Mnemosine

Inviato da Maria Allo.

Mnemosine
Lascio l’ ombra dell’anima

screziata a fuoco dal vulcano

scolorita forse polvere a singhiozzo

Lascio coi miei libri preferiti

le pagine che odorano di sale

I versi senza timbro di respiro

svelano sogni a prova di maestrale

Lascio solo gocce di rugiada

che in Primavera ho carpito al prato

Non conosco altre stagioni

alla mia vita non un cielo

ad orizzonti dilatati

Mi sento nelle vene già il presentimento

e il rendiconto di un labile tramonto

Lascio il mio volto cadavere nella stiva

disteso in sogni lunghi non visto ma perduto

strano esiliato tra la gente

La strada si biforca a questo punto

andrò in cerca di quello ch’ è perduto

M.Allo

L’ottimista

L’ottimista vede la rosa e non le spine; il pessimista si fissa sulle spine, dimentico della rosa.

Kahlil Gibran

L’esperienza

L’esperienza è il risultato di un istinto per la vita.

Oscar Wilde

Non Incolpare Nessuno

Inviato dall’Innominato.

 
Non Incolpare Nessuno

Non incolpare nessuno,
non lamentarti mai di nessuno,
di niente,
perché in fondo Tu
hai fatto quello che volevi nella vita.

Accetta la difficoltà di costruire te stesso
ed il valore di cominciare a correggerti.
Il trionfo del vero uomo
proviene delle ceneri del suo errore.

Non lamentarti mai della tua solitudine
o della tua sorte, affrontala
con valore e accettala.
In un modo o in un altro è il risultato
delle tue azioni e la prova
che Tu sempre devi vincere.

Non amareggiarti del tuo fallimento
né attribuirlo agli altri.

Accettati adesso o
continuerai a giustificarti come un bimbo.
Ricordati che qualsiasi momento
è buono per cominciare e che nessuno é
così terribile per cedere.

Non dimenticare che la causa del tuo presente
é il tuo passato,
come la causa del tuo futuro sarà il tuo presente.

I tuoi problemi, senza alimentarli, moriranno.
Impara a nascere dal dolore e ad essere piú grande,
che è il più grande degli ostacoli.

Guarda te stesso allo specchio
e sarai libero e forte e finirai di essere
una marionetta delle circostanze,
perché tu stesso sei il tuo destino.

Alzati e guarda il sole nelle mattine
e respira la luce dell’alba.
Tu sei la parte della forza della tua vita.

Adesso svegliati,
combatti, cammina, deciditi e
trionferai nella vita;
Non pensare mai al destino,
perché il destino è il pretesto dei falliti.

 Pablo Neruda

Anima Animae 36

Gentilissimi amici,

nuova puntata di Anima Animae, la mia trasmissione in onda su Cinquestelle tv tutti i giorni alle ore 20:45 circa tranne il martedì. Vi ringraziamo per la partecipazione che ci mostrate con la quantità e la qualità delle opere che ci state spedendo alla redazione di Cinquestelle TV. Spediteci, è importante, insieme alle vostre opere una liberatoria che ci autorizzi a presentarle a titolo gratuito. In apertura di puntata leggeremo le liriche di Giulio Marchetti, per poi passare, per la seconda volta consecutiva, al romanzo “A morte lo shogun” di Dale Furutani, ed. Marco y Marcos. Ci lasceremo poi rapire da “La rinascita di Afrodite”, di Ginette Paris, ed. Moretti & Vitali. Buona giornata!

CONTATTI

Indirizzo: Anima Animae – Cinquestelle Tv, via Alberto Cadlolo, 90 – 00136 – Roma

Misteri nell’anima

Ci sono misteri nell’anima che nessuna ipotesi può scoprire, né nessuna intuizione può rivelare.

Kahlil Gibran

Sull’accidia, la noia, la malinconia

Queste malattie sono nell’uomo occidentale il riflesso spirituale della sua cultura e che Costantin Noica, filosofe romeno, amico di Mircea Eliade, Emile Cioran, Eugène Ionesco chiama “malattia dello spirito contemporaneo”, che ha perso non tanto Dio di cui molti lamentano inutilmente lo smarrimento, quando l’incanto del mondo che la nostra razionalità ha reso disincantato, e la nostra tecnica ha ridotto a pura materia da utilizzare, incapace, nella sua opacità, di rinviare a quel che potrebbe chiamarsi un riflesso dell’anima.

Umberto Galimberti

La persona depressa

Invece di essere attratta dal mondo esterno, di affrontare la propria esistenza e quindi di liberare energia, la persona depressa si lascia coartare dall’esterno, e di conseguenza si sente oppressa e schiacciata (questo è il significato letterale del termine “depressione”). Così facendo, limita l’energia. Non conosce iniziative individuali, ma soltanto richieste, non responsabilità, ma sensi di colpa. Contrappone alla presunta pressione esterna una contropressione, impedendosi di muoversi o di cadere; se cade lo fa involontariamente.

Peter Schellenbaum

L’educazione sessuale

Quando la Chiesa si libererà dall’ossessione sessuale avrà più tempo per parlare di Dio e più capacità di persuadere che Dio è amore. Non nell’accezione protettiva e consolatoria secondo la quale Dio ama gli uomini che ha creato e redento, ma nel senso che senza uno sprazzo di trascendenza, di cui Dio è la metafora, la sessualità perde la sua densità, la sua forza, il suo senso, la sua potenza. Questo bisogna insegnare ai giovani. E in questo deve consistere l’educazione sessuale affinché i ragazzi non si limitino alla pura meccanica dei corpi, ma sappiano al di là del possesso, e della loro appropriazione, leggere l’accadere di un mondo quale appare guardato con gli occhi dell’eros.

Umberto Galimberti