Invito a riflettere: un mio parere

Secondo voi, da un punto di vista psichico, cosa vuol dire risorgere? Sul vero significato, a parer mio, vi passo quanto mi ha scritto la nostra amica Antonietta: “Resurrezione è liberarsi dalle catene (psichiche) e vivere senza blocchi (interiori)”.

Grazie per i tanti e interessanti commenti che mi sono arrivati. Un abbraccio.

Gabriele

Annunci

84 Risposte

  1. Come donna..ho imparato a risorgere parecchie volte, anche se ogni volta non mi ha regalato l’immunità dalla morte.
    Risorgere è ricevere quella spinta verso l’alto pari alla forza che ne ha causato il tonfo.
    Risorgere è trovarsi inondati di luce che non sapevamo di possedere.
    Risorgere è guardarci allo specchio e vedere un lampo di vita, di creatività nei nostri occhi.
    Risorgere è sentirsi come un seme che interrato trova l’energia per bucare la terra e germogliare..
    Risorgere è credere ai sogni come possibilità.
    Risorgere non è automatico…ci vuole coraggio molto coraggio.
    Vera

  2. Caro Gabriele
    Penso di si, ma non sono sicuro, se la profondità di anima diventa una qualità del carattere della personalità,se si coltiva penso che si risorge dalle proprie zone d’ombra.
    Con affetto
    Il viandante

  3. ….prendere la nostra barchetta, lasciare gli ormeggi di un porto assolato e dalle acque calme e intraprendere una rotta “speciale”, non complata da alcuna cartina geografica: entrare nel buio dell’anima, avventurarsi nell’interiorità oscura,
    dimenarsi con forza d’animo e coraggio tra gli spettri di noi stessi e tra le ombre, quindi sempre immersi nel buio cercare-trovare-affrontare un grumo psichico, un nodo interiore e, nonostante le difficoltà, nonostante le tremende sofferenze che questo viaggio (queta immersione) comporta, riuscire ad uscire da questo buoi e tornare alla luce avendo “illuminato” almeno quel “tale” nodo psichico causa di sofferenze, depressioni, o traumi o quant’altro.
    Insomma scendere negli abissi buii e riuscire ad illuminare almeno una piccola parte della nostra oscurità e, dopo essere riusciti in questa già titanica impresa, riemergere e tornare alla luce ….per me questo significa “risorgere”.
    In pratica risorgere dalle nostre ceneri…..

  4. Refuso:
    complata sta per
    CONTEMPLATA

  5. Risorgere è respirare il profumo che connette le cose.

  6. saper conoscere le zone d’ombra…trasformare le stesse, ossia prenderne coscienza conoscenza… aprire quel varco della Conoscenza, sapendo ciò che protegge da ciò che va compreso, la zona d’ombra è la paura spesso di conoscere, quella che blocca la psiche cosi, la nostra vita! ci sarebbe tanto altro… per il momento di fretto e furia, mi soffermo a questo…

  7. fare nuova ogni cosa ossia l’arte della memoria l’arte del cambiare riconoscendo le nostre parti ombra, la capacità di risorgere di crescere non solo intellettualmente, riuscire pian piano a trasformare ciò che induce a star male per poca conoscenza, facendo un esempio banale stare male con se stessi, trovando come scusa un pretesto qualsiasi per scaricarci contro qualcuno di solito persone care! Prendere coscienza di ciò del proprio mal essere senza, più scaricare il tutto contro terzi creando in questi la causa del nostro mal essere, sapendo che cosi non è! Quindi Imparare a riconoscere per primo questo con se e con gli altri, pur parlandone, invece d’aspettare d’esser scontrosi! Questo è un piccolo risorgere, ma è sempre una rinascita! forse dalla fretta non ho reso bene l’esempio, spero di si, ma è il più piccolo degli esempi!!!

  8. già riconoscere seriamente le zone d’ombra è una Resurrezione,… continua….

  9. ogni qual volta la conoscenza dentro di noi diventa parte di verità in noi ci trasforma, non importa misurare l’entità di tale conoscenza, che poi è, Noi è, gli esseri in Noi, la ricerca che va svelata, o giocata!

  10. perdonate l’accento dove non va…eeeheeehee… :))

  11. Quando d’ogni ombra si riconosce il sole! imparando senza fretta a vedere in questo sole…

  12. ricomporre i pezzi di un corpo dilaniato sulla croce della vita, riconoscerlo ed amarlo, alzare gli occhi verso l’alto.
    buona pasqua aTe, Gabriele e a tutti i compagni di blog
    matteo

  13. per me risorgere significa semplicemente tornare ad amare, non aver paura di uscire dal guscio, in cui a volte ci si chiude, e provare, ancora e sempre, meraviglia per tutto. Sentire dentro tutta la forza della vita che rigenera l’intero nostro essere e ci fa sorridere di nuovo.

  14. Serena Pasqua anche a te, caro Matteo

  15. Caro Matteo, grazie!
    Auguro anche a te una serena e radiosa Pasqua!
    Bacioni , Bea

  16. Già, cara Olga, “meraviglia” per tutto e verso tutti! Finchè si riesce a provare MERAVIGLIA significa che riusciamo ad emozionare ed emozionarci, e questo significa che “viviamo”, che seguimo non la bruta e cinica “ratio”, ma gli impulsi del nostro “cuore”.
    Ti mando un grande grande abbraccio e
    ti auguro una Pasqua serena e ricca d’amore!

  17. Caro Giuseppe,
    condivido quello che hai scritto…
    la rinascita è quella che ha descritto tu!
    Ti auguro con tantissimo affetto
    una Pasqua serena!
    Un abbraccio, Bea

  18. Caro Gabriele,
    con tantisimo affetto e tanta gratitudine ti auguro di trascorerre una Pasqua serana e radiosa!
    Auguri di cuore per la loro simpatia e il loro lavoro anche a Silvia (Guida) ed Agidio!
    Con tantisimo affetto, Bea.

  19. Che sia la vera luce pasquale dell’anima a far scendere dal quella falsa la croce quel divino essere che non morì sulla Golgota.
    Che sia la vera luce pasquale dell’anima a risvegliare la vera coscienza ed il cuore duro cieco e sordo di tanti..

    Una Buona Santa Pasqua Carissimo Prof. Gabriele, ai sui preziosi collaboratori e a tutti gli astanti di questa meravigliosa illuminante casa.

  20. Cara Beatrice, grazie da tutti noi. Serena Pasqua anche a te! Baci baci

  21. Carissimo, una Buona Santa Pasqua anche a te da parte mia e dai miei collaboratori. Baci baci

  22. Auguri a tutti care amiche e cari amici: con tanto affetto auguro a tutti una serena e santa Pasqua!!

    Auguri per una serena Pasqua anche a quelle amiche e quei amici che in casa-blog sono stati solo di “passaggio”…e che cmq ci hanno offerto amicizia, affetto e allegria….

  23. Luigioneeee (zanna), Winah, Celeste e Anna Giordano…..
    dove siete finiti/e????
    Vi auguro con tanto tanto affetto una Pasqua serena, allegra e piena d’amore!!! Bea

  24. Già, dove siete finiti? Io e i miei collaboratori del blog ce lo chiedevamo proprio in questi giorni. Innominato, hai risolto le tue questioni? Speriamo di risentirvi presto e buona Pasqua! Gabriele

  25. AUGURI DI BUONA PASQUA; CHE SIA L’AMORE A VINCERE SULLE DISPUTE D’OGNI GENERE, CHE SIA LA RICERCA DELL’AMORE… a VINCERE SULLA VERITÀ STORICA, CHE È BEN POCA COSA, SAPENDO CHE LA SETE PARTE DA DENTRO NON DA CIÒ CHE È O NON È STATO! L’AMORE RISPONDERÀ AD OGNI COSA! CON QUESTO AUGURO UN BUONA SANTA PASQUA A LEI PROFESSORE, E A TUTTI GLI AMICI DEL BLOG!!

  26. Caro Giuseppe, sono d’accordo con quello che dici e buona Pasqua anche a te! Baci baci

  27. Grazie Bea, per il tuo sano pensiero, nei miei riguardi.

    Io amo il glob, del grande Gabriele, che saluto, a te in particolare perchè la tua sensibilità è tersa, vera e supera la cattiveria umana. Auguri e baci.

