience ….he he heeeeee…
    ..
    un saluto anche da parte mia a Zannetta collega drago..l’unico punto debole del drago è il suo cuore ..poi intorno scaglie, ferocità, tutto un bluff..noi draghi dobbiamo stare uniti..perciò torna ad azzannare..vedo vedo che sei steso sul tuo Oro….muovi indispettito la coda verdogna mentre mangi chili e chili di Lindts dal frigo..poi i panettoni e le colombe li molli ad altri…e ci leggi e vorresti parlare del Logos…ora ti stai grattando la capoccia e stai sorridendo…che credi ? ormai sei carta conosciuta..Cuore di Drago vorrebbero pigliarcelo eh? E invece no, però appena arriva il giusto cavaliere o cavaleressa (?) noi ci squagliamo perchè siamo dei fessi con le squame (non parlo di forfora per quella c’è lo shampoo dal veterinario 😉 , parlo di squame di Drago!!) scetati Drago e affronta il cavaliere nello specchio!!! Ripigliati !!! ehi hai una monetina attaccata nella recchia… e molla anche quella ciotola d’oro zecchino ..qui stai tra gente che tutt’al più ha piatti di porcellana Ginori di Scandicci …accontentati di questa compagnia…però non ci bruciare questa buona volontà perchè noi draghesse siamo un bel pò più agguerrite e belle grosse e se fai il cattivo ti alito a 1200 gradi e addio Lindt….OK?

  35. comunque Raf, sarà il caldo ma io non riesco a seguirti in tutte le Minchiatrix he he heeee 🙂 comunque rimango dell’opinione che non si può sapere cosa pensa Dio.
    E sono convinta del Silenzio su certe cose.
    Poi boh’ MI AVVALGO DELLA FACOLTA’ DI RISPONDERE SOLO A ME. 🙂 🙂 🙂 Ti abbraccio con decisa amicizia però statt’accuort, sai un giorno o un altro mondo c’erano punizioni tremende per chi rivelava i Segreti.
    E io non tengo voglia di spaparacchiarmi sparpagliandomi in giro ognuno sa quello che sa sopratutto in base a ciò che sa e io LEGGO attraverso ciò che scrivi e so che sei spinto da buone intenzioni MA ….boh’ sai com’è i segreti hanno vita finchè sono segreti.

