Il saggio

Il saggio sarà felice anche quando arrivano le sventure. Egli pensa: è necessario sopportarle e adattarvisi, perché questa è la vita.

Plotino

Annunci

37 Risposte

  1. ….. il saggio è saggio quando riconosce che prima viene l’Anima, e poi,..

    ….chissà…. forse l’ego nn è quel mostro che descriviamo…. ma un pò il difensore dell’ anima … l’ego
    ….forse la protegge …. forse l’ego è il corpo che fa esperienza… la materia lenta che conosce i limite della materia ….

    …. ogni esperienza che riconosciamo divina, diviene ancora Anima….. e la fa più grande …più ricca..

    perciò dico all’Innominato che ogni esperienza che fa soffrire, bisogna benedirla…. fa soffrire?: vuol dire che la viviamo con l’anima …… e per questo dobbiamo ringraziare la persona che sentiamo così profondamente dentro di noi anche se ci ha fatto soffrire…… perchè la sofferenza come la gioia è sempre condivisa da ambedue ….gli amanti

    Il saggio è la saggezza stessa……. lui ringrazia chi lo fa soffrire ..

    p.s. una bella frase che incoraggia, questa di Plotino, carissimo Prof.. con l’Amore che perdona , si comprende …si comprende ciò che si perdona ……..!

  2. Buon Giorno Carissimo Prof. Gabriele

    saggio è colui che riscoperto il suo già tracciato sentiero, consapevole attraverso l’osservatore che sta recitando una parte,in un attore, in una scena spesso anche scomoda, un parte che lui stesso ha previsto e pianificato in ogni minimo particolare da un piano di coscienza più elevato prima di ridiscendere in questo sentiero di vita. Tutti gli accadimenti, tutti i coinvolgimenti, tutte le sincronicità significative ci parlalo di questo viaggio, un viaggio che al pari di qualsiasi desiderio o aspettativa è assai molto più importante perché nell’insieme riguarda una vita intera….

  3. Diversi modi di essere saggio… NEL tempo, nel luogo in cui vive e se stesso: il microcosmo nel macrocosmo.
    Il saggio che si identifica con l’Uno:
    ” Quando il popolo non teme il temibile, arriva il grande terrore.
    Non restringere il luogo dove dimora, non stancarlo di ciò di cui vive. Infatti non se ne stanca proprio perchè non ne viene stancato.
    Perciò il saggio conosce se stesso, ma non si mostra; ha rispetto di se stesso, ma non si ritiene prezioso.
    Perciò scarta quello e sceglie questo.”
    Lao-Tzu

  4. Buongiorno professore.
    Maturità, buon senso, sapienza, intelligenza
    di fronte alla mala sorte spesso non servono.

    Buona domenica
    Mistral

  5. Caro Gabriele…non se mi passerai questo commento..ma so che cmq lo leggerai.
    Amo il blog, amo questo spazio sacro e nell’ambito di questo nostro mondo virtuale mi smebra di aver sempre agito con onestà, sincerità, lealtà e amore. Non sono perfetta e posso aver commesso degli errori. Ma sono stanca di tutti gli attacchi a persone di questo nostro blog…e anche di attacchi alla mia persona.
    Non mi smebra di essermi comporatta come Luigi ha detto nel suo precedetnte intervento…io stavo parlando in generale, come puoi verificare tu stesso, per la pace del blog. Con i miei interventi stavo solo cercando di portare pace e serenità e invece vengo ingiustamnete attaccata di essere astuta, falsa e non cos’latro. Passo sopra a tutto, e mi confronto con tutti e su tutto…ma anche io ho una mia dignità…
    Prif. sinceramente se Luigi non mi spiega e non si scusa con m non so se potrò davvero rimanere nel blo. Io desidero fare anima, dialogare, confrontramoi…non essere gratuitamnete insultata. questa volta mi sento ferita dentro….
    Un bacio caro prof

  6. Caro Gabriele,
    per me sei stato un maestro ed un amico, ma soprattutto hai trovato la chiave per aprire a me “l’altra me”. Mi hai preso per mano e mi hai accompagnata nei primi passi del mio viaggio interiore; le volte che sono caduta, tu ci sei sempre stato e, a volte anche con “coicidenze miracolose”, mi hai aiutato ad andare oltre, a “vedere” le cose sotto altra angolazione oppure a ritrovare il sorriso. Conservo nel mio diario tutte le tue risposte che sempre mi hai regalato….
    Grazie perchè oggi, anche grazie a te, sono una persona diversa, che sta trovando le proprie consapevolezze e sta affrontando senza paura i propri “nodi”…e soprattutto sono una persona che si relazione con Eros in maniera assoltamente nuova e non ha più paura di emozionare e di emozionarsi, di piangere o ridere.
    Grazie di cuore per tutto quello che mi hai insegnato…e me ne hai insegnate davvero tante di cose! Anche se di imparare non si finisce mai.
    Con tanto affetto, Bea.