    Bea, guarda il fascino e la bellezza di questo video.

  28. se tutto quello che in modo diligente, affermiamo è più di una conoscenza diventando verità ri-svelata in noi, impressa a tal punto d’averci cambiati in meglio, allora ecco che la resurrezione continua ha avuto ed ha esito! non vi sono piccoli passi né grandi passi, vi sono solo Passi… verso la resurrezione continua, non certo facile,… l’importante è l’essere in cammino, riposando di tanto in tanto sotto la sana ombra del grande albero!!!

  29. Caro Raffaele, se una persona ti vuole veramente bene, dovrebbe molto pregare per te.

    Ti vedo e ti sento male. Il tuo sapere non mi invoglia… mi rattrista… non mi fa vedere MAI la Luce.

    I tuoi scritti sono senza fine e senza un’ oasi, mi portano, ognivolta, nel cuore di un oceano e non mi fanno mai vedere la Terra… .

    Mi lasci sempre fra le onde… . Ti scriverò stasera o domani.

  30. baci baci baci colorati serenità ed amore per una
    santa Pasqua

  31. rinascere significa ascoltare il suono nuovo della propria voce ed in essa riconoscere il suono dei mille ruscelli che ci compongono in armonia ………seriamente amarsi

  32. …..e sentire il proprio calore e adorare la propria forza

  33. Caro Luigi,
    è bello ri-trovarti! ….allegro come sempre!
    Baci

  34. “Solo l’amore, con la vibrazione delle sue folgorazioni, può favorire quel cedimento della mente che è necessario, perchè la roccaforte della ragione, a differenza del cuore, è incapace di sfiorare la verità senza possederla. (…)
    Ai confini tra il corporeo e l’incorporeo, amore abita la reciprocità dello sguardo, del sorriso, della voce, del gesto, del movimento. Un sorriso che non è contrazione ma offerta, uno sguardo che apre insicuro la strada del desiderio in cui si riflette l’unicità dell’evento, una voce malcerta in cui è tutta l’immediatezza sensibile, l’incarnazione della parola, un gesto in cui la grazia che è ritmo della bellezza chiama tenerezza, mentre un movimento che accenna una timida disposizione di danza allude a un’impercettibile gioia nascosta.
    Il corpo desiderato articola il desiderio in promessa dischiudendo quella nudità che è polifonia di linguaggi, incessante passaggio dal linguaggio della visione a quello del tatto, dall’ebrezza della chiamata all’estasi della partecipazione. E’ una nudità che nasce senza decisione, come la luce nello sguardo innamorato. E’ la rinuncia alla vergogna come ultima autodifesa, oblio della misura, perfetto disarmo della consegna di sè”.

    Umberto Galimberti “Le cose dell’amore”.

  35. Caro Innominato, sono contento di risentirti. Le colombe che mi hai inviato sono squisite! Grazie ancora e tanti auguri di buona e serena Pasqua. Baci

  36. Ciao Carissimo Luiggggggione,
    trovando spunto per salutarti con tanto calore…. mi soffermo sulle tue parole…

    Il tuo sapere non mi invoglia… mi rattrista… non mi fa vedere MAI la Luce, I tuoi scritti sono senza fine e senza un’ oasi,mi portano, ogni volta, nel cuore di un oceano e non mi fanno mai vedere la Terra. In primis non sono un uomo di sapere, ma un guerriero, poi non fuori, in nessun oceano sono paragonabili i mondi interiori dell’essere.. Ho sempre detto che spesso e necessario, anche con grande dolore mettere in discussioni soprattutto se stessi. Perché se la ricerchi scopri che la verità fa anche male, ma è anche imparziale, impersonale come il sole e deve prima passare per tanti perché, per tanti dubbi che richiedono risposte e non solo facili apprensioni di quello che ci raccontano gli altri, anche amorevolmente……

    La vera luce è dentro ogni cuore e non solo fuori…… Scoprirla per metterla in manifestazione e la vera meta….. Non sono sole le parole che creano la grandezza, ma la via sperimentale, la via pratica che passa per il cuore ed anche per la spada quando è richiesta……

    Una Buona Santa Pasqua Carissimo Luiggione,
    Una Buona Santa Pasqua Carissimi Amici e Carissime Amiche del Cuore.

  37. Il vero amore porta sempre con sé tristezza.

    È inevitabile, perché l’amore crea un contesto che permette al tuo essere lo schiudersi di nuove soglie. L’amore porta con sé una condizione crepuscolare.

    Negli istanti d’amore riesci a vedere cos’è irreale e cosa è reale, cos’è insignificante e cosa ha significato. E, al tempo stesso, vedi con chiarezza quanto sei radicato in ciò che non ha alcun significato, da qui la tristezza. Negli istanti d’amore diventi consapevole del tuo potenziale supremo, diventi consapevole della vetta più remota, ma vedi di non essere lassù, da qui la tristezza.

    Hai una visione ma è solo una visione, nel giro di attimi se ne sarà andata. È come se Dio ti avesse parlato in un sogno e quando ti risvegli non ti ritrovi in mano più nulla. Sai che qualcosa ti è accaduto, ma non è diventata una realtà. Non era altro che brezza fuggente. L’amore schiude la soglia del divino.

    Osho

  38. Chi non vuole essere martire d’amore lasci l’amore a chi sa amare.
    Chi non è disposto a morire per il suo amore di vivere d’amore non avrà ventura.
    (Omar Ibn Al Farid)

    Un buon passaggio… a tutti noi, Amici di questa casa-blog!
    Professore & C. , è bello condividere questi momenti.

  39. Cara Valeriona, leggere i tuoi scritti, anche brevi, sono una delizia. I versi del poeta arabo sono potenti, perchè parlano dell’ amore ai vertici supremi della vita.

    Valerionaaaaa, di papino tuo, fatti dare un bacio, mi sei mancata.

    Il secondo rigo che hai scritto, esprime la più alta esperienza umana; travolge l’ essere, ma simultaneamente, dà all’ uomo l’ immortalità perduta.

    L’ AMORE E’ L’ ARCHETIPO DELL’ ETERNITA’.

    E’ la magia che vince la tenebra, senza cui la vita è un continuo soffrire.

    Vale, a papà tuo, ma che sarebbe la vita senza l’ amore ? Non meriterebbe d’ essere vissuta !

    Ti faccio tanti auguri e ti auguro di trovare nell’ uovo di Pasqua, un regalo di Dio, solo per te, che sia espressione d’ amore, di pace e di vittoria.

    Io invece, ti mando un video di fiori.

    Adesso vado fuori, poi scriverò a Rafeluzzzzuuu.

  40. Parapà, papà, papà,
    non hai letto i primi versi, che ti dedico…

    “È Lui l’amore! Vive solitario perché
    il suo riposo è fatica, un male il suo
    inizio e la sua fine una morte…” 🙂

    Buona Pasqua!

  41. Ho conosciuto

    il silenzio

    dal rumore dei

    ciottoli sulla

    spiaggia

    Battuti come

    un tamburo dai

    miei passi.

    il suono di Danze

    immemore, rinascono

    in me ogni qualvolta…

    non cerco di ricordare

    solo danzare, esternamente

    ancor più ove l’occhio

    altrui non può assistere

    il sangue ribolle.. ed

    ogni cosa pulsa…

    ho fatto nuovi incontri

    nuove amicizie…

    felice quando vado

    a cercarli, felici loro

    nel ricevermi…
    …………………………………..(ecco la mia Pasqua e pasquetta)…sole mare bagno! ;-)) :D)

  42. Caro Raffaele, l’ altro ieri, su questa pagina hai scritto, così :

    ” Che sia la vera luce pasquale dell’anima a far scendere dal quella falsa la croce quel divino essere che non morì sulla Golgota.

    Che sia la vera luce pasquale dell’anima a risvegliare la vera coscienza ed il cuore duro cieco e sordo di tanti .”

    Preferirei essere l’ uomo più ignorante della terra e non avere la tua cultura spirituale.

    Il segreto di tutta l’ opera del cristianesimo è la crocifissione, la morte e la resurrezione.

    E’ l’ evento più spirituale e il più incompreso della storia umana.

    Con la crocifissione, Cristo dà l’ insegnamento più difficile all’ essere e alla sua anima.