  36. […] Un odioso sospetto cominciò ora a farsi strada nella sua mente: anche i nani si erano dimenticati di questo punto basilare o per tutto il tempo avevano riso di lui sotto i baffi? Questo è l’effetto che le parole dei draghi hanno sugli inesperti. Naturalmente Bilbo sarebbe dovuto stare in guardia; ma Smog aveva una personalità a dir poco fortissima. « Ti dico » egli disse, sforzandosi di rimanere leale verso i suoi amici e di rimandare la propria fine « che l’oro era solo una preoccupazione secondaria per noi. Per V e n d e t t a abbiamo percorso salite e discese, siamo venuti sulle onde e sul vento. Ti renderai certo conto, o Smog dall’incommensurabile ricchezza, che il tuo successo ti ha creato dei nemici mortali… ». Allora Smog rise proprio di cuore – un suono devastante che scagliò Bilbo al suolo, mentre lontano, su nel tunnel, i nani si strinsero l’uno all’altro, e immaginarono che lo hobbit avesse improvvisamente fatto una brutta fine. « Vendetta! » sbuffò, e lo sfolgorio dei suoi occhi illuminò la sala dal pavimento al soffitto di una luce scarlatta. « Vendetta! Il Re sotto la Montagna è morto e dove sono i suoi congiunti che osano cercare vendetta? Girion, Signore di Dale,è morto, e io ho mangiato la sua gente come un lupo le pecore, e dove sono i figli dei suoi figli che osano avvicinarmisi? Uccido dove voglio e nessuno osa fare resistenza. Ho umiliato i guerrieri del passato e al giorno d’oggi al mondo non c’è più il loro eguale. Allora non ero che giovane e molle. Ora sono vecchio e forte, forte, forte, Ladro nelle Tenebre! » egli esultò. « Le scaglie della mia corazza sono come scudi dieci volte più possenti, i miei denti sono spade, i miei artigli lance, lo sferzare della mia coda una saetta, le mie ali un uragano e il mio alito morte! ». « Ho sempre saputo » disse Bilbo con uno squittio terrorizzato « che i draghi erano più molli nella parte inferiore, specialmente nella zona del loro… ehm… petto;
    …………………………………………………………………………………
    ma indubbiamente uno così fortificato come te ci avrà pensato… ». Il drago interruppe per un attimo le sue vanterie. « Le tue informazioni sono antiquate » scattò. « Io sono corazzato di sopra e di sotto con scaglie di ferro e gemme dure. Nessuna lama può trafiggermi! “. « Avrei dovuto indovinarlo » disse Bilbo. « In verità, in nessun luogo si può trovare l’eguale del Nobile Smog, l’Impenetrabile. Che magnificenza possedere un panciotto di diamanti purissimi! ».
    …………………………………………………..
    « Sì, è veramente raro e stupendo » disse Smog assurdamente compiaciuto. Non sapeva che lo hobbit aveva già dato un’occhiata al bizzarro rivestimento del suo ventre durante la visita precedente, e che non vedeva l’ora di guardarlo più da vicino per ragioni personali. Il drago si rotolò pancia all’aria. « Guarda! » disse. « Che ne dici? ». « Abbagliante! Meraviglioso! Perfetto! Integro! Impressionante! » esclamò Bilbo ad alta voce, ma quello che pensò dentro di sé fu: «Vecchio pazzo! Guarda che razza di macchia c’è nell’incavo della parte sinistra del petto, nudo come una lumaca fuori dal guscio! ». Dopo aver visto quel che l’interessava, l’unica idea del signor Baggins fu quella di andarsene. « Be’, non devo disturbare oltre Vostra Magnificenza » disse « o trattenerti dal riposo di cui hai certo bisogno. Penso che dar la caccia ai pony sia un po’ faticoso, quando si ricomincia a farlo dopo tanto tempo. E lo stesso è con gli scassinatori! » egli aggiunse come frecciata finale, schizzando via e dandosela a gambe levate su per il tunnel. Fu un’osservazione infelice: infatti il drago sputò fiamme spaventose dietro di lui, e per quanto risalisse di corsa il pendio, Bilbo non si era ancora allontanato abbastanza per trovarsi al sicuro quando la testa orrenda di Smog premette contro l’apertura dietro di lui. Per fortuna tutta la testae gli artigli non potevano infilarcisi dentro, ma le narici lanciarono fiamme e vapore infuocato al suo inseguimento, ed egli ne fu quasi sopraffatto, e continuò ad avanzare barcollando, in preda a gran dolore e paura. Si era sentito abbastanza compiaciuto dell’abilità mostrata nella sua conversazione con Smog, ma lo sbaglio finale lo riportò bruscamente a un maggiore buon senso. « Non farti mai beffe di un drago vivo, pazzo di un Bilbo! » disse tra sé e sé, e questa divenne una delle sue frasi preferite più tardi, e diventò proverbiale. « Non sei ancora arrivato alla fine di quest’avventura » aggiunse, ed anche questo era verissimo

  37. Come i Bambini amo credre in tutto, poiché nasce nel tutto per perdersi in un gioco a retroso….

  38. Perdersi per me significa ritrovarsi, incamminarsi… l’avventura delle Avventure…! RaFF… posso chiederti cosa intendi per esseri superiori? questi esseri sono luce all’infinito… perché son venuti a evolverci, quindi noi non siamo loro creature? Loro di chi sono creature, e se ancor si batton per le passioni altrui, non vivon loro stessi di passioni… la luce non ha più bisogno di Nulla, Poiché è il compimento in se…del tutto, quindi tutto ciò di cui si discute noi, che ancor siamo mortali, Lasciami passare questa espressione, “mortali nell’immortalità”… in Luce non più esiste… ossia la perfezione L’Armonia E’ Punto! ritorno delle scintille impazzite alla fonte, supereremo il logos, rientrando in lui, lui in noi, giungeremo a ciò che è invisibile, se non attraverso il suo Operato! Insomma, chi sono, cosa sono, cosa vogliono, non solo da noi ma da loro stessi??? Un ABBRACCIO, Carissimo Raffaele!!! perdonate l’orrore del mio scrivere, credo che il succo comunque sia comprensibile??? 😉

  39. L’aver amato,
    m’è costato
    l’esser ora
    smemorato
    sol ricordo
    l’amor per
    cui son
    mortale diventato
    ed or la paur mi coglie
    di dover Abbandonar
    quel che tanto ho Amato
    La libertà D’Amar, questa
    mia terra, profumato Giardino
    tanto grande è l’amor, Angelo
    e Demonio… che se stessa
    Supera nel Creator che la contiene!!