  7. Cara Beatrice, mi dispiace molto per quello che sta succedendo. Provvederò. Continua a fare anima con noi. Baci baci

  8. Bea, mia cara Bea!

  9. Buongiorno, Gabriele carissimo! Un abbraccio grande come il Mondo… 😀

  10. forse piaceva che qualcuno continuasse a Rimanere, fuori, Ma sino a quando questo Blog è rimarrà un luogo Aperto, e non di Nicchia, allora vi parteciperò…
    come anima, la bellezza di questa casa è la libertà, il rispetto, non la casa per pochi “eruditi”, ma la casa ove si riconosce anima in tutti e tutto! Va bene L’arte della memoria ma anima si Nutre di vita propria, del vissuto della si detta conoscenza, questo faceva di Bruno Grande la sua capacità di Memoria, poiché era Vissuto, non solo capacita di un mezzo!!!

  11. Dice i Saggio: e L’ultimo chiuda la porta!!! nulla a che vedere con il cognome del nostro amato Professore!!! Super Gulp.?!?….

  12. Come hai ragione Carissimo Prezioso Giuseppe..

    Quante volte, e con quanti aspetti è ritornata quell’indefinibile COSCIENZA CRISTICA in questo martoriato mondo? e quante volte è stata veramente capita solo da pochi eletti nel cuore?
    Il grandioso Giordano come tutte le manifestazioni della sua deframmentata divina natura sempre, in ogni tempo ci ha parlato di INFINITI UNIVERSI E DI INFINITI MONDI…

    Perchè ancora tantissimi venerano un dio su una fantomatica inesistente croce?
    Perché ancor quella coscienza collettiva si fa abbidonare da un falso credo che non ha rimesso nessun male?

    Perché ancor quella coscienza collettiva dorme immersa in tantissimi condizionamenti e non va oltre le apparenze di un mondo illusorio fatto solo di sensi esteriori e di tanta ipocrisia?

    Per forza e per tantissimi equilibri cosmici riapparirà in questo tempo quell’indefinibile COSCIENZA CRISTICA, ma non per parlare più ai peccatori o ai potenti di questo mondo, tanto (essi prima o poi capiranno da soli) , ma per salvaguardare i veri umili amorevoli semplici grandiosi cuori, facile preda di esseri senza una vera coscienza, senza un cuore e spesso anche senza ancora un ANIMA… L’anima è il vero ricettacolo di DIVINA MEMORIA…. E’ nella memoria che l’essere ritrova se stesso, che ritrova tutti i sui divini aspetti, il demone come l’angelo della presenza ormai uniti in quell’aspetto unitario…. Sono i famosi guardiani sulla soglia citati da tanti saggi esseri di ogni tempo… I guardiani sono aspetti archetipali/trascendentali interiori di ogni essere, esseri che costruiamo ed impinguiamo noi stessi, vita dopo vita, abito dopo abito, parte dopo parte. Senza questi duali divini necessari aspetti, nessuna conoscenza, nessun bene, nessun male nessuna gioia, nessun dolore potrebbe essere trasceso in quell’equilibrio così tanto ricercato in ogni tempo….

  13. Ragazzi, che succede?

  14. Majò…scusa ti poso chiamare affettuosamente così?
    Anche io finchè la porta sarà aperta svolazzerò qui nel blog….con anima, col cuore. Nel rispetto di tutto e di tutti cogliamo questa singolare linbertà…di pensiero, di movimento, di essere noi stessi, quello che siamo e che voglaimo essere. Quì c’è libertààà e noi onoriamo questa libertà!
    Majò garzie ancora…forse via internet non nascono dei veri rapporti umani e quello che nasce spesso può essere precario ed indefinibile, ma permettimi di dirti che con me sie stato davvero un vero amico in questa situazione….amico virtuale ma pur smepre un amico….spero tu non ti offenda se ti considero un “amico blogger”; mi hai offerto sostegno e mi hai aiutato a rifettere…grazie di cuore….e questo fanno gli amici…siano essi reali o virtuali!
    Un abbraccio caro

  15. Valeria, mia cara Valeria!!
    Bimba Bea da una situazione spiacevole e poco carina, ha imparato qualcosa…..anche dalla sofferenza può nascere un fiore!
    nel buoi si può vedere l’invisibile.