    L’ uomo, con UN’ OPERAZIONE DI PENSIERO, deve crocifiggere tutto ci ho che è peccato e ciò che lo domina : l’ odio, la cattiveria, l’ invidia, la bestemmia, la vendetta, l’ atto sessuale senza amore, ossia la pornografia, l’ assassinio, la paura, il dolore, la crisi interiore, etc, etc.

    Chi riesce a crocifiggere queste esperienze negative dell’ anima, muore, ma risorge, da tutti i suoi dannati mali… ; la preghiera è l’ arma per vincere…. .

    Tengo a precisare che, quando Gesù andò sulla croce, il Logos usci fuori dal suo corpo. Altrimenti la crocifissione non sarebbe potuta avvenire.

    LO SPIRITO D’ AVVERSIONE O ANTICRISTO RINNEGA LA CROCE, LA MORTE, LA RESURREZIONE E LA DIVINITA’ DI NOSTRO SIGNORE GESU’ CRISTO.

    E TU, PURTROPPO, ABBRACCI QUESTA SCELLERATA E IMPOTENTE SPIRITUALITA’.

    MOLTISSIME PERSONE TI STIMANO, PERCHE’ SEI COLTO, BUONO, SIMPATICO, INTELLIGENTE, HAI DIVORATO LIBRI INTERI, SEI GUERRIERO E UOMO DI PACE.

    IO CONDIVIDO CON GLI ALTRI LA TUA ANIMA, PERO’ IL TUO SAPERE PER ME E’ FUORI DALLA REALTA’ UMANA.

    BOCCI LA STORIA, LA CONOSCENZA, LA SPIRITUALITA’ DEI PIU’ GRANDI PENSATORI DI TUTTI I TEMPI, COMPRESO LA MADONNA.

    i TUOI SCRITTI SONO FIUMI DI PAROLE, MA MANCA IL VERO SOGGETTO DIVINO, L’ ESSERE COSMICO CHE HA VINTO IL MONDO.

    Per te Gesù Cristo, è un maestro… . però ci sono tanti Dii e ognuno può liberamente sceglierlo, a suo gusto… . Così dicenso riduci il Logos ad un paio di scarpe… .

    Raffaele, tu sei una delle persone che amo nel blog e ti devo dire quello che penso.

    La tua spiritualità non la vedo SANA, ANZI LA VEDO FUORI DALLA RAGIONE UMANA.

    IO CAPISCO LA TUA STORIA, E, CREDIMI, TI SARO’ SEMPRE VICINO CON GRANDE AFFETTO, PERO’ STAI SCIVOLANDO ANCORA IN UNA PERICOLOSA TRAGEDIA PERSONALE.

    Caro Raffele, ravvediti, la storia del Divino non si trova nelle ” chiese “, nei discorsi dei preti, nei convegni, nelle tavole rotonde, nei libri, nei conventi, in ciò che dice il Papa.

    LA STORIA DEL GRANDE RISORTO E’ DIFFICILE, PERCHE’ SI SVOLGE NEL PERIMETRO DELL’ ANIMA UMANA.

    IL POSTO ESTRANEO, IRRAGGIUNGIBILE E SCONOSCIUTO AI NOSTRI SENSI.

    Oggi è Pasqua e ti voglio lasciare con un messaggio della Madonna, non si trova fra i messaggi comunemente conosciuti, ma sono colloqui che ha ricevuto un sacerdote veggente, dalla stessa Madonna.

    ” Rallegratevi con me .
    Gesù, che ho portato con ineffabile amore nel mio seno verginale, durante nove mesi gli ho dato donato carne e sangue, per prepararlo alla sua nascita umana, è risorto.

    Rallegratevi con me.
    Gesù, che da bambino ho stretto fra le mie braccia e a cui ho insegnato a fare i primi passi e che ho formato e cresciuto, come mamma amorevole e premurosa, è risorto.

    Rallegratevi con me.
    Gesù, che ho contemplato nella sua infanzia ed ho visto svilupparsi, secondo il ritmo della sua crescita umana, e farsi giovane durante la sua adolescenza, è risorto.

    Rallegratevi con Me.
    Gesù, che ha subito l’ incomprensione, l’ emarginazione, il persistente rifiuto delle autorità religiose, mentre veniva sempre più accolto e seguito dai piccoli, dai poveri, dagli ammalati e dai peccatori, è risorto.

    Rallegratevi con Me.
    Gesù, che è stato UCCISO SULLA CROCE E DEPOSTO NEL SEPOLCRO, E’ RISORTO.

    Figli, in questo giorno di Pasqua, rallegratevi con Me. Partecipate alla gioia ineffabile, che il mio Cuore Immacolato ha provato, quando mi sono visto, davanti agli occhi ancora cosparsi di lacrime, mio figlio Gesù nello splendore divino del suo Corpo Glorioso.

    In quel momento per tutta l’ umanità il dolore si è trasformato nella gioia, la tenebra nella Luce, la cattiveria, nella bontà, il peccato nella grazia, l’ odio nell’ amore, la morte nella vita, la giustizia nel trionfo della divina misericordia.

    Rallegratevi con Me, nel vivere insieme il mistero gioioso di questa Pasqua dell’ anno mariano a Me consacrato.
    Oggi anche questa povera umanità, che ancora chiusa nel sepoilcro del peccato, del rifiuto di Dio, dell’ odio, della violenza, della guerra, dell’ impurità e della iniquità, è chiamata ad uscire dalla sua tomba di tenebra e di morte.

    Rallegratevi cono Me, perchè, in questo giorno della sua Pasqua, vi annuncio che Gesù ritornerà nello splemdore divino della sua maestà e della sua gloria. ”

    Caro Rafeluzzu del mio cuore, quanto bene ti auguro, tu non ci credi. Buona Pasqua, attento a quelli che si vogliono far vedere evoluti rinnegando Cristo, costoro sono aperti alla morte.

    La magia e la verità provengono da Cristo. CHI RINNEGA CRISTO PRIMA O POI E’ PERDUTO, CHI LO CELEBRA E’ SALVO.

    IO QUANDO SONO AFFFERATO DAL DOLORE, DALLA PAURA, DALLA CRISI INTERIORE, EVOCO A LUI, LO CHIAMO.( Tu credi che sono un testicolo ?) ahahahaha.

    PERO’ ATTENZIONE, BISOGNA INSISTERE.

    Non basta dire aiutami e credere alla guarigione, sarebbe da stupidi. Il segreto è la costanza nell’ evocare COLUI CHE PUO’ TUTTO.

    RAFELUZZZZZUUUUUUU, FATTI FURBO, CIO’ CHE E’ IMPOSSIBILE ALL’ UOMO E POSSIBILE A DIO.

  43. Carissimo Luigggione,

    Ringrazio il tuo ben cuore per l’apprensione che mostra alla mia persona, ma ti dico di non preoccuparti, nessun tentatore può mai intaccare la luce dell’anima di chi è nel sentiero del risveglio interiore. E poi ti ricordo che ORAZIO un grandioso angelo e maestro segue e spesso guida i mie incerti umani passi.
    riporto le stesse parole, ma concludendo, per quello che era già nel mio intento.

    Che sia la vera luce pasquale della radiosa anima a rivelare le verità per far scendere definitivamente dal quella falsa illusoria croce quel Divino Essere che non morì sulla Golgota, ma nel Kashmir all’età di 87 anni.

    Mi scuso con la tua preziosa persona per queste mie strane parole, ma sincere sono dettate dal mio cuore.

    Che questa verità non sia ufficiale, non ha nessuna importanza, anche se molti di loro sanno ma la tengono celata per non perdere potere. E’ già da tanto tempo che quella ricerca che si basa sulla razionale deduttiva logica storia comparata e comprovata razionalmente, come anche attraverso quella ricerca che passa per la via delle canalizzazioni che attraverso per portale del cuore permette l’indagine soprasensibile/trascendentale che conduce a questa strana verità. Verità che se capita farebbe cadere tutto il dogma su cui si basa questo nostro cattolicesimo, che come tu hai ben detto si basa sulla crocifissione e la resurrezione. Come anche tu ben sai questo nostro apparente cattolicesimo è ben lontano dall’antico più veritiero gnostico Cristianesimo. Spesso è facile parlare e credere per quello che ci viene trasmesso dagli altri, ma la via vera è quella sperimentale, quella pratica ed io parlo del mio vissuto in questa come anche di vite precedenti. Perché pensi che spesso parlo di cose impensabili agli altri? Per evidenziarmi? Per esaltarmi? Per essere lodato e stimato dagli altri? Alla ricerca di attenzione e di apprensione da parte degli altri? NOOOOOO all’infinito, non sono questi apparenti futili aspetti che mi conducono a parlare di certe cose.