  40. quando l’ascolto è vero, nulla è la sofferenza, se pur per attimi…
    non cerco la verità nelle parole, Né il raggionar, egli giunge… cosi come il suo Contrario…! Nulla si può, se non tacere lasciandosi dal suo vento coccolare ristorare!

  41. Bravo, Giuseppe! Baci

  42. baci……Giuseppe 🙂

  43. Carissima Maaaaaaaaaapppp,
    rido ed ancora rido per le tue grintose scherzose parole……..

  44. Carissimo Giuseppe,
    e’ come disse Ermete “come sotto è sopra” perché quella batteria come è qui in questo nostro piano di consapevolezza è anche sopra.. Questo ti fa capire che quelle forze opposte sono sempre all’opera su ogni piano…
    Per similitudine, nel raffrontarci con un solo (dei tantissimi) dei più elevati piani di coscienza è come noi, nella stessa misura, ci raffrontiamo e ci paragoniamo con in nostri fratelli minori che da qui chiamiamo animali….

    Ti ricordi cosa scrissi…. “Spesso, nel dire comune, si dice che se hai un male, un problema dillo a tutti perché qualcuno di sicuro lo conosce, lo ha vissuto, lo ha risolto e potrà aiutarti e suggerirti come affrontarlo. Come si dice anche che se hai un bene, una verità e meglio che la tiene per te. Ma io, nella mia ribelle natura, non ho peli sulla lingua e mi sono chiesto: “allora perché non bisogna parlare anche e soprattutto del bene o di certe celate verità che qualcuno ha sperimentato nel proprio cuore e che vuole trasmettere, esternare senza nessuna egoistica intenzione?”

  45. Carissima Maaaaappppp,
    ancora penso al termine che hai detto “minchiatrix”,mi piace, e di sicuro sarà coniato come titolo della prossima ricerca che ho in mente di scrivere…. Grazie di vero cuore perchè di sicuro scriverò come titolo: “IL MONDO DI MINCHIATRIX” per diversificarlo dal mondo di Alice nel paese delle meraviglie. o dei balocchi….. o degli ammuccalapuna….

  46. Un Grazie sempre a Lei Prof, per questa Casa che mi ospita nella libertà, nell’educazione, nell’accettazione… ! questa è la casa del sapere, che cerca se stesso, non la si riconosce per l’erudita che vi ci abita dei suoi partecipanti, non solamente, ma per l’ Educazione, il Rispetto verso tutti!! Quindi ancora Grazie a Lei per questo luogo… ove se pur nel virtuale, i corpi si lasciano sentire….! Notte Professore, Notte a tutti! 😉

  47. Caro Giuseppe, sei sempre entrato, qu,i con grazia, educazione, sensibilità e dolcezza ed è grazie a te ed alle persone con le tue stesse inclinazioni d’animo che questa casa puà esistere… Dolce notte. Gabriele

  48. Ciao Raffaele, grazie per la tua come sempre gentilissima risposta! Tu fai bene, ora ho forse un po meglio capito la tua Diciamo Idea che è più di una Idea delle cose, é una verità, che io non mi permetterei mai di dubitare del tuo dire, cosi come del credo di nessuno! dico questo essendo felice che tu non tenga per te il tuo sapere! Il Bene non si tace, poiché è cosi forte da non poter esser taciuto, egli è come il sole che di continuo tende a scoppiar la sua fantastica energia… per noi tutti! Non si può tacere ciò che è Bene, poiché il Bene da se traboccherebbe lo stesso.. non appartenendo che a se stesso! era solo per capire, che ruolo tu attribuisci a questi si detti fratelli maggiori, tutto qui, ma i fratelli maggiori son sempre minori rispetto ad un qualche Superiore, op-puramente all’infinito creatore, di cui noi come api gustiamo gocce di quel suo miele! quindi noi serviamo a loro quanto loro servono a noi!!! ancora una buona giornata… possa il silenzio musicale addolcire, ciò che appare piccolo, rendendo noi felicemente piccoli, ma curiosi! questo lo aggiungo io non centra con la risposta a Raffaele: i tutori della legge, devono arrestare fermare ciò che ritengono reato, ed è giusto che sia cosi! A noi tocca per quanto sia possibile dire, con compassione, quanto di intrecci vi sono in una vita Umana, Comprendere quindi pur le diversità abissali, che sembrano separarci l’uno con l’altro, esiste il più saccente?, se è si grazie alla comparazione di cosa noi attribuiremo questo?, Quindi w L’amor nella sua pur innegabile difficoltà, viva la piccolezza, poiché, io sono uno Nell’uno! per tutte le volte che ho bisogno di comprensione, non mi tocca comprendere? Pazienza, la pazienza è uno ostacolo da superare sperando nella consapevolezza, cosi la pazienza diventa Umiltà!!! Questo è il mio credo, che cerco nella mia povertà di seguire, povertà dell’essere umano, per ciò non mi flagello, Né voglio o vorrei flagellare nessuno, se pure con le sole parole!!! Ancora, BUONA GIORNATA!!! Silenziosa, non muta, Amata Notte… Grazie!