  16. Caro Prof.
    grazie di cuore!
    Un affettuoso abbraccio

  17. “….E si torna a scendere in pista,
    un altro viaggio,
    e io sono qui,
    non perdiamoci più di vista nel coraggio,
    l’unica paura che resta del futuro
    è di non esserci.
    Tra sparare oppure sparire
    Scelgo ancora di sperare
    finchè ho te da respirare
    finchè ho un cielo da spiare
    Per sapere che sono vivo e sono qui….”

  18. Anche io penso che le sofferenze possano portare qualcosa di buono. Certo quando ci stai dentro è difficile vederla in questo modo, ma quando ne sai fuori allora solo allora se ne può apprerzare il potere salvifico o il suo potenziale di crescita.
    Forse il saggio è colui che, diversamente da noi comuni mortali, quando soffre non si lamenta, non blatera e non dispera…ma riesce a gioierne perchè sa già che da quelle sofferenze gli derivarà qualcosa di buono.
    Io penso che si possa perdonare non solo ciò che si comprende, ma anche ciò che non si comprende se il movente del perdono è l’amore…l’amore verso la persona che può aver commesso l’errore, l’amore e la comprensione verso chi sa di aver sbagliato e senza quel perdono si sentirebbe come persegiatato, pieno di seni di colpa…..il perdono è qualcosa che può cambiare l’esistenza….

  19. …Tea, dice la sofferenza condivisa…..Già perchè anche io la penso come te. Credo che a volte condividere i nsotri fardelli umani, morali e materiale con qualcuno ci aiuti ..soprattutto oltre a darci la possibilità di sfoigarci, magari poi l’altro ci aiuta a vedere le singoli problematiche da altra anmgoilazione….magari offre sotstegno, consolazione e amore….l’amore, forse non risolve i problemi o certi problemi, ma credo che l’amore sia necessario nella sofferenza e soprattutto nella sofferenza. Sentirsi amati quando si sta male è qualcosa che la differenza. Una parola, un sms, una mail, un breve ma intenso incontro….ammetto che per quanto mi rigurada queste “picole-grandi” cose hannno portato un raggio di sole nella tempesta più cupa…..
    Solo che mi chiedo se io sono stata in grado di aiutare, di illuminare il buio delle persone ame care, che amo, nelle loro tempeste?

  20. ”Anche io penso che le sofferenze possano portare qualcosa di buono.

    Solo che mi chiedo se io sono stata in grado di aiutare, di illuminare il buio delle persone a me care, che amo, nelle loro tempeste?”

    Carissima Beatrice….. sei un amore ….
    Riscrivo sopra queste due frasi estrapolate dal tuo ultimo intervento…… le trovo meravigliose…. la semplicità e la sintesi con cui espliciti ciò che provi, sono il tuo dono…..
    ………La prima frase la condivido all’ Innominato… perchè lui ha postato una poesia -di Anonimo- che esordiva con le parole ”vorrei nn averti mai incontrata” e , a mio parere, tu, Bea …. gli rispondi attraverso la seconda ……..perchè il dolore che strazia è quello che si prova quando chi ti lascia …. ti lascia credere che ti lascia perchè tu nn gli porti nulla di buono…. chi si riflette nell’immagine di se stesso nell’altro…..vede solo se stesso…la propria identificazione….
    chi ti lascia …..offeso da te (….da sè..) chissà se capirà mai che avrebbe dovuto ringraziare che il tuo amore gli ha consentito di riconoscere in sè qualcosa di diverso…perchè ciò che era non gli piaceva poi mica così tanto….. un Narciso ..non ti dirà quanto bene tu gli hai voluto…..quanta luce gli hai portato….neanche un grazie… perchè la luce che gli hai donato, gli è solo servita ad ammirarsi ancora di più….inconsapevole di tutto il resto (bellissimo!) di cui è parte….
    ma qualcuno è così….carissima Beatrice…..
    sembra che bisogna incontrarsi per forza nel cammino spirituale con simile ”identità’ ….per non rimanere bambini………..