    Certo alla maggior parte delle persone con cui ci relazioniamo è difficile capire che non è la prima volta che ridiscendiamo su questo piano, come è anche difficile capire che da questo piccolo infinitesimo punto di osservazione/consapevolezza si possa anche come dire RICORDARE.

    E siccome nella mia ribelle guerriera ma sincera natura non tengo peli in bocca, alla faccia di tutte le diplomazie di questo mondo, preferisco parlare che far tacere il cuore perché le belle sante parole non hanno prodotto proprio niente, anzi sono stati travisate/cambiate/modellate per quel malevolo illusorio potere temporale.

    Forse sarò ripetitivo, ma è una mia semplice verità che mi appartiene, mi appartiene perché c’ero anch’io 2000 e passa anni fa. Ci sono arrivato, pian piano, guidato dal mio immenso indefinibile eterno amore, attraverso una introspettiva ricapitolazione, l’ho riesumata dall’oblio della memoria in cui l’avevo rilegata dopo quella tremenda visione che avevo avuto a 14 anni, quando mi sono ritrovato CONSAPEVOLE FUORI DAL CORPO (obe) in uno spazio/tempo che mi ha proiettato anche nel mio passato. E’ anche vero che ognuno è libero di credere amorevolmente a quello che si vuol credere, o meglio a quello che il sistema in cui si è nati, in qualche mondo, per induttanza, per riflessione, per buona tradizione, ma anche come un lavaggio nel cervello (che tu ben conosci nei processi cognitivi ed induttivi) ci hanno imposto di credere fin da bambini.

    Se ben ricordi ho accennato a 3 Gesù, dicendo che Yeshua ben Panthera
    e Yeshuo Ben Joseph era fratelli gemelli, (DIDIMO/TOMMASO) figli della vergine Maria (vergine perché era stata consacrata alla regola del tempio, ma fu stuprata e messa incinta dal soldato pantera) che mori durante il parto, uno dei due gemelli fu accolto dalla comunità Essena l’altro da Giuseppe di Arimatea, mentre Giovanni/Gesù il Galileo era un vero patriota, un rivoluzionario, un ribelle per quell’opprimente potere romano capeggiato e appoggiato anche dal Sinedrio.. Io ero un soldato del sinedrio, ma nel cuor mio appoggiavo gli zeloti, perché capivo quel desiderio di libertà…. Anche Steiner la riporta nella sua cronaca, attraverso la sua naturale veggenza, parlando delle due madri di Gesù, perché proprio lui fu Yeshua Ben Joseph, così come fu anche Giordano e tantissimi in ogni tempo…. Ti ricordo che SARO’ CON VOI FINO ALLA FINE DEI TEMPI è una verità mai accettata da questa nostra apparente Cristianità, perché si sono sempre rifiutati di accettare un Gesù che potesse ritornare a camminare da VIVO insieme nel sentiero degli uomini….. Per tanti è meglio tenerlo sulla croce e ricordarlo nella passione e nella resurrezione nella speranza di quella grazia che viene dall’alto dei cieli…….

    In quanto alla pasqua, le origini si perdono nella notte dei tempi, sono molto antecedenti all’esodo, perché volevano imprimere nel cuore degli uomini quel tempo in cui il grandioso Divino Thoth discese in questo mondo con il suo trasmutatore spazio/temporale, il BenBen ai tempi di Lemuria così come è riportato anche nelle tradizioni egizie del primo tempo lo ZepTepi, il tempo di Ra… Ra come Raffaele, l’Arcangelo Raffaele, un essere interstellare, il vero creatore dei mondi materiali……. Shiva in persona………..

    Che strane insensate parole…..sono e saranno come la neve al sole, ma le verità sono già scritte a carattere di luce nel nostro cuore, bisogna solo riesumarle dalla memoria…..

    Di sicuro, LA FEDE CIECA NON CONDUCE A NIENTE, CREA SOLO INCONSAPEVOLE SUPPLICHIEVOLE SUDDITANZA CHE NON E’ QUELLO CHE DESIDERA OGNI VERO BUON PADRE, PERCHE’ LA VERA FEDE E’ UNA CONQUISTA CHE PER VERO IMPERSONALE AMORE DEVE PASSARE PER LA VIA DEL CUORE E BAGNARSI CONSAPEVOLMENTE PER TANTA MEDITATA CONTEMPLAZIONE.

    Carissimo Amico Mio, scusami per queste parole, ma è solo per rinnovare una BUONA SANTA LUCE PASQUALE QUELLA STESSA LUCE CHE PUO’ SCATURIRE DAL TUO STESSO DIVINO SOLE INTERIORE e da nessuna altra parte. Aiutati che Dio ti Aiuta si riferisce proprio al proprio Dio interiore, al padre celeste che è nei cieli, al tuo essere spirituale che ti guida dai mondi superiori….. Io ed il padre mio siamo la stessa cosa, ma questa verità arriva solo quando si arriva a concepire l’IO SONO prima si vive solo nel mondo delle illusioni e delle induttanze, delle apparenze, ma anche delle necessarie riscoperte che elevano l’essere alla stessa consapevolezza che l’ha generato.

    Carisismo Luiggggione la furbizia non serve a NIENTE, MA SOLO A ILLUDERE SE STESSI……. ti ricordo solo che si raccoglie quello che si e’ seminato e chi semina male , male raccoglierà finche non impara a capire vewramente cosa voglia dire bene e male e soprattutto amore…..

  44. Caro Raffaele, negli anni settanta, abitavo in Piemonte per lavoro. In quel periodo, persi il più grande amore della mia vita, perchè lo tradii, grazie, ad una spogliarellista, conosciuta, una sera, all’ Ambra Jovinelli di Roma.

    Io ebbi la crisi più difficile, atroce e feroce della mia esistenza umana. La mia fortuna fu, di aver incontrato, la persona giusta per farmi uscire dalla morte.

    Credimi, se non fosse stato, per lo scritto che mi è stato regalato, in quel momento tragico, che qui riporto, non sarei sul blog del Prof. La Porta, a scrivere e ad inviare canzoni.

    ECCO IL CONTENUTO DELLO SCRITTO :

    ” Il suicida, si suicida perchè già in un’ esistenza precedente ha subito la sconfitta della vita: non ha risolto il suo problema, è fuggito dinanzi ad esso: uccidendosi. lo ha rimandato alla vita successiva.

    Perciò gli si presenterà di nuovo, ancora più grave, ancora più doloroso: nuovamente sorgerà l’ impulso al suicidio: ma forze forze nuove dell’ Io nel frattempo saranno nate. ( Qui per Io, non si intende l’ ego, ma Sè spirituale).

    La concatenazione può essere interrotta dall’ Io che si desti al suo essere libero. Nell’ Io libero è presente la Forza del Cristo: il Cristo è la sua essenza.

    In sostanza il suicidio è l’ atto estremamente negativo della libertà dell’ uomo: questa libertà può operare in lui positivamente.

    Le occorre soltanto la direzione della vita, piuttosto che della morte. L’ io del candidato al suicidio deve scorgere il Cristo, l’ aurora della vita, per vincere la morte nella vita: deve superare la sete di vita che non ha speranza di essere soddisfatta, nella sfera terrestre, tra nascita e morte, se non corrompendo la vita. Deve incontrare in sè il vincitote della morte, il Logos risolutore della sete di vita.

    Non è un aver troppo sopportato la vita, un essersi saziato di vita, un eccesso di vita, che muove il suicida, bensì l’ opposto: un’ impotenza a possedere la vita: una inesausta sete di vita, un’ incapacità a sopportare il tormento di questa sete.

    Chi è karmicamente destinato al suicidio, può interrompere, la concatenazione distruttiva, con un atto assoluto dell’ Io: un atto che sostanzialmente è un atto d’ amore, non ha altro impulso se non il superamento dell’ ego, che è avverso alla vita perchè incapace di dominio della vita, bramoso di vita. Deve annientare l’ ego impotente, perchè nasca infine il portatore della potenza.