  49. Ciao Raffaele, grazie per la tua come sempre gentilissima risposta! Tu fai bene, ora ho forse un po meglio capito la tua Diciamo Idea che è più di una Idea delle cose, é una verità, che io non mi permetterei mai di dubitare del tuo dire, cosi come del credo di nessuno! dico questo essendo felice che tu non tenga per te il tuo sapere! Il Bene non si tace, poiché è cosi forte da non poter esser taciuto, egli è come il sole che di continuo tende a scoppiar la sua fantastica energia… per noi tutti! Non si può tacere ciò che è Bene, poiché il Bene da se traboccherebbe lo stesso.. non appartenendo che a se stesso! era solo per capire, che ruolo tu attribuisci a questi si detti fratelli maggiori, tutto qui, ma i fratelli maggiori son sempre minori rispetto ad un qualche “Superiore”, op-puramente all’infinito creatore, di cui noi come api gustiamo gocce di quel suo miele! Quindi noi serviamo a loro quanto loro servono a noi!!! ancora una buona giornata… possa il silenzio musicale addolcire, ciò che appare piccolo, rendendo noi felicemente piccoli, ma curiosi! Questo che ora scrivo, non centra con il rispondere a Raffaele: i tutori della legge, devono arrestare fermare ciò che ritengono reato,male, ed è giusto “forse” che sia cosi! A noi tocca altrimenti, per quanto sia possibile, con compassione,Pensare riflettere, su quanti intrecci profondi compongono una sola vita o esistenza Umana, e non solo! Comprendere quindi pur le diversità che possono apparire “abissali”, le quali sembrano separarci l’uno con l’altro! Esiste il più saccente?, se e si, grazie alla comparazione co cosa noi attribuiremo questo?, Quindi W L’Amor nella sua pur innegabile difficoltà, viva la piccolezza, poiché, io sono uno, Nell’uno! per tutte le volte che ho bisogno di comprensione, non mi tocca forse comprendere? “Pazienza”, la pazienza è uno ostacolo da superare sperando nella consapevolezza, cosi la pazienza si tramuterà in Umiltà!!! Questo è il mio credo che cerco nella mia povertà, povertà assetata, dell’essere umano, per ciò non mi flagello, Né voglio o vorrei flagellare nessuno, fosse pure, con le sole parole!!! Ancora, BUONA GIORNATA!!! Silenziosa non muta,… Amata Notte… Grazie!

  50. Grazie di Vero Cuore Carissimo Giuseppe,
    per le tue sincere belle parole…. Sono le preziose persone come te che fanno e faranno sempre la differenza in questo mondo, e che come fu detto, erediteranno la NUOVA TERRA, la nuova Gelusalemme… Perché, in questo particolare finale tempo di tribolazioni e trasmutazione che porterà ad un cambiamento di coscienza, siete una rara perla, un grandioso indefinibile tesoro, il nuovo divino seme assai necessari per tutta l’evoluzione umana. Per questo divino proposito, ci vogliono esseri di buona volontà e soprattutto dal vero sincero cuore doro. Io, nella mia libera ribelle natura umana, ho un cuore, ma non è paragonabile al tuo grandioso amorevole cuore perché nell’essenza sono anche e soprattutto un guerriero, forse uno degli ultimi del carro, dei più sempliciotti o dei più stupidi di tutta la schiera degli immortali indefinibili guerrieri del SACRO ARCO, ma di sicuro, per questo libero ruolo, siamo anche consapevoli di batterci, in ogni tempo, anche e soprattutto per questi grandiosi umili divini esseri, come anche per ogni divino umile filo d’erba, o per ogni causa persa perché sappiamo che non sarà mai risolutiva, se la lotta sarà solitaria, e solo con un maggiore risveglio di quella coscienza collettiva si potrà arrivare alla santa meta. Diciamo che siamo una piccola scintilla che può accende un fuocherello che può diventare un fuco come anche un sole…. Ma il vero sole a cui aspiriamo (o almeno ci proviamo a risvegliare) è il sole interiore, il cuore degli uomini….