  21. ”id entità” che fanno però capire e superare i vari Edipo ed Elettra.
    Grazie Professore ..

  22. Ciao Carissima Beatrice,
    spesso, nel relazionarci, cadiamo negli errori dei tranelli dei nostri stessi aspetti egoici. Spesso sono avventate mal interpretazioni che generano tantissima incomprensione….. L’albero si riconosce dai suoi frutti e non muta fiore, sapore, forma o colore dall’oggi al domani così facilmente perché ci voglio diversi eoni.. Scusandomi per queste mie parole con la tua preziosa persona… con sincero cuore, penso che dopo tantissime amorevoli sublimi poetiche parole che, il grintoso romantico e soprattutto scherzoso caro Luiggggione ha speso nei tuoi riguardi…. penso e ripenso che sia solo una questione di cattiva interpretazione……

  23. Scusa Raffaele e Tutti…. ma credo che nessun credo possa mai escluderne un altro……
    de Universo infinito et mundi….. ricordi…
    ….quindi? ogni mondo è aperto ad un divenire…..costantemente nel presente……. ogni persona fa i suoi passi, dentro il proprio sè che… è tutto il suo mondo..
    quindi non escludiamo …
    Innominato….. mancano i tuoi …sono sicura sudatissimi…… interventi illuminati…. o almeno espressi magnificamente..
    Maria Allo…. cosa succede? sta succedendo qualcosa? cosa? è colpa mia?

  24. io sono entrato, in questo Blog, con la massima umiltà, non lo dico per buonismo perché se toccato Dio che scanzi chi m’offende! Ma, ditemi, trovatemi un mio intervento magari stupido dal punto di vista del sapienziale dire, ma mai contro nessuno! DI questo, nessuno potrà trovare in tutto il Blog… Nulla, lo so lo dico da più post, ma è importante! POca sarà la mia conoscenza sapienziale, ma non il mio Rispetto verso chicchessia…!!! mi interessa poco la conoscenza, quanto m’interessa il rispetto verso ogni tipologia di persone, del loro dire, del loro carattere, et.ecc!!!

  25. il vento di scirocco
    sconvolge…
    portando afa
    è confusione
    cosi fa di tutte
    le cose che investe
    un suo pari, tutto
    è scirocco…
    cosi grida il suo
    fischio….
    tutto è Me, secondo
    Il MIO Soffiare!!!

  26. Cara Bea tu, e tutti potete chiamarmi come vi pare! non preoccuparti, questo è il nome che mi diede Amalia, che vorrei tanto poter rileggere! Un abbraccio a te!

  27. Non v’è bisogno di creare sofferenza dato che questa giunge da se nella dimensione Nostra! molto più difficile giungere la vera pace! quindi non vi è bisogno d’affaticarsi ad aggiungerne altra, poiché è più che auto sufficiente la sua Natura, certo si serve di Noi, mai sazia com’è!!! Umanità…. Umanità… chissà cosa vorrà dire questo suono con cui ci identifichiamo???

  28. Ogni uomo va rispettato, nel suo Essere più profondo, va accettato in quello che chiede verso la propria persona, senza se senza ma,… Poiché, non manca di rispetto colui che questo ricerca! IO sono fatto cosi!!!

  29. Cara Tea, quanto mi piaci, non perchè mi fai i complimenti, ma perchè sei solare e magica.

    I due post che mi hai scritto domenica o sabato, mi hanno deliziato, eri serena e hai scritto col cuore.

    Il cuore è il vero senso ascetico e primordiale della vita, quella vita che vince oltre l’ umano flagelato.

    il resto è noia.

    Teaaaaa, la ricordi la canzone di Califano ?