    Un grande amore che gli vada incontro, un amore sacrificale, può salvare l’ uomo predisposto al suicidio. Ma per identico miracolo SI PUO’ SALVARE QUALSIASI CANDIDATO ALLA MORTE

    Un essere che si doni a colui che ha il tema dominante della morte, spezza l’ incantesimo distruttivo. L’ Amore vince la morte. Se ciò può avvenire, è segno che come possibilità è scritto nel karma: è sufficiente la decisione di un atto libero, perchè si converta in realtà. Un germe di salvazione è già stato posto nella precedente vita.

    Rafeluzzu, Rafeluzzu, Rafeluzzu, Rafeluzzu, Rafeluzzu, Rafeluzzu, vi sono favole o leggende tradizionali in cui ricorre il motivo di un forte che, malgrado la sua forza e la sua generosità, reca in sè una maledizione, della quale può vemir liberato soltanto grazie all’ olocausto di un amore che accetta di prendere su sè il peso di tale maledizione e con ciò libera quell’ essere: ma poi, avendo ritrovato se stesso, cioè il centro della propria forza a sua volta non può non volersi sacrificare per l’ altro. Con ciò ambedue sono salvi.

    Vedi la leggenda del ” Povero Enrico”, ossia del cavaliere malato di una malattia mortale, salvato dall’ amore sacrificale di una giovinetta, la quale, così votata alla morte, viene poi a sua volta salvata da lui.

    Il reciproco sacrificio diviene vittoria sulla morte, il senso ultimo dell’ amore umano: incarnare la forza dell’ Amore immortale. ”

    Rafeluzzu, buona pasquetta, ti consiglio d’ andare a Taormina, se il tempo è bello. L’ anima di Taormina è il sogno. Da ragazzo la sera andavo sempre. Ciao.

  45. Caro Luigggione,
    quel tuo dire sul suicidio e riduttivo, va bene per gli umani ancora nel sentiero delle prove che per analogia è come dire di adorare ancora un Totem così come fecero i primi esseri primitivi di questo mondo. Ho sempre detto che in ogni essere c’è un DIVINO ESSERE INTERSTELLARE da risvegliare, ma tu lo vuoi rigettare nella polvere da cui fu manipolato geneticamente in un antichissimo passato, lo vuoi umile inginocchiato, a pregare, a supplicare, a chiedere grazie, a chiedere un tozzo di pane, a chiedere un dignitoso lavoro, a chiedere giustizia a chiedere amore un amore salvifico che le viene incontro, con una bella fine in cui c’è scritto e vissero felici e contenti, un mondo dove chi ti toglie il sangue in mille modi, ti restituisce solo un tozzo di pane per essere venerato, questo è il mondo dei balocchi, o meglio degli allocchi, questo è il sistema inquisitorio di cui spesso parlo, quel sistema che noi stessi alimentiamo nella coscienza collettiva, quel lavaggio del cervello che rilega gli umani a povere marionette di pochi balordi che si sentono grandi ma che in effetti sono assai insignificanti inutili esseri, meno degli insetti. Dov’è il principio di vera libertà, Steiner continuò la sua opera iniziata 2000 anni fa con la sua FILOSOFIA DELLA LIBERTA’ perché quel il principio del libero arbitrio in questa terra, non esiste per colpa di questo sistema. Menomale che l’infinito universo è pieno di vita, con altre forme, su altri piani di coscienza e con altra più sublime intelligenza…… quella terrestre è ancora ad uno stadio primitivo, ma, un ma che mi auguro con tutto il cuore, SPERIAMO CHE MOLTI CAPISCANO IN TEMPO…………………….. Gesù disse altre cose in quel suo passato cammino, parlò con impersonale saggezza, parlo soprattutto di LIBERTA’ DELL’ESSERE…. parlò di come RIVEGLIARE LA COSCIENZA……. ma è anche vero che i pochi che capirono furono perseguitati allontanati o uccisi, questa è una parte di quella storia, di quella religione che inventò san paolo….

  46. -Risorgere è libertà e il concetto di libertà è incluso in questa poesia:

    La nostra paura più profonda – Nelson Mandela

    La nostra paura più profonda

    non è di essere inadeguati.

    La nostra paura più profonda,

    è di essere potenti oltre ogni limite.

    E’ la nostra luce, non la nostra ombra,

    a spaventarci di più.

    Ci domandiamo: ” Chi sono io per essere brillante, pieno di talento, favoloso? “

    In realtà chi sei tu per NON esserlo?

    Siamo figli di Dio.

    Il nostro giocare in piccolo,

    non serve al mondo.

    Non c’è nulla di illuminato

    nello sminuire se stessi cosicchè gli altri

    non si sentano insicuri intorno a noi.

    Siamo tutti nati per risplendere,

    come fanno i bambini.

    Siamo nati per rendere manifesta

    la gloria di Dio che è dentro di noi.

    Non solo in alcuni di noi:

    è in ognuno di noi.

    E quando permettiamo alla nostra luce

    di risplendere, inconsapevolmente diamo

    agli altri la possibilità di fare lo stesso.

    E quando ci liberiamo dalle nostre paure,

    la nostra presenza

    automaticamente libera gli altri.

    Nelson Mandela

    immagine:

    .In conseguenza al concetto di libertà espresso in questa poesia mi viene da dire:

    -Allora cos’ è la paura

    Opera di Ubaldo Bartolini “La paura”

    Music by Dredg “Overhead night”

    Opera di Ubaldo Bartolini “La paura”

    Ci sono spazi che urlano.
    Come persone che muoiono.
    Dentro è un sacrificio salire.
    E’ una maledizione sostare.

    La tentazione è una pressione.
    L’attrazione che gode.
    Ho paura del timore.
    Di agire. Di sentire.

    I denti fanno male.
    Cadono i capelli.
    L’uovo è un guscio.
    Il colore è una crepa.

    Di notte corro.
    Di giorno riposo.
    La mente è calda.
    I sintomi scoppiano.

    Voglio. Vorrei.
    Il Destino cieco di un pianto.
    Toccare il casino.
    La ferita cruciale.

    Bisbiglia la danza.
    Onore alla sensibilità
    Firmo il ritorno.
    Un celebre mondo.

    Distanze si mostrano.
    Come bellezza e piacere.

    Ho paura di non farcela.
    Paura di non essere abbastanza.
    Il parziale è un vuoto.
    Un intero strappato.

    Volevo voltarmi a guardare.
    Ho chiuso gli occhi.

    immagine:

  47. Un dolcissimo risveglio, Gabriele caro…

  48. “La buia notte dell’anima giunge prima della rilevazione. Quando tutto è perduto e sembra tenebra, allora compare la nuova vita recando tutto ciò che serve”.

    Joseph Cambell “Riflessioni sull’arte di vivere”

  49. Caro Rafeluzzu, per te darei quasi tutto.. , però devo dire quello che penso della tua ricerca e del tuo sapere.

    SEI UN UOMO COLTO, SOLO E SENZA DIO.

    I tuoi scritti sono illogici, pericolosi e senza speranza. Il tuo pensiero e le tue ricerche hanno ridotto Dio ad un cartone animato.

    Nella tua anima spezzata, curva e tradita, non vive il Logos, ma il suo rifiuto.

    E, questa tua affannata ricerca, del soprasensibile ti sta prospettando come Dio un FANTASMA , un’ ombra, un nulla.

    Mio caro fratello, la tua anima è fuori da ogni SANO sapere.

    Attacchi ferocemente la spiritualità degli altri, ma pretendi che gli altri capiscano e accettino la tua e l’ OMBRA che porti dentro, come fosse un Dio.

    Sei la migliore persona che abita in questa cas-blog, per me, tuttavia, non rispetti l’ anima e il senso del divino degli altri.

    IL TUO PENSIERO E LA TUA SPIRITUALITA’ SONO LE UNICHE VIE DA PERCORRERE.

    QUELLE DEGLI ALTRI SONO PURO LAVAGGIO DI CERVELLO E INGANNO.

    TU INVECE, PER ME, HAI PERSO LA STRADA DEL LOGOS E TI SEI APERTO AD UN DIO IMPOTENTE, RIDICOLO.

    I TUOI SCRITTI SONO PAROLE SENZA ANIMA.

    Il giorno di Pasqua, su questa pagina, ti ho inviato un messaggio della Madonna e la sua alta sapienza, che non hai capito, PERCHE’ NON TI INTERESSA.

