Eros

E’ il demone Eros che appicca fuoco alla mente e attrae l’uno verso l’altro due corpi come un magnete. Corpi che sono a volte grottescamente male assortiti. Poi quand’è finita, quando si abbatte la catastrofe, quei due si danno la colpa a vicenda. “Seduzione”. Ma l’unico al quale dare la colpa è Eros, che prova grnde, grande piacere nel pensiero!

James Hillman

Annunci

22 Risposte

  1. Se ciò che chiamate Amore è solo lussuria, quello è soltanto uno stato, che può estinguersi.
    L’Amore, invece, non muore.

    Joseph Campbell

  2. SONO FOLLE DI TE, AMORE

    Sono folle di te, amore
    che vieni a rintracciare
    nei miei trascorsi
    questi giocattoli rotti delle mie parole.
    Ti faccio dono di tutto
    se vuoi,
    tanto io sono solo una fanciulla
    piena di poesia
    e coperta di lacrime salate,
    io voglio solo addormentarmi
    sulla ripa del cielo stellato
    e diventare un dolce vento
    di canti d’amore per te.

    Alda Merini

  3. Cara Map,
    ma quando torni da questa vacanza intorno al globoooo????
    Ma in che parte del mondo sei???
    ….se trovi una connessione, fatti vivaaaa!!!!!
    Un caro abbraccio

  4. 😀 ehi Map…… Maaaaaapp…….. Dacci la Map.. ………. una cartina…. del tesoro…. 😀
    Baci per Map

  5. Forse ricorderai (P.Neruda)

    Forse ricorderai quell’uomo magro
    che uscì dall’oscurità come un coltello
    e prima che sapessimo, sapeva:
    vide il fumo e decise che veniva dal fuoco.
    La pallida donna dalla chioma nera
    sorse come un pesce dall’abisso
    e tra i due levarono contro l’amore
    una macchina armata di denti numerosi.
    Uomo e donna divelsero monti e giardini,
    scesero ai fiumi,
    s’arrampicarono pei muri,
    spinsero sui monti la loro atroce artiglieria.
    L’amore seppe allora di chiamarsi amore.
    E quando sollevai i miei occhi al tuo nome
    il tuo cuore d’improvviso dispose la mia strada.

  6. … E William Shakespeare…

    Sonetto 133
    Maledico quel cuore che ferisce
    profondamente sia me che il mio amico!
    Perché non le basta il mio, ma incattivisce
    nel rendere schiavo anche il mio amico?
    Ma a me stesso il tuo perfido occhio hai tolto
    e l’altro me stesso hai presto catturato;
    da lui, da te e me sono ormai distolto:
    tre volte tre frustrato e tormentato.
    Cattura il mio cuore nella tua cella,
    perché possa riscattare il mio amico;
    sarò del suo il custode, ma di quella
    non avrai potere, è questo che ti dico.
    Però ci riuscirai perché io chiuso in te
    sono per forza tuo, ed è tuo ciò che è in me.

  7. “ Sonetto XXXV “
    Per paura che troppo facilmente
    ti conosca, tu giochi con me.
    Per nascondere le tue lacrime,
    mi acciechi con scoppi di riso.
    Conosco, conosco la tua arte.
    Non dici mai le parole che vorresti.
    Per paura che io non ti apprezzi
    mi eludi in mille modi.
    Per paura che ti confonda
    con la folla, ti metti in disparte.
    Conosco, conosco la tua arte.
    Non cammini mai per la strada che vorresti.
    Tu chiedi più di tutti gli altri,
    per questo sei silenziosa.
    Poi con scherzosa indifferenza
    rifiuti tutti i miei doni.
    Conosco, conosco la tua arte.
    Tu non accetti mai ciò che vorresti,
    (Tagore)

  8. “…Mi hanno fatto innamorare gli occhi verdi di tua madre…” … 🙂

  9. Cara Valeria, grazie per i tuoi numerosi e interessanti contributi. Tutti, in questo blog, si danno da fare. Lo apprezzo molto. Baci

  10. Tea cara….
    allora andiamo noi alla ricerca di Map?!??
    Fatti trovare al porto che tra un pò salpiamo….
    ma per dove? Mappppppppppppppp stiamo arrivandoooooooooooooo

  11. Caro, il mio prof! Baci

  12. Beatrice non va al porto, ma è il porto che va da Beatrice 🙂 ….. Forse Maap è a Lis….bona …..? tra porto e Ma…teus … ….. 🙂

  13. …… seguiamo Maap ci condurrà, ci porterà al tesoro
    dell’isola ; -) di Manhattan…….. ?

  14. Tea…sto letteralmenete piangendo dal ridere!!!!!
    Sei fortissima…..
    vabbè, Mappppp se lasci qualche saassolino, se ci dai qualche indizio ti seguiamo……
    ….Maaaaaaaaappppppppppppppp,
    detto alla romana, man dò stai???
    Baci cara Tea e anche a te Map

  15. …scusa Tea,
    ma all’isola del tesoro, cè anche qualche bel principe??? o non so qualche bel marinaio..
    insomma la cosa non guasterebbe…..hahahaha

  16. Una visione “incestuosa” dal titolo “Inesorabile (Respiro)”…
    ———————————————————————
    Inesorabile (Respiro)

    (Inspirò.)