  30. senz’altro avrai scelto un buon video ……. forse lo vedrò..
    però…. quando sei sensibile ….. sei unico quando esprimi la tua profonda conoscenza dell’Essere ….umano.

    però…… non altrettanto, quando sei arrabiato….. ma riesci a farmi quasi ridere, quando ti arrabbi…… eheh

    grazie….. sei stato gentile …

    ma quell’analisi che ho sudata ……più di una tesi scientifica ….. è tutta sbagliata?
    ah, ma sì, dai, dimentico che tu sei tutto Sentimento….. quindi è inutile chiederti di confermare il tuo affetto per Bea? bisogna capirti ….al volo 🙂

  31. Tea cara, sei una lettetrice profonda dell’anima umano tu! Entri in contatto con ele anime e riesci a toccare quelle corde scoperte e sofferenti…
    E’ vero quello che hai scritto…io aggiungo solo che può anche capitare che a volte qualcuno voglia chiuderela porta in faccia a chi offre sostegno e amore perchè sa aprendo la porta, la porta sul suo cuore sarebbe in un certo senso costretto a smarcherarsi, a ri-velarsi e ri-lare se stesso e…magari molti hanno paura di essere mal giudicati o criticati. Ma credo che qui allora bisogna fare una netta differenza: aprirsi con qualcuno tanto per sfogarrsi non lo farei nemmeno io probabiolmnete, ma aprirsi con qualcuno che sai che ti ama,. che non ti giudica, che è pronto a essere la proiezione delle tue rabbie, ad ascoltare…bhè io allora tenterei la sorte…perchè aprirsi con chi ci ama più di se stesso non lo reputeri un rischio, ma una benedizione del cielo.
    Chi ama col cuore, forse non avrà la bacchetta magica per risolvere i problemi e annientare come d’incanto le sofferenze, ma può dare qualcosa di forse altrettanto importanto comprensisone, sostegnoe amore….e chi non ha bisogno d’amore? chi non ha bisogno di una carezza, di un abbraccio, soprattutto nelle sofferenze?

  32. Già l’accettazione di chi abbiamo davanti, caro Giuseppe. Io è una vita che lotto nella mia cerchia familiare per essere accettata per quello che sono e che lotto per far sì che tutti vengano/veniamo accettati senza se e senza me…ma pare un’impresa improba! Oggi sembra predominare la società dei “fatti a fotocopia”: se non sei come loro (e meno male per noi altri!) allora lo sbagliato sei tu….
    In ogni rapporto ognuno deve essere quello che è senza traviarsi per paicersi e per piacersi perchè così facendo con solo crea dei danni interiori a se stesso, ma anche nel rapporto con gli altri non sarà mai vero. Non amo le persone che mettono maschere per entrare in un certo giro o per far parte di una certa eleite….amo la genuità, la solarità…la sincerità….

  33. Carissimo Raffaele,
    tu dici cose giuste…spesso, soprattutto con la parola scritta, è facile fraitendere….
    Io questo lo capsico, tuttavia però credo sia anche opportuno allora che successivamente spiegare che quello che è stato detto, e forse mal interpretato, è stato frainteso. Il tutto si può fare con tranquillità ed eduzaione credo. Io sono una che è sempre disposta al colloquio, al dialogo, e sono smepre aprta anche al confronto con l’altro…e se sbaglio non ho vergogna a riconoscerlo e ad a ammeterlo…nel caso concreto però non ho avuto ancora un riscontro sereno…per cui sto qui, non porto rancore, la rabbia è ormai svanita…
    Quanto alle belle parole che Luigi mi ha dedicato so bene che me le dedicate col cuore e che erano vere e proprio in virtù di questo so che le cose brutte che succesivamnete mi ha invece detto erano dettate da qualche altro sentimento….e che forse il suo era solo uno sfogo, un proiettare la sua rabbia su di me…ed io questo lo accetto, lo accetto da chi considero amico, ma questa è solo una mia ipotesi, deve essere lui a dirmi che la cosa stava in questi termini e che l’affetto che tante volte ha dichiarato di volermi su questo blog ancora esiste e che siamo ancora amici.
    Io non ho problemi….ho già dimenticato l’incidente della scorsa settimana.
    Un bacio

  34. “c’erano altri come noi
    le storie della storia
    di polvere e di gloria
    uomini come noi
    ci furono degli altri poi
    storie senza una storia
    vite senza memoria
    uomini e non eroi.
    Prendimi le mani
    parla più che sai
    giura che domani tu ci sarai
    dammi le tue mani
    e ti porterò
    più lontano che potrò.

    Ci sono altri come noi
    all’alba di ogni storia
    tra pace e sparatoria
    uomini come noi.
    Stringimi le braccia
    dammi chi eri tu
    la tua faccia non mi lasci mai più
    aprimi le braccia
    e ci lascerò
    tutto quello che io ho
    un azzurro lungo un sogno
    che ci ha fatto vivere
    come un urli in mezzo al cielo
    vola e va da me a te
    e altri ancora come noi
    saranno nuova storia
    di resa e di vittoria
    uomini e forse eroi
    toccami sul cuore
    spiegami com’è
    che si nasce vive e muore perché
    tienimi nel cuore
    e saprò cosi’
    che vivrò per sempre li
    un azzurro lungo un sogno
    che ci ha fatto vivere
    come un urlo in mezzo al cielo
    vola e va da me a te
    quell’azzurro lungo un sogno
    vola e va da me a te”

  35. arriverà, l’estate
    arriverà!
    Ora che il tempo delle
    piogge a dissetato
    la campagna…
    ha lavato la polvere
    che soffocava
    l’ossigeno
    Ora è tuo il
    Tempo…
    è tempo
    delle magie
    d’amore
    tempo
    di docili
    inganni
    ristoratori
    dell’umido
    Ora è tempo
    D’Estate!!!

  36. Grazie Carissima Beatrice,
    Grazie per aver capito che spesso anche in noi stessi c’è lo specchio degli altri fratelli…
    Spesso basta solo identificarsi negli altri e cercare di capire per MOTIVARE, PER GIUSTIFICARE che ci sono circostanze che ci fanno parlare o agire in un modo che da fuori può sembrare una opposizione uno stato d’animo che spesso non è in armonia con noi stessi… E’ qualcosa che fa parte della nostra duale natura umana. Ma nell’essere c’è qualcosa di assai infinitamente più grande che bisogna ricoprire, il tramite, il grande trainer è il DAIMON (lo scudo protettivo che ci permette di relazionarci e di confrontarci nel mondo delle apparenze), è il grande osservatore che spesso ci induce a superare tutti gli aspetti egoici che convivono in noi stessi , affinché, nel tempo possiamo riscoprire anche l’angelo della presenza che è presente nel nostro cuore…… Questa è la manifestazione duale nel mondo fenomenico della materia più densa che ci permette di riscoprire l’essenza della divina esserica natura dell’essere UNO CON IL TUTTO. Quell’indefinibile coscienza cosmica che da qui, inconsapevolmente, secondo il condizionamento ortodosso ci hanno fatto credere che fosse il grande tentatore, il SATANA, colui che fu anche chiamato LUCIFERO, che in effetti no si ribellò alla legge dell’UNO CREATORE, ma alla legge di GIOVANI DEI (provenienti da un altro mondo),. Lucifero in effetti è PROMETO, il vero portatore di luce, colui che fece dono del simbolico fuoco INTERIORE, colui che instillò geneticamente la scintilla divina di quell’intelligenza degli Dei, nei primati LULU, colui che fu incatenato per tutto questo, colui che era venuto da un altro piano esistenziale, da un altro ciclo assai più evoluto, una deframmentazione multidimensionale, un raggio di quell’indefinibile essenza che fu anche chiamata THOTH… Colui che discese (e non fu una caduta,ma un divino scopo) in questo mondo per equilibrare nel tempo gli aspetti evolutivi in questo cosmo, affinché nel tempo potessimo risvegliare quell’indefinibile coscienza unitaria per squarciare attraverso il buio e la luce i veli illusori della nostre infinite esistenze. Affinché potessimo nel tempo lineare, entrare in quell’aspetto quantico dello spazio/tempo dove l’attore diventa consapevole ed in sinergica unione con il suo personale osservatore/spettatore possa reintegrarsi nel vero regista, lo SPIRITO IMMORRTALE, PURA ESSENZA COSMICA, PURA LUCE, PURE VIBRAZIONE DI QUELL’ASPETTO UNITARIO…

  37. Ciao Carissimo Giuseppe,
    in ogni realtà ciclica c’è il buio come c’è anche la luce… ma come tu ben dici, bisogna anche sperare, proiettare i propri amorevoli pensieri verso il bello, il giusto, il buono ed il vero anche nel buio della notte per cogliere la radiosa luce delle stelle e aspettare la nuova radiosa luce che presto si manifesterà dentro e fuori di noi augurandola anche e soprattutto ai nostri fratelli, compagni di viaggio in questo sentiero che da qui chiamiamo vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...