    In quello scritto, DELL’ ISIDE SOFIA, LA DEA NON RICONUSCIUTA, c’ è un forte insegnamento e aiuto, PERO’ E’ CELATO.

    Non hai fatto nessuno accenno, x te non ha valore.

    Quello della Vergine è zero. Però pretendi che gli altri si inchinino al cospetto delle tue apparenti verità. IO VOGLIO ADORARE E PREGARE IL VERO DIO, NON UN FANTASMA.

    Il pericolo è che molti, potrebbero aprirsi a queste tue storte e irrequiete visioni spirituali.

    L’ illogicità davanti ad un’ anima onesta e fragile, come tantissime, in questa casa-blog, potrebbe farsi strada e sedurre pericolosamante una persona semplice.

    Carlo Marx, mi sembra, che abbia detto: ” una menzogna, più è falsa e più può penetrare nel tessuto di certe anime ” .

    ” La religione è l’ oppio dei popoli “, è stato un gramde filosofo e pensatore dell’ ottocento, permettimi, questo eufemismo… .

    Ha trosformato la religione in materia. Bravo, Marx Carlo ! ” LA MATERIA E’ L’ OPPIO DEI POPOLI “.

    Ritornando al tuo discorso, dici sempre ” … sti preti che hanno ancora lasciato Cristo sulla croce”. Mica è vero. Il mio Dio è risorto.

    Ieri, mi hai scritto : ” Ho sempre detto che in ogni essere c’è un DIVINO ESSERE INTERSTELLARE da risvegliare ma tu lo vuoi rigettare nella polvere da cui fu manipolato geneticamente in un antichissimo passato, lo vuoi umile inginocchiato, a pregare, a supplicare, a chiedere grazie, a chiedere un tozzo di pane. ”

    Per me innanzitutto, quando dici ” ho sempre detto”, non dici nulla, non è che io adori, le parole di chi non è un profeta.

    Poi, per le mie orecchie, è incomprensibile e presuntuoso, il tuo linguaggio. Ma tu chi credi di essere ?

    IL MIO DIO PUO’ TUTTO, E’ IL SIGNORE DEL CIELO E DELLA TERRA, COLUI CHE ERA PRIMA CHE LA DIMENSIONE UMANA SI ESPRIMESSE NELL’ UOMO FISICO.

    ” L’ AMORE CRISTICO E’ LA FORZA CHE FA VINCERE, PERCHE’ FA ENUCLEARE IN CIASCUNO IL PRINCIPIO CHE NON PUO’ ESSERE SOPRAFFATTO DA NULLO: IL NOCCIOLO DELLA VITA INESAURIBILE E VITTORIOSA.

    RISPETTO A TUTTO CIO CHE E’ IMPEDIMENTO, EQUIVICO, NATURA, OSCURITA’, QUESTO PRINCIPIO E’ VITTORIOSO SOLO PER IL FATTO CHE E’.

    E’ INTOCCABILE DALLE FORZE INFERE, PUR MUOVENDOSI FRA ESSE, E’ INAFFERRABILE DAGLI EVENTI UMANI, PUR ESSENDO SPETTATORE E CONOSCITORE.

    E’ IL PRINCIPIO CAPACE DELLA PIU’ PROFONDA IMMERSIONE NELL’ UMANO E DELLA COMPLETA NEGAZIONE DI SE’, GRAZIE AL SUO PERMANERE IN TATTO,

    PER VIRTU’ DI TALE NEGAZIONE: TRASCENDE OGNI ESSERE NEL NON ESSERE IN CUI AFFERMA LA SUA INFINITA’ LIBERTA’ E LA SUA SIMULTANEA CAPACITA’ DI DONARSI: TUTTO ACCOLGLIE E ANNULLA E’ RIDUCIBILE.

    SVELLENDOSI DI CONTINUO DALLA PROFONDITA’ IN CUI LA NATURA, A CUI SI DONA, TENDE AD AFERRARLO, E’ DI NUOVO CAPACE IN OGNI ATTIMO DELL’ INFINOTO AMORE CHE ATTINGE ALLA PROPRIA ESSENZA, E PERCIO’ TRASFORMA DALL’ INTIMO LA DOLORANTE NATURA.

    Al CRISTO, NON A UN DIO LONTANO, MA AL PRINCIPIO D’ AMORE PRESENTE E POSSENTE NEL SEGRETO DELL’ ANIMA. PERCIO’ UN AMORE COME OPERA TERRENA, COME INCONTRO VITALE E ATTIVO, COME COPERAZIONE DI CUORI PULSANTI NELL’ IMPEGNO QUOTIDIANO TRA I PROPRI FRATELLI.”

    IL MIO DIO E’ QUESTO ED E’ DIVERSO DAL TUO.

    NON CHIEDE UN TOZZO DI PANE, MA E’ COLUI CHE DA’ IL PANE SEMPRE ETERNO ALLA TUA ANIMA,

    INTIMO PRINCIPIO, ALLA SORGENTE DELLA VITA, CHE PURTROPPO LO AVVERSI, E, PER IL MOMENTO, NON TI RAVVEDI

  50. Caro luigggggione,
    hai detto tante parole di verità, ma molte, restano solo parole e non fatti messi veramente in manifestazione. Perché non guardi fuori del tuo comprensorio, osserva il mondo, osserva cosa è successo ieri, avanti ieri, un anno fa, fino a 2000 anni fa, osserva lo scempio che c’è stato e ancor peggiore c’è ora nel mondo.

    Ti ricordo solo che quella santa legge di causa /effetto, di semina e di raccolta è immutabile….

    Vedi, se le sante vere parole del V.M. Gesù fossero state capite veramente, anziché essere mal interpretate cambiate e modellate, se fossero state effettivamente osservate e messe in atto, oggi si parlerebbe veramente di fratellanza, di amore, di uguaglianza, e quindi anche di vera libertà…..

    Dove sono questi valori? Questo è un indicatore assai importante che ci fa pensare e meditare per capire che c’è qualcosa di sbagliato nel nostro sistema di osservare o giudicare secondo certi schemi di pensiero, c’è qualcosa che non torna, che sa di bruciato… e come si dice nella mia cara Sicilia, spesso, basta SULU U CIAURU PI CAPIRI per capire che c’è qualche furbastro che ci vuole mantenere schiavi in questo mondo. Capire che ci hanno nascosto apposta tantissime verità……….

    Poi ti faccio notare che il mio dire non vuole imporre niente a nessuno, Io dico la mia , come tu dici le tue. Ma è anche vero che è facile negare, non si è tentati, né curiosi d’indagare veramente e tanto meno di mettere in discussioni anche se stessi…. E’ troppo comodo stare dietro il muretto dell’ortodosso radicato pensiero di quella coscienza collettiva.

    Supponi che io, nel mio strano modo di parlare, abbia detto in parte qualche verità…. Saresti in grado di negarle passando per le giuste verifiche? Lasciando da parte, per un solo momento quello che dicono gli altri e usando solo il tuo impersonale/imparziale cuore? O è meglio rilegarle e rigettarle nel dimenticatoio, nella spazzatura, tanto è facile pensare che siano fesserie perché non sono ordinarie e dette da un tale che chi sa si crede di essere? forse sarà veramente un pazzo che parla in questo modo, chissà ? Ma cosa sia la vera pazzia nessuno lo sa fintanto non comincia a contemplarla dentro se stesso con impersonale scevro cuore..

    Comunque, forse un giorno certe cose potranno essere capite, non dalle mie strane INSENSATE PAROLE, ma da FATTI ASSAI PIU’ TANGIBILI..

    Io, per conto mio, non ho nessuna avversione, e tanto meno debbo ravvedermi, ravvedermi di e da che cosa? Si quello che dicono altri? O è meglio essere come il mio Buon San Tommaso mi ha istruito? Io proferisco la via pratica, provare per credere, come è anche vero che ci sono cari fratelli che non hanno bisogno di nessuna ricerca per capire la fede.. per loro è fede e basta solo questo basta a dare tante risposte. e vissero tutti felici e contenti

  51. Caro luiggggione,
    dimenticavo di dire, che nel mio infinito girovagare per i mondi materiali e superiori di questo come di altri universi, ne ho viste e sentito di tutti i colori. Sai, in alcuni mondi ancor non molto evoluti ognuno ha un proprio Dio da venerare e questo giustifica, ma solo fino ad un certo punto dello stadio evolutivo. Ma io ti chiedo, hai mai osservato l’universo? Oggi è ancor più facile attraverso l’astronomia o l’astrofisica computerizzata? Ti rendi conto che quell’incontenibile infinità è solo una cellula del CORPO DI DIO? O ti basta vedere dalla sola limitata finestrella del solo intelletto e vedere un suo divino emissario che da qui chiamiamo Logos Solare?

  52. la cosa bella di voi due Raf. e Louis è che siete amici comunque, non è questa una prova tangibile dell’amore?
    —————
    Poi le forme la grammatica gli ossequi ai sacri testi od ai loro apocrifi e profeti è perdonatemi tutta sciocchità…non è l’amore che propugnate e allora perchè credere di sapere ..cosa..cosa pensa Dio o chi per esso? Ma sarebbe Dio se lo potessimo controllare? Cos’è la macchinetta del caffè? Una specie di ragioniere del karma o forse alla fine del viaggio ci farà un regalo con i punti che abbiamo raccolto??

  53. Rafeluzzzzuuuu, Rafeluzzzuuu, Rafeluzzzzzzuuuu, sei proprio una cosa meravigliosa.

    Tuttavia mi rattristi, in quanto mi sembra che tu abbia conosciuto dei cattivi e falsi maestri.

    Non erano maestri, ma uomini avvelenati, guardavano fuori e mai dentro, se stessi.

    In fondo, tu sei questo, fai la critica agli altri. mai a te stesso… . Chi non guarda dentro di sè, rimane fermo… . Non riesce a superare il proprio ego razionale. Ma per guardarsi ci vuole coraggio.

    Rafeluzzu, Rafeluzzu, Rafeluzzzu del mio saracino cuore, vuoi una verifica dei tuoi scritti ? Tutti te li potrei verificare e , non è difficile…. .

    Tutti i tuoi scritti, hanno la moltiplicazione sbagliata : 333 x 3 = 0, – 333 x 3 = 9 – 333 x 5 = 6-

    Vuoi la verifica ?

    Mister Gabriele La Porta, il giorno 21.01.2011, pubblica il post ” MATRIMONIO “.

    Il giorno, 07.02.2011, alle ore 14.52 scrivi a Valeriona e le dici :

    “… In un precedente post ho affermato che Gesù ritornerà UFFICIALMENTE su questo piano insieme ad altri esseri delle stelle su una potente astronave intergalattica….

    MA QUESTA DI SICURO PER ALCUNI E’ PURA FANTASTICHERIA PERCHE’ SI ASPETTANO UN GESU’ COME 2000 ANNI FA….

    Ma per quella legge che dice di provare per credere è
    meglio per tanti che sia come ce l’hanno raccontata”.

    Tu dici che G. Cristo, verrà con un’ astronave e con altre persone.

    GESU’ CRISTO NON HA BISOGNO DI VENIRE CON UN’ ASTRONAVE, E’ PIU’ DI UN ANGELO,

    E’ DIO, NON UTILIZZA NE’ IL TRENO, NE’ L’ AEREO, NE’ ALTRI MEZZI DI TRASPORTO.

    SEI FUORI DEL PERIMETRO CRISTICO E DIVINO.

    TUTTAVIA, SEMPRE LA VECCHIA LITANIA, CHE PER LA GENTE E’ FANTASTICHEREI E SONO CONTRO LA TUA VERITA’.

    RIDUCE IL DIVINO AD UOMO E TU, TI ELEVI A DIO. VUOI SAPERE COME TI ELEVI A DIO ?

    NEL 2010 HAI DETTO CHE HAI VISITATO E VISTO UNIVERSI NASCERE E MORIRE IN UN ATTIMO.

    A SETTENBRE, HAI INFORMATO QUESTO
    BLOG E IL PROF. CHE HAI FATTO UN VIAGGIO SU ALTRI PIANETI. BRAVO ! SONO D’ ACCORDO !

    SE CRISTO CHE E’ IL DIVINO, DICI CHE VERRA’ SU UN’ ASTRONAVE, TU QUANDO HAI LASCIATO LA TERRA, CON QUALE MEZZO HAI VIAGGIATO ?

    TI SEI DIMENTICATO, SUL TUO SCRITTO, NON LO DICI.

    PERO’ CONOSCI IL FUTURO E IL DESTINO DI CRISTO… . ECCO COME SEI DIO E IL VERO DIO DIVENTA UN TUO SERVO.

  54. IN QUESTO VIDEO LO SCENARIO, IL SUONO E LA POESIA VINCONO IL SENTIMENTO DEL TEMPO…. .PERCHE’ L’ ORA E’ UN’ ESPERIENZA UMANA.

    CRISTO VIENE CROCIFISSO OGNI GIORNO DAI NOSTRI PECCATI E DALLE NOSTRE BESTEMMIE.

    E OGNI GIORNO NASCE IL BAMBINO, GESU’.

  55. .. non è che il cristianesimo dovrebbe pensare alla sua storia e a tutti i santi ed i mistici che ha fatto soffrire, non mi pare nessuna religione sia tanto “simpatica” e priva di spargimento di sangue nonostante i vangeli nessuno è disposto ad amare sul serio..

  56. qual’è uela cosa per la quale ognuno crede di sapere cosa pensa “Dio”?
    Galimberti ha scritto una cosa ganza..
    più o meno che Dio è arrivato tardi rispetto al “sacro”, cioè il “sacro” c’era già.
    Poi noi ci siamo messi a pensare a “Dio”.
    Questo pensare a Dio e a cosa pensa Dio e convintissimi di saperlo ha scatenato più di una guerra…ergo, noi ci crediamo di essere Dio , beh’ l’antitesi di “Dio” quindi..
    Il sacro è un’altra cosa. Proprio diversa. Non compete ai “pensatori”. Boh’.

  57. qundo uno si mette a pensare a “Dio”, Dio non c’è più.

  58. ehi cara Maaaap …..

    ”quando uno si mette a pensare a “Dio”, Dio non c’è più.” è una bella risposta, razionale e mistica al contempo… brava … è una frase tua 🙂 posso chiederti..?

  59. …credo che l’amore e l’amare sia qualcosa che non si possa apprendere da alcun Vangelo, da alcuna sacara scrittura, da alcun testo sacro!
    Tutto ci viene da dentro, da quello che siamo, da quello che abbiamo vissuto, da quello che nel nostro cuore sentiamo e da quello che vogliamo mettere in gioco. Possiamo leggere le esperienze altrui in materia d’amore, ma niente come quello che “sentiamo” dentro può farci scuola…per l’amore la sola scuola che abbiamo siamo noi stessi, le nostre esperienze e e le nostre emozioni….

  60. …in realtà la mia risposta precedente era per tutti coloro che stanno parlando, e non solo per luigi!
    Baci x tutti però

  61. …e credo che l’amore e l’amare, che fin da quando siamo piccoli, ci insegnao che sono concetti appartenenti a questa o a quelle religione, in realtà prima che appartenere a qualche religione dovrebbero appartenere all’essere umano in quanto tale…..l’amore dovrebbe essere considerato nato con l’uomo e non successivamente.

  62. …mahha…per come la vedo io nel momento in cui uno si mette a pensare “Dio”, Egli è più presente che mai!
    …è come quando pensi alla persona che ami: nel momento della sua assenza, ella è presente dinanzi agli occhi come fosse una figura reale, mentre in realtà è solo il ricordo della sua immagine quello che “vediamo”.
    …ma questa è solo la mia opinione.

  63. si è mia dovrei prendermi la briga di registrarla alla SIAE…. 😀
    Ti abbraccio, sto attraversando una fase mistico delirante …no è che talvolta sul serio è absurd che ci crediamo di sapere icche pensa Dio..te pare?
    senti ma ti avevo dedicato un “exorcism speciale per TEA” che mi aveva pure fatto ridere tanto a scriverlo ma tu non l’hai letto?? Besos..grazie!!!!!!!

  64. TEMA
    Risorgere
    SVOLGIMENTO
    Quando ti sembra di morire invece no, stai solo cambiando, questo si dice il seme quando comincia a emettere radici e a cercare il sole, prima non gliene fregava niente, ora d’improvviso segue il suo cuore e spera spera che tutto gli vada bene ed è felice e terrorizzato allo stesso tempo..chissà cosa sognano i bachi delle farfalle..incubi desiderio di fiori strana voglia di sgranchirsi le ali …pensieri sotto al luna di un baco..un lungo filo di seta e tu che dondoli al vento sotto una foglia di cavolo..

  65. riflettevo sul concetto di peccato..non è che è tutta una bufala per farci stare calmini??
    Cioè basterebbe una società giusta e senso civico per campare tutti meglio..c’è senso nella definizione “peccato”?
    Il peccato esiste? O ci serve quando stiamo male cioè Dio o chi per esso prima ti mette nell’eden con un bell’albero di frutta e ti dice tutto ma non quello..ma vi rendete conto dell’assurdità??

  66. da: “Illusioni di eterno” edizioni Casella1953
    ————————
    “Chi vorrà!”

    Chi vorrà
    notomizzare l’istante
    privandolo
    del magico potere
    di rivivere
    favola o storia
    nel forziere
    del sogno o della memoria?

  67. (Michele Sovente)

    Leggera una farfalla va
    da una finestra all’altra viene
    bianca come il vento va
    nel buio viene
    come un fiato senza
    tempo viene e va.
    ————————
    Papilio leniter it
    de fenestra ad fenestram venit
    albus ut ventus it
    per tenebras venit
    ut flatus sine
    tempore venit et it.
    ———————————-
    Lèggia na palómma vò
    ra na finèsta a n’ata vène
    janca comm’ ’u viénto vò
    rint’ ‘u scuro vène
    comm’a nu sciato senza
    tiémpo vène e vò.

  68. 14
    Ho letto molti libri prima di venire qui.Mi mancano alcuni di quei libri; forse non tanto ciò che è in essi scritto, ma che dentro di loro ci sia qualcosa.

  69. da: “Pà Helig mark” (Su suolo sacro oppure su terra sacra a voi scegliere ma io avrei detto “Sentiero sacro” perchè quella è la poesia..un sentiero sacro…no?)

  70. Carissimi e Carissime Radiosi Gabrielliani..
    una sola considerazione che potrebbe aiutarci a mettere in discussione anche e soprattutto noi stressi….. Vedete, oggi la scienza sta verificando e validando quello che ci viene detto in ogni luogo da grandiosi pensatori e ricercatori di ogni tempo.

    Lo spettro delle onde elettromagnetiche percepibili dall’essere umano che attraverso la luce ci mostrano tutto ciò che da qui chiamiamo realtà, in effetti rispetto alla vasta gamma di frequenze rappresenta solo il 5% e non solo, è stato dimostrato che in questa percezione attraverso i cinque soli sensi, il nostro grado percettivo è solo 1 decimo dei nostri effettivi celati latenti potenziali interiori…

    Ma è anche vero che per destino, lungo il cammino della propria esistenza, si possono verificare o indurre particolari stati di coscienza alterata o modificata che permette una visione oltre la comune banda di frequenze… Entrare in queste frequenze consapevolmente permette (se si è abbastanza forti nel cuore perché bisogna affrontare possenti temibili guardiani di quel campo invalicabile) di effettuare dei veri e propri salti quantici nello spazio/tempo. Esiste un ambia documentazione riportata in ogni tempo ed oggi e da tanto tempo sottoposta anche all’analisi scientifica, soprattutto per tutto quello che viene definito nel campo delle percezioni extra sensoriali e nei voli coscienti (OBE) .

    Carissimo Luiggggione, al di fuori delle strane parole sei sempre il mio amico del mio saracino cuore…..

    Ti dico solo che non mi sono associato a niente, la mia ricerca e le mie riscoperte sono state solitarie, e se ho detto quello che tu hai riportato è stato per una visione cosciente che ho avuto in un volo astrale…. (se hai dei dubbi su queste cose, basta verificarle, c’è tantissima comprovata ricerca)…

    Ti ho sempre detto che parlo del mio vissuto….. per il mio provati/sperimentati/sublimati sentieri di vita……

    In quanto all’astronave, ti dico solo che ci sono piani e mondi di coscienza superiore, superiore anche come stato vibrazionale ed è per questo che alcuni viaggiatori utilizzano questi strumenti per spostarsi nei mondi materiali di più bassa frequenza vibratoria…

    E’ anche vero che ci sono esseri che riescono a viaggiare nel cosmo e nel tempo proiettando la loro divina essenza ed anche a teletrasportare stati densi di materia….. Sono i grandiosi Mutanti, sono i Guardiani del cosmo….

    Comunque almeno si parla o si accenna a qualcosa che non è nel giusto ambito di questa preziosa radiosa casa…..

  71. sì, carissima Maap … 🙂 lo lessi, mi piacque e … nn lo ricordo più, dove lo lessi… se volessi, potrei rileggerlo se tu lo publicassi … dì di sssssi : )

  72. per maapp …. mi ricordo questa, però…..
    anche tua….

    :

    l’amore non serve che a sè stesso
    non vi è anagrafe
    ci si riconosce e basta
    da cosa non lo so
    e questo che non so
    ma và benissimo così
    se vuoi le nostre frontiere
    non avranno passaporti
    da esibire
    perchè i sentimenti
    saltano gli steccati
    e se si urta
    contro l’ufficio
    delle guardie di frontiera
    gli si farà uno sberleffo
    chi non dubita di sè stesso?
    Chi sa chi è?
    Sicuramente il demonio
    il diavolo
    che crede che noi facilmente
    proveremo a chiamarci per nome
    a mettere timbri,
    ha le chiavi di tutte le porte
    ma a noi non serve
    noi siamo senza porte.

    Map pina

  73. Sei molto gentile Tea! Mi hai commosso.Ti auguro il meglio, tutto quello che il tuo cuore desidera, come lo auguro a tutti noi.Capirsi non è facile, esprimere i sentimenti di più, alle volte vorrei che le parole fossero tridimensionali allora ti abbraccerebbero uscendo dallo schermo..ok? Non farmi sentire idiota…è bello ..amare lo è sempre, il difficile è capirlo..(?)

  74. miz… 🙂 carissima Maap ….. sei la Map..pa del tesoro, tu…. 🙂

    Grazie per l’augurio…….

    la sintonia e la sincronicità di questo blog si possa estendere per ogni dove… (Grazie Prof.. ) !!!!!
    ………..adorata ed adorabile Maap …. il difficile è capire quando, chi o perchè si ama…..? sono queste le domande che diventano pensieri e schemi…. e si impongono a schermare la timidezza del sentirsi amati…

  75. Cara map, se per pensatori intendi studiosi e accademici sono d’accordo. Baci baci

  76. caro prof. io non ho niente contro gli accademici e gli studiosi, mi sta bene che ognuno sviluppi i suoi talenti, in un ambito o in un’altro, forse lei intende “i farisei” in un certo senso, cioè quelle persone che decidono per gli altri chi è Dio, cosa pensa e cosa vuole poi putacaso le stesse cose che vogliono e pensano loro, e mi sta ancora bene, perchè è umano , ammiro in ogni caso chi ha la fede cristiana di avere fede nonostante questi e che prega con fede nelle chiese anche se il prete sta dicendo delle incredibili sciocchezze, però non mi devono imporre niente.
    Perchè queste non sono cose da imporre o sbocciano dai cuori o è meglio dedicarsi ad altro, sempre in nome del bene, del bene in sè, senza sperare di ricevere alcuna ricompensa, perchè sarebbe ancora una volta credere di sapere che pensa Dio.
    E ora devo andare a prendere un caffè perchè non me lo porta nessuno!!!Sono tutti miscredenti e non mi offrono sacrifici, non c’è neanche il fumo della caffeina che sale qui..Ci tenevo a risponderle perchè io a lei tengo tanto, ma sbaglio o è pieno di carte? Deleghi deleghi!! Baci baci baci.

  77. Cara map, seguirò il consiglio. Baci baci baci anche a te.

  78. Caro prof. ho sempre pensato di aver vissuto tempo fa quella che per me e’ la fantastica esperienza del risorgere psichico. A mio avviso cio’ non accade mai senza prima passare attraverso una fase di crisi, un po’ il viaggio negli Inferi di cui ci parla Hillman, ma il mondo che dopo si e’ aperto di fronte a me e’ solo Anima.

  79. Cara Marta, esse in Anima. Baci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...