  51. Da una poesia /pensiero di Einar Askestad:

    Nella Montagna c’è una Grotta.Nella Grotta c’è un Essere Umano.Nell’Essere Umano c’è un Mondo. Dentro il Mondo c’è un Essere Umano.

    altrimenti tradotto più letteralmente così:
    Nella montagna c’è una grotta. Nella grotta c’è una persona.Nella persona c’è un mondo.Dentro il mondo c’è una persona.

    da cui si evince, almeno secondo, me che in quell’essere umano di quel mondo vi sia un’altro essere umano e così via…concatenati mondi..e sopratutto di ciò che facciamo è probabile si abbiano delle ripercussioni in ambito parallelo al nostro e che a chi sfugge che i nostri desideri e pensieri e azioni/pensieri siano come onde che lambiscono altre rive ed altri pensieri..e quando si incontra una persona speciale quella persona riverbera su di noi i suoi mondi e noi ci accorgiamo dei nostri..penso..

  52. allora i segreti sono “male”???
    Il bene è sempre evidente ??
    Il segreto della nostra nascita e la gestazione nel segreto della panza di mammà è ovviamente nel buio non si può certo andare a curiosare nel ventre di chi aspetta un figlio, bisogna sapere aspettare che nasca, altrimenti lo si uccide, così è per me il senso del segreto come quel seme che è in piena terra per fare le radici ed è al buio!!!!! ma non certo perchè è Male.
    Cioè voglio dire, ci vuole attenzione, delicatezza.No?
    C’è un tempo per il sole e un tempo per la luna, un tempo per il giorno ed un tempo per la notte..scorazzare con una pila da 100 megavatt durante la notte non farà che disturbare gufi e civette non mi darà “la verità” del giorno ma solo la pietra di misura della mia insolenza, umana certo umanissima e tutto quello che volete..ma c’è modo e modo e tempo e tempo..BOH’
    A chi raccontare a chi dire pure è importante.
    Come disse un tale “non buttare perle ai porci”
    (che le rivenderanno per acquistare carrube suppongo..)

  53. Ciao Carissima Maaaaappppp,
    con queste tue significative belle parole, hai aperto un taglio, hai gettato le fondamenta, uno spiraglio, una finestra verso i mondi paralleli, in cui l’essere si e DEFRAMMENTATO con tanti diversificati ruoli. Ruoli e circostanze che spesso ci rapporta il SENTIRE che senza voce e senza memoria spesso inconsapevolmente, nei nostri reali sogni o in stati di coscienza modificata, in parte ci riconnette a queste affine vibrazioni. Ti ricordi a tal proposito cosa ho riportato il quel mio strano primo scritto, in alcuni messaggio con Orazio? Immagina solo che ad oggi, ho canalizzato telepaticamente circa 4000 messaggi pari a 20.000 pagine di testo…. Dove si parla delle cose più semplici come delle cose assai impensabili alla natura umana che oltrepassano l’immaginario inimmaginabile. Comunque, non ti preoccupare perché resto ancorato sempre sui mie già tracciati passi terreni… seguo la scia del mio strano destino…..