    Il fumo d’oppio le strisciò nella laringe,
    giù attraverso la trachea
    e si raccolse in spire dentro ai polmoni
    dove sarebbe rimasto,
    il respiro tra le fauci,
    non più di una manciata d’istanti,
    quanto gli occorreva per divorarlo.
    Doveva sbrigarsi.
    La corsa.
    La nebbia.
    L’urto.
    La testa che le si spaccò sulle sbarre.
    La materia grigia che fuoriuscì copiosa,
    che prese le sembianze di un vecchio.
    Era la scena di sempre.
    Di nuovo l’orrore.
    Di nuovo la furia.
    Di nuovo una morsa attorno al suo collo.
    Un pugnale, stavolta.
    Glielo piantò fitto nel collo.
    Il vecchio lasciò di colpo la presa.
    Arretrò di qualche passo.
    S’arrestò.
    Un fiume di sangue cominciò a sgorgare dalla aorta recisa.
    Gli imbrattò il petto,
    il ventre,
    le vergogne.
    Gli corse giù per le gambe,
    giù fino ai piedi.
    Strisciò sotto al cancello, fino a lei.
    Le risalì i piedi,
    le gambe,
    fece un’ansa attorno alla vulva.
    S’incanalò tra le natiche,
    risalì la schiena,
    biforcò voltando in direzione dei seni.
    Ne seguì le curve,
    vi passò nel mezzo,
    quindi riempì la fossa del giugulo.
    Straripò sul collo,
    penetrò le orecchie,
    le fu in testa inesorabile.

    (Espirò.)

    (di Luigi Roscigno)

  17. William Shakespeare

    “Se proprio devi odiarmi
    fallo ora,
    ora che il mondo è intento
    a contrastare ciò che faccio,
    unisciti all’ostilità della fortuna,
    piegami
    non essere l’ultimo colpo
    che arriva all’improvviso
    Ah quando il mio cuore
    avrà superato questa tristezza.
    Non essere la retroguardia di un dolore ormai vinto
    non far seguire ad una notte ventosa
    un piovoso mattino
    non far indugiare un rigetto già deciso.
    Se vuoi lasciarmi
    non lasciarmi per ultimo
    quando altri dolori meschini
    avran fatto il loro danno
    ma vieni per primo
    così che io assaggi fin dall’inizio
    il peggio della forza del destino
    e le altri dolenti note
    che ora sembrano dolenti
    smetteranno di esserlo
    di fronte la tua perdita.”

  18. >>Il Sovrano del Tempo<<

    Dimorò tra di noi finché non realizzò che non poteva essere questo il luogo dove avrebbe abitato felice. La verità è che a furia di riflettersi nella mutevole realtà del Mondo aveva cominciato a intristirsi. Un posto in cui la vita assomigliasse un po' più all'Eternità, di questo aveva bisogno.

    (di Luigi Roscigno)

  19. >>Credo da orfani<<

    Ficcato in testa aveva l’insolito credere che al Mondo esistesse una legge segretissima, sconosciuta a molti, e secondo la quale a ciascuno fosse concessa, anche se per una sola volta nella vita, l’oppurtunità di scampare alla propria fine.

    (di Luigi Roscigno)

  20. >>Forte, un abbraccio<<

    Al punto che ciascuno sentì il cuore dell'altro bussare alla porta del proprio.

    (di Luigi Roscigno)

  21. … Proteus Mirabilis… ad Aristeo…

    Dal IV Libro delle Georgiche di Virgilio:

    ” Seguitando, del miele aereo il dono celestiale descriverò.
    Considera, o Mecenate, anche questa parte . Spettacoli per te
    ammirevoli di piccole cose: i magnanimi condottieri, di tutta
    una gente, per ordine, i costumi, le cure, le comunità e le lotte
    mi accingo a cantare. Per lieve cosa grande fatica; ma non
    lieve la gloria, se mai i nomi ostili lo permettono e ascolta la
    mia invocazione Apollo.
    All’inizio una sede per le api e un quartiere bisogna cercare,
    dove i venti non abbiano accesso (perché i venti impediscono
    il trasporto del cibo nella casa), e le pecore e i capretti ruzzanti
    non calpestino i fiori, o vagando una giovenca per il campo
    non scuota la rugiada dai rami e non calpesti l’erba nascente.
    Siano lontane anche, con le loro macchie sui dorsi squamosi,
    le lucertole dalle ben fornite stalle delle api, le meropi e altri
    volatili e Procne, sul petto chiazzata da mani cruente . Essi
    ogni cosa per largo tratto devastano e le stesse api in volo col
    becco afferrano, dolce esca per i loro covi crudeli. Invece le
    limpide fonti e stagni verdeggianti di muschio siano vicini, e
    sottile in fuga tra l’erbe un rigagnolo; una palma l’ingresso o
    un grande oleastro ombreggi. Così, quando per la prima volta
    i nuovi re guideranno gli sciami nella primavera che è fatta
    per loro, e godranno di aver lasciato i favi le giovani api, vicino
    la ripa le inviterà a ritrarsi dal caldo, e pronta le accoglierà
    con la fronda ospitale la pianta. In mezzo all’acqua,
    stagnante o scorrente, getta di traverso salici e grosse pietre,
    affinché su ponti frequenti possano sostare e le ali stendere al
    sole estivo, se mai, mentre indugiavano, le spruzzò o improvviso
    in Nettuno le immerse l’euro….” […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...