    Se mi permetti, affermo che dentro l’essere umano c’è veramente un mondo, o meglio un universo nascosto a qualsiasi scienza o psicologia del profondo… per similitudine è come osservare la manifestazione di una particella d’acqua rispetto al grande indefinibile mare che in essa è contenuta…… Perché pensi che ho sempre affermato che c’è un DIO in ogni CUORE… certo è un dio inconsapevole, perché se forse perfettamente consapevole potrebbe con il solo pensiero, mutare la realtà, e siccome questa è assai necessaria per ritornare alla fonte di tutte le cose, ecco che l’essere ha celato la sua divina coscienza cosmica per un amore, per uno scopo più grande…. Ma di sicuro mi dirai perché di tanto male nel mondo… Non siamo i soli esseri in questo infinito universo….
    La vita è bella perché è varia, ed ognuno nel suo cammino raccoglie qualcosa di diverso rispetto agli altri.. per poi manifestarlo, affinché sia di insegnamento nel bene o nel male per le giovane anime che decidono di scendere nei mondi materiali……

    Tutto viene scritto il quel libro d’oro della vita, ogni minimo particolare, ogni coinvolgimento, ogni micro pensiero nostro o alieno che sia perché rappresenta il tesoro più grande… LA MEMORIA COSMICA CHE E’ LA FONTE DI OGNI CONOSCENZA SU CUI SI BASA LA DIVINA SAPIENZA CHE E’ PADRE/MADRE DI OGNI COSA…

  54. Carissima Maaaaaapppp
    Hai detto: “non buttare perle ai porci” e questo mi ricorda quello che scrissi a tal proposito….

    ☼ la Gnosi e l’illusorio Eterno Riposo

    …… E tantissimi altri messaggi, dettati al cuore di un padre che
    nonostante l’indefinibile grande dolore, l’inesprimibile grande distacco è riuscito a varcare la soglia, a ristabilire quel contatto quel ponte di arcobaleno e di grande amore, quel legame che ci lega ad immensi indefinibili amori che si pensava ormai persi e celati solo nei ricordi della nostra memoria. Credetemi tutto questo è possibile in virtù di quella vera forza che è celata nel cuore e che si esprime solo con immenso spontaneo sentimento di amore.

    Quella stessa forza che ha bisogno soprattutto di saggezza che nasce, si sviluppa e matura attraverso le conoscenze di quelle verità celate. Verità che la vita stessa ci dispone, ci dispiega, ci mostra lungo il suo sentiero. Conoscenze che sebbene rivelate, sono state celate sotto un nascosto linguaggio, perché giustamente non potevano essere rivelati a tutti, alle masse, al volgo così com’è nel comune dire, perché per un cattivo uso, per mancanza di consapevolezza, per non saperle usare avrebbero fatto scempio di tante verità.

    Non date perle ai porci disse un giorno Gesù e vi lascio immaginare anche al vero motivo, agli effetti nefasti e distruttivi, al grande abuso al grande caos che ne sarebbe derivato. Quelle parole spesso vengono facilmente fraintese e scambiate con l’ignoranza del volgo, mentre la vera ignoranza sta nell’arroganza di chi crede di sapere o di volersi imporre sugli altri fratelli. Solo l’umiltà di un nobile cuore che ha sacrificato il suo piccolo/grande destino per la Moira superiore può varcare quei cancelli dimensionali e cogliere l’essenza che la grande legge della sintesi e dell’analogia ci mostra al contemplativo cuore dall’alto della montagna, dove la percezione si apre a nuovi più ambi orizzonti della mente, del cuore e soprattutto dell’essere.

    In quelle poche parole dettate dal cuore di un grandioso maestro di luce d’immenso amore è celata la vera forza della conoscenza.

    Non parlo di quelle forze nucleari o atomiche di cui conosciamo già gli effetti distruttivi, ma di forze molto più grandi, d’indotte forze generatrici di caos, di quelle stesse forze che furono causa, che portarono alla distruzione del continente Atlantide e della gran parte dei suoi abitanti. Di quelle forze che furono attivate da pochi corrotti e malevoli uomini che per scopi egoistici, per scopi di potere avevano abusato di particolari oscure conoscenze occulte. Conoscenze che attraverso particolari riti evocativi potevano richiamare certe forze cosmiche oscure, forze che se non fossero state contrastate, frenate in tempo da grandiosi maestri di saggezza avrebbero distrutto tutto il pianeta Terra così come era già successo in un remoto tempo passato per il pianeta di luce il pianeta che esisteva in orbita nel nostro sistema solare MALLONA .

    Credetemi, sono tanti gli umani che in questo nostro tempo sebbene come un vago e nebbioso strano terrificante sogno ha uno sfocato ricordo di quella che fu allora la distruzione cosmica di una macrocellula che sconvolse tutto l’assetto del nostro sistema solare.

    Capite perché è giusto che il vero cammino d’ogni vero discepolo lungo il tortuoso sentiero della vita che conduce alle conoscenze alla gnosi, alla saggezza, al vero potere è un continuo saggio ricercare che porta ad un graduale e consapevole giusto riscoprire. Di riscoprire quelle verità che sono state tramandate,
    sono state dette o sono state scritte con un particolare universale
    linguaggio simbolico.

    Verità che sono state celate, nascoste apposta nell’intimo cuore di ogni essere, nella sua anima, nel suo stesso cuore affinché col tempo e nel tempo solo e solo usando come chiave di lettura il proprio cuore si potesse aprire quelle porte che conducono alle grandi verità. Verità che renderanno l’essere veramente libero di manifestare la sua Essenza e Umile Regale Divina.

    Questa è innegabile verità perché è nel dolce sentire e nel dolce capire di quella santa morale dei sacri insegnamenti del Cristo. Chi ama impara a non accontentarsi di sperare che il meglio si traduca in realtà perché quella speranza non gli è dovuta senza comprenderla, QUELLA SPERANZA CERCHIAMOLA SENZA PAURA CON LA VOCE DEL CUORE E DELL’INTELLETTO CHE DIO CI HA DONATO CON TANTO AMORE.

    Ogni continuo giusto saggio ricercare porta ad un consapevole graduale giusto riscoprire.

    E’ quanto si riscopre quella assai celata luce CRISTICA, che è anche e soprattutto LIBERTA’ perché solo con il COMPRENDERE ci si eleva oltre ogni male, allora quella libertà con tutte le dovute sagge parole deve essere anche trasmessa a tanti cari fratelli, affinché quel sentiero del ritorno non sia solitario, ma insieme a tanti perché alla fine TUTTI SIAMO FIGLI DI DIO E QUEL PADRE COME OGNI BUON PADRE AMA TUTTI I SUI FIGLI DAL PIU’ PICCOLO AL PIU’ GRANDE E TUTTI LI RIVUOLE NEL SUO
    REGNO CELESTE..

    ….

    Poi dissi anche che: TANTO PIU’ BREVE E’ IL SENTIERO TANTO PIU’ VICINA E’ LA META.

    E finisco con il dire:

    Altro che illusorio ed eterno riposo, c’è tanto lavoro da fare dall’altra parte del velo. Tantissimi equilibri da mantenere continuamente tantissimi esseri da sostenere, confortare, guidare e aiutare,in ogni piano di consapevolezza, tantissime scuole di saggezza da frequentare, tantissime pianificazioni da coordinare tantissime missioni da effettuare in questo ed in altri infiniti universi. Mi fermo qui, non vado oltre.

  55. caro Raf. io sono stata nella Sala dei Registri ed ho visto i libri ed il mio vero nome quindi non ho proprio niente da nascondere a me stessa solo ti dico si esiste, e quindi???
    Che si fa? Con molto umiltà io vivo come meglio posso con tutti i compromessi, quelli si mi pesano, rispetto a tante altre cose.
    Sappi quindi che non mi dici niente di nuovo, ed ognuno ha una misura generale ed una propria.Credo.

  56. Carissima Maaaaapppp
    ci sono visione che ti portano a capire e soprattutto a rivelare che domani pioverà…. Non tutti hanno certe conoscenze, e non tutti sanno cosa veramente voglia dire prendere l’ombrello… ma siccome siamo tuttuna cosa in quella rete di Indra, allora è meglio parlare di questa celata UNITA’ che da quì in molti ci hanno inculato che è separata…..

  57. Si caro RAF, ma ti ripeto non ho proprio niente di cui preoccuparmi, se non il mio comportamento qui e ora (nel senso di esistenza)in particolar modo, pechè sono venuta per imparare e il mio maestro sono io.
    Nel bene e nel male imparo solo da me.
    E da chi amo è ovvio.
    Se amo imparo se non amo non imparo.Non ho la facoltà nè l’applicazione di forzare le Conoscenze esse vengono a me quando è opportuno, nè prima nè dopo.
    E’ così che funziona per me.

  58. nel ventre delkla madre ciò che d’umano si alla nascita, alla venuta nel creato nel ventre egli è ancora nei pieni cieli…o iperspazio, Infinito, ove non esiste morte… né filosofia, poiché giunge dalla Risposta per nascere nella domanda! Cosi è, x L’ Anima Umana